De Rossi di corto muso, la Roma non si ferma

48
722

AS ROMA NEWS – Sorpresa: anche la Roma di Daniele De Rossi sa vincere di corto muso. L’1 a 0 di mourinhana memoria, il primo da quando c’è l’ex capitano sulla panchina giallorossa, viene rispolverato per l’ultima partita di marzo, quella che arriva prima della sosta per gli impegni delle nazionali e che conclude un ciclo di partite decisamente esaltante.

Battuto di misura un buon Sassuolo, che cerca di sfruttare al meglio le fatiche fisiche e mentali di una Roma reduce dall’impegno di coppa in Inghilterra, e di nuovo priva di Dybala, Smalling, Renato Sanches e da ieri anche di Spinazzola, fermatosi a metà primo tempo per il solito guaio muscolare.

I nodi di una rosa fisicamente imperfetta stanno venendo di nuovo al pettine, ma stavolta la pausa è benedetta perchè permetterà allo staff medico di rimettere tutti (o quasi) in piedi. La vittoria di ieri non è sfavillante, ma comunque meritata. E’ infatti la Roma a costruire le occasioni migliori, ma non riesce a capitalizzarle per colpa di un Lukaku lontano dalla forma migliore.

Il belga, frenato da un problema all’anca, decide di stringere i denti e scendere in campo, ma i risultati sono abbastanza deludenti: Spinazzola (prima di farsi male) e poi Pellegrini disegnano due cross perfetti per la sua testa, ma Big Rom conferma che il gioco aereo non è esattamente il suo pezzo forte. Nella ripresa ci prova Cristante a innescarlo con palla a terra, ma nemmeno il sinistro, solitamente al fulmicotone, è preciso.

Fortunatamente il vantaggio era arrivato poco prima, a inizio secondo tempo grazie a un gran destro dalla distanza di Lorenzo Pellegrini, che si insacca all’angolino basso alla sinistra di Consigli. Nella sera in cui mancano le prodezze di Dybala è il capitano giallorosso, tornato di colpo ai livelli del primo anno di Mourinho, a tirare il coniglio fuori dal cilindro con una giocata degna di un fuoriclasse.

Il Sassuolo cerca di scuotersi affidandosi prevalentemente agli punti in velocità di Laurienté, anche se le uniche palle gol nascono su un destro dal limite di Racic, ben respinto da un reattivo Svilar, e un cross di Bajrami che viene deviato verso la propria porta da Llorente: la palla sta per battere il portiere giallorosso, che col polpaccio sfiora mandando incredibilmente sul palo. 

Il pareggio sarebbe stata una mazzata per la squadra“, confesserà mister De Rossi a fine partita. La magia di Pellegrini permette alla Roma di mantenere più viva che mai la corsa al quarto posto occupato dal Bologna, distante sempre tre punti. E con uno scontro diretto da giocare all’Olimpico. Ora la benedetta pausa, che servirà a ritrovare energie fisiche e mentali e a recuperare giocatori fondamentali per affrontare al meglio un aprile che si preannuncia rovente.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteRoma-Sassuolo 1-0, i voti dei quotidiani
Articolo successivoRoma, l’effetto De Rossi sugli acciaccati è finito: si ferma anche Spinazzola

48 Commenti

  1. Vittoria fondamentale , è normale che la squadra dopo la trasferta di giovedì e un ciclo intenso potesse avere una flessione, metti pure l’assenza di Dybala….ora speriamo di recuperare tutti e in buona forma per lo sprint finale… l’importante è che la squadra continui a crederci

    • Amo DDR perché oltre a tifare, cosa mai persa, ha ricominciato a farmi divertire, quindi se voglio fare qualche critica so che non è preconcetta.
      La prima è che Lukako non l’ho avrei tenuto così a lungo in campo, si vede chiaramente che ha qualche problemino fisico.
      La seconda è che dopo mezza ora si vedeva che Aouar non c’è e allora perché penalizzare Baldanzi che da l’idea di essere un bel prospetto e la stessa cosa vale per Azmoun ?

    • Diciamo che nessuno si inventa niente. Se le gambe corrono poco ogni discorso sul calcio spettacolo viene meno.
      Cominciano a riaffacciarsi gli infortuni e la squadra non corre più come prima, Daniele lo sa e sa pure che se inizia a non fare risultati l’amore della piazza svanirà veloce come il freschetto mattiniero a luglio, nonostante i tributi della curva sud.
      Quindi si ritorna al pragmatismo e si cerca di vincere come si può.

  2. Sono arrivati col fiato corto, vittoria preziosissima. Mi dispiace per Spinazzola, purtroppo la sua discontinuità è un limite insuperabile a questi livelli.

  3. Devo dire che il post partita di Allegri mi ha reso allegro. Però a lui non faranno come a Mourinho, pigoleranno qualcosa chiedendogli pure scusa.
    Bisogna fare i conti con il calendario; la Roma ha faticato perché ha l’impegno di coppa, perciò è mancata un po’ di brillantezza. Ma abbiamo fatto il nostro. La parte finale del nostro calendario è durissima, al momento è impensabile fare tantissimi punti tra la 33esima e la 36esima e questo ci metterà in difficoltà con la classifica. Non è pessimismo, lo storico dei nostri scontri diretti parla in modo inequivocabile. Siamo a 3 punti dal quarto posto, però, con lo scontro diretto da giocare…

    • d accordo con te .ieri stavo vedendo il calendario della Roma ,atalanta e Bologna i peggio messi siamo noi .cmq ieri DDR è stato fortunato queste partite approcciate come ha fatto la Roma al 90%si pareggiano e al 50% si perdono.ieri doveva giocare con baldanzi e azmun e celic dall’ inizio.

  4. La Roma deve ritrovare e pure in fretta la brillantezza atletica di parecchi titolari, da Lukaku a Paredes a El Sharawi, ieri tutti e tre col fiato corto. Superfluo sottolineare che se a Lecce non rientra Dybala e senza Pellegrini squalificato, sarà un’impresa riuscire a vincere.

  5. Le partite di coppa tolgono lucidità e brillantezza, si sa; adesso ci si vede dopo Pasqua, sperando di riavere Dybala. Forza Roma!

    • Esattamente, ed è stata l’unica occasione in cui è stato innescato con palla a terra e corpo in avanti. Con le difese bloccate gioca più spalle alla porta, ma ieri ha sbagliato anche qualche sponda. Molto più vivace Azmoun.

    • Sì, è chiarissimo, e infatti il belga reclama l’angolo con decisione, non dato da rbitro e assistente.
      C’è però da aggiungere che è stato anche molto macchinoso in quell’occasione favorendo alla fine il comunque ottimo intervento del difensore.
      Lì il miglior Lukaku tira senza dargli chance di intervenire.

  6. Vittoria importantissima, prestazione orribile. Vorrei fare una sola domanda a DDR, ma se vedi che un calciatore è stanco o non è in giornata, ma perché non si può sostituire? A qualcuno ieri è piaciuto come hanno giocato Cristante o Kardroop o Aouar? Non possono giocare Celik, bove e baldanzi? Cristante le ha praticamente giocate tutte da tre anni e si vede che è stanco, direi che gli serve riposo, Kardroop non lo farei giocare neanche se non avessimo nessun terzino in rosa, inguardabile e Aouar le cui prestazioni non mi entusiasmano ed ancora meno da esterno a destra non era meglio far giocare Baldanzi che penso a 20 anni due partite di seguito le possa fare no? È la terza partita che sbaglia nelle scelte DDR e spero sia l’ultima è con la stessa forza e lungimiranza con cui ci ha liberato dalla catastrofe funesta chiamata Rui pasticcio, ci liberi do Kardroop e Aouar….grazie e sempre forza Roma

    • Vero. Tolti Kardsorp e Aouar (troppo tardi), la Roma ha ripreso a macinare palleggio e la partita è filata via abbastanza sicura (con Baldanzi che poteva segnare; e che ha bisogno di prendere confidenza…)

    • DDR sta giustamente cercando di dare una chance a tutti, di coinvolgere ogni elemento in rosa.
      Prova a tenere tutti sulla barca per quanto possibile senza scaricare nessuno.
      Non dimentichiamoci che questo è utile anche in chiave mercato, se vuoi liberarti di un Karsdorp oppure decidi che anche Aouar non è adeguato.
      Se tu li fai sparire in un buco nero come faceva Mourinho nei confronti dei reietti diventa complicato trovare un qualsiasi estimatore. E se non liberi risorse non puoi comprare.

    • Nella Roma dei re ed in quella repubblicana per i disfattisti ed traditori c’era la rupe Tarpea .
      Sei fortunato sono state abolite, queste barbarie.

    • Credo che il mister stia cercando di coinvolgere più giocatori possibili nel turn over. A priori la partita con la penultima in classifica era la partita adatta per “rischiare” qualche giocatore meno coinvolto…
      … semmai io non capisco perché bisogni sempre aspettare il 60esimo per cominciare a fare sostituzioni di carattere tecnico. Non credo sia offensivo alla fine del primo tempo togliere chi è effettivamente fuori condizione

  7. Purtroppo nemmeno questa serie di risultati positivi oltre ogni aspettativa, ha messo a tacere il manipolo di nostalgici, capaci di insultare proprietà, allenatore, capitano e giocatori, oltre i milioni di tifosi schierati con la squadra e la società. Si ergono a veri romanisti, non rendendosi conto di idolatrare, ancora, uno che con il romanismo ha poco o niente a che spartire, avendo giocato sempre dalla parte dei potenti. Ovvio che alle prime difficoltà, che ci saranno inevitabilmente, questa gente prenderà ancora più coraggio e vomiterà il proprio assurdo livore. Peccato, perché mai come ora si dovrebbe puntare tutti nella stessa direzione, ma si sa che le proprie idee valgono più della realtà

  8. Vittoria importantissima e fondamentale come quella che si dovrà per forza di cose conseguire a lecce visto che dal 7 aprile in poi, ci saranno gare una più complicata dell altra… calendario alla mano, rispetto ad atalanta e bulegna, siamo indiscutibilmente svantaggiati, sarà un impresa arrivare quinti, figuriamoci quarti… (non credo nei miracoli…)

  9. Ieri se so’ dovuti mannà giù er minestrone preparato da Ballardini. N’fortino a difesa de Consiji, degno de na provinciale che lotta pe nun annà in catedderia. Quanno incontri squadre così, esce fòri sempre na partita sporca. Noantri lo sapemo bene, c’avemo giocato pe du’ anni e mezzo a sta maniera…

  10. È necessario vincere a lecce perché poi il calendario è veramente duro, con l’europa in mezzo. Non è stato fatto ancora praticamente niente. L’anno scorso la Roma alla fine della giornata 32 era terza

  11. Bella, mi piace questa espressione, di corto muso.
    Dopo il Lecce si aprirà un ciclo complicato tra Coppa e Campionato, l’AS Roma deve metterci tutto ciò che ha soprattutto quanto a carattere e feroce determinazione.
    Ritorno in CL e finale europea gli obiettivi.
    Daje!

  12. dobbiamo dirci la verità in faccia che credo pensiamo tutti ed aveva capito da tempo anche Mourinho..descritto a torto come l unico male!e cioè che questa rosa,vuoi x la scarsità di certe riserve vuoi x la precarietà fisica dei soliti noti che non puoi spremere ogni 3 giorni,non è attrezzata x giocare 2 competizioni!alla fine rischieremmo di rimanere col cerino in mano da entrambe le parti.dovra essere fatta secondo me una scelta! Mourinho l anno scorso scelse l El.quest anno farei il contrario..vista la difficoltà della coppa a partire dal Milan e con un Liverpool ingiocabile!quest’ anno abbiamo concrete possibilità di centrare la Champions ed i suoi lauti soldi(x noi vitali x modificare a giugno una rosa troppo lacunosa).il raking uefa ci dà una mano oltretutto con la quinta qualificata.io la penso così!provare a tenere una botta su entrambi i fronti con questa rosa è un rischio che questa volta non ci possiamo permettere

    • Ieri allo stadio il coro più diffuso era “Milan, Milan, vaff…”… secondo te i tifosi prenderebbero bene una formazione rimaneggiata o arrendevole nel quarto di coppa? La qualificazione CL è un “trofeo economico”, ma il calcio è uno sport dove si compete per prevalere, non per guadagnare. Non credo che possa alimentare la passione il tuo tipo di ragionamento…

    • mah, mi lascia perplesso come discorso: seguendo il tuo ragionamento, la juve quest’anno avrebbe dovuto vincere lo scudetto a mani basse, visto il potenziale della rosa e la assenza di impegni dalle coppe, e invece deve gran parte del suo fallimento a un mister che si ostina a giocare in maniera anacronistica e non sa sfruttare il materiale umano a sua disposizione.
      Che la nostra rosa abbia delle gravi lacune lo sappiamo, ma lo sappiamo da 3 anni a questa parte, non da due mesi…e se in 3 anni il duo lusitano non è riuscito a correggere i difetti più evidenti, neanche quando aveva a disposizione di che spendere, direi che è assurdo ora voler spalmare le colpe anche su chi questa situazione l’ha ereditata, prendendola in corsa. Il rischio di finire ancora una volta sesti e senza un trofeo è molto più che concreto, ma certo non per colpa di DDR, nè per colpa di quei giocatori che hanno ritrovato la voglia di metterci l’impegno, visto che, anche con il loro impegno, non possono sopperire alla mancanza di compagni all’altezza in alcuni ruoli. Ad oggi, calendario alla mano, l’EL pare più proibitiva certo, ma io non mollerei nulla…perso per perso, giochiamoci tutto quello che c’è da giocare

    • Ieri 30 denari ha provveduto al progressivo risarcimento nei nostri confronti. A parte il suo goal una noia vera interrotta da strizza finale.
      Rimarcherei ai fan der ber gioco, che è sempre più importante vincere, tuttavia e come prima senza Dybala, una Roma senza gioco.

    • @Chico
      Avoja a ripetere che ci sono i Romanisti….e poi i cesarocommercialisti.
      Tu stai giustamente stigmatizzando un discorso da cesarocommercialista.
      I cesarocommercialisti, come vedi, sono serpi in seno: nemici dell’AS Roma, nemici dei Romanisti, nemici del calcio e dello sport in generale. Ove, come sottolinei correttamente, si gareggia per VINCERE le competizioni.

    • Ma ancora co sta storia dei 30 denari? Repubblica pubblicando stronxate ha pagato un caro prezzo, occhio a non fà la stessa fine!

  13. dopo l’editoriale di Andrea Fiorini vi tocca sorbire il mio, lo so lo so, keep calm and stay strong.

    è tempo di bilanci per Daniele e la squadra.
    8 vittorie, 3 pareggi, 2 sconfitte.
    i pareggi sono avvenuti con Fiorentina e Feyenoord (poi battuto ai rigori).
    sconfitte con Brighton (indolore) e Inter.
    inutile girarci intorno, il cammino è stato OTTIMO, soprattutto la squadra ha giocato bene con il nuovo modulo con un Pellegrini in grande spolvero.

    La Roma ha ancora margini di miglioramento o
    l’effetto De Rossi sta cominciando a svanire ?
    È fondamentale capire questo aspetto perché nelle prossime settimane ci giochiamo la stagione.

    Premetto una cosa, io parto abbastanza prevenuto perché ho grossi dubbi su questa squadra, non tanto per limiti tecnici di alcuni giocatori ma soprattutto per le loro qualità morali.
    un capitano che sparisce per un anno e mezzo e poi risorge e giustifica la cosa con il fatto che con il nuovo modulo gioca qualche metro più avanti….sentire nelle interviste i continui amoreggiamenti tra il capitano e Daniele che si incensano l’uno con l’altro….. teniamolo sempre presente, certi comportamenti sono considerati normali solo da noi, da altre parti non sarebbero tollerati.

    chi conosce un pó l’ambiente Roma sa leggere tra le righe certi articoli che non sono MAI casuali.
    mi riferisco in particolare all’articolo in cui la Fiorentina punta DDR per il dopo Italiano.
    mi pare evidente che sia un pezzo imboccato dal procuratore di DDR che sta spingendo (giustamente) per il rinnovo.
    ma quando un procuratore va a battere cassa ? SEMPRE nel momento migliore per il proprio assistito…quindi ecco….ci siamo capiti….. attenzione perché ci sono dei campanelli di allarme, ultimamente il trend non sembra essere positivo, nelle ultime 3 partite la squadra ha smesso di giocare bene e abbiamo ottenuto una sola vittoria sofferta con il Sassuolo in casa

    • Probabilmente, per venire incontro alla tua analisi, la squadra sta dando anche più di quello che sarebbe normalmente in grado di dare, e tutto per compensare lo squallido girone di andata. In campionato, in particolare, è una marcia scudetto. Non sottovalutare l’usura fisica, sia pregressa che quella dettata dalle “marce forzate” di questo girone di ritorno. Sulla moralità…..boh, esiste realmente nel calcio (escludi eccezioni come Totti e Daniele stesso da giocatori)?

    • @tottibamba
      per me il grande girone di ritorno non fa altro che farmi avere ancora più rimpianti perchè vuol dire che nel girone di andata sei andato molto sotto le tue possibilità.
      se avessero fatto qualcosina in più nel girone di andata ora eravamo tranquilli vicino ai gobbi juventini.
      per come la penso io, il brutto girone di andata è una loro responsabilità, della squadra intendo.
      ok non andavano più d’accordo con l’allenatore.
      ok Mou non riusciva più a entrare nella testa dei giocatori che erano sfiduciati.
      tutto quello che vuoi, ma cmq hanno reso meno di quello potevano.

    • tigerman..sic come dici,hanno reso meno..cause?..le più svariate..in primis però è sta tt lì,l’usura mentale x un allenatore che si prendeva tt i meriti e declinava le sue responsabilità sulle lacune dei giocatori..ora nn sò se hai mai giocato in un club a calcio..ma fà tt la differenza del mondo quando,come a scuola forse,un Prof troppo Autoreferenziale,viene sostituito da uno più vicino alla tua dimensione,e ti spiana la strada..senza troppi scervellamenti la verità è più semplice di quel che si possa immaginare..

    • @orange
      Dybala: “Mourinho? Dobbiamo farci un esame di coscienza”
      riprendendo il tuo esempio della scuola ti ha risposto Dybala

  14. Carlo rispetto il tuo ragionamento ma non concordo.i giocatori fondamentali x la Roma sono anche i più vulnerabili se spremuti ogni 3 giorni.molti panchinari non sono all altezza…rischiamo di rimanere a cuxxo scoperto se puntiamo ad entrambi gli obbiettivi!quest’ anno abbiamo veramente concrete possibilità di agguantare la Champions…x noi vitale a livello finanziario!il raking uefa ci dà pure una mano.non abbiamo la rosa x reggere 2 impegni!parli della Juve…se la Juve giocava le coppe era 8 quest’ anno x quanto è scarsa!l Inter stessa ha pagato dazio in Champions!ripeto..x me va fatta una scelta!e io sceglierei il campionato perché pensare di vincere l El quest’ anno è pura utopia

  15. E’ vero che ieri la Roma ha portato a casa una vittoria sofferta, ma abbiamo praticamente attaccato solo noi e avuto tante occasioni per sbloccare la partita. La Juve non è lontana, deve essere un obiettivo, ci dobbiamo credere. La sosta arriva al momento giusto in modo da farci rifiatare per il finale di stagione. Tutti uniti e concentrati, tornerà Abraham inoltre molti giocatori poco utilizzati ci potranno dare una grande mano (Azmoun, Baldanzi, Zalewski, Celik, Angelino, Bove). De Rossi ha dimostrato di coinvolgere tutti i giocatori.

  16. visto che viene citato il corto muso, sapete qual’è il cammino della juve, al rientro dalla sosta, tra TRASFERTE e casa(minuscolo) : LAZIO fiorentina TORINO CAGLIARI milan ROMA
    considerando che nelle ultime 8 partite hanno fatto solo 7 punti ( la Roma 19 nelle ultime 8 partite in serie A)
    diciamo che arrivare allo scontro diretto con la possibilità di raggiungerli/superarli considerando che andrebbero recuperati 5/6 punti visto che sono 8 i punti che ci separano; non mi sembra una cosa del tutto improbabile/impossibile…

  17. tutto coincide con il cambio del portiere .prima ogni cross o lancio lungo degli avversari era un azione da gol .adesso che c e un portiere che esce ,si è abbassata di molto questa difficolta

  18. ilario qui non si tratta di essere commercialisti.si tratta di buon senso e se non capisci la differenza mi spiace x te che evidentemente sei il tifoso doc!e dai tempi di Pallotta che lo dico… dobbiamo aumentare il FATTURATO!!l unica strada x diventare competitivi.e la Champions è l unica competizione che ti porta i soldi veri e non solo x i 50/60 milioni della partecipazione al girone ma x tutto il contorno.tv.sponsor che pagano di piu.perche e evidente che Ryad Season Adidas o chi volete…se partecipi alla conference o El ti danno una cifra…in Champions stabilmente te ne danno un altra! la Champions attrae nuovi sponsor ed ecco che quei 50/60 milioni diventano 100.il proprietario bostoniano del Liverpool è molto meno ricco di friedkin ma il Liverpool fattura 600 milioni..noi neanche 200.dove si vuole andare?la stessa Juve ed Inter fatturano più del doppio di noi! dobbiamo andare stabilmente in Champions ogni anno..aumentare i ricavi..in attesa anche dello stadio…ed allora vedrai avremo possibilità di creare rose competitive x lo scudetto o x vincere veramente l El se un anno ci finiamo a giocare! altrimenti ragioniamo da tifosotti del Gra e restiamo con 180 milioni di ricavi guardando vincere gli altri

  19. ok bambini,ci può stare che si esca col Milan,ma sempre con onore..i calcoli ipotetici dei divanisti da tastiera nn servono a nulla..si và fino a dove si arriva..

  20. La pausa ci farà bene per recuperare energie e ripartire da dove abbiamo lasciato ciò una vittoria per affrontare il derby e VINCERE non tanto perché è il derby ma per i 3 PUNTI per quanto riguarda Lotito é vero Tudor avrebbe rifiutato Roma e Napoli lui avrebbe ACCETTATO SOLO MANCHESTER CITY REAL MADRID E SOPRATTUTTO LAZIO HA HA HA come avrebbe potuto accettare Roma e Napoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome