Stadio della Roma, Frongia: “Novità importanti in arrivo, si va avanti”

17
1096

STADIO ROMA ULTIME NOTIZIE – In arrivo novità importanti sullo stadio della Roma a Tor di Valle, attese per le prossime settimane. Ad annunciarle è Daniele Frongia, assessore allo Sport di Roma Capitale, tornato a parlare del progetto a Radio Radio.

“Direi che non ci siamo mai fermati, siamo sempre andati avanti – ha dichiarato Frongia nel corso della trasmissione ‘Un giorno speciale’ – Ci sono stati eventi importanti che hanno rallentato l’iter. Ci sono delle verifiche in corso però da parte nostra è rimasta sempre la stessa intenzione. Da questo punto di vista andiamo avanti e credo che già dalle prossime settimane ci saranno novità rilevanti“.

Fonte: Radio Radio

Articolo precedente“ON AIR” – AUSTINI: “Su Barella dubbi su prezzo e fisico”, GALOPEIRA: “Sono i giocatori a trovarsi le squadre in cui andare”, CORSI: “Certi giornali sembrano godere per le cessioni”, CATALANI: “Under prossima plusvalenza? Che tristezza…”
Articolo successivoCalciomercato Roma: Monchi torna su Rodrigo Caio, è derby col Milan

17 Commenti

  1. 5 dicembre 2017 la Conferenza dei servizi ha approvato il progetto Stadio a Tor di Valle, ripassando la palla al Comune. Da allora abbiamo sentito solo affermazioni e vanterie a cui non hanno corrisposto fatti. Dichiarazioni che sono state solo apparenza. Continuate imperterriti a fare promesse che sapete che non volete mantenere.
    Siete spacciatori di frottole.

  2. La verità è che lo stadio si farà e sarà solo il punto di inizio della rinascita della città ci sono dietro fondi troppo importanti che nn si fanno ostacolare da piccoli burocrati in cerca di tangentine x loro e i loro padroni si svilupperà un nuovo modo di fare affari più internazionale dove il business è l’unica cosa che conta alla faccia dei giornalai e dei pseudo tifosi contestatori che raccontano un Pallotta sensa soldi e sensa cervello la verità è che Pallotta oltre a quote nei fondi internazionali ha anche un patrimonio personale di circa 7 mld fatti con i titoli tossici statunitensi uno descritto come un vecchio cog…ne seduto vicino al camino che invece è un imprenditore capace di fare soldi seduto ai tavoli del affaristi mondiali

  3. Driin driin.
    “Pronto, chi me rompe, all’ora d’a porchetta? ”
    “Marioneee, na tragedia, na tragediaaaa! ”
    “mh… Che bona sta robba, er porchettaro s’è superato stavolta… AHO, ma chissei, l’avvocato de Carminati?”
    “sì, so io… Ma. Hai saputo?”
    “dove compra’ la mejo porchetta della Capitale? Eh certo, che mica so’ scemo”
    “ma no, che hai capito:questi fanno DAVERO sto stadio! E ora come faccio a recupera’ i buffi dell’amico tuo? Anche se sta al fresco, m’aveva promesso una piotta at mese tramite te e sta cosa che lo stadio nun se faceva… Aho, ma sei ancora lì? Mica te sarà andata de traverso a porchetta? Pronto? Pronto? Mannaggia alla robba che proviene dai porci, mannaggia! “

  4. Come riuscire a dire niente in 5 righe, esattamente come ai tempi della tanto vituperata prima repubblica e dei discorsi sulle “convergenze parallele”. Pregasi parlare la prossima volta solo quando ci sarà una notizia da dare…

  5. oh Jesus fino a che non vedo gli operai costruire lo stadio non ci credo. E se lo fanno li vedrò, che sarà videoservizionotiziona da TG1. Ultimo commento sull’argomento.

  6. Lo stadio di proprietà è indispensabile per potersi insediare con costanza tra i top club europei.
    Inoltre l’indotto che riuscirebbe a generare porterebbe enormi benefici alla nostra città.
    FORZA ROMA (dolce sarà la primavera giallorossa – cit. Bernardini)

  7. ci sono tre punti importanti: 1 hi politici di oggi non hanno nessun codice di onore he rispetto tra chi sta hal governo, he l’opposizione, ( non sono uomini che sanno mantenere un patto) 2-pallotta di che si dica, se non avesse hi soldi non deghelerebbe ha cosi tante persone di gestire la roma, non credete? 3- tra inter he milan anno circa 10 giocatori importanti che per rischattarli ci vogliono piu’di 200 milioni, he ancora stanno sotto il ferplei finanziario, la roma ha dato piu’ di 50 milioni di giocatori in prestito, ci vediamo il prossimo anno.

  8. ale74 ,si è il rinascimento della città nonostante gli ostacoli spuntati da ogni parte lo stadio si farà , ma il segnale viene anche diai vertici dello sport che già da tempo chiedono stadi nazionali a livello europeo o mondiale , con ROMa si apre un nuovo capitolo anche per le altre città” famo stadio” , -facciamo gli stadi- , i ponti , le autostrade,ecc.. torniamo a essere costruttori

  9. Si, ma dobbiamo costruire anche robe di un determinato livello, qui siamo fermi agli anni 80, io resto dell’idea che il primo progetto avesse molto più senso, si sarebbe creato un polo di attrazione a tor di valle però da come si sono lamentati sembrava che i grattacieli li volessero costruire a piazza del popolo e adesso abbiamo un progetto sicuramente importante per noi ma per certi aspetti monco.

    • Non solo. Poniamo che, come quasi tutti auspichiamo, l’iter vada avanti regolarmente; esiste comunque un bel danno, in termini di ritardo, che ormai s’è verificato.
      Qualcuno obietterà: peggio per Jimmy, s’è fidato di Parnasi, ora si attacchi al tram.
      In realtà, mi pare, le responsabilità sono ripartite tra Parnasi e un manipolo di politici e amministratori. Indipendentemente dalla condotta del primo, i secondi avrebbero dovuto operare correttamente, e sembra non l’abbiano fatto; sicché tutta questa ‘due diligence’ – in sostanza una verifica sulle verifiche, che per giunta ha i suoi costi – è colpa loro, e indirettamente di Roma Capitale.
      Ma naturalmente dalla Sindaca in giù, tutti allineati e coperti a scansare ogni addebito.

  10. Ho sempre sostenuto e a piu’ riprese come l’Impianto di Tor di Valle sarebbe stato edificato al 100% e questo nonostante un ceto politico cittadino incompetente se non addirittura incapace e i mille ostacoli disseminati lungo l’iter. Non posso quindi che essere soddisfatto . Se non ci fossero stati gravi ritardi imputabili a situazioni estranee ad as roma e alla sua proprieta’ esso sarebbe gia’ diventato realta’ da un bel pezzo. Dall’impianto privato se ancora qualcuno non l’avesse capito passera’ il futuro a grandi livelli del ns. Club…

  11. Non solo…ma gli stessi inquirenti, fin dal primo momento, hanno categoricamente escluso ogni coinvolgimento dell’iter legislativo in giunta e in conferenza dei servizi. E se lo dicono loro, che bisogno c’era di essere più realisti del re? E se vogliamo essere maligni fino in fondo, chi ci assicura l’incorruttibilita’ dei soggetti chiamati in causa al Politecnico di Torino? In fondo qualche mazzetta può arrivare anche lì, o no?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome