Buon compleanno Candela: «Grazie Roma, rimpiango di essere andato via»

0
432

candela

AS ROMA NEWS (ROMA CHANNEL) – L’ex difensore della Roma Vincent Candela, che oggi festeggia il suo quarantesimo compleanno, è intervenuto ai microfoni del canale tematico giallorosso Roma Channel. Queste le sue parole:

 Quaranta anni: sono tanti o pochi?
Una via di mezzo. Non mi piacciono le vie di mezzo ma ancora ho un po’ di tempo davanti ed è stato tanto bello dietro. Non mi piace parlare del passato, mi sono goduto tante cose, la metà a Roma perché sto qui da 17 anni. Grazie a questa città, ai tifosi, al presidente Sensi

Sono passati quasi 5 anni dalla tua partita di addio: ti manca il calcio?
Ufficialmente ho lasciato il calcio nel 2006-07, ufficiosamente nel 2003, 2004, 2005 ma già quando sono andato via da Roma avevo staccato con la testa. Come tutti i mestieri, si fa quando c’è ancora la passione e la voglia. Poi ho riprovato, e ancora oggi è la mia passione, ma avevo smesso prima con la testa.

Ti manca il calcio?
Il calcio è stata la mia vita. Non mi manca, con gli amici gioco una volta a settimana e mi diverto lo stesso, come prima. Vado allo stadio e vedo i miei colori, la mia squadra. Mi sono adattato alla mia nuova vita.

Nove anni dalla tua ultima stagione alla Roma ma i tifosi ti ricordano ancora con affetto
Ringrazio tutta la gente. E’ vero, ho avuto sempre un ottimo rapporto con la gente, con i tifosi. Nulla accade per caso, ho anche seminato bene. L’uomo va al di là del giocatore: a Trigoria era difficile che non mi fermassi sia prima che dopo l’allenamento, perché sono fatto così. I tifosi hanno capito che anche io sono legato a loro e a questa città. Sono quasi venti anni che vivo qui. I miei figli sono nati qui, mia moglie è di Roma. Nel mondo del calcio ci sono tante chiacchiere e pochi fatti.

Cosa ti ha colpito di Roma?
La conoscono tutti. La generosità di questa città è immensa, come il casino, ma questa è la bellezza di Roma e la sua gente. Quello che ho apprezzato in questa città non l’ho trovato da nessun’altra parte. Mi ha colpito molto.

C’è qualche scelta del passato che cambieresti?
Il giorno della partenza, quando sono andato via da Roma. Ho pensato che da un’altra parte mi poteva tornare la passione che avevo trovato qui. Invece ho fatto altri due anni e poi ho smesso. Ma ero giovane e più incosciente…

Com’è entrato il calcio nella tua vita?
Da bambino, da quando avevo 5 anni sono stato sempre con il pallone. Sono cresciuto così, non con l’idea di giocare con la Roma perché non pretendevo tanto. Ho vissuto giorno dopo giorno, non mi facevo troppe domande. ma dopo un po di tempo mi sono detto “Sono arrivato bene”. Ora sto bene a Roma ma non dimentico le mie radici.

Perché l’Italia e perché la Roma?
Quattro anni al Guingamp. Mi ha contattato Bianchi e Di Martino, abbiamo parlato e il campionato italiano allora era il più bello, duro, ricco e affascinante. Arrivare nel calcio italiano era il top e ho fatto di tutto per soddisfare il mio desiderio di venire a Roma.

Candela alla Roma è stata la cosa migliore che Bianchi ha fatto alla Roma..
A Roma lui non ha fatto bene, ma anche lui è nel mio cuore. Lui mi ha scelto e io ho risposto subito presente. Diciamo che anche lui non ha fatto benissimo alla Roma…

Articolo precedenteUna statua per Totti: l’iniziativa nasce in una radio romana
Articolo successivoAg. Destro: «Mattia è gasato, tra due settimane tornerà ad allenarsi col gruppo»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome