Roma, l’effetto De Rossi sugli acciaccati è finito: si ferma anche Spinazzola

12
445

NOTIZIE AS ROMA – La fase dell’abbondanza, con tutti gli effettivi a disposizione e l’imbarazzo della scelta, rischiava di essere già finita per la Roma. Benedetta la sosta per le nazionali, che potrebbe permettere a De Rossi di recuperare quasi tutti gli acciaccati.

Perchè l’infermeria giallorossa nelle ultime ore era tornata a riempirsi. I nomi degli infortunati sono i soliti noti: Paulo Dybala ha accusato una leggera lesione all’adduttore, Renato Sanches è tornato ai box per un affaticamento muscolare, e Smalling è di nuovo desaparecido da giorni per un trauma contusivo alla caviglia.

Da ieri sera si aggiunge alla lista un altro calciatore spesso ai box per problemi fisici: Spinazzola ha infatti accusato un problema al flessore della coscia destra nel corso del primo tempo di Roma-Sassuolo, e andrà valutato nelle prossime ore. Insieme a Kristensen (anche lui fermato da una lesione muscolare) sono tutte situazioni che andranno monitorate nel corso di queste due settimane che condurranno alla trasferta con il Lecce.

La speranza di De Rossi è di riavere tutti a disposizione per la ripresa del campionato, ma visto lo storico clinico di questi giocatori è difficile fare previsioni certe. Non è escluso che qualcuno di questi venga risparmiato in vista del derby del 7 aprile contro la Lazio. 

Giallorossi.net – T. De Cortis

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteDe Rossi di corto muso, la Roma non si ferma
Articolo successivoSexgate Roma, Lina Souloukou e la ragazza licenziata attese in Procura federale

12 Commenti

  1. Perché la rosa è questa.
    Per Mou come per DDR.
    Non è pensabile affrontare anche il prossimo campionato con questa serie di situazioni croniche e andranno fatte delle scelte. Detto che Sanches e Kristensen non ci saranno, forse Spinazzola puoi salvarlo come riserva se compri un titolare di pari livello per il suo ruolo.

    • Al massimo ti puoi tenere Angelino come riserva. Finalmente Spina è in scadenza di contratto, non puoi rinnovare anche solo un anno ad un giocatore vecchio, rotto e che guadagna tanto. Al suo posto bisognerà prendere un terzino sinistro giovane, forte e integro.

    • No, perché l’infortunio di Kristensen è dovuto ad uno scontro. Sanches sta prendendo la forma fisica, così come Smalling.

      Spinazzola è sempre stato fracico.

      Le cose vanno analizzate. E poi c’è la sosta.

    • A Spina si potrebbe rinnovare il contratto per un anno o due a cifre decisamente inferiori. Rui potrebbe anche rinnovare e fare da chiocchia al primo portiere, chiunque esso sia (spero Svilar)

  2. Per quanto se ne sa in ortopedia, se i muscoli e le articolazioni sono danneggiati cronicamente, gli atleti non vengono mandati dallo psicologo per guarire,ma dai fisiatri e dai fisioterapisti.
    Il cosidetto effetto De Rossi sugli infortunati della Roma,è stata una coincidenza fortuita e niente più.
    Qualcuno voleva farla passare per un cambiamento dei metodi d’allenamento o per una maggiore intensità degli stessi,ma è stato clamorosamente smentito dal fatto che Dybala si è infortunato nel corso di un allenamento e non in partita.
    Ciò detto,mi auguro che grazie a questa sosta delle Nazionali,vengano recuperati alcuni atleti in vista degli scontri infuocati d’aprile,tutti in tempi ravvicinati.
    Personalmente vorrei che Smalling tornasse a disposizione al più presto ,perchè l’attuale difesa romanista balla troppo in tutte le partite,nessuna esclusa.

  3. Purtroppo è normale nel calcio moderno avere le infermerie sempre aperte e con lettini occupati. Se poi si aggiungono infortuni cronici come nel caso della Roma, allora non fa più notizia. Avere 20 giocatori fruibili sempre è una utopia perciò la cosa importante che nella prossima campagna acquisti si dia più importanza a valutazioni più complete e non solo su nomi altisonanti.

  4. Concordo,Zenone…. Uno Smalling anche al 70/80% darebbe più sicurezza al reparto. A Lecce sarebbe tosta pure con Dybala e Pellegrini,figuriamoci senza di loro…

  5. Io già me la ridevo amaramente quando un incauto Mangiante (un professionista navigato che certe cose dovrebbe capirle) sparava urbi et orbi la balla che “Mourinho ha risolto il problema degli infortuni muscolari nella Roma”.
    Una catsata sulla quale si sono sparsi però fiumi di inchiostro, peraltro con Mourinho che la rinforzava ben felice di lodare il suo staff di “primissimo ordine” (chiaramente scelto da lui).
    Allo stesso modo ridevo di gusto (sempre con la solita punta di amaro) quando Pinto millantava la fiducia nello staff medico della Roma per resuscitare niente meno che Lazzaro Sanches, come se al Bayern e al PSG lavorassero dei dilettanti.
    Ovvio che anche nel caso di DDR sapevo che la disponibilità della rosa quasi al completo era solo frutto di fortunata congiunzione astrale che prima o poi sarebbe finita.
    Soprattutto coi soliti noti.
    Pensate che in questo momento nel Liverpool ci sono ben 10 indisponibili, altro che quelli della Roma: vogliamo pensare che Klopp abbia uno staff di incompetenti?

  6. Angelino pian piano si sta inserendo bene.
    Inizierei comunque ad inserire in campo poco per volta anche Pisilli, secondo me meglio di Aouar.

  7. La sosta per le nazionali può fare solo che bene in questo momento, almeno per recuperare intanto Dybala ma è importante recuperare Spinazzola e Kristensen perché quelli abbiamo e servono anche per le rotazioni dal momento che ci aspetta un tour de force, più giocatori disponibili abbiamo e meglio è.

  8. Il vero problema sono il numero di partite e la loro frequenza ravvicinata. Il calcio del resto è uno sport di contatto, di scatti brevi e intensi a ritmi molto sostenuti rispetto al passato. Gli infortuni ne sono una diretta conseguenza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome