Tra Lotito e Pallotta c’è anche il derby delle scaramanzie

23
677

ULTIME NEWS AS ROMA – È vero, Claudio Lotito e James Pallotta sono differenti, ma non solo perché l’uno è il «tuttologo» della Lazio ovviamente sempre presente – e l’altro – per via dell’Oceano Atlantico che lo separa da Roma – è costretto all’arte di scegliere l’uomo giusto per delegare,tant’è che non viene nella Capitale da quasi un anno e mezzo (…).

La passione, in fondo, non ha metri di misura oggettivi e così si scopre che il presidente giallorosso, causa partita, diventa un camminatore (…). Le sue grandi magioni, infatti, hanno una serie infinita di stanze, tutte dotate di televisore, e quindi il presidente vede le partite senza mai fermarsi a sedere, bensì camminando da un salone all’altro, spesso pregando, come d’altronde – assai laicamente – fanno i tifosi di tutte le latitudini (…).

Stessa cosa, peraltro, che ha fatto nelle poche volte che è venuto a vedere la squadra dal vivo all’Olimpico. A sedere mai (…). Durante la gara, poi, i messaggi ai dirigenti sono una costante. Commenti a volte duri, richieste di spiegazione, semplice euforia. A fine partita, poi, le telefonate ai dirigenti, nella quale si approfondiscono temi e spiegazioni. Sempre salvaguardata, invece, la sfera dell’allenatore, che non viene mai contattato direttamente (…).

Per Lotito, invece, il derby (ma non solo il derby, qualsiasi partita della Lazio) è una sorta di funzione religiosa: esserci è osservare un precetto. Nei primi anni della sua gestione il presidente non mancava neppure un match della sua squadra, sia in casa sia fuori, in Italia come all’estero. Poi, ha deciso di disertare le trasferte. Ma all’Olimpico non manca mai. Sempre solito posto, con il d.s. Tare al suo fianco. E senza i telefonini. Sì, perché ci sono solo due situazioni in cui si stacca dai suoi inseparabili smartphone: quando gioca la Lazio e quando va in Chiesa per la messa domenicale (…).

(Gazzetta dello Sport)

Articolo precedenteL’esordio di Fonseca: «Sarà speciale». E aspetta Kalinic
Articolo successivoFateci divertire. Tecnici giochisti, attaccanti stellari: proprio un derby da non perdere

23 Commenti

  1. Tra Lotito e Pallotta c’è anche il derby delle scaramanzie
    ……. Si uno quello de Esse lotirchio e l altro de Esse un perdente. Na sfida tra grandi president, lotirchio da laziese cooperativa trattoristi e l altra da as plusvalenza focenense

    • Quindi Lotito è vincente, se l’altro specifichi che è perdente.

      Ed il tutto per una portaombrelli, che per voi conta più di una semifinale CL.

      Siete proprio focenesi.

      Ovviamente per lo stesso motivo è vincente pure il Napoli, che quando arriva secondo è forte, quando arriviamo secondi noi siamo perdenti.

      Ma la più grande difesa del mondo che prende 7 goal in 2 partite, come la vedi?

      Non vi resta che gufare, in perfetto stile focenese, e se ve va male, sparite per due giorni come vostro solito, nell’attesa di qualche brutta notizia dai giornali, da cavalcare.

    • Apparte che sono i fatti a parlare perchè dal 2011 Lotirchio ha vinto 3 trofei mentre Pig Jim 0, poi te riempi la bocca con la semifinale di Champions ma a me pare che lì ci sei arrivato grazie a Manolas e Dzeko che hanno partecipato attivamente a TUTTI i gol della Roma agli ottavi e ai quarti e che se non era x le loro volontà stavano rispettivamente a Zenit e Chelsea. Io capisco che devi leccare il c**o, infatti hai usato tutto il repertorio tipico dei “tuttapposto” ma è palese che questa gestione sia fallimentare se in 9 anni non ha vinto nulla e se non era x Garcia nel 2013 chissà x quanto stavamo a combatterci il nulla con Toro e Fiorentina.
      PS. non farei tanto lo schizzinoso con la C.Italia visto che non vinciamo nulla da 11 anni e una la Lazio ce l’ha anche alzata in faccia.

    • Mark Black, ma che vai a spiegare a tifosi che una Coppa italia, il secondo titolo nazionale in ogni lega europea, la definiscono portaombrelli (ne abbiamo vinto 9, forse temevamo un diluvio) e si incantano poer una semifinale (dimenticando che abbiamo, al primo botto, fatto anche una finale). Magari costruissero lo stadio, così potranno stare davanti alla bacheca della semifinale di Champions ogni giorno ad ammirarla fino a consumarla con gli occhi.

    • È un porta ombrelli se la vincono gli altri,se la vincessimo noi diventerebbe meglio della champions.Come i giocatori forti che se ne vanno sono tutti traditori e finiti e quelli che arrivano sono tutti forti a prescindere.Che poi fanno sta cosa che noi abbiamo cominciato a fare con lotirchio da un decennio nella speranza che rimanesse per sempre alla lanzie.Loro esaltano Pallotta perché così la Roma resta ferma a zero titoli.In fine danno del laziale agli altri per non destare sospetti…è tipo il gioco delle tre carte ma ormai sono sgamati da tempo.Mentre Monchi distruggeva la Roma loro lo esaltavano parlando del Siviglia…addirittura sono arrivati a dare degli infiltrati traditori a Totti e De Rossi.Il trofeo plusvalenza e lo zero in bacheca è la loro goduria perenne.

  2. Lotirchio ha già vinto un soggiorno gratuito a Rebibbia.
    Tra poco partirà in “vacanza”.
    Lo aspettano tanti amici suoi.
    Dopo aver perso il derby, naturalmente.

  3. Non è molto pertinente ma ieri vado al Roma store a prendere la maglietta per il compleanno di mio figlio,come arrivo in vetrina molte maglie esposte…..solo una girata di spalle……..il 16 con scritto DE ROSSI. Sempre più vergognosi senza ritegno. PALLOTA VATTENE

    • Beh, pe voi formellesi non c’è problema, co tutti i sordi de Lotirchio ve potete compra pure er Colosseo …date i 4 baiocchi che vole Pallotta e quello se ne va subito. So coraggio, aprite er portafolglio (O_O)

    • Sono d’accordo. Via le maglie di Totti e DeRossi dal Roma-Store.
      Non c’entrano più nulla con la Roma

    • Sei molto gentile a preoccuparti della pertinenza dei tuoi messaggi. Molto tuoi colleghi assunti per scrivere “Pallotta vattene” non si fanno alcun problema.

      Spunta un articolo sulla crisi di governo? Pallotta vattene.

      L’uragano in Florida? Pallotta vattene.

      Sale il prezzo delle ram? Pallotta vattene.

    • Adè… te capita mai de commentà un’articolo dove non sia Pallotta l’argomento???

  4. Lotirchio deve perdere oggi, al momento il passato non conta.
    Resta il fatto che un purciaro ripudiato da tempo anche dalla sua gente ha vinto di più del presunto magnate americano che doveva portare un titolo entro 5 anni.
    Almeno il quaglione ci mette la presenza,comica,ma ce la mette… mr camicia non si vede da queste parti da un secolo.
    Vediamo se almeno oggi dopo che in pratica da quasi un anno ci hanno dato solo “dolori” riescono a farci vincere almeno il derby ormai di nuovo unico obiettivo stagionale.
    Forza Roma!

  5. Che bella parata di formellesi, tutti in fila a difendere il pigiamato focenese.

    Dai che se i favoriti di stasera la perdono e pure male non vi vediamo per qualche giorno.

    State ancora a vivere di rendita dalla goppanfaccia, trofeo più ambito della storia dell’uomo dal 2013.

    Per quelli come me che hanno visto vincere il portaombrelli per molte volte non è un punto di arrivo. Forse lo era quando si andava in coppa delle coppe, ora è talmente “importante” che se lo vinci vai in EL come la quinta e la sesta. Pensa te che ambizioni che avete.

    • potresti consigliare al tuo boss di evitare l’iscrizione alla Coppa Italia, così risparmia qualcosina

    • Sei molto confuso, quella è la foto di un personaggio di un film di Carlo verdone, che tra l’altro dichiarava di essere “comunista così” quando è arcinoto che brega fosse di destra.

      È meno arcinoto che fosse laziale, perché come fate sempre, appena muoiono so tutti daa lazie, lui non lo ha mai detto, trovami un’intervista se hai coraggio.

      Non confondere i personaggi dagli attori, qui di formellesi ce ne sono e li riconosci molto chiaramente, odiano la Roma, e l’attaccano, io la difendo al punto che dicono esser un dipendente. Magari fosse, sarebbe un onore, meno onorevole invece è essere uno scagnozzo di un pregiudicato, che a quanto pare riesce a reclutare perfino nell’area 51.

  6. Ad oggi, e ripeto ad oggi, malgrado i 3 trofei vinti da Lotirchio (che avrei vinto volentieri al posto suo) non cambio le stagioni dei formellesi con le nostre. È innegabile che l’onta più grave della gestione americana è proprio la Tim Cup dove abbiamo rimediato tre rovesci vergognosi. Proprio il trofeo che avrebbe dovuto essere più alla portata…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome