Conferenza FONSECA: “Sto pensando di fare qualche cambiamento. Pastore giocatore speciale, può esserci utile. Dobbiamo passare il girone”

15
694

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – L’allenatore giallorosso Paulo Fonseca ha parlato nella conferenza stampa alla vigilia di Roma-Istanbul Basaksehir, gara valida per il girone J dell’Europa League.

Ecco le parole del tecnico portoghese sull’impegno che attende la sua squadra, all’esordio stagionale in questa competizione europea:

Cosa rappresenta per voi questa competizione e quanto lontano credete di poter arrivare?
“Questa è una competizione importante, in questa prima fase abbiamo l’obiettivo dichiarato di qualificarci. Sappiamo che è una competizione che ha squadre forti, una competizione difficile, ma vogliamo andare il più lontano possibile. Partecipiamo con ambizione”.

In vista dell’impegno di Europa League e degli impegni ravvicinati pensa a un turnover massiccio o preferisce insistere su un gruppo titolare?
“Ovviamente immagino capirete, sappiamo che la prossima partita sarà dopo appena un paio di giorni, bisogna rispettare i tempi di recupero. Sto quindi pensando di apportare alcuni cambiamenti, con la fiducia che sono soluzioni valide, che danno garanzie di poter raggiungere l’obiettivo di vincere. Ma non posso non tenere conto dei prossimi impegni”.

Nelle prime tre partite abbiamo visto che Pastore è inserito completamente nelle rotazioni. Cosa può dare a questa squadra?
“Pastore è un giocatore di cui bisogna comprendere il passato, viene da una stagione difficile e sta tornando al meglio della condizione. Ha grande qualità, è un giocatore intelligente, è tecnicamente speciale e può essere utile. La speranza è che possa stare bene, è sotto gli occhi di tutti che sia un giocatore di grande livello. Inoltre, dal primo giorno è stato un professionista esemplare e una persona onesta, motivi per i quali conto su di lui. Bisogna capire le sue circostanze particolari, è un giocatore speciale che può risultare molto utile”.

Una costante è che la Roma ha giocato bene per un’ora, per poi calare. Si è spiegato il perché? Era previsto nella preparazione?
“Ritengo che la squadra stia bene fisicamente, è vero che avevo accennato alla questione dell’ora di gioco, ma sono state partite diverse. Contro il Genoa abbiamo finito in crescendo, nell’ultima partita la situazione è stata diversa, ma credo che fosse attribuibile al fatto che tanti giocatori venivano con gli impegni delle nazionali, giocatori si era evidenziata questa stanchezza. Nel complesso, direi che la squadra fisicamente ha risposto bene”.

Contro il Sassuolo Pellegrini ha giocato una grande partita da trequartista. Ritiene che quello sia il ruolo dove può esprimersi meglio? Zaniolo giocherebbe a destra? È questa la formula che ha in testa?
“Io sto pensando solo alla prossima partita. Pellegrini può ricoprire anche altri ruoli, così come Zaniolo. La mia attenzione è sulla prossima partita, non voglio guardare troppo in là. Avere giocatori duttili è un fattore altamente positivo”.

Domani vedremo Mirante o giocherà Pau Lopez? Kalinic è pronto per giocare titolare?
“Non vorrei rivelare molto sulla partita di domani, domani vedrete chi giocherà. Per quanto riguarda Kalinic, ancora non è al top fisicamente, non ha 90′, è difficile che possa giocare un’intera partita”.

Kluivert può essere determinante? A che punto è il ragazzo?
“In questo modo di giocare le caratteristiche di Justin possono essere importanti. Ha fatto un’ottima partita contro il Sassuolo, ma aveva già disputato due buone gare. Ne deriva una maggiore fiducia, la sua velocità può essere un’arma importante per la squadra”.

Due anni fa ha battuto il Basaksehir, allora giocava Ünder. Sono cambiate molte cose. Che idea si è fatto della squadra? Avete consultato Ünder?

“Devo confessare che non ho ricordi particolari di Ünder in occasione di quella sfida, lo Shakhtar dominò e non gli diede possibilità di brillare. Non ci sono dubbi sul fatto che il Basaksehir sia una squadra con molti giocatori esperti, con una lunga carriera. Negli ultimi 3 anni ha sempre lottato per il titolo in un campionato competitivo, lo scorso anno non ha vinto per 2 punti. Non vogliamo farci sorprendere”.

Fine

Articolo precedenteConferenza FLORENZI: “L’errore più grande che possiamo fare è sentirci appagati. Io e Pellegrini sentiamo la responsabilità addosso”
Articolo successivoPallotta: “Missing People è una delle cose migliori fatte alla Roma”

15 Commenti

  1. In merito a Pastore il caro Fonseca non ha tutti i torti.. Però, devo dire, ho un po’ perso le speranze in questo giocatore..

  2. Non c’è dubbio che siamo tutti euforici per l’inserimento positivo di alcuni dei nuovi acquisti e per la conseguente larga vittoria sul Sassuolo. Adesso dobbiamo continuare sullo slancio: questa coppa sarà importante per la stagione. Personalmente domani partirei con Diawara titolare. Forza Roma!

  3. Prima di far fare 90 minuti a pastore ci penserei bene, se si dovesse infortunare di nuovo per tot mesi sarebbe davvero finito definitivamente, sia per i tifosi che per la sua autostima. Usarlo come fa Fonseca oggi è il modo più intelligente, si fa 15-30 minuti a ritmi bassi e piano piano si spera che rientri in condizione. Magari tra uno-due mesi è in grado di fare 90 minuti senza rompersi nulla… Ma il dubbio che sia già un ex giocatore un po’ mi viene.

    • Credo che vedremo più facilmente entrare Pastore negli ultimi 20 minuti, un po’ come facevano con l’ultimo Totti, perchè è un giocatore che ha piedi e visione di gioco e magari può fare la differenza quando gli avversari sono più lunghi e stanchi. Difficilmente potrà scalzare Pellegrini o Zaniolo come trequartisti, perchè questi hanno una dinamicità che Javier non ha. Metterlo dentro a inizio partita vuol dire giocare in 10 ed è un vantaggio che non puoi dare nemmeno al Lecce in serie A. Ovviamente la speranza è che possa reggere una intera stagione e ritrovare almeno parte di quella forma fisica che gli possa permettere di farci vedere a sprazzi il Pastore dei bei tempi

  4. Se il PSG ha dato via Pastore dopo 7 anni vuol dire che aveva perso ogni speranza. È veramente un peccato. Io mi vedevo tutte le partite del Palermo solo perché giocava lui con Miccoli. Era una delizia vederlo giocare.

  5. La squadra turca è alla nostra portata e far giocare pastore e far rifiatare un titolare mi sembra intelligente. Poi ovviamente l’allenatore mica te lo viene a dire così, in questi termini schietti. Però i fatti parlano questo e pure io farei uguale

  6. Forza Javier
    Se Fonseca ha fiducia io da tifoso ho fiducia.È lui che lo vede allenarsi che lo segue anche fisicamente/mentalmente.
    Difra giocava SENZA trequartista Fonseca in pratica gioca CON 3 trequartisti.
    Forza Javier la Roma ha bisogno anche di te.
    P.s. basta fischi.Chi indossa la maglia della Roma non deve avere queste pressioni.

  7. Questa persona mi da proprio la sensazione di un grande allenatore. Sa scegliere gli uomini giusti e sa come posizionarli. Se capisce il nostro campionato siamo a cavallo. La squadra c’è anche se in difesa è stato fatto il solito scempio per via delle plusvalenze, ma se smalling è anche solo 80% di kostas siamo in pista per il quarto posto. FORZA ROMA!

    • Non potevi dire cosa più giusta! Manolas ha fatto un obbrobrio che per un pelo non ha favorito Salah solo davanti a Meret e ancora sullo 0-0.
      Questo non vuol dire che Manolas ora che è al Napoli si è tramutato in un brocco colossale, però neanche si può affermare che sia il dio dei centrali difensivi. Diciamo che è un buon giocatore il quale come caratteristica principale ha molta corsa nei recuperi, ma non certo i piedi che sono fucilati.

  8. per Pastore speriamo che il suo probabile utilizzo sia dovuto per quello che può dare alla partita, e anche a sprazzi in queste partite Pastore potrebbe esse devastante, piuttosto che per metterlo in una vetrina europea… passare il girone direi che è il minimo mentre arrivare alla finale sarebbe un ottimo risultato per rilanciare la squadra al vertice e ridare buonumore ai tifosi (da non confondere con il famoso ambiente) e tra Scudetto e CI credo sia il Trofeo più abbordabile…un torneo al quale dedicarsi al 100…
    nel frattempo passerà anche la 1° europea, dopo la 1° di campionato e Derby, della presentazione di DS, Allenatore e calciatori senza che Pallotta si sia fatto vedere… sarà pure un grande imprenditore ma si sta confermando anche un gran bugiardo…

  9. Per me Fonseca ha tutto per diventare un grande allenatore escludendo il passato.
    Vorrei proprio che si confermasse a Roma nella sua “natura” di vincente.
    Poi mi piace come schiera la squadra, mi piacciono i movimenti e come i ruoli vengono interpretati,ad es il modo di pressing gegen(?) Che al buon difra non veniva così bene.
    MA in 6/7 partite sapremo quale sarà la sua stagione, fermo restando che per quest’anno la squadra C’è,poi da dicembre vedremo.
    Daje Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome