Un accordo sull’e-commerce: Pallotta chiama anche Lotito

0
458

pallotta-lotito

NOTIZIE AS ROMA (REPUBBLICA.IT, M PINCI) – Una telefonata da Londra “Pronto? Società Sportiva Lazio? Quì è la Raptor…Sì, la Raptor di Pallotta”. Deve essere andata così quando l’ufficio inglese della Raptor Sport Properties, costola della più nota Raptor Group di proprietà del presidente della Roma, ha contattato la Lazio per offrire i propri servizi. Servizi gestiti per l’Europa da Ben Hatton, general manager dell’ufficio londinese della società, e che vanno dalla gestione dell’e-commerce alla ricerca di sponsorizzazioni: al portafoglio clienti che annoverà tra gli altri brand anche Manchester United, Nike,Adidas, i Boston Celtics e la Roma dunque, avrebbero voluto aggiungere il nome dell’altro club romano per “massimizzarne l’esposizione” come si legge sul sito.

Alla Lazio sono rimasti sorpresi a sentirsi contattare per fini commerciali da una società presieduta dallo stesso James Pallotta e co-fondata dai manager Sean Barror e Mark Pannes che stanno seguendo in prima persona il progetto stadio del club giallorosso (ieri riunione fiume allo studio Tonucci sul tema). Stupiti che tre manager romanisti fossero interessati a lavorare con l’altra squadra della capitale. Ciò non ha impedito un incontro tra le parti, in cui la Raptor Sports Properties ha prospettato la possibilità di business e la società biancoceleste ha ascoltato. Non se n’è fatto nulla, c’è chi dice per lo scarso interesse del club di Lotito. In ogni caso, un capitolo chiuso: ma avrebbe potuto includere la Lazio ai tanti interessi (assolutamente commerciali) del presidente della Roma.

Articolo precedenteCalciomercato Roma: Aogo l’erede di Balzaretti
Articolo successivoRoma, i record non bastano: per gli scommettitori Juve campione d’inverno

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome