Roma, solo mini market

41
7699

ULTIME CALCIOMERCATO ROMA NEWS – Il mercato può attendere, fanno sapere dalle sede di viale Tolstoj. Non c’è alcuna urgenza di investire anche nella sessione invernale (il via giovedì 2 gennaio). Lo ha chiarito proprio Fonseca, venerdì sera, dopo il successo al Franchi contro la Fiorentina. “È complicato intervenire a gennaio. Se noi vogliamo un giocatore per migliorare la squadra, deve essere più bravo di quelli che ci sono oggi”.

L’assist è per Petrachi che, non avendo budget a disposizione per nuovi acquisti, sa come accontentare l’allenatore. Che ha bisogno del vice Dzeko. La priorità, dunque, è il centravanti di scorta. I rinforzi poi usciranno dall’infermeria: Cristante e Kluivert.

Davanti c’è già Kalinic, preso in prestito a fine estate dall’Atletico Madrid. Ma non si vede. Nemmeno quando, il 1° dicembre a San Siro contro l’Inter, è rimasto fuori il titolare. Deludente il suo 2019: l’unica rete, più di 11 mesi fa (16 gennaio) al Wanda Metropolitano, in Copa del Rey al Girona. La Fiorentina e il Genoa si sono affacciati, ma l’ingaggio (3 milioni netti) è da club di prima fascia. Se non parte lui (che vuole restare), è improbabile che arrivi lo stesso il centravanti.

Petrachi ha già individuato il profilo ideale. Innanzitutto giovane. La rosa comprende Pinamonti, Mariano Diaz e Kean. Operazione da fare in prestito. Offerto Llorente che vuole lasciare il Napoli: il centravanti, tentato dall’Inter, piace per le caratteristiche. Non per l’età (34 anni).

La Roma, intenzionata ad abbassare il monte ingaggi, cercherà di piazzare Jesus: il Bologna è pronto, ma lo stipendio pesa nella negoziazione. Sul mercato anche Pastore e, fino a un mese fa, Perotti, riqualificato ultimamente da Fonseca e quindi meno sicuro di partire. Santon, con Zappacosta ancora convalescente, è in stand by. Florenzi, titolare nelle ultime 3 gare e ormai davanti a Spinazzola, deve decidere se restare o andar via: Fonseca non lo ha mai scaricato. (…)

(Il Messaggero, U. Trani)

Articolo precedentePastore può dire addio e la Roma ora va forte su Mariano Diaz
Articolo successivoStadio della Roma, si va verso lo slittamento dell’ok definitivo

41 Commenti

  1. Zappacosta
    Jesus
    Pastore
    Kalinic

    Sono tutti giocatori da dare subito, tanto non giocano neanche quando siamo in emergenza e hanno pure un ingaggio importante, meglio risparmiare sugli ingaggi e magari prendere qualche soldino per il cartellino.

    • non si può ragionare come se si avessero delle figurine in mano… ogni giocatore è forte del suo contratto, se non vuole partire, a meno di buonuscite, non parte

    • Strano che si parla di “mini market”.
      Quando mai la roma ha fatto un mercato da top team, comprando senza vendere? Neanche il primo anno ci sono riusciti.

      Dicono che non si possa migliorare la Roma…ah no? Allora, in porta prenderei Alisson, in difesa Van Djik, a centrocampo Modric. Come ali…Salah ed Hazard.

      Credo che a gennaio avremmo, con questi giocatori, una roma più forte nell’11 titolare.

      Ovviamente senza vendere nessuno.

      Un modo per migliorarla c’è. Cambiare proprietario. Basta con questi luoghi comuni del calcio.

      Un consiglio a Fonseca: non essere troppo aziendalista, mister, ed impara dagli errori dei suoi predecessori (EDF)

    • Attendiamo sempre dal sommo vate(r) TDSOCLL (TifosoDiSocietaOrganizzataComeLaLanzie) aka Gufo Triste, un parere illuminato su Scaroni e Commisso, i “taicun” che avrebbero ridicolizzato l’indigente attuale proprietario della Roma. Sarà una mia probabile disattenzione, ma non ho letto del suo entusiasmo per l’ingaggio di Giampaolo e la successiva sostituzione con lo “Special One” Pioli. Della faraonica campagna acquisti della Viola, che si è assicurata gli ambiti Badelj e Pulgar, con i quali sta veleggiando spedita verso la B.
      Lascia perdere i consigli al nostro mister (TDOSCLL può al massimo rivolgersi a Conte e Gasperini): sta volenterosamente e velocemente apprendendo l’italiano, quello vero. Che è materia a te oscura almeno quanto il calcio…

    • Caro Marchetti, se il tuo metro di paragone è il milan, non stai facendo un complimento al tuo amato Sparlotta.
      Ad occhio e croce, Fiorentina e Milan hanno messo più soldi di quanti ne abbia mai messi pallotta. Ricordiamo che JJP non ha cacciato un dollaro per l’acquisto della Roma (vendor loan) ed i successivi aumenti di capitale sono stati coperti non da beni personali (come faceva Sensi…), ma impegnano i futuri diritti tv della Roma, che ad oggi si ritrova con un debito di 275 mln di debito.

      A proposito…ma il tuo caro James, non aveva detto, quest’estate, attraverso una lettera, che sarebbe stato più presente a Roma? Un’altra frottola?

      Io, da tifoso della Roma, voglio vederla trionfare in Italia ed in Europa. Tu vuoi che la Roma sia più forte di Fiorentina e Milan. Ma non eri tu quello che diceva che l’inter sarebbe stata inferiore alla Roma e che doveva sparire? 😀

      Marchetti…nomen omen.

    • Due di questi sono in prestito annuale. Non ci fai nessun soldino. Ammesso che a qualcuno interessi pagare un giocatore che rientrerà in primavera se tutto va bene. Jesus e Pastore con quegli ingaggi… ci vorrebbe un benefattore!

    • Ebbene no, esimio TDSOCLL (TifosoDiSocietaOrganizzataComeLaLanzie). Non ero io. D’altronde, tu sei abituato a ripetere le stesse frottole ammantandole di rispettabilità. Ma non diventano vere per questo.
      Per ciò che riguarda la munificenza del fondo Elliott, beh, questi signori si sono pappati uno dei club più gloriosi al mondo dando in prestito 308 mln di dollari al fantomatico cinese. Lo faranno dimagrire dei debiti (non certo investendo per Mbappé e Messi) e poi lo rivenderanno facendoci sopra un lauto margine. Come vuole la logica che sta dietro ogni fondo di investimento. E’ inutile che racconti favole.
      Per quanto riguarda Commisso, ti invito ancora a farti un giro sui network dei tifosi viola: togli lui, metti Pallotta e il refrain è lo stesso: “pensa allo stadio e al centro sportivo”, “per prendere i giocatori buoni bisogna spendere”, e addirittura “noi abbiamo Badelj e Pulgar, loro Diawara e Veretout” (sì, hai capito bene).
      Il debito della Roma è, in rapporto il medesimo della Juve, arrivato a circa 600 mln e 80 l’anno di interessi passivi. L’Inter ha emesso un bond da 300 mln. Lotito ha effettivamente meno debiti…è il tuo presidente ideale!

    • Marchetti, come al solito INVENTI.
      C’è una lettera che i tifosi della fiesole hanno scritto a commisso, in cui veniva era stato definito un liberatore dalla famiglia Della Valle (tipo del 7 o dell’8 Settembre). Quindi, la tifoserie VIOLA, vede in Commisso un LIBERATORE. Perché devi inventare le cose?

      Un po’ quello che potrebbe essere Friedkin con Pallotta.

      Il problema, che anche Friedkin ha meno soldi di Commisso.

  2. Con Fonseca si è capito che non esistino gerarchie così definite in alcuni ruoli e gioca chi merita, soprattutto dove c’è scelta e dove nessuno è nettamente più forte rispetto ad altri. Quindi il posto da terzino dx se lo giocano in tre, florenzi, spina e santon, mentre a sx gioca kolarov, perchè spina non è stato in grado finora di metterne in discussione la titolarità, sia per un discorso tecnico che fisico. I centrali in difesa sono inamovibili e li la differenza tra mancini e smalling rispetto alle riserve è abissale.Anche sugli esterni alti la concorrenza è molta, poi a parità di forma a dx gioca zaniolo perchè è più forte, ha più numeri mentre sx può esserci più ballottaggio tra kluivert, perotti e anche miki non c’è un titolare definito. Così come a centrocampo quando rientrerà cristante, può essere un cambio per diawara, meno dinamo del guineano, ma comunque un sostituto. Sulla 3/4 c’è pellegrini e teoricamente ci sarebbe anche pastore che sembrava in recupero 1 mese fà, prima di uscire dai radar. In questa rosa non esiste solo il sostituto di veretout, non c’è uno che abbia caratteristiche simili o possa sostituire il francese se serve perchè è unico, un centrocampo con diawara-cristante o pellegrini riportato dietro non garantisce la dinamicità, gli strappi e i recuperi del buon jordan. Anche dzeko teoricamente avrebbe un sostiuto, anche un signor sostituto perchè kalinic guadagna 3 fischioni l’anno, poi vabbè vediamo tutti come stanno andando le cose, ma ripeto l’unico che non ha un vero sostituto è veretout, che per forza di cose nelle ultime uscite mi è sembrato leggermente meno brillante rispetto ai mese di ottobre e novembre, ma in quei mesi ha giocato a livelli fenomenali.

    • Samurai, condivido le tue lucidissime considerazioni.
      Aggiungo che il prestito di Zappacosta potrebbe anche non essere prorogato per due motivi: 1) l’infortunio 2) il ritorno di B.Peres
      All’eventuale cessione di Pastore (contratto pesantissimo, rendimento imprevedibile) si potrebbe sopperire con l’utilizzo di Miki in un ruolo, trequartista centrale, che comunque è in grado di ricoprire. Fermo restando che il titolare è Pellegrini.
      L’eventuale cessione di JJ potrebbe essere compensata da un acquisto alla Cetin, per intenderci, che sembra essere il marchio di fabbrica di Petrachi.
      Non credo che Kalinic andrà via, trattandosi di un prestito oneroso (a meno di non rimetterci qualcosa e non mi pare il caso).
      Effettivamente, a gennaio, l’investimento si potrebbe fare a centrocampo, cercando l’alternativa a Veretout, che è un tipo di giocatore assente anche nella squadra primavera.
      Non è facile, ma Petrachi potrebbe ritagliarsi qualche margine di manovra. Staremo a veder.
      Buon Natale anche a te.

    • Samurai, complimenti, hai dato l’indicazione di massima più vicina alla realtà della A.S. Roma, come è chiaro che a gennaio come ha riferito Fonseca è difficile andare a trovare gente migliore di quella che hai in rosa, tanto anche se li chiedi non te li danno.
      (questo sarà compito di Petrachi trovare le risorse per andare a prendere almeno un mediano, una prima punta ed un terzino destro per completare la stagione).

      Comunque Il destino della Roma futura ad oggi è ancora in mano a Pallotta.

      In quanto le uniche cose certe sono

      Il teser di Goldman Shacs, del quale nulla a noi e dato sapere e del quale possiamo solo augurarci che si risolva in breve e la ricapitalizzazione deliberata dal consiglio di amministrazione.

      Intanto tutte le altre squadre si stanno muovendo per tempo programmando già la sessione di mercato estiva e per il quale il nostro D.S. purtroppo non può impengarsi oltremodo in quanto l’A.S. Roma, appunto, deve ricapitalizzare con le proprie forze 150 milioni di €uri
      “per i quali i soci di Pallotta non hanno intenzio e di tirare fuori 1 cent”.

      Inutile oramai a questo punto il destino della Roma è segnato, auguriamoci solo che non sia un’altra agonia, se è vero che Pallotta ama la Roma, faccia in fretta a cedere il pacchetto di maggioranza, altrimenti sarà l’ultima menzogna della sua presidenza e come già accaduto sarà la conferma della sua pessima comunicazione.

      Samurai ti auguro buone feste.

      SEMPRE FORZA ROMA

    • @kawa si miki teoricamente esplose nello shaktar di lucescu da 3/4sta, giocava dietro luiz adriano, con douglas costa e alex texeira esterni e con ilsinho e timoshyuck mediani nel 4231 di lucescu. Poi al borussia tuchel lo mette esterno alto, ma giocava sia a sinistra che a destra e si scambiava con reus, con aubameyang a 9. A volte giocavano 433 e altre volte tuchel giocava 4231 mettendo kagawa 3/4sta e weigl e gundogan mediani. Poi andò allo utd con mourinho, ma ha avuto problemi con ibra che voleva fà tutto lui, anche l’arsenal non si è ripetuto, probabilmente difficoltà con la mentalità inglese, vero pure che ha trovato wenger agli sgoccioli e emery che ha toppato. L’ho messo esterno perchè fonseca, eccetto la partita col wolfsberg lo ha messo sempre li, ma il 3/4 con altre caratteristiche rispetto a pellegrini credo possa tornare a farlo. Miki può aggredire lo spazio senza palla, prendere alle spalle la difesa, ha un gran dribbling e vede molto di più la porta, pellegrini ha il piede più educato e trova grandi linee di passaggio è piu regista, pellegrini qualcosa in copertura te la dà, l’armeno poca roba.
      Pastore caro kawa, non penso che a gennaio lo riescano a piazzare, rischia di diventare il nuovo borriello con quell’ingaggio che ha e il rischio di una minsvalenza è veramente un’impresa piazzarlo, anche per il bravissimo petrachi.
      Zappa dubito che il chelsea lo riprenda e il diritto lo hanno loro e brunello ceres è un’altro problema, speriamo che fonseca miracoli anche lui.
      @spaccia scusa però la vedi un pò troppo catastrofistica dai. Se petrachi sta lavorando, lo fà sottotraccia, con le risorse che ci sono e anche lui starà aspettando lumi in merito alla situazione societaria che ad oggi è ancora nebulosa. Aspettiamo e cerchiamo di essere anche un pò più positivi, già riuscirsi a liberare di alcuni a giugno per sgravarsi di alcuni ingaggi pesanti sarebbe un passo in avanti. Come dicevo con kawa, pastore a gennaio è difficile, però a giugn forse è fattibile, così jj, fazio, nzonzi e altri. Poi da under, schick e karsdorp magari si tira sù qualcosina per evitare cessioni dolorose. Anche con un’altro al posto di pallotta, qualcosa deve uscire, da li purtroppo non se ne esce. Qui è stato sbagliato lo step induttivo che innesca tutto il meccanismo. Pallotta o non pallotta se chi arriva non porta sponsor e non resetta il modo di gestire la società, staremo sempre a dover fare 50/60/70 quanti sò de plusvalenze.
      Vabbe dai, mo pensiamo alle feste. Buon natale a tutti 🎄aò nun ve sfondate sti giorni nun fate come me, che già da 1 settimana mangio pepitas e zanzibar come se non ce fosse un domani 😂😂

    • @Samurai

      Realismo non vedo in modo catastrofico sono realista e purtroppo ho alcune info che lo confermano, nonostante il buon lavoro che stanno facendo, Fienga, Petrachi e Fonseca per i loro rispettivi ruoli non vedo più in là di come stanno attualmente le cose, le cose certe nella Roma sono il teser di GS e la ricapitalizzazione, almeno per il futuro. In questo periodo la parte sportiva sta andando a gonfie vele, di questo sono strafelice, però navighiamo a vista, la programmazione è un rebus.

  3. PASTORE quando poteva giocare è stato uno dei migliori. Ci penserei prima di darlo via. Poter tirar fuori dalla panchina un cambio che può accendere la luce e cambiare il corso di una partita è un bonus a cui non rinuncerei.
    KALINIC è con Ibra e pochi altri uno dei giocatori ex della serie A in attività che ha segnato di più in serie A. Per averlo abbiamo dato 3 ml all’Atletico. Direi che anche come terza punta può tornare utile. Anche perché se una delle punte è infortunata non puoi rimanere con una sola soluzione in campo e zero in panchina.
    Come uscite penserei ai soli Antonucci ed eventualmente JJesus.

    • “Quando ha potuto giocare”…esatto. Circa il 5% delle partite totali, quindi. Volesse il cielo che arrivi un estimatore arabo o cinese con una ventina di mln tra i denti. Speriamo poi che da Schick arrivino 30 mln. Con un po’ di fantasia Petrachi dovrebbe poi trovare almeno altri 30 per risparmiarci cessioni sanguinose (leggi Zaniolo, Pellegrini, Mancini).
      Tutto questo ovviamente se non vi saranno novità a livello societario.

    • Caro Veg, sono d’accordo con te: tenere o meno Pastore dipende solo dalla sua condizione fisica (che conoscono solo a Trigoria) perché il giocatore non si discute (e caro Mase: guarda che però nelle ultime 17 partite El Flaco ha giocato il 24% dei minuti totali… dato transfermarkt).

      E Kalinic potrebbe essere meglio di quanto si crede (anche se Ibra è di un altro Pianeta…).

      Quanto al budget a disposizione… credo che sia presto per fare conti con un possibile cambio di proprietà imminente.

    • enrico, prendere in considerazione solo le ultime 17 partite non mi sembra un buon punto di partenza. La classe del giocatore non la discute nessuno, tanto che mi sono sbilanciato a dire che Pellegrini ancora non lo vale. Ma parliamo di un giocatore purtroppo “virtuale”; mentre pesantemente reali sono i 4 fischioni l’anno del suo stipendio. Ma magari ci cascano…

    • Caro Masetti mi sorprende che un’osservatore attento come te non abbia colto la novità del Pastore di questa stagione in merito alle presenze (come rimarcato da enrico) ed alla qualità del gioco quando è stato arruolabile.
      Ed è stato sempre arruolabile tranne che nelle ultime 5 di campionato e le 2 di coppa.
      Sinora Pastore (4.5 ml stipendio) è stato tra i più utilizzati in Europa League ed ha raccolto più minutaggio in campionato di Under (2.5 ml), Kalinic (3 ml), Zappacosta (2.5 ml), Perotti (3 ml), Santon (1.5 ml), JJesus (2.2 ml) e Mkhitaryan (3 ml).
      Siccome pure questi qua non è che guadagnano 2 lire che facciamo cediamo pure loro?

    • Francamente non trovo nulla da obiettare a quanto scritto da entrambi voi due. La (modesta) differenza del mio punto di vista nasce solo dalla paura che l’attuale schieramento non basti per tener testa a Lazio e Atalanta (che mi hanno entrambe davvero impressionato) e alla concorrenza in Europa League.

      Per cui spero nell’arrivo di qualcuno che ci renda (molto) più forti in attacco o, in alternativa, nel recupero del Flaco che mi sembra l’unico tra gli indisponibile che potrebbe darci davvero qualcosa in più…

    • Miei cari, io ritengo che un’incognita del genere non ce la possiamo permettere. Con altro budget, ben venga pure Pastore. Continuo a ritenere che fare statistica sulle ultime 17 partite non sia corretto (e stiamo parlando del 24%, eh?). Oltretutto, se c’è un ruolo dove siamo abbondantemente coperti è proprio quello: hai il titolare Pellegrini, Miky e pure Zaniolo e Cristante quando tornerà (ovviamente gli ultimi due con altre caratteristiche).
      Io, se parte, stappo…

  4. Comunque sono d’accordo con coloro che accusano la Società di fare e disfare ogni anno.

    La continuità è fondamentale, soprattutto per la fase difensiva.
    Basta vedere il figurone che hanno fatto ieri Donnarumma, Conti, Musacchio, Romagnoli e Rodriguez in quel di Bergamo.

    Poi se ad un grande reparto aggiungi un Top come ha fatto il Napoli con Manolas, è scudetto sicuro

    • Quindi se ho ben capito, seguendo la tua tesi il milan sbagliò a suo tempo a tenere la sua difesa intatta e la continuità con baresi, costacurta e maldini e inserirci gullit, ancelotti, rijkaard e van basten, infatti aprì un ciclo. Sbagliò anche il barcellona in tempi più recenti a mantenere la sua ossatura arrivata dalla cantera con messi, puyol, busquets, xavi, piquè e iniesta e inserirci tierry henry, samuel eto’ò eppoi jordi alba. Sbagliò anche il Real a costruire una struttura e aggiungerci nel tempo gente come modric, kroos, benzema, marcelo. È sbagliato anche seguire il liverpool che progressivamente ha inserito van dijk, alisson, salah, mane, firmino. Posso parlarti del man utd di fergusson avevano giggs, beckham, scholes, i fratelli neville, mclear, irwine, mark hughes ci aggiunsero col tempo sheringham, solskjaer, schmeichel, poi presero ferdinand quando smise pallister, poi comprarono cole, york, poi dopo presero CR7 quando diedero beckham al Real e vinsero tutto quello che si poteva e garantirono la continuità senza smontare l’asse portante. Mentre non trovo esempi di squadre vincenti che hanno ristrutturato massicciamente ogni anno la loro rosa, forse solo un pò l’atletico madrid di berta come ds, ma non fà il trading che fà la Roma, va detto. Da quello che vedo le grandi squadre e i cicli si aprono solamente costruendo col tempo, mattone su mattone. La continuità è importante, come l’intelligenza nel sapere inserire le pedine giuste o individuare e sostituire quelle sbagliate. Se la Roma avrà la forza di mantenere i suoi 6/7 giocatori cardine per 2/3 anni, allora forse potrà nascere una grande squadra nel breve/medio tempo.

    • Samurai, in linea di principio stai scoprendo l’acqua calda. Dimentichi solo un piccolo, ma decisivo particolare: stai parlando di ex o attuali top club. Che non avevano o non hanno problemi particolari nell’accontentare le richieste crescenti dei loro giocatori. La Roma attuale Messi non avrebbe potuto tenerlo per tutta la carriera. Si può discutere sul tempismo di alcune cessioni: Alisson avrebbe potuto e dovuto trattenerlo almeno un altro anno. Ma poi sarebbe inevitabilmente andato.
      Il livello di competitività della Roma non è semplicemente quello dei club da te portati ad esempio. Il Man Utd può permettersi di sbagliare clamorosamente due, tre anni, come indubbiamente ha fatto. L’anno successivo gli entra in tasca comunque un mld di euro. Basta che tu sbagli un anno e stai già zampe all’aria.
      E dai sù, è facile…

    • Masetti che ti devo dire, bisogna saperla usare correttamente l’acqua calda, altrimenti la sprechi e se la sprechi generi una perdita, di soldi, tempo e denaro e le perdite vanno pareggiate. Un pò come i bilanci se spendi troppo, dopo sei costretto a vendere se non hai di che coprire. Il manchester non è arrivato a quello che è oggi in pochi mesi, ma diventando forte nel tempo e per diventare forte ha avuto bisogno di giocatori forti e quelli forti costano più di quelli medi. Tra l’altro glazer l’ha preso lo utd con una leveraged buyout, di fatto ha sparato i debiti sul club, che poi ha ripianato col tempo arrivando a quello che è oggi. Passando tramite 1 milioni di contestazioni, tra i tifosi della firm che gli sbandieravano bandiere gialloverdi(colori originali dello utd) e striscioni e cori ostili.
      Io per quello t’ho accennato all’atletico, ma lo hai brillantemente bypassato quel punto.
      Il mio era ed è un discorso struttuale, costruisci solo quando hai una base o solo se hai una chassis e se non sò costruirlo non sono un buon ingegnere.
      Così se la mia azienda è in perdita costante da 8 anni e sono costretto a vendere costantemente cespiti consolidati, per appianare, non posso dire che stò facendo un buon lavoro. Posso dire di essere bravo quando la mia azienda va a regime, quando una tantum posso cedere un bene, ma non dismettere più risorse.
      È solo un discorso di logica masetti, nulla più, ma senza polemica.
      Vabbe dai lasciamo stare dai concentrati sul taglio del bauli e del pepitas.
      Io invece mo che ho scoperto l’acqua calda me posso fa 2 spaghetti col tonno domani sera che è vigilia.
      Ciao passa un buon natale 🎄

    • Samurai, ricambio volentieri gli auguri. Da quello che ho capito siamo messi bene. Perché anche Pallotta ha comprato col leveraged buyout, esattamente come Glazer il MU. E che siamo in perdita, esattamente come la Juve. Per cui il futuro non può che essere radioso…

  5. Ivo, per favore le tue idee di calcio tienitele per te. Spinazzola recuperato è un acquisto top, di quelli in grado di fare la differenza. Se poi dovesse avere problemi fisici insormontabili mi chiederei perché è stato preso ..

    • Picasso per me Ivo non ha tutti i torti, Spinazzola è un buon giocatore ma afflitto da problemi fisici seri ormai da tempo purtroppo. Perchè è stato preso? bhe è evidente, perchè con l’inserimento di Pellegrini ha consentito la solita,ricca,immancabile,necessaria plusvalenza.
      Quello che ancora oggi non mi spiego è perchè è stato preso Pastore a quel prezzo,a quell’età,a quell’ingaggio e con quella colossale minusvalenza che andremo a realizzare ammesso che qualcuno se lo prenda. Ha giocato 3 partite e poi sparito,infortunato.

    • Diciamo che per per la stessa cifra di Spinazzola avremo potuto prendere dalla Juve un certo Kean……. proprio la stessa cosa.

  6. Da comprare : Castagne , Fofana e , come vice Dzeko , CAICEDO ! Non linciatemi ! Vendere Florenzi , Jesus e a malincuore Ünder .

    • non sei da linciare….la squadra non va toccata…solo un gran bel vice dzeko, lo devi comprare se no ragioni come ha sempre fatto pallotta vendi e compri..galleggi con un po de fortuna tra il quarto e il settimo posto!! la realtà è questa!!!

  7. Forse la situazione qualche anno fa era diversa, ma credo che sabatini, con o senza budget, sarebbe comunque intervenuto a gennaio. Lo ha sempre fatto, in certi casi cambiando la stagione (2016) in altri sbagliando, ma comunque era impossibile tenerlo fermo

    • Il fumante a gennaio spesso prendeva giocatori per anticipare la concorrenza estiva e spesso si trattava di sudamericani presi grazie a slot extra conservati all’uopo e preziosi come l’oro.
      Lo so che Sabatini non è amato da molti romanisti ma io rimpiango le sue sessioni di mercato, sempre imprevedibili, pirotecniche e con duelli all’ultimo respiro con le altre società pur di centrare gli obiettivi.
      Anche perché dava sempre l’impressione di aver preso giocatori che sarebbero diventati dei crack di lì a poco.

  8. A Pallirchio gli è preso un attacco di panico quando gli hanno detto di prendere qualcuno nuovo 😂😂 sta aspettando la fine della stagione per farsi la plusvalenza su quelli che abbiamo.
    👎❌

  9. La modalità non è proprio la stessa, ma c’è ampia documentazione sul web, ne trovi a kg, ma non devo essere io a suggerirtelo, ha ampia preparazione in merito. Io sono dell’idea, che un’imprenditore come è pallotta, gli chassis o i telai come li ho chiamati io, su cui sviluppare una società, li sappia fare e anche bene, se per la Roma non li ha costruiti in maniera completa è perchè forse ha capito che il gioco non valeva la candela e dal punto di vista imprenditoriale, può starci, ma questo lo sà solo lui e i suoi soci, quello che può essere lo sbilancio sostenibile non di certo io o te. Io credo che ad oggi, noi come società siamo in una fase di stallo da cui non se ne esce se non cercando e trovando sponsorizzazioni, più forti, che possono arrivare da investitori minori anche per carità, quindi il tiser, il problema è convincere un’imprenditore come te, fatto a tua immagine e somiglianza a metterci X soldi senza avere il potere decisionale. No sponsor, più plusvalenze non c’è scampo se vuoi continuare a fare la vita di lusso. E le plusvalenze sono sanguinose e inferociscono la tifoseria, se poi tu non hai contatti con la città e la tifoseria la cosa si acuisce sempre più. Lo stadio sappiamo tutti cosa ha comportato era comunque un perno del progetto, è giusto ed è civile averlo a prescindere da tutto per una capitale europea, ma non ti trasforma in una big d’europa, è un volano per carità ma non basta da solo. La sensazione è che Pallotta e soci credessero di poter rivendere il marchio Roma con maggiore semplicità nel resto del mondo. Mia umile osservazione, nulla più. Nessuno immaginava che servissero 5 anni per trovare uno sponsor di livello come merita una città come Roma(non acqua lete per capirci), di conseguenza anche l’entrata di nuovi soci. Gli sponsor che abbiamo sono ora di primo livello, si, ma le entrate che ci forniscono non sono da top club, questo è innegabile. Qatar a noi per essere sponsor da i soldi che da al bayern per essere sponsorino sulla manica, troppa discrepanza, anche se sei il bayern. In 8 anni è qui che la società non ha lavorato a sufficenza, è cresciuto il brand si, come dite tutti, ma meno di quanto ci si auspicasse da una cordata USA. Il debito è strutturale a me non preoccupa, se piazzi un bond da 275 su una borsa dei paesi bundesbank(vienna è bundes) e hai gia tutti i tagli piazzati ai clienti istituzionali prima della collocazione vuol dire che il mercato ti apprezza. La juve lo fà, ma è diverso, ha la exor come controllante ed è nel futsimib(le ex blue chips) e non è una small cap come noi, noi siamo un titolo ad alta volatilità, loro poco.
    A pallotta rimprovero, di non averla vissuta da tifoso, ma troppo da imprenditore senza neanche sforzarci troppo a valorizzarlo questo brand, non ce nulla di male, giustamente nessuno fa l’arte del rimettere, anche se le ricapitalizzazioni le ha fatte e i soldi ce li ha messi, però ripeto è un investimento puntando molto sullo stadio, poco sulle partnership. In questo quadro per far fronte a degli sbilanci ne è andata meno il consolidamento della rosa perchè una parte di liquidità l’ha presa dal mercato.
    Molto spesso gli sbilanci sono arrivati da una cattiva gestione del mercato e spese non ottimizzate e un capo deve sempre sapere quello che fanno i suoi preposti. Io la vedo così masè, che te devo dì.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome