Trattativa Roma-sceicco, una brutta storia che non avrà lieto fine

0
221

ROMA-JUVENTUSGIALLOROSSI.NET  (A. Fiorini) – La vicenda del fantomatico sceicco è (probabilmente) finita nel modo peggiore. Per la Roma, e per i suoi tifosi. La parola fine alla trattativa potrebbe averla messa oggi Luigi Moncalvo, ex direttore de La Padania e portavoce (?) dello sceicco Al Qaddumi.
Quasi un’ora di delirio quella offerta dal giornalista a Radio Manà Manà Sport, dove Moncalvo ha detto tutto e il suo contrario. Lo sceicco vuole andare avanti.  Anzi no, non c’è più la volontà del venditore.  (LEGGI L’INTERVISTA)
In mezzo a troppe contraddizioni si sono inframezzate una sequela di attacchi alla società giallorossa: “Zeman non sbagliava quando diceva che non c’è una società”, e ancora, “Una squadra quotata in Borsa può avere i due principali azionisti che non si parlano?”. Bordate a destra e a manca, contro la proprietà americana ma senza risparmiare la banca: “L’intervista di Fiorentino? Dimostra che i due azionisti non si parlano”.

Parole che pesano come macigni, scagliate senza timore nel bel mezzo di una trattativa delicatissima, finita sotto i fari della Consob e della Procura. Il signor Moncalvo, incurante del fatto che la Roma sia una società quotata in borsa, non si è preoccupato di scendere nei dettagli della vicenda, usando termini poco eleganti: ” Se Qaddumi fosse una sòla (sic, ndr) e Pallotta ci si incontrasse sedendocisi al tavolo, in che mani sarebbe la Roma?”.

Interrogativo più che legittimo. Al quale dovrebbe aggiungersene un altro: in che mani è questa Roma, che si siede ad un tavolo per trattare con gente rappresentata da Michele Padovano e Luigi Moncalvo?

In attesa che questa triste vicenda venga definitivamente chiarita da chi di dovere,è lecito attendersi a breve un comunicato ufficiale del club giallorosso, resosi più che necessario dalle scioccanti dichiarazioni del portavoce (?) dello sceicco Al Quaddumi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome