Tifosi laziali arrestati, il minstro polacco: «Sono banditi»

0
433

tifosi-lazio

ALTRE NOTIZIE (TGCOM) – Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, e il pari ruolo Donald Tusk nelle scorse ore hanno tenuto una conferenza congiunta, nel corso della quale era stata ovviamente toccata anche la questione dei 22 tifosi della Lazio ancora incarcerati a Varsavia. Dopo l’incontro con la stampa si era iniziato a respirare un certo ottimismo, dal momento che il premier polacco aveva rassicurato che avrebbe fatto appello al Procuratore Generale e al Ministro della Giustizia per evitare ulteriori lungaggini e addivenire ad una rapida conclusione della vicenda. Il nostro Primo Ministro si è poi recato all’ambasciata italiana a Varsavia, dove ha incontrato i familiari dei supporters biancocelesti tuttora detenuti.

Poco fa, però, è arrivata un’ulteriore doccia gelata: il ministro degli Interni della Polonia, Barlomiej Sinkiewicz, ha rilasciato delle inquietanti dichiarazioni: “Comprendo il dolore dei familiari dei tifosi laziali arrestati, ma la verità è che una parte di loro si trova a Varsavia per assistere i propri figli banditi. La legge è uguale per tutti, sia per i polacchi sia per gli stranieri”. A darne notizia è il Tgcom.

Articolo precedenteStadio Roma, Pancalli: «Lunedì Pallotta ci presenterà il progetto»
Articolo successivoCalciomercato Roma, Di Marzio: «D’Ambrosio vicinissimo ai giallorossi»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome