Salvate il soldato Schick: ci servirà

2
692

NOTIZIE AS ROMA – Il Vangelo secondo Michael Jordan ad un certo punto recita: «Nella mia carriera ho fallito più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Nella mia vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto». Fossimo in Eusebio Di Francesco, consiglieremmo a Patrik Schick di ripetere queste frasi, perché se il più forte giocatore della storia del basket ha avuto bisogno di tempo per capire che saper convivere con l’errore è il primo passo verso la grandezza, figuriamoci di cosa necessiti un ragazzo di 21 anni alla sua prima stagione in un top club di Serie A. Certo, la palla gol sciupata contro la Juve è stata clamorosa e tra l’altro, se Schick avesse segnato, avremmo celebrato non solo il pari della Roma, ma raccontato una favola: l’anatroccolo preso e ripudiato dalla Juve per problemi cardiaci, le infligge un gol «pesante» nella corsa scudetto. La vita, però, non sempre ama il lieto fine e così il giovante – a seconda delle fede professata – si è ritrovato irriso o insultato sui social, mentre lo spogliatoio lo raccontava nel dopo gara psicologicamente devastato.

A questo punto l’avviso ai naviganti ci sembra doveroso. I protagonisti del calcio del Terzo Millennio devono saper convivere con la potenza devastante dei social che nessuno sportivo del passato ha mai conosciuto. D’altronde, se migliaia di persone che si dicono cattoliche «insegnano» a Papa Francesco come debba fare il Pontefice (vedi le polemiche sullo «ius soli»), figuriamoci cosa possono scrivere i tifosi contro un calciatore, per giunta col peccato originale di essere il più costoso della storia giallorossa (42 milioni circa). La vera grandezza (così come il vero tifo) sta però nel sapere archiviare il passato e ripartire. Le qualità indiscutibili di Schick non sono solo un patrimonio della Roma, ma anche di una Serie A sempre più povera di stelle.

Forse può essere piaciuta poco la sincerità di un ragazzo che solo un mese fa confessava di considerare quella attuale come una tappa di passaggio verso club di levatura mondiale (Real Madrid, Barcellona, i Manchester). Il fatto è che potrebbe avere ragione, ed è per questo giovani così vanno accompagnati nella crescita e non bruciati alle prime incertezze. Vedere solo in tv le evoluzioni straordinarie di Aubameyang o Coutinho dovrebbe averci insegnato che la fretta ha rubato al nostro campionato dosi di talento di cui avremmo disperatamente bisogno. Per questo «S.S.S. – Salvate il Soldato Schick» potrebbe essere l’acronimo non solo dei romanisti, ma anche di coloro che valutano il calcio come atto di fede nel bello che verrà. Sarà questo, in fondo, a farci tutti davvero più ricchi.

(Gazzetta dello Sport, M. Cecchini)

Articolo precedenteGANDINI: “Stadio? Speriamo di cominciare i lavori nel 2018”
Articolo successivoSchick, Pellegrini e Defrel per ripartire

2 Commenti

  1. Secondo me, il vero problema del goal fallito da Schick, che brucia ancora contro gli infami bianco-lerci, non è tanto l’errore in sé quanto le dichiarazioni supponenti e irrispettose rilasciate fin dal suo arrivo alla Roma quest’estate. Insomma, uscirsene con certi discorsi del tipo “un giorno mi piacerebbe vestire la maglia del Real Madrid” o “Di Francesco non può pretendere neanche un po’ che mi sacrifichi indietro perché io sono qui per fare goal”, sono parole che non fanno piacere all’ambiente, soprattutto se nel frattempo, dopo i 42 milioni spesi e l’ingaggio importante non si è ancora scesi in campo per dimostrare con i fatti certe pretese avanzate…
    Forse, sarà stata colpa anche della piazza nell’aver definito un giovanissimo esordiente come lui (appena mezza stagione…

  2. (segue)
    …eccezionale con la Samp…) un “predestinato”, un “campione”… non so.
    Il fatto è che, ad esempio, l’occasione da goal mancata da El Sha nel primo tempo è “passata in sordina” alla velocità della luce e nessuno mi toglie dalla testa che se quest’ultimo si fosse divorato il goal fallito da Schick, saremmo stati altrettanto arrabbiati per l’occasione mancata… ma molto più comprensivi nei confronti di un giocatore decisamente più umile, serio e simpatico agli occhi dei tifosi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome