Chelsea senza più soldi: a Middlesbrough trasferta in pullman di 10 ore

53
1847

ALTRE NOTIZIE – Le restrizioni che hanno colpito il Chelsea di Roman Abramovich per via della proprietà russa cominciano a manifestare i primi effetti concreti sul club.

Se per la trasferta francese di Champions League (gara in programma mercoledì 16) non ci saranno problemi organizzativi perché fissata prima dell’entrata in vigore delle sanzioni stesse, ce ne sono di più per la gara di Fa Cup di sabato a Middlesbrough.

I Blues infatti non potranno spendere più di 20.000 euro complessivi per lo spostamento. Questo renderà impossibile affrontare la trasferta di 400 km con un aereo: i giocatori e lo staff dovranno per forza di cose viaggiare in pullman, o in treno. Un viaggio intorno alle 10 ore, tra andata e ritorno.

Amaro il commento di Tuchel: “Ci sono delle restrizioni che dobbiamo affrontare. Cerchiamo di essere il più professionali possibili nel modo in cui ci è concesso farlo. Finché abbiamo le maglie, finché siamo una squadra, saremo competitivi“.

Articolo precedenteVerso Roma-Vitesse: Mou pensa a qualche cambio. Chance per Veretout, El Shaarawy e Felix
Articolo successivoGiannini: “Derby? Non la vedo benissimo per la Roma. Non mi sembra ancora la squadra di Mou”

53 Commenti

    • Abboccone. Il Chelsea se lo stanno a contendere due Gruppi finanziari per 3,5 miliardi di sterline.Aspetta tranquillo (nel significato che sappiamo noi di Roma)
      🙀

    • Quale schifo? Che tirassero fuori i soldi i calciatori se vogliono andare in aereo! In altri casi esistono i comodi voli low cost… Come tutte le persone normali di questo mondo!

  1. …uomini ridicoli non possono impartire altro che regole ridicole e scaraventarci nell’abisso. E dal mainstream pavido, strisciante, servo neppure un lamento! Ma si sti russi cattivi mettiamoli al rogo a campo di fiori, o nel forno a cremare, bruciamogli le case, non facciamoli salire sugli autobus, nella stessa scuola dei nostri figli. La storia si ripete perchè gli uomini sopraffatti dai loro interessi la dimenticano!
    Forza Roma, sempre!

    • Veramente di Russi nel Chelsea non c’è nessuno.
      Tutta gente che volendo potrebbe noleggiare un jet a testa per un mese
      senza neanche accorgersene (e non è detto non lo facciano).

      Qui se c’è qualcuno che sta bruciando nel rogo delle proprie case sono solo
      gli Ucraini, e grazie ad alcuni Russi.

      E quanto ad Abramovich, un mezzo mafioso criminale che ha depredato il suo paese.
      E’ anche poco, e comunque troppo tardi.

  2. Follia.
    Mondo marcio.
    Si fa tanto per cercare di eradicare il razzismo, e ora si avalla un razzismo incredibile verso il popolo e i cittadini russi… Per quale motivo? Semplice, sono russi. Nient’altro.
    Atleti e squadre eliminati da tutte le competizioni…
    Sono veramente impaurito dalla gente che pensa che questo trattamento sia giusto.

    • Concordo pienamente.
      Ipocrisia allo stato puro.
      Sono sempre più convinto che chi si inalbera per sovrastare le sue idee sia dalla parte del torto.
      Generalizzare è il più grande errore che si possa fare in questo contesto.

    • Facciamo dei distinguo però: Abramovich e gli altri oligarchi non sono semplici cittadini russi, sono coloro che sono diventati straricchi grazie a Putin e che sono anche il bastone della sua tirannia. Devono essere colpiti, soprattutto per incoraggiarli ad abbandonare al suo destino il loro folle padrone.
      Per quanto riguarda il popolo russo, nessuno di buon senso li sta discriminando o mettendo alla porta. Io ho un esempio molto vicino al riguardo: l’insegnante di ginnastica di mia figlia, russa e residente in Italia da oltre 15 anni.
      Inutile dire che è rimasta molto scossa dall’evento, ci ha persino chiesto quasi in lacrime se ce la sentissimo di mandare le nostre figlie ancora da lei. Era disposta a fare un passo indietro.
      L’abbiamo rincuorata e abbracciata tutti, nessuno escluso, e detto che la cosa era assolutamente fuori discussione e che non ci pensasse nemmeno.
      La gente comune, quando le vengono forniti i mezzi minimi per pensare autonomamente è spesso molto migliore di chi la governa. Diciamo pure sempre.
      Per quanto riguarda gli atleti, penso che la cosa migliore da fare fosse quella di continuare a farli gareggiare, ma sotto la bandiera del CIO e non quella del loro paese.

    • Ingiusto è quello che sta facendo Putin. Visto che non si possono usare le armi almeno colpire i miliardari russi e vicini a Putin. E’ una guerra economica e come tutte le guerre perdono anche gli innocenti. Ma al momento non c’è scelta.

    • Detto che Putin, pur essendo stato provocato, ha torto marcio, se escludessero gli sportivi quando il proprio Paese entra in guerra, gli americani non avrebbero partecipato ad alcun torneo dal 1800 in poi.

    • quando ci furono i mondiali del 50 subito dopo la guerra la germania fu esclusa perchè considerato il paese aggressore non mi pare che oggi qualcuno gridò allo scandalo. E comunque non sai nemmeno nemmeno il significato di razzismo ad oggi in italia ed in ue ci sono tantissimi russi che lavorano tranquillamete anzi moltissimi russi stanno venedo in europa sfruttando vie secondarie come voli per serbia o armenia.

    • Partecipo volentieri alla discussione che leggo molto equilibrata e con due punti di vista ben argomentati. Se da una parte è verissimo che una guerra economica oggi è l’unica soluzione per l’occidente, posto che la guerra mondiale sarebbe atomica con le ovvie conseguenze, dall’altra si sta effettivamente creando, ad arte, un clima di repulsione verso tutto ciò che è russo o riconducibile alla russia. Mi spiego. Che cosa c’entra il tifoso del chelsea che ha la squadra campione d’europa distrutta dall’impossibilità di vendere addirittura le magliette se il proprietario è russo. In questa italietta da due soldi si è impedito ad un direttore d’orchestra russo di dirigere alla scala e ad un professore di fare un corso su Dostoevskij. Isolare le nazioni, per quanto sia una espressa richiesta dell’america è la cosa più stupida e pericolosa che si può fare. Distinguere il dittatore che avvelena il mondo ed il suo popolo dai cittadini della sua nazione. E comunque se inizio ad elencare le guerre fatte dagli stati uniti e da israele, sempre con assenso usa, altro che sanzioni….e non mettete in mezzo la religione perché non c’entra nulla in nome di quale fede ammazzi. Non cerchiamo buoni e cattivi fra i popoli composti da poveracci, né nazioni giuste e rette. Contro la guerra sempre, ma il popolo russo, come quello usa, come quello di israele, come quello cinese poco c’entra con chi è a capo della nazione e fa le guerre.

    • il problema del chelsea non è che il proprietario è russo ma che è roman Abramovich che fino a pochi anni fa pare che fosse una persona molto vicina a Putin. Cosa che già da un pò di anni gli stava dando problemi visto che non metteva piede in inghilterra.

    • Ma si, in effetti il fatto che Putin sia il presidente Russo che ha dato ordine di invadere l’Ucraina è solo una casualità, un dettaglio, una pura coincidenza, è la stessa coincidenza per cui banalmente migliaia di civili ucraini si sono visti dall’oggi al domani sconvolgere la vita e morire sotto le bombe russe. E perché punire gli oligarchi russi legati a doppio filo a Putin, che si sono arricchiti all’ombra di Putin e che lo finanziano? Vogliamo forgiare una coppa come premio per la migliore invasione di uno Stato 2022? O magari prendiamo esempio ed invadiamo San Marino e puliamo etnicamente il Trentino? Non c’è nessuna giustificazione nel 2022 che motivi ciò che sta accadendo in Ucraina a prescindere. L’alternativa alle sanzioni è la guerra globale e a quel punto il calcio e lo sport in generale ce lo scorderemmo tutti.

    • Come ha già detto UB , il proprietario del Chelsea non è un semplice cittadino. Gli oligarchi sono i luogotenenti economici di Putin, è proprio il loro ruolo. Congelando i suoi beni si congelano economie foraggiate in modo “oscuro”.
      Il ragionamento penso sia questo. Poi ragazzi, di fronte alla guerra pure se scomparisse il chelsea… sti cavoli pure insomma.

    • Sposo in pieno il commento di IO AMO ROMA.

      Tra un po’ chi si chiama Igor, Ivan, Masha, ecc dovrà fare la fila all’anagrafe…

    • Leggo commenti di chi scrive che i cittadini ucraini di punto in bianco si siano trovati sotto le bombe.
      Ma dal 2014 ad oggi nel Donbass (cosa di cui ero ignaro perché non coperto a dovere dai media) sono morti molti più civili peraltro in una guerra tra ucraini…
      Nessuno fa un fiato. Qua pare che l’invasione Russa sia veramente da un giorno a un altro perché un presidente è pazzo.
      Detto questo, chi fa la guerra ha sempre torto quindi Putin ha sbagliato e sta sbagliando. Ma la macchina del fango azionata contro tutto ciò che è russo è qualcosa di veramente deprimente. È razzismo. Chi dice il contrario non capisce bene, sicuramente sono le stesse persone che reputano il green pass giusto

    • Nastymax,
      nel Donbass c’è stata una guerra civile (largamente fomentata e supportata dalla Russia),
      tragica, drammatica, condannabile, ma oltre a 7.000 filorussi sono morti anche 4.000 ucraini unionisti, per definirli così.
      E’ sempre complicato intervenire in una guerra civile, perchè de facto significa invadere un
      paese che non ti ha chiamato.
      Detto questo, Putin è pazzo e criminale, sì.
      Lui, non tutti i Russi.

    • Bene. Avete centrato esattamente il punto che intendevo. Vuoi punire abramovich, che però ti spaventa, e punisci il chelsea come se ad abramovich, che lo venderà a circa 3 miliardi, di dritta o rovescia un paradiso fiscale dove fare la transazione lo trova, fosse punito dalle magliette non vendute. Stai punendo solo dei tifosi inglesi, perché? Mi ricorda quando la germania è stata divisa da un muro, umiliata e strizzata, mentre l’america accoglieva i gerarchi nazisti applaudendo ai loro denari. La povera gente non fa la guerra. Punto. Poi sul punire chi bombarda gli ucraini sbizzarritevi quanto volete.

  3. Questo succede quando dietro queste società si perdono i grandi finanziatori, quindi sarebbe il caso di non star tanto ad offendere i Friedkin che come il, mecenate russo anche loro sono grandi finanziatori, se si stancano loro poi ci tocca la prima cordata viperetta racimolata al volo e 10 ore di pullmino pure a noi

    • Allora comincia a parlare di:
      genocidio dei pellerossa;
      bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki;
      finanziamento di tutti i movimenti nazifascisti;
      genocidio dei Palestinesi;
      invasione dell’Iraq (X2);
      Afghanistan;
      ex Jugoslavia;
      Somalia;
      Nicaragua;
      Cuba e 1000 altre cose ancora.

  4. Il somaro non c’è l’ho , vado a piedi po po po …
    Ci sta una canzone di Tony Tammaro che fa:..
    E va facit a piedi…la la la laaaa

  5. ma veramene nessun calciatore ha pensato di mettere mano al portafogli? sono 20k quindi mille sterline a testa non mi pare un salasso

    • Stavo per scrivere la stessa cosa, avrebbero potuto benissimo pagare il volo di tasca loro, ma si vede che gli fa troppo schifo e preferiscono farsi 10 ore di pullman. Contenti loro

  6. Dispiace che una società gloriosa come il Chelsea finisca in questa maniera,ma come diceva la novantenne violentata da un battaglione di soldati,aho! La guerra e’ guerra….

  7. Nella crisi del Chelsea, se la proprietà americana avra coraggio e forza Per comprare qualche giocatori di loro tipo (rudiger,jorginho,etc…) che sono una garanzia.

  8. Su questi aspetti il mondo occidentale va completamente in corto-circuito. Metti su un baraccone miliardario con calciatori che guadagnano 10-20 milioni all’anno, baraccone che sai benissimo, TUTTI SANNO, che proviene anche e sopratutto da denaro “sospetto”, da russi, arabi, cinesi, tutti paesi che non spiccano certo per le loro qualità democratiche e di rispetto dei diritti umani, poi da un momento all’altro pretendi che quegli stessi giocatori se ne vadano in trasferta col pulmino volkswagen. Il tutto mentre a guerra in corso la EU continua a pagare ai russi milioni di euro di forniture di gas pure di non mettere in crisi il benessere e l’economia dei cittadini.

    Infine, mi sfugge anche come legalmente si possa impedire a un cittadino belga come Lukaku o agli altri giocatori in rosa di cavare due spicci (per loro) dal portafoglio e comprarsi un volo di prima classe Londra-Middlesbrough a loro spese, sono ancora cittadini europei liberi o abbiamo messo le catene pure a loro ?

    • SOP, infatti non glielo impedisce nessuno.
      Neanche di prendere un aereo di linea se vogliono risparmiare.

      Comunque sono meno di 500KM da Londra, come possano metterci 10 ore con un pullman resta un mistero.
      In treno sono 3 ore.
      Da Londra ne parte uno ogni 30 minuti.
      Oppure 1 ora di areo fio a Newcastle e poi in mezzo sono a Middlesbrough.

  9. Oddio…
    è rischioso, eh! …ma con un par de piotte in tutto (ma in nero!), ve noleggiate er Boeing post-bellico de Lotito con a bordo la scandinava assistente de volo Ehsedetevi Kaxxo!

  10. Le torri gemelle , la guerra del Golfo , la strage di Bologna , il COVID , le crisi finanziarie , 4 miliardi di persone che vivono con meno di un euro al giorno , la P2 , grubbo bildenberg ,le logge massoniche , le varie dittature , il potere delle religioni fine più a dividere che a unire , la storia poca chiara su molte cose , basi nascoste , area 51 … Etc…etc… La lista sarebbe lunga 10.000 tanti quanti la storia della razza umana … MA NON VE SIETE ROTTI IL CAZ.O ???

  11. Schiavi , numeri e in alcuni casi neanche quello … Ma continuiamo a fare finta che vada tutto bene ….

  12. Giovedì c’è Roma Vitesse , domenica alle 18 il derby , poi la sera la pizzetta , lunedì sveglia presto per andare a lavorare con lo sbatti postato su Instagram accompagnato dalla faccina triste , poi l’aperitivo fine giornata , la serie su Netflix la sera, questa estate tutti in Sardegna , e l’uomo campa … Caz.o ce ne frega a noi della guerra in ucraina …

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome