Conferenza IACHINI: “La Roma si presenta da sola. Noi dovremo fare la partita perfetta”

11
570

L’ALLENATORE DEL SASSUOLO PARLA IN CONFERENZA STAMPA – Giuseppe Iachini interviene ai microfoni dei giornalisti per parlare del match di domani sera che metterà la sua squadra di fronte alla Roma di Eusebio Di Francesco. Ecco il pensiero del tecnico del Sassuolo sulla gara dell’Olimpico:

“Diamo continuità al percorso di lavoro che stiamo portando avanti consapevoli del fatto che ancora non abbiamo fatto niente, c’è ancora tanto da lavorare, quattro settimane non sono equiparabili ad anni di conoscenza e cura del dettaglio. Andiamo avanti per andarci a costruire dei risultati. Conosco le mie squadre, so che vanno in campo per fare quello che si è studiato in settimana con intensità e cuore, con attenzione, concentrazione. Domani affrontiamo una squadra forte, che sta facendo un gran campionato, Eusebio è molto bravo e ha già dato la sua impronta di gioco, noi dovremo fare la partita perfetta perché contro avversari così basta la giocata di un singolo per mettere la partita sul binario sbagliato. Hanno la miglior difesa del campionato, hanno segnato tanto, stanno facendo bene in campionato e Champions, la Roma si presenta da sola. Noi dobbiamo fare una partita importante individualmente e collettivamente”.

Di Francesco conosce bene il Sassuolo…
Lui conosce benissimo tanti ragazzi che sono qui, ha condiviso con loro anni importanti. Ma noi stiamo preparando la nostra partita e mi aspetto di vedere in campo i nostri principi. Con l’Inter alcune cose non mi sono piaciute, anche se va detto che in settimana c’era stata la partita di Coppa Italia, ma non bisogna mai abbassarsi troppo e bisogna essere più bravi nell’ultimo passaggio.

Sui convocati…
Credo che non recupereremo nessuno, in più Scamacca ha avuto un po’ di influenza, quindi saranno i soliti.

Dopo il ko con la Fiorentina ti saresti aspettato 9 punti contro Crotone, Sampdoria e Inter?
Un po’ d’esperienza ce l’ho, avevo detto di non avere la bacchetta magica, ma che dopo due partite avrei fatto delle valutazioni, dopo Bari e Fiorentina mi sono fatto l’idea di cosa dovevamo fare, mi sono messo sotto a lavorare, i ragazzi hanno dato disponibilità e si sono subito legati al progetto tattico, ci hanno creduto, i risultati sono una conseguenza. Ma non è che adesso siamo diventati tutti scienziati, adesso è il momento di battere il ferro e lavorare ancora di più.

Sul mercato…
Io avevo le idee chiare prima di queste vittorie e ce le ho adesso, so quello di cui ci può essere bisogno, non andrà via nessuno, a parte Paolo Cannavaro e quindi al suo posto qualcuno dovrà arrivare. Poi vedremo nel corso del mercato se ci sarà modo di inserire qualcosa. Se sbagli in agosto puoi rimediare a gennaio, se sbagli a gennaio rimani con una rosa corta, gennaio è l’ultimo salvagente per affrontare il girone di ritorno con più serenità. Ma sono convinto che con questo gruppo possiamo prenderci delle soddisfazioni.

 

Articolo precedenteLo scudetto dei capitani
Articolo successivoIntrigo Vidal-Berardi nel 2018

11 Commenti

    • Domani Jachini, uno che allena per come giocava (un fabbro prestato al calcio e mai più restituito), metterà 12 giocatori davanti la porta.
      Queste partite mi rammentano sempre il “romanista” Mazzone. Il Magara con le sue squadre veniva regolarmente a Roma, poi scavava le trincee, con tanto di reticolati e cavalli di frisia. In area di rigore non passava uno spillo e tutti giocavano alla morte. Risultato: il solito 0-0 che stroncava ogni ambizione giallorossa. La domenica successiva Mazzone andava a Torino, e: “Attenzione, intervengo dal Delle Alpi, gol di Trezeguet (o Del Piero, fate vobis) in contropiede, sfruttando la tattica del fuorigioco fatta male dai giocatori di Mazzone. Risultato al 5′ minuto: Juve 1- Squadra di Mazzone 0. “

  1. A meno di 24 ore da Roma – Sassuolo , si parla di tutto meno che della partita, come se il Campionato fosse già finito o come se la partita di domani fosse una passeggiata.
    Se si fanno 2 vittorie nelle prossime 2, ritorna tutto in ballo. Concentrazione,perciò.

  2. Chi parla di tutto tranne che della partita sono i pennivendoli, quelli con il Vismara sugli occhi,non noi. Comunque so che non c’entra niente, ma ieri ci ha lasciato un amico, un giornalista addetto Ansa, per me una persona perbene, anche se era della Lazio, ciao Francesco R.I.P.

  3. Comunque io continuo a non capire, perché Joao Pedro 4 giornate? Anche a lui doveva essere applicata la regola Lotito, le squalifiche ad minchiam..e già se IGNOBILE SI E’PRESO 2 giornate, ma una e’stata trasformata in multa di 10.000 euro, allora pure a Joao Pedro veva essere fatto così, 3 giornate più multa. Continuo a non capire perché tutti gli allenatori, giocatori e dirigenti, delle squadre avversarie, prima di affrontare la roma dicono tutti: CI SERVIRÀ LA GARA PERFETTA..segue..

  4. ..continua, come se fosse di vitale importanza, come se fosse l’ultima gara del campionato ed evitare la retrocessione, mentre ste dichiarazioni non le sento fare quando affrontano juve e napoli. L’ultimo a dirle CARNEVALI DS del Sassuolo. Mah! Ahh ho capito, sono i giocatori del napoli o di napoli a chiederlo, fateci caso IZZO, INGLESE, CANNAVARO tutti napoletani o di proprietà del napoli..

  5. Facciamo giocare Defrel che conosce bene Sassuolo e sa tutti i punti deboli.. così gli segna e glielo rispediamo a Gennaio bello che impacchettato e col timbro dietro la capoccia e se piamo un giocatore vero

  6. Iachini non dimentico un Brescia -Roma che rubasti la partita con l’aiuto di Russo e con quella faccia di cuxo dicesti di aver meritato la vittoria. Dobbiamo seppellirvi di gol. Dzeko deve diventare capocannoniere domani sera.

  7. Spero che i nostri calciatori vi umiliano….la vittoria non mi basta! A fine partita dovete chiedere pietà e dalla vergogna non vi dovete presentare nella sala interviste!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome