CRISTANTE: “Con Mourinho e i Friedkin qualcosa è cambiato nella Roma. Il nostro obiettivo è la Champions”

27
1049

AS ROMA NEWS – Il centrocampista giallorosso Bryan Cristante si è raccontato per Sportweek, il magazine della Gazzetta dello Sport, in occasione dell’evento Adidas Store di Via del Corso, a Roma.

Queste le parole del giocatore azzurro che avendo il doppio passaporto, era stato corteggiato anche dal Canada. “Mio padre è nato lì – racconta – e sono stato cercato più volte dall’allenatore prima della convocazione con l’Italia.

Avevo venti anni, ma non ci avevo mai pensato seriamente, anche perché i livelli erano molto diversi, soprattutto anni fa. Ma io sono italiano, non ho mai avuto dubbi. Sono stato in Canada solo una volta, mentre a Toronto sono rimasti i fratelli di mio nonno. I miei nonni invece ci hanno vissuto per lavoro, ma poi sono tornati in Italia. A quei tempi molti friulani partivano per il Canada“.

Invece Bryan è diventato azzurro, ha vinto un campionato europeo, sogna il Mondiale per suturare una ferita ancora aperta (“prima di smettere voglio giocarlo”) e adesso ha come compito quello di riportare la Roma nell’Europa che conta.

Avendo ormai già virtualmente rinnovato il contratto con la Roma, a pelle sente che in giallorosso la Conference League non sarà l’unico trofeo che inserirà nel suo palmares. “L’obiettivo è questo – spiega -. Qualcosa è cambiato con Mourinho e i Friedkin. Si percepisce una voglia diversa: più concretezza. L’allenatore ha portato la sua voglia di vincere, sa come farlo e ce lo sta trasmettendo”.

Ma se per il suo traguardo più importante dovrà attendere (sogno di vincere la Champions“), per il resto vede una Roma in cammino. Per questo il Betis non fa paura. “Il traguardo è tornare in Champions – afferma -. Siamo una squadra forte. Abbiamo un mister che sa vincere e il nostro obiettivo deve essere quello. Dobbiamo fare le cose con calma, continuando a crescere nel percorso”.

Nonostante la vittoria di San Siro contro l’Inter, per il momento sul fronte scudetto non vede i giallorossi in corsa. “Credo che la favorita sia il Milan. Ha continuità e ha già vinto. Penso che abbiano le migliori chance“.

Fonte: Sportweek / Gazzetta dello Sport

Articolo precedentePELLEGRINI: “Il doppio confronto con la Roma sarà decisivo. Mou? Ha fatto una scelta di maturità andando ai giallorossi”
Articolo successivoBelotti in rampa di lancio per la sfida al Betis

27 Commenti

  1. Si diciamo non la prima mezz’ora con l’inter ha fatto impazzire..cercate de gioca’ sempre come avete fatto dopo cortesemente..se parliamo di convinzione….forza

    • Credo che questa squadra è costruita alla perfezione, se, arriva l’ intesa perfetta il duo Matic – Cristante, sarà veramente incontenibile… 💛♥️🐺🐺🐺🏆

  2. Il nostro uomo d’ordine, l’uomo spogliatoio, un calciatore umile non un campione ma una persona che ama Roma e i romani. Cristante quando smetterà di giocare avrà anche un futuro da dirigente nella Roma. Se lo merita più di tutti

    • Ama Roma e i romani? Come lo sai? Non è che si possa escludere, e Roma in quanto a bellezza è amata in tutto il mondo.
      Non per niente, quasi tutti gli ex vi tornano appena possono, italiani o stranieri.
      In quanto ai romani, beh, per esperienza diretta ti posso garantire che sono amati…a Roma.
      Meno che mai dalle latitudini da cui proviene Cristante.
      Poi se ti capita di starci qualche anno come è successo a me, alla fine pure loro si rendono conto che gli umani non si dividono per latitudine o colore della pelle ma per altre caratteristiche.
      E a me capitò anche di vedere un Verona-Roma dell’87 tra le Brigate Gialloblu con la sciarpa della Roma. Partita vinta con gol di Boniek.
      Ma di default non ci amano, tutt’altro…e a me tanti hanno continuato a chiamarmi “romano” finché sono stato lì.

    • Ubbifò, io nun me l’inqulo nemmeno cor casso de n’antro. Nun me li so’ mai coperti in vita mia…

    • Ebbè Nico, tu probabilmente non hai mai avuto necessità o voglia di uscire dal GRA.
      Io, un po’ per entrambe le cose, ho girovagato il Belpaese e l’Europa dai 19 ai 35 anni, quindi una vita. Prima di rispondere al richiamo del “donne e buoi dei paesi tuoi” (non è così, ma mi piaceva).
      E quando giri ti rendi conto che i pregiudizi vanno da Nord a Sud e viceversa.
      Io sono sempre stato dalla parte sbagliata, prima come “romano” nel settentrione della penisola, e poi come “italiano” nel Nord Europa.
      Alla fine ho lasciato buone amicizie ovunque, e ti dirò che se è vero che da una parte c’è voglia di ghettizzare ed escludere, spesso dall’altra c’è la medesima voglia di “autoghettizzarsi” e restare nella propria comfort zone.
      Non ho cercato i “romani” quando stavo al Nord né gli “italiani” in Francia, Germania o Inghilterra. Cercavo semplicemente rapporti con chiunque avessi empatia, e li ho avuti con tutti. Così come ho avuto ragazze di ogni nazionalità, persino un’indiana di etnia mongolica.
      Alla fine, più per caso che altro, sono tornato da dove sono partito, ma sono contento di essere stato in ognuno di quei posti. Tutti mi hanno dato e insegnato qualcosa.

  3. Cristante giocatore sicuramente importante per lo spogliatoio ma in una squadra da Champions probabilmente sarebbe in panchina.
    È stato sempre presente in tutte le imbarcate che ha preso la Roma negli ultimi anni contro squadre modeste (fiorentina, bodo, udinese, ecc..).
    Molto volenteroso ed umile ma oggettivamente se vogliamo arrivare ai vertici dovremmo andare oltre.
    Non è colpa sua.. è la società che fa certe scelte a centrocampo, ma invece che spendere soldi per rinnovi di giocatori non decisivi si dovrebbe guardare a Udinese e Napoli e rischiare di piu.

    • Ciao Asterix…
      Non sono d’accordo, le grandi società sono conservative e danno continuità…
      A parte il Napoli (bello) rinviamo i giudizi a Gennaio/Febbraio.
      l’Udinese certe scelte se le può permettere, ora sono in testa alla classifica, poi a fine stagione li ritrovi a metà, tutto ok..
      l’Atalanta è fuori dall’Europa, problemi..??
      Ma, se succede a grandi società… ??
      Ci sono squadre che per storia e blasone devono (il più delle volte) vincere..
      Ed io sono orgoglioso e fiero di essere fan del club più storico al mondo..!!
      “veni, vidi, vici…”
      💪🧡❤️

    • Ora dobbiamo fare come Napoli e Udinese.
      Che hanno cambiato mezza squadra con sconosciuti o quasi.
      Quando lo facevamo noi. .il mantra era non si può cambiare ogni anno mezza squadra.
      A luglio e agosto i tifosi napulegni erano inviperiti contro la società che stava smantellando un squadra. .ora tutto rosa e fiori. Ma il lavoro si vede alla fine..
      ricordo quando sempre i napulegni venivano da 8 vittorie consecutive..poi PJANIC e faciv na faccia TANT…e finì la favola

    • Sarà n’giocarore importante ma, a me, nun me piace. Come nun me piace l’amico suo; Mancini Gialnluca da Pontedera…
      Quanno nun fanno cassate in partita che me fanno sbroccà, me suscitano na grande indifferenza. Nun me li sento giocatori della Magica.

  4. possibilmente arrivandoci tramite Europa League……. difficile ma non impossibile ricordiamo che la finale dello scorso anno è stata eintracht Rangers.

    • Vincerel’europa League non mi sembra facile visto che ad occhio probabilmente ci scenderanno Juve ed inter.mettiamoci poi Manchester united e arsenal…facile?

    • @Caronte….beh non ha detto facile, ma “difficile ma non impossibile”, che effettivamente, pensando alla finale dello scorso anno citata, mi sempre un’opinione condivisibile, piuttosto e anzichenò…..

    • Bah, se la juve e l’Inter sono quelle viste ad oggi, non mi farebbe schifo trovarmele sulla strada per il doppio confronto

  5. Cristante è uno di quei giocatori che “dividono” la tifoseria. CV’è chi lo vuole in panchina e chi lo vuole in campo. Fermo restando sulla sua grande professionalità ed il suo attaccamento alla maglia, forse,come spesso accade la soluzione starebbe in mezzo…..Lo fai partire titolare in alcune partite ed in altre lo lasci in panchina…..Ma mi rendo conto che così è troppo facile….

    • Non mi risulta Max. Per il 99% delle persone con cui parlo, Cristante è una valida alternativa di centrocampo, non un titolare. Per una Roma ambiziosa, ovvio…

    • buongiorno a tutti, a me sinceramente piacerebbe vederlo da mezz ala in un cc a 3 poiché ritengo che la sua dote migliore sia l inserimento senza palla. Nel cc a due è troppo compassato.

    • Il 99% di persone …
      99% di quante persone ?
      10?
      100 ?
      1000?
      Facciamolo sul 99% di tutta la tifoseria. ..quanti siamo 6 mln.?
      7 ?..
      Quello e’pippa..quello non e’buono…Mourinho e’bollito…Peppino e’finito.
      L’erba del vicino e’sempre più bella
      Pero’, se l’arbitro di turno , ti incarta la partita o ti ammonisce mezza squadra ,pure per i peti e le scoregge, impedendo ai giocatori di giocare sciolti o di poter spendere un fallo in determinate situazioni. O non concedendo falli a favore ( a Zaniolo per esempio) o rigori.
      Embè non si può dire.

    • Aldo, lo abbiamo già visto in quella posizione con Di Francesco e fu tutt’altro che un successo.

  6. Per una Roma TOP, da champions Cristante non e’ un titolare.
    Resta il fattoche e’ un’uomo che puo’ far parte della rosa perche’ non e’ un rompico…..

  7. Obiettivi,si,si,obiettivi,ma come pensi di arrivare davanti a Milan,Napoli,Inter,Iuve,e ci metto sicuramente l’Udinese e mi fermo qui,altrimenti becco ancora più spolliciate

    • Mo l’udinese…
      E’ finito il campionato ….buona notte .. addio sogni di gloria…
      Ops. Ma dobbiamo giocare la 9 giornata di andata… A N D A T A.
      ahhh e io che credevo che era finito il campionato…
      Intanto su tre Juve – Udinese – Inter.
      Tutte e tre fuori casa.
      Abbiamo fatto
      Un pareggio, in rimonta.
      Una sconfitta ( condizionata palesemente dal mancato rigore sul 1-0)
      E 1 vittoria , sempre in rimonta.

  8. Io mi baso su quello che leggo nei vari Forum e non mi sembra che il 99% voglia Cristante in panchina. Comunque sposo la teoria di vederlo in un c/c a 3 magari con Camara oppure con Gini quando tornerà disponibile.

    • Max, infatti ho scritto “Non mi risulta”, senza alcuna pretesa di detenere la verità assoluta.
      Poi ognuno prende a riferimento il campione che più gli aggrada; tu parli di social, quindi di virtuale, Gaetano parla di io mammeta e tu, il sottoscritto riporta l’opinione prevalentemente diffusa tra frequentatori abituali (in quanto abbonati) dello stadio Olimpico di Roma… 🤷

  9. Ma sono il 99% di quelli che conosce Kawa 62.
    Una percentuale non meglio specificata di numero di tifosi.
    Qui a Sarno, dove credimi, non sono solo io tifoso della Roma, non ho mai sentito nessuno dire che Cristante deve fare la panchina o che al massimo merita la panchina.

  10. “L’allenatore ha portato la sua voglia di vincere”….è sempre interessante scoprire come certa gente pensa di fare il proprio mestiere con una sufficienza disarmante. Tu sei un giocatore della Roma, ma non hai voglia di vincere e te la deve portare Mou…quindi, giusto per capire, che caxxo ce stavi a fa fino all’anno scorso a Roma? io davo per scontato che chiunque andasse a giocare in una delle prime 6 o 7 squadre italiane, volesse vincere qualcosa a tutti i costi, fosse anche una coppa italia, ma evidentemente non è così…

    • Tu pensa che io la voglia di vincere la d(av)o per scontata in chiunque pratichi sport agonistici a qualunque livello: anche a me certe interviste lasciano perplesso…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome