Un cambio illuminato: Garcia è più forte della fede che vacilla

0
538

garcia-florenzi

NOTIZIE AS ROMA (CORSPORT, G. DOTTO) – Nemmeno esulto al gol di Borriello. Non so se ce la farò a scriverlo questo pezzo. Non credo. Sono più vuoto di un vaso vuoto. Più vuoto della sacca di Babbo Natale il 26 dicembre. Più vuoto della tasca di uno appena derubato di tutto. Si fa sempre più dura. Un esercito di gufi, a cominciare da Lotito. La sorte mi porta a vedere la partita in un covo di juventini. Avrebbero mille cose da fare, c’è X Factor su Sky, le smorfie di Morgan, quella caciarona della Ventura. Niente, stanno lì, li scorgo nella penombra, muti ma concentrati, a fissare il video. E poi i record che diventano zavorra. Dieci vittorie su dieci non si riesce nemmeno a dirlo, figuriamoci a pensarlo. Totti non c’è, Gervinho nemmeno, lo stress avanza. Rudi Garcia è sempre più una torcia elettrica dentro la camicia bianca. (…)

Il primo tempo è il solito enigma. Una flemma che hai imparato a interpretare, ma che lascia sempre un minimo d’inquietudine. Borriello è un corpaccio generoso ma estraneo. Sembra. La squadra non ha l’istinto e nemmeno la lezione delle palle alte. Marquinho non sa che farci di se stesso quando parte alto. Pianjc dispensa delizie, Liajic fa buone cose, ma entrambi troppo lontani dalla porta. Il rischio strisciante è che sia cresciuta nella squadra una fiducia eccessiva nel destino, alias secondo tempo, nelle scelte di Garcia, nel cannocchiale di Bompard, nel gol che comunque verrà. Confesso, la fede stavolta vacilla. (…)

E il gol arriva. Quando già mi si sono moltiplicate nella testa le fantasie omicide sui tre juventini schierati al mio fianco, Florenzi inventa quel taglio, lo scarto e la palla per Borriello. Ancora una volta il cambio illuminato di Garcia, ancora una volta lo spartito perfetto. Mancava solo il ragazzone di Napoli e questa era la sua partita. Era scritto. Senza Totti diventa tutto più faticoso ma, dentro questa fatica, la squadra sembra aver trovato risorse che forse nemmeno immaginava di avere. Dalle vittorie di Udine e da questa di ieri sera con il Chievo esce forse esausta ma con una certezza in più sulla forza del gruppo. L’unico gol subito in novecento minuti la dice tutta e lunga su questa forza. Domenica sera a Torino la striscia s’interromperà. Meglio così. Sarà bello ripartire.

Articolo precedenteTutti a cena insieme. Garcia: «Ho 27 maghi»
Articolo successivoI dirigenti romanisti invitano i “5 maghi” all’Olimpico (FOTO)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome