CRISTANTE: “Non c’è stato spettacolo, ma ora conta vincere e non prendere gol”

9
790

AS ROMA NEWS – Bryan Cristante parla a Sky Sport al termine del match di Europa League giocato contro il Gent. Ecco le dichiarazioni del calciatore della Roma sulla gara appena conclusa all’Olimpico:

Il tuo lavoro e quello della squadra è riuscito soprattutto nella prima mezz’ora…
Il mister ha le sue idee e noi cerchiamo di metterle in campo. Ci abbiamo provato, poi ci siamo abbassati ed è diventato più difficile. Se siamo alti e con la palla ci riusciamo meglio.

Sembra che si spenga l’interruttore ogni tanto. Sembra anche a te?
È sotto gli occhi di tutti. Era importante vincere anche senza spettacolo, senza prendere gol. È la cosa più importante da fare in questo momento.

Stai ritrovando la forma e sei un giocatore di equilibrio…
Il mister me lo chiede, costruendo a tre diventa difficile andare avanti. In periodi più sereni forse ci sarà la possibilità di alzarsi di più, ma ora dobbiamo cercare di non prendere gol.

Calo più fisico o mentale?
Non siamo né la prima né l’ultima squadra ad avere questi momenti ed è un insieme di fattori che creano questi blocchi. Ma l’importante era il risultato. Dobbiamo vincere più partite possibili per ritrovare fiducia e gioco.

9 Commenti

  1. È tutto un grande equivoco.

    Questa squadra è al livello della Casertana e voi non siete nemmeno degni della lega pro. Solo i vostri stipendi sono invece da champions league.

    Lancio qui un appello per la salvaguardia del tifoso giallorosso che è ormai in fase di estinzione grazie a voi mezze seghe.

  2. Sarebbe meglio che vi metteste tutti dietro a difendere e poi solo lanci lunghi sui veloci. Non siete capaci di costruire azioni da dietro. Almeno ci sarebbe qualche speranza in più di vincere.

  3. Scarsi senza uno stralcio di gioco….inguardabili! L’ unico felice è Pallotta……missione compiuta. Distrutta una squadra, incassato i soldi lasciando una vagonata di debiti e di calciatori mediocri e fradici!

  4. A me Cristante è parso come uno dei meno peggio in realtà. Anche se certi momenti mi ha fatto venire il coccolone perlomeno ha mostrato personalità e coraggio. Palloni sanguinosi non li ha persi e ha cercato il passaggio.
    Non è colpa sua se alza la testa e non vede nessuno che corre senza palla.

    • Johnny, a prima palla che tocca a tira addosso all’avversario e solo pe fortuna er rimpallo nun mette l’omo davanti ar portiere.

  5. Mamma mia,,tra te e Pellegrini (giocatore portato solo dai giornalai) non fate un giocatore vero…..e voi dovreste essere la base del futuro della roma?…povera roma mia che fine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome