Totti e Tare: un “derby” in Nazionale

11
880

NOTIZIE ROMA CALCIO – Certo, fa uno strano effetto vedere Igli Tare insieme con Francesco Totti in tribuna allo stadio Olimpico.

Sono gomito a gomito, parlottano, sorridono, ammirano la cornice di pubblico che, nella partite dei giallorossi e dei biancocelesti, solitamente non si vede. Scrutano i loro giocatori, da Zaniolo a Immobile.

Totti c’è ma non rappresenta più la Roma – almeno ufficialmente – ma lui il giallorosso ce l’ha dentro al di là del ruolo. Di sicuro Francesco resta parte integrante della storia dell’Italia, perché con quella maglia ha vinto un mondiale 13 anni fa e in un futuro potrebbe tornare in Figc, perora è solo testimonial- ambasciatore di Euro 2020 del Mondiale in Qatar.

Totti all’Olimpico, non succedeva dalla partita di addio di De Rossi, 5 mesi fa. Poco sopra Tare e Totti, due giallorossi doc, Bruno Conti e Picchio De Sisti. Un passato glorioso in azzurro per entrambi.

(Il Messaggero, A. Angeloni)

Articolo precedenteSerie A Femminile, Roma-Empoli 4-0: poker delle giallorosse, seconda vittoria di fila
Articolo successivoMissione compiuta. Grecia battuta con il minimo sforzo, l’Italia di Mancini all’Europeo

11 Commenti

  1. Buongiorno a tutti i romanisti.
    Stamani ho voglia di cazzaggiare…
    Guardando la foto, qualcuno potrebbe dire “Totti laziale” oppure “Tare romanista”
    ahahahahah… vabbè, sempre Forza Roma!

    • Tare sarà tuo visto che ti fa piace vederlo seduto amichevolmente con il mio ex Capitano…
      Posso dire che vedere Totti vicino a Tare mi mette tristezza????

    • Hai ragione, è di una tristezza infinita. E se vogliamo proprio dire la verità (e non sai quanto mi fa male) le sta sbagliando tutte.
      E’ per esempio passato inosservato che prima del derby abbia dichiarato “Vinca il migliore”: che detto dal Capitano più forte di tutti i tempi non è proprio il massimo e comunque non è mai quello che vogliono i tifosi. Così come rientrare nel suo stadio per vedere la Nazionale e non la SUA ROMA. E tengo volutamente fuori la conferenza stampa di addio al CONI, una cosa penosa.
      Purtroppo l’illusione che quello che faceva da giocatore sarebbe riuscito a farlo anche da dirigente è svanita subito.

  2. Per uno che diceva di avere mille proposte dalla nazionale al real Madrid,invece mi pare che l’unica proposta che ha ricevuto la caccia al tesoro,ha fatto un errore enorme ad andar via dalla Roma, perché dalla Roma è meglio sempre specificarlo per la propaganda mariona,non è stato cacciato è lui che se n’è andato rifiutando la carica di DT con emolumenti raddoppiati

  3. Posso dirlo o mi linciate? Ho amato sia totti che conti. Conti di più anche per la serietà, la persona e la discrezione. E ricordiamo che il mondiale 82 è di tutti ma un certo Pelé diceva conti il migliore dei mondiali

  4. Accontentateve, in s’ultimi anni avete vinto più de noi, adfdirittura 2 coppe italia, roba mai accaduta ! Manco quanno c’avevate il presidente più furbo de tutti, quello che ha fatto scola a Tanzi der Parma …il maestro del pomidoro CrakGnotti …inarivabbile !!! (O_O)

  5. Ma come si fa ad ascoltare certe idiozie. Ma veramente pensate che Totti a 42 anni dopo aver trascorso una vita a fare il calciatore possa condividerà una passione da tifoso. Ma cosa gliene frega della Roma , per lui il calcio è un mestiere e lo gestisce come tale. I tifosi rappresentano l aspetto multimediale che va usato alla bisogna, il parco buoi per capirci. Totti monitora tutti gli aspetti societari , in attesa di una buona opportunità che lo faccia rientrare con un ottimo incarico e sopratutto molti soldi. Tranquilli, per quello che so, farà il procuratore e quindi è alla ricerca di grandi calciatori da rappresentare. È finito il calcio di Viola e Sensi, gli ultimi fortunati sono, come sempre gli juventini che hanno una grande proprietà e una tradizione e poi sane realtà minori

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome