BOVE: “Ero bravo sia a tennis che a calcio, poi ho dovuto scegliere. Cosa provo ai gol? In quel momento è tutto confuso. Mou speciale per me”

24
1336

AS ROMA NEWS – Edoardo Bove è stato il protagonista della semifinale contro il Bayer Leverkusen col gol dell’andata che poi è stato difeso nello 0-0 del ritorno. Questo il racconto del centrocampista cresciuto nella Roma a poco più di 48 ore dalla finale di Budapest:

“Fin da quando ero molto piccolo mi piaceva tantissimo lo sport in generale, soprattutto i giochi col pallone. Da ragazzo giocavo regolarmente a tennis e per circa cinque o sei anni ho giocato sia a tennis che a calcio. A un certo punto ho dovuto fare una scelta, anche se ero abbastanza bravo in entrambi. Vedendo quanta strada ho fatto, credo di aver fatto la scelta giusta alla fine”.

Continua Bove.
“Cosa ho provato quando sono arrivato a giocare nelle giovanili della Roma? È sempre difficile spiegare queste sensazioni: è come cercare di spiegare cosa si prova a segnare un gol all’Olimpico o ricevere la prima chiamata dal club. Sono emozioni molto forti. Nel complesso, la maggior parte delle persone risponde a questa domanda dicendo che si tratta di un’emozione ‘indescrivibile’. Ma è davvero così. All’inizio, la cosa più importante per me era divertirmi. Poi, man mano che cresci, inizi a capire il significato di giocare per la Roma e inizi a sentirti davvero parte di questo club”.

Sul ruolo che è riuscito a ritagliarsi nella Roma.
“Questo è un punto di partenza. Ho appena iniziato ed è per questo che voglio continuare su questa strada e continuare a giocare bene. Devo essere grato per la fiducia che hanno in me in questo momento, e questa è la cosa più importante. Sono molto felice di questo”.

Sul rapporto con Mourinho.
“Il mister è una persona speciale per me perché è una persona vera. Ci tratta tutti alla stessa maniera e questo è molto importante. Se ha qualcosa da dirti, te lo dice in faccia, e io preferisco le persone così. Mi sono trovato bene con lui fin dall’inizio. Naturalmente mi ha anche aiutato a crescere. Tutte le sue indicazioni mi hanno aiutato molto e sono felice della fiducia che ha in me”.

Sul gol segnato contro il Bayer Leverkusen.
“Il gol contro il Leverkusen è stato il culmine di tutto il lavoro che ho fatto qui negli ultimi due anni con l’allenatore, con lo staff, con la Roma. Forse i primi gol sono stati istintivi, tipici di un giocatore giovane e inesperto. Ma bisogna lavorare duramente in allenamento per dimostrare in campo cosa sai fare veramente. E quando ci riesci in partita, è davvero fantastico. Cosa ho provato quando ho visto la palla entrare in rete? È difficile rispondere a domande come queste, perché tutto accade così rapidamente. In quel momento tutto è confuso”.

Sulla finale contro il Siviglia.
“Mi aspetto una finale all’altezza perché durante l’anno abbiamo meritato di essere lì, quindi siamo molto contenti. Anche loro lo meritano. Il Siviglia viene dalla Champions League, quindi merita ancora di più il posto in finale. Per questo siamo molto contenti e lo siamo anche per i tifosi. Come sarebbe vincere? Bellissimo, come sarebbe bellissimo vincere qualsiasi finale. Una finale è una partita diversa da tutte le altre”.

Fonte: Uefa.com

Articolo precedenteSerie A, Roma-Spezia si giocherà domenica 4 giugno alle 21
Articolo successivoL’Olanda convoca Wijnaldum per la Nations League. Il Portogallo chiama Rui Patricio. Spinazzola, Cristante e Pellegrini con l’Italia

24 Commenti

  1. Non ne sono sicuro affatto ,ma chiedo: e se Mourinho trovasse posto a ‘sto giovanotto tra gli 11 che scendranno in campo mercoledì sera perchè sta in forma?

    • Lo merita, in fondo siamo in finale anche grazie a lui e in più lo vedo meglio di Gini in questo momento. Magari con l’olandese a subentrare a partita in corso. Forza Roma

  2. Cosa serve per diventare un VERO , bravo calciatore?
    Il TALENTO , ma anche , se non soprattutto LAVORO , umiltà, concentrazione , voglia di migliorare , applicamento degli insegnamenti ricevuti , altruismo.
    Il talento può abbagliare , trarre in inganno , ma far rimanere incompiuti e FINI A SE STESSI ,la professionalità fa diventare CALCIATORE VERO.
    Con BOVE non ci si può sbagliare , calciatore dal futuro certo.
    Nb
    KAREM Akturkoglu da prendere , zaniolo gli fa da RISERVA . se per molti
    zaniolo =campione figuriamoci Karem.

    • E falla finita con Zaniolo, oppure vai a Istanbul e dichiarati, ovvero sparagli, oppure ancora fatti un viaggetto in Groenlandia o scrivi poesie in sanscrito, basta che la pianti di scassare i cosidetti con la tua ossessione.

  3. Giocatore che ha una testa diversa, differente dal 90% degli altri.

    20 anni, si sbatte, corre, ha una buona tecnica, resistenza impressionante e grande agonismo.

    Magari non diventerà radja per caratteristiche, ma potrebbe essere un leader per personalità e carisma.

  4. Caro Edoardo, proprio su questo sito e prima ancora ad alcuni amici ho confidato che per me potevi essere il nuovo Marchisio. Dopo questa stagione ne sono sempre più convinto. Dajeeeeeeee

    • Vero, ha grande intuito, tempi di inserimento, anticipo, disciplina tattica e tanta sostanza, poi quando segna esplodo di gioia, più di ogni altro, i suoi gol sono pesanti e mai banali…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  5. e hai scelto bene, bello de zio. Spero che il mister trovi un po’ di spazio anche per te mercoledì, perché te lo meriteresti tutto. Se siamo in trepidante attesa oggi, è soprattutto merito tuo

  6. Bove e Zalewski mercoledì devono giocare al posto di Cini e Spina.
    Voglio una Roma piena di Romani e Romanisti.
    Fuori i marpioni.
    ❤️💛💝💥(metto anch’io i cuoricini come fa Rudi )

  7. Che cu*o Edo…pensa che io ero una pippa terrificante in qualsiasi sport, me la cavavo solo un po’ a bigliardino…vabbè, dacci tante soddisfazioni, a partire da mercoledì!

  8. in molti, su questo forum, abbiamo evidentemente creduto nella bonta’, tecnica ed agonistica, di questo ragazzo .. abbiamo acoperto che ha anche qualita’, indispensabili anch’esse, per voglia, carattere e quella umilta’ che e’ davvero preziosa per gli aspiranti campioni o campioncini .. e proprio noi, tifosi senza voce, abbiamo fortemente rifiutato il cambio di Bove Volpato per Frattesi, pur bravissimo anche lui ..
    daje Roma, daje Mourinho, daje Bove e a tutti i giovani che, in umilta’ , cercano di apportare classe, corsa , tecnica e forza alla Roma ..

  9. Io stravedo per questo ragazzo.
    “Questo è un punto di partenza. Ho appena iniziato ed è per questo che voglio continuare su questa strada e continuare a giocare bene. Devo essere grato per la fiducia che hanno in me in questo momento, e questa è la cosa più importante. Sono molto felice di questo”.
    Che parole piene di saggezza, mi confermano che questo ragazzo farà strada, e insieme a noi! E anche il fatto che dica “da quando era piccolo”, a differenza dei suoi coetanei, che in ossequio ad una stupida moda dicono “da quando sono piccolo”, tutti uguali come pecorelle, senza capire che stanno dicendo che anche oggi sono piccoli, denota la bella testa che ha, di spirito indipendente e che non si fa influenzare.

  10. La storia della Roma è fatta da uomini..

    La storia di Bove me lo conferma ancora di più..

    Non abbiamo vinto molti trofei nella nostra storia.. Ma abbiamo visto tanti campioni ma sopratutto grandi uomini.. Che rimangono..

    Bruno Conti.. Campione d’Italia.. Campione del mondo.. Che resta alla Roma anche quando il livello della Roma scende.. Che da l’addio con le nostra maglia..

    Beh Bruno Conti a modo suo era in campo anche contro il Leverkusen.. Grazie a Bove.. Scoperto proprio da lui..

    Il dire “solo la maglia”.. Non ha il minimo senso.. Perché la maglia la indossano uomini.. E come nel caso di Brunetto.. Grandi uomini..

    E sono questi che fanno la storia..

    Forza Roma

    • Approvo lo spirito del post Marco, e adoro Bruno che quando ero un pischelletto di 11 anni mi fece una graditissima sorpresa al Tre Fontane dopo un allenamento che non dimenticherò mai.
      E’ pure vero però che quando la Roma scese di livello lui già viaggiava ben oltre la trentina.
      Ma sarebbe rimasto anche con cinque anni di meno, dai…

  11. Daje Edoardo !!!
    E la scelta fatta da Bove è sicuramente quella giusta, tra calcio e tennis evidentemente è decisamente più bravo a giocare a calcio.
    Un giocatore di 21 anni così, che segna un gol decisivo ed anche migliore in campo in semifinale di EL contro il Leverkusen che era sceso dalla Champions, se fosse appartenente a certi club in Premier o in altri campionati, in “botteghe care”, avrebbe una valutazione di almeno 70 milioni ed anche più con proposte d’ingaggio da parte di acquirenti interessati di almeno 7-8 milioni a stagione.
    Bove deve essere presente e futuro per il centrocampo della Roma.

  12. ingolstadt, non sono nervoso. Semplicemente mi hai stufato. E a giudicare dai pollici in su, mi sembra una sensazione condivisa. Hai martoriato Zaniolo per anni, ma ora non c’ è più, e continuare a denigrarlo rende la misura del tuo odio viscerale, che dice pure, però, quanto tu sia attratto da questo personaggio. Riflettici.

  13. Ho sempre sostenuto i nostri giovani fatti in casa, i primavera che sono meglio degli stranieri a parametro zero oppure a fine carriera. Con la Fiorentina i giovani sono scesi in campo nel primo tempo hanno dato il massimo e si vinceva 1 a 0 come sono entrati i big non hanno più corso più lottato e abbiamo perso la partita. Dai con i ragazzi del vivaio! 💛❤️🇮🇹

  14. A me ricorda Veretout, che correva tanto ma aveva i piedi buoni. Speriamo che la testa resti sempre sulle spalle, è facilissimo perdersi quando inizierà a guadagnare più di quanto possa spendere e speriamo che il suo procuratore non lo rovini, perché il 90% dei calciatori sono rovinati dai procuratori che vedono in loro solo delle vacche da mungere che dei professionisti da aiutare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome