Stadio As Roma, Pancalli: «Il progetto mi ha stupito, è davvero bello»

0
423

progetto-nuovo-stadio2

NOTIZIE AS ROMA (TELE RADIO STEREO) – L’assessore capitolino allo Sport Luca Pancalli è stato intervistato dall’emittente radiofonica Tele Radio Stereo, dove si è affrontata l’eliminazione dalla Champions League della Juventus e del nuovo stadio della Roma, del quale ha avuto la possibilità di vedere il progetto. Ecco le sue parole:

Infrastrutture: c’è bisogno di stadi..
C’è bisogno di un’impiantistica sportiva, non solo stadi. Però gli stadi devono essere più moderni. Già anni fa seguì i lavori di un comitato per immaginare un processo riformatore dei nostri impianti soprattutto dopo aver fallito gli europei del 2012, visto che si era aperto il dibattito di stadi vetusti. L’esempio estremamente virtuoso della Juventus ha dimostrato che ci si vuole mettere in gioco, poi si può riuscire ad ottenerlo. Oggi c’è l’esigenza di rimettere mano all’impiantistica, non solo per gli stadi come ripeto, ma di un piano regolatore dell’impiantistica. L’esigenza che nasca in maniera dimensionata alla necessità. Sono tanti anni che sto nello sport e ho visto tante cattedrali nel deserto.

Viste le premesse, quali sbocchi vede per lo stadio della Roma?
Lo stadio della Roma, lo dico da appassionato, mi ha stupito. Il sindaco ha fatto bene a definirlo a uno stadio avveneristico, Deve ancora essere costruito però il progetto è molto bello. Un soggetto importante per la città e la società ma adesso ovviamente tocca far calare quel progetto in un’area urbanistica che lo ospiterà con tutti i suoi attori sociali. Bisogna partire, l’assessore Caudo, all’urbanistica si è reso disponibile. E’ un bel progetto. noi abbiamo visto solo quello che si direbbe volgarmente ‘il catino’, quindi non la parte funzionale.

La Juventus eliminata dalla Champions è lo specchio del nostro calcio?
La Juventus sta facendo campionati straordinari e sta dimostrando di essere una grande squadra. E’ successo che molte squadre non riuscissero a dimostrare il loro valore, come l’Inter. Per il Napoli c’è l’amaro in bocca, soprattutto per quanto è cresciuto negli ultimi anni. Avrebbe meritato il passaggio del turno.

Magari sfuggendo dalla speculazione…
Assolutamente. Lo dico da cittadino: basta sentire una chiacchiera da bar o su un tram, dove si sentono subito dire le persone “ecco che ricomincerà la speculazione”. Bisogna dare un segnale forte.

Articolo precedenteLamela torna in Italia? La Fiorentina sulle sue tracce
Articolo successivoRitiro As Roma 2014: addio Riscone, si pensa all’Austria

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome