Totti riparte titolare: “Serve troppo…”

0
446

totti-garcia

AS ROMA NEWS (Gasport, A. Pugliese)«Francesco? Non è al 100%, non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Può iniziare o entrare in corsa. Ma l’importante è che sia guarito, abbiamo bisogno di lui». Lui, cioè Totti, domani col Catania partirà dall’inizio: perché con lui in campo laRoma ha una gamma più vasta di soluzioni offensive, perché a 90’ dalla partita con la Juve c’è bisogno che il capitano metta minuti nelle gambe per ritrovare il ritmopartita e perché la terza panchina consecutiva, seppur dopo un infortunio, sarebbe difficile da digerire.

Assenze e modulo «Abbiamo fatto bene ad aspettare, Francesco a Milano ha fatto 3035 minuti buoni», ha detto ancora Garcia. Domani lo rispedirà al centro dell’attacco, mettendogli a fianco i suoi arcieri migliori, Gervinho e Florenzi. Difficile, infatti, che quest’ultimo venga arretrato sulla linea dei centrocampisti, dove era abituato a giocare fino alla scorsa stagione, nonostante manchino i pesi massimi De Rossi e Strootman. «Io non penso mai alle assenze, anche se Kevin e Daniele stanno facendo una grande stagione— continua Garcia —. Non ci sono, giocheranno altri due, non cambia nulla. L’obiettivo è vincere e per farlo posso mettere dentro un terzo centrocampista o cambiare modulo». Già, perché l’altra idea a cui ha pensato in settimana è il passaggio dal 4-3-3 al 4-2-3-1, con Pjanic «abbassato» sulla linea dei mediani, con Bradley.

Diffidati a rischio Nessuna idea (ufficialmente) invece sui cartellini, considerando che Garcia ha 4 titolari pesanti (Pjanic, Florenzi, Maicon e Ljajic) diffidati e a rischio per la sfida con la Juve. «Non faccio mai questi calcoli, l’importante è che non arrivino cartellini ingiustificati». Poi Garcia scivola sui temi caldi di oggi: il razzismo («Bisogna punire le persone individualmente ») e il calcioscommesse («Bisogna lottare in ogni modo, ma aspettando le prove»), lui che ha cambiato la Roma. «Ha capito cosa era successo a questa squadra — dice De Sanctis a Sky —, il merito più grande dei risultati della Roma è suo». Per restare agganciata alla Juve, insomma, la Roma deve vincere a tutti i costi. «Nessuno si sarebbe immaginato una Roma con 38 punti alla vigilia di Natale, abbiamo fatto una prima parte di stagione incredibile. Ma senza rubare punti: forse ne manca qualcuno». E allora perché non credere allo scudetto? «Perché è sempre meglio una meravigliosa sorpresa che una delusione». A patto di battere il Catania, l’unica squadra negli ultimi 10 anni ad aver battuto la Roma prima di Natale.

 

Articolo precedenteCari romanisti, non vi lamentate…
Articolo successivoBurdisso, ipotesi Fiorentina. Heitinga in arrivo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome