Conferenza stampa, GARCIA: «Domani giocherà Burdisso. Siamo pronti per il Torino, sarà uno spettacolo»

0
381

garcia-conferenza-stampa

GIALLOROSSI.NET – Queste le parole di Rudi Garcia nel corso della conferenza stampa alla vigilia di Torino-Roma: 

Come definisce Torino-Roma?

“Spero come una bella partita, perché quando gioca il Torino c’è sempre spettacolo. È una squadra che segna e prende gol, ma per il calcio e per la gente allo stadio e i telespettatori è una squadra che gioca bene”.

Ritiene ancora Juventus e Napoli favorite per il titolo?

“Gli altri festeggiano i record, va bene. Noi siamo tranquilli a Trigoria. Guardo solo i numeri: otto vittorie, un pari e una sconfitta dopo dieci partite è un ritmo da scudetto”.

Per la prima volta cambia la coppia dei centrali. La preoccupa la scelta del sostituto di Castan?

“Non c’è più attenzione in questo settore che in altri. Non è un problema che Castan sia squalificato, forse è una buona cosa per lui, per riposare. Abbiamo Burdisso che entrerà domani… (squilla un cellulare con una trombetta come suoneria) stai festeggiando l’ingresso di Burdisso (ride, ndr)? Entrerà un giocatore di esperienza, con molta professionalità. È un gran professionista, un giocatore che è sempre pronto a entrare”.

Mourinho in passato ha fatto squalificare suoi giocatori in partite che non contavano niente, mentre Cuadrado salterà ingiustamente Milan-Fiorentina. Lo trova giusto?

“È una buona domanda. Normalmente non parlo di queste cose di altre squadre, ancora di più quando un arbitro ha deciso una cosa. È il calcio. Però in Francia esiste una commissione video per queste cose. Anche quando succede un fallo importante, può essere contro il giocatore ma può essere anche per il giocatore. È vero che per me non è normale che Cuadrado non giochi la prossima. Durante la partita non cambia niente, giocatori, allenatori e arbitro possono sbagliare. Ma credo che la regola debba cambiare, se c’è la possibilità di una commissione video per far sì che la cosa sia più giusta possibile, sarà meglio”.

Teme di più la forza del Torino, le vostre assenze, o il fatto di avere avuto pochi giorni per recuperare?

Niente, tutto può succedere in questa gara. Recuperiamo meglio quando vinciamo, la testa è importante, il gruppo fa bene, oggi faremo attenzione durrante l’allenamento per non avere un infortunio. Il Torino è una buona squadra, che vale più della sua classifica. Quando giochiamo così e vinciamo, siamo contenti di giocare ogni tre giorni. Meglio che allenarsi di sicuro. Saremo pronti domani.

E’ uno svantaggio conoscere il risultato delle vostre avversarie?

No, l’importante è continuare la nostra serie. Sarà molto dura, ma siamo ambiziosi e abbiamo fiducia in  noi. Speriamo che la migliore vinca domani, e che sia la Roma.

Un giudizio sulla prestazione di Ljajic. Il ragazzo soffre un po’ il fatto di non segnare da titolare?
“È casuale. Non dimentico che ha già fatto 3 gol giocando pochi minuti. Lui ha avuto problemi fisici, adesso sta bene fisicamente, è un giocatore di talento. Può essere decisivo, può fare assist e gol, abbiamo bisogno di lui perché abbiamo due attaccanti fuori, Adem è importante come Borriello, come Florenzi e come Marquinho e come Ricci e Caprari, arriverà il loro momento, magari domani. Tutti devono essere pronti, lui è giovane ma sa prendersi responsabilità. Lo ha fatto anche a Udine, nel secondo tempo e lo stesso contro il Chievo”.

Contento che sia slittata l’amichevole in Indonesia?

Va bene, rispondo. Può essere importante per il club, anche per l’esperienza mia e dei giocatori. Però abbiamo infortunati, e il viaggio per me non è ottimo, preferisco avere tempo per organizzarlo per la prossima stagione. Sarà meglio andare lì con il Capitano, è il faro, è l’uomo che im modo conosce. Per me andare senza di lui non ha senso. Meglio l’anno prossimo.

La sua preparazione? Era programmato che partiste così forte? 

Non è il momento di parlare di questa cosa, parliamo della gara. Magari ne possiamo parlare durante la sosta, per il momento la squadra si migliora partita dopo partita. L’unico cosa che mi preoccupa è avere poche soluzioni in attacco. Borriello e Ljajic devono avere competizione, ma per loro giocare 90 minuti senza avere competizioni nelle gambe mi preoccupa. Per questo dico che Ricci e Caprari avranno la loro occasione di aiutare la squadra. Contro Udinese e Chievo non è stato possibile, ma arriverà il loro momento. Per il resto stanno tutti bene. Il frutto arriva per la squadra.

Quando è arrivata non era molto conosciuto, ora invece l’esatto contrario. Considera un trampolino per la sua carriera, e che alcuni top club stiano pensado a lei?

Questa cosa del trampolino non eisste mai dalla mia testa. Io sono uno che lavora in un club come se la mia carriera fosse sempre in questo club. Io sto qu, sto bene, vediamo come finirà la stagione, ma sarà un’esperienza molto interessante, co tanta passione. Solo questo.

Gervinho?

Sta facendo una risonanza. Devo parlare con il dottore. Se c’è un rischio, non lo prendo.

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteAS ROMA: “Esami strumentali per Gervinho, migliora la lesione muscolare”
Articolo successivoIl sogno dell’ex Cerci: tornare alla Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome