Ancelotti: “Se mi piacerebbe allenare la Roma? Non lo dico, Fonseca potrebbe risentirsi”

28
4765

AS ROMA NEWS – Carlo Ancelotti, attuale tecnico dell’Everton, è tornato a parlare della possibilità di allenare un giorno la Roma e di quanto sarebbe felice di guidare la squadra per cui ha giocato tanti anni.

“Se dicessi che mi piacerebbe allenare la Roma forse il mio amico Fonseca potrebbe risentirsi, anche se so che è molto intelligente e non si risentirebbe. Lasciamolo lavorare che è molto bravo”.

Sulla ripresa del campionato: “Speriamo di poter tornare nella maniera più sana e sicura per tutti. Giocare senza tifosi non è il massimo della vita, ma è il passo necessario da fare prima di riaprire gli stadi alla gente”.

Fonte: Radio Radio

28 Commenti

  1. È da minimo 20 anni che gli sento dire questa frase, eppure non ci ha mai minimamente pensato a venire a Roma. Poco male, da allenatore è un grande gestore di campioni, ma è l’anticalcio e tatticamente è inferiore a Spalletti e Fonseca. Questo, senza nulla togliere alla persona e al giocatore, che ai tempi apprezzavo tantissimo.

    • E’ andato al Napoli. Per me sta bene li.

      E aggiungo…Prima Juve, poi Milan, poi Napoli (parlo di italiane grandi)…se voleva venire alla Roma, già con i Sensi si poteva fare…sei della Roma? Rinunci a qualcosa, come ha fatto Totti.

      Basta con questi personaggi che si fanno grandi con il nome di Roma.

      EDF è stato molto più romanista di lui.

    • Tifoso Giallorosso , su questo hai ragione da vendere.

      La risposta giusta è “Vorrei allenare la Roma, se mi pagassero più degli altri”.
      Che vale per qualsiasi allenatore.

  2. Carle,
    oltre a Fonseca forse pure agli Inglesi che ti impaccano di soldi ogni mese non farebbe piacere da morire sai 😀

  3. Carle
    Il giorno che tu te metterai seduto sulla panchina della Roma, sarà co lo stadio nuovo un presidente serio e una dirigenza affidabile…. Ma da come stanno le cose la vedo dura🤦‍♂️

  4. Ormai Ancelotti da tempo ha dimostrato che i suoi ricordi della Roma non vanno al di la delle solite parole di circostanza.In realta si e’ sempre tirato indietro quando c’ era la effettiva possibilita di venire a allenare i giallorossi.Quindi la domanda e’ un’ altra,quanto l’ ambiente romanista vorrenbe che lui allenasse la Roma! Ormai credo che lo vorrebbero in pochi,come in pochi credono ancora sia rimasto qualcosa di romanista dentro di lui.

  5. Ecco, statte zitto che è meglio.
    Hai già fatto finti proclami d’amore fin troppe volte, lo sappiamo che il tuo affetto ha un prezzo e costa 12 milioni l’anno.

  6. Carlo ci hai rotto le palle con queste tue frasi ad effetto… sempre destabilizzanti e poi… rimani dove sei !!! noi gli scarti del Napoli non li vogliamo!!!

  7. Carlo carlo che delusione..gia’ straricco per qualche soldo in più hai sempre preferito altre destinazioni rispetto alla magica. Negli anni per dimostrare amore di occasioni ce ne sono state ma hai preferito guadagnare sempre di più..Delusione

  8. Caro Carletto, purtroppo nella vita tutto passa, anche tu fai parte di un periodo bellissimo, troppe volte ci hai deluso ora ti deludiamo noi dicendoti che non sei più il grande allenatore che sei stato e che la Roma ha bisogno d’altro. Il nostro altro si chiama Fonseca che spero rimanga a lungo sulla nostra panchina.

  9. Un allenatore che ha vinto solo coi fenomeni ed attualmente in netta parabola discendente. Del Romanista o meno me ne frega il giusto. No, grazie

  10. @@@ so’ vent’anni de bla bla bla quando parla
    della panchina della Roma.

    @@ se c’è da soffrire, da allestire dal nulla, preferisce altri lidi e $

    @ è uno di quelli che non vorrei che non parlasse più di Roma.

    FORZAROMA SEMPRE!

  11. Per quanto dato in campo con la maglia giallorossa, fra le più nobili fasce da Capitano, Carlo Ancelotti può dire ciò che vuole, al contrario di certa gente che scrive quotidianamente qui, per cui la Roma è un bruscolino nell’occhio.

  12. Carlè te vojo bene, ma hai sempre voluto allenare dove stavano soldi e campioni troppo facile, guarda che fine hai fatto a Napoli…
    Al prossimo giro ok??? Forse…

  13. 15 anni che parli di Roma, Carlè lascia sta che l’idea di allenarla realmente non l’hai mai avuta.
    Probabilmente Conte è stato stuzzicato dall’idea di venire nella Capitale, molto più di quello che professi tu da decenni.
    Auguri con l’Everton.

  14. Carletto è stato un pezzo di Roma, e per questo va rispettato. Non possiamo contestare tutti gli ex romanisti.
    Per il resto mi tengo Fonseca.

  15. Anche no!! Ti dirò di più, secondo me sei pure un sopravvalutato, è facile vincere i campionati allenando Real, Bayern, Psg, poi quando devi dimostrare qualcosa con una squadra NORMALE tipo Napoli arriva l’esonero!! Ciaone Carle’

  16. Markus, come al solito bisogna fare distinzioni tra il passato da giocatore e il dopo.Qui si sta discutendo su Ancelotti Allenatore e probabilmente non si puo’ negare che con dichiarazioni puo’ o meno velate,abbia illuso varie volte la piazza romanista.Sull’ Ancelotti giocatore,e’ un’ altra storia e bisogna inchinarsi per quello che ha saputo dare in campo,tutti ricordiamo il suo tremendo infortunio con tanto di urla in campo.Fino a qualche anno fa il tifoso ha sperato di vederlo sulla panchina giallorossa, se ne era parlato anche prima che venisse Fonseca,ma poi lui ha preferito il Napoli,con un’ altro voltaspalle verso i giallorossi,e si e’ visto poi come e’ finita.Che dire,ognuno sceglie la sua strada, anche il tifoso pero’!
    Poi bisogna fare comunque una precisazione,si pensa che Ancelotti in virtu dei suoi anni trascorsi alla Roma da giocatore, sia diventato tifoso Romanista,in realta’ lui ha sempre tifato inter da ragazzo.Poi il passato da giocatore e da Allenatore al milan possono aver influito sulle sue preferenze riguardo il tifo,ma si puo’ tranquillamente affermare che non e’ sicuramente tifoso giallorosso come potrebbe essere un Ranieri o un Mazzone ad esempio.

    • Stefano devo smentirti. Ancelotti dopo aver giocato alla Roma andò via portandosi al collo la catenina con un UR sul collo che indossò quando vinse la prima Coppa Campioni nel 1989 ad Atene. Scese dall’aereo a Roma per andare a festeggiare coi ragazzi del CUCS quella sua vittoria. Così si raccontava. Forse è stato romanista nel passato, ma, come visto dal tenore dei commenti, in troppi si sono disillusi sulla sua voglia effettiva di aiutarci. Giova ricordare ai più però che il suo palmares è semplicemente mostruoso. “Facile vincere con…” non è per niente facile! A titolo personale anche io oramai non avrei più voglia di vederlo in tuta a Trigoria. Resti a Liverpool, che guadagna abbastanza (oltre che l’Everton mi sta pure simpatico).

  17. Ancelotti nella fase pre-Roma era sicuramente tifoso dell’ inter.Dopo giocando con la maglia giallorossa penso che abbia imparato a amare questa bandiera e si sia fatto coinvolgere dal tifo giallorosso.Tuttavia io credo che lui a livello di societa sia molto piu coinvolto con il milan,con cui praticamente ha vinto tutto.Della Roma penso siano rimasti dei ricordi affettivi, ma non so fino a che punto!

  18. Tanto di cappello al giocatore Ancelotti ma l’allenatore Ancelotti mi sembra abbondantemente bollito, capace di vincere (in passato) solo quando ha trovato l’emiro di turno che gli comprava tutto quello che chiedeva mentre con De Laurentis è finito esonerato. Stai bene dove stai

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome