Trattativa Roma-Al Qaddumi: il punto

0
87

pallotta6

GIALLOROSSI.NET (A. Fiorini) –  Le dichiarazioni per molti versi folli di Gigi Moncalvo hanno  gettato nel panico la dirigenza della Roma e lo stesso sceicco, perchè capitate nel bel mezzo di una trattativa già abbondantemente finita sotto i riflettori di tifosi, Consob e Procura.

Ieri, dopo le parole del presunto portavoce di Al Qaddumi, si pensava a un’imminente rottura della trattativa. Stamattina invece sono arrivate le dichiarazioni dello sceicco rilasciate all’Ansa, a smentire seccamente quanto detto dodici ore prima da Gigi Moncalvo: “Smentisco qualsiasi comunicazione fatta a mio nome sul presidente Pallotta, su UniCredit, sulla società e sulla squadra. La persona che ha parlato non è il mio portavoce e non condivido nulla di quanto è stato detto”.

La trattativa va avanti, dunque. Anche se la sensazione è che i rapporti tra le parti siano sempre più tesi, ora che l’operazione è finita sotto la lente di ingrandimento di stampa, opinione pubblica, e soprattutto degli organi giudiziari.

La Roma (sponda americana) si dice ancora convinta della credibilità dello sceicco, ma per concludere la trattativa vuole vedere i soldi promessi nell’accordo preliminare. Dall’altra parte c’è lo sceicco, sicuro di poter arrivare a dama e di averne le disponibilità economica. Di mezzo c’è la banca: Unicredit resta in posizione di attesa, ma ha fatto chiaramente intendere il suo scetticismo sulle credenziali economiche di Al Qaddumi.

Impossibile, al momento, fare previsioni sull’esito della trattativa. Troppi gli elementi incerti che avvolgono la vicenda, e che giornalmente si sovrappongono in modo del tutto inaspettato. Tante le voci contraddittorie che circolano intorno all’affare, con conseguente rischio di abboccare alle classiche “polpette avvelenate”. L’impressione però è che per conoscere il finale di questa storia intricatissima non occorrerà aspettare fino alle idi di marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome