DE ROSSI: “Col Brighton sarà dura ma la Roma è superiore. Se facessimo catenaccio non beccheremmo mai palla. Difesa a 3 o 4? Non lo dico” (VIDEO)

42
668

AS ROMA NEWS – Mister Daniele De Rossi interviene in conferenza stampa alla vigilia della gara di andata degli ottavi di finale di Europa League contro il Brighton.

Queste le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso sull’impegno di domani sera contro la squadra inglese allenata da De Zerbi:

Cosa ne pensa del Brighton? Lei ha un buon rapporto con De Zerbi…
Si, è vero, siamo amici e lo rispetto molto. Parliamo spesso di calcio, lui è brillante, innovativo e hanno acquistato tanti giocatori bravi. Sarà difficile.

E’ il 50° sold out. Il pubblico è un’arma in più?
Si, ma siamo noi che dobbiamo regalargli una notte felice, e non loro che devono portarci a vincere. Servono entrambe le cose. Il Brighton è sicuramente abituato a giocare in stadi così caldi in Premier.

Loro sono noni in Premier. Che posizione avrebbero qui in Italia? Tornerà alla difesa a tre?
Non è facile dire che posizione avrebbero in Italia, sono un club emergente e hanno un gioco riconoscibile. Un po’ come il Bologna. Hanno investito tanto nei giocatori. La difesa a tre o quattro? Non te lo dico… (ride)

Di Paredes ci hai detto che a volte è troppo istintivo, e un centrocampista dev’essere più riflessivo. Domani cosa servirà: una squadra più offensiva o difensiva?
Istintivo non vuol dire offensivo, e riflessivo non vuol dire difensivo. La Roma è una grande squadra: deve rispettare il Brighton, ma noi siamo la Roma. Loro hanno messo in difficoltà il Manchester City, il Liverpool o il Chelsea. Certo, a volte prendono delle imbarcate. Noi dovremo essere bravi a gestire ogni possibilità.

Visto il 5° posto e il ranking, eliminare il Brighton aumenterebbe le possibilità di entrare l’anno prossimo in Champions. Ci pensate?
Noi giochiamo le nostre partite per vincere e passare il turno. Certo, guardiamo anche il ranking, ma a volte sembra una storiella tipo “se vi comportate bene vi facciamo il regalo di Natale”.

Oggi sono 50 giorni della sua gestione. Che bilancio fa?
Mi aspettavo 3 punti contro l’Inter, il progetto era quello, sarebbe stato perfetto. So che i giudizi cambiano velocemente, bisogna stare lontani da giornali e social. Io sono soddisfatto, con molti di loro avevo già un rapporto, ma ho dovuto ricostruirlo in modo diverso. Loro mi ascoltano e mi seguono, e questo è quello che mi rende più felice oltre ai punti. Ancora però non abbiamo fatto niente.

C’è qualche chance di vedere Karsdorp domani? Angelino e Spinazzola continueranno ad alternarsi?
Karsdorp vediamo oggi. A volte si sentiva bene, a volte no. Angelino e Spinazzola mi piacciono tantissimo, impazzisco per loro, sono giocatori di altissimo livello. Sono molto diversi, e quindi scelgo di volta in volta.

Bove è uno dei giocatori utilizzato un po’ meno rispetto a prima. Hai mai pensato per lui ad un ruolo diverso, magari sulla fascia?
Edoardo con Mourinho aveva una media di 61 minuti a partita, con me ne ha 59, non vedo molta differenza. Magari con me inizia più raramente titolare, ma ho fiducia in lui. Per me può diventare anche un ottimo mediano davanti la difesa. Lui ha una capacità di corsa importante, e piedi buoni. Deve solo crescere. Come essere umano è uno con cui faresti sposare tua figlia. Sono contentissimo di lui.

Il Brighton ha molti giocatori che non sono abituati a gare del genere. Conta questa mancanza di esperienza? Si è assottigliato il gap con la Premier?
L’Italia si sta rilanciando negli ultimi anni, ma la Premier rimane irraggiungibile al momento. E’ difficile dire quanto può pesare l’esperienza, loro la colmeranno con la conoscenza e la forza, e noi dobbiamo fare lo stesso, anche se noi tecnicamente siamo superiori come squadra.

Lei fece l’ultimo gol in Champions contro il porto, e ora cerca di tornarci. E’ un destino incrociato?
Una volta ho fatto una battuta proprio dicendo che l’ultima volta che la Roma ha giocato in Champions c’ero addirittura io. La Roma deve tornare e stare sempre a quei livelli. Magari arriva agli ottavi o ai quarti, ma deve stare lì, indipendentemente dall’allenatore. La Roma non deve arrivare mai sotto il quarto posto.

DANIELE DE ROSSI A SKY SPORT

E’ giusto avere aspettative di alto spettacolo su questa partita?
“Non lo so, la garanzia di spettacolo quando giocano le squadre di De Zerbi è assicurata. Vediamo cosa succederà quando incontra la mia squadra… Ho tante idee in comune con lui, mi piace ciò che ha proposto in questi anni. Cerco di non allontanarmi dalle sue idee, si è inventato un tipo di calcio molto riconoscibile. Non so se lo spettacolo sia un vantaggio, perché spesso ci sono tanti gol da un lato e dall’altro, noi invece dobbiamo tenerla dalla nostra parte”.

Le viene la tentazione di fare un catenaccio?
“Difficile farlo contro una squadra che tiene così bene il pallone, rischi di non prenderla mai. Non è automaticamente sinonimo di vittoria, ma sono convinto che anche noi possiamo fare male al Brighton quando abbiamo il pallone tra i piedi. Aspettare che ce la diano loro potrebbe non essere la scelta migliore”.

Loro perdono spesso: che significato ha?
“Io analizzo il mio momento. Il Brighton sta perdendo spesso, ma ha perso anche tanti giocatori importanti. E’ una partita da dentro o fuori, ci saranno stimoli diversi e recupereranno giocatori importanti. In campionato sono in una posizione abbastanza tranquilla, quindi daranno alla partita europea ancora più significato”.

Sente il merito di essersi fatto trovare pronto? Se l’aspettava?
“Lo scopriremo a maggio se sarò stato pronto. Non avevo dubbi sul fatto che io fossi pronto, so come ho lavorato alla Spal e come programmo questo lavoro. Mi sono aggiornato nel periodo in cui non ho lavorato, ma poi ci sono i risultati. Alla Spal non sono stati buoni, quindi mi sono dovuto aggiornare. Io sono qui per farmi valutare in vista di maggio, adesso è passato troppo poco tempo per godermi quanto fatto in queste prime partite. Sarò veramente felice se questo giudizio lo rivedrete a maggio”.

La difesa a 4 domani?
“Vediamo”.

Articolo precedenteMANCINI: “Siamo noi che andiamo in campo e dobbiamo trascinare il pubblico. Posso ricoprire più ruoli, e questo è un vantaggio”
Articolo successivoDYBALA: “Forse in un’altra vita ero romano. La mia presentazione è indimenticabile, se non sei dentro la Roma è difficile capire cosa provano i tifosi”

42 Commenti

  1. ….”we respect brighton but WE ARE ROMA”…
    brividi, rispetto, orgoglio, INTELLIGENZA
    DDR TI AMO!!!💛❤

  2. “Angelino e spinazzola mi piacciono tantissimo impazzisco per loro”
    Occhio Danieli’ che poi te li ritrovi pure l’anno prossimo

    • Non mi dispiacerebbe avere Angelino anche l’anno prossimo. È l’unico che sa crossare.

    • Spinazzola con DDR (e la sua filosofia calcistica, molto diversa da quella di Mourinho) mi pare che stia andando decisamente meglio, quando viene chiamato in causa. Come tutta la rosa, direi.

    • Da quando c’è De Rossi, Spinazzola è risuscitato. Sembra quello di Fonseca e dei degli Europei disputati nel 2021 fino al momento dell’infortunio.
      Angelino sa spingere e crossare sulla fascia. Qualcosa di miracoloso che in 2 anni e mezzo non ho mai visto fare da parte di nessuno con Mourinho.
      Deve migliorare tanto in fase difensiva… ma questo lo sa benissimo anche De Rossi…

    • Da quando c’è De Rossi, Spinazzola è risuscitato. Sembra quello di Fonseca e dei degli Europei disputati nel 2021 fino al momento dell’infortunio.
      Angelino sa spingere e crossare sulla fascia. Qualcosa di miracoloso che in 2 anni e mezzo non ho mai visto fare da parte di nessuno con Mourinho.
      Deve migliorare tanto in fase difensiva… ma questo lo sa benissimo anche De Rossi…

  3. “E’ un bravo ragazzo, quello che tutte le mamme vorrebbero per la propria figlia….”
    Ve ricorda qualcosa…??

  4. Grande Danielino, sempre perfetto. Uomo equilibrato e preparato. Fa ulteriormente piacere che oltre ad essere l’allenatore della Roma sia anche Romano DOC, valore aggiunto della Nostra Città

  5. Scusate, sono stato “nozionistico…”
    “Quello che tutte le mamme vorrebbero come figlio e le mogli come marito…”

  6. Daniele è fantastico sul piano carica alla squadra ed al pubblico.
    Mi ricordo bene le sue parole dopo l’eliminazione dalla Champions quando disse che la Roma deve puntare a giocare in Champions ogni anno (a prescindere a quale step si arriva).
    Geniale la risposta data alla domanda su Bove, però oggettivamente dal cambio di allenatore è l’unico della rosa che è stato penalizzato.
    Situazione comune a molti centrocampisti giovani che sono arrivati a Roma in questi anni dove, tra Cristante e Pellegrini, hanno trovato pochi spazi.
    Un peccato perché per me avremmo tanto bisogno di due mezze ali con gamba.

  7. A me Angelino aveva fatto una buona impressione, ma alla luce di più partite fatte reputo Spina di gran lunga superiore, non è un giocatore da riconfermare

    • qualsiasi sia il piazzamento finale in europa league e campionato la Roma dovrà investire pesantemente sui terzini. Spina va via, al massimo ti puoi tenere Celik (o Karsdorp) e Angelino come riserve ma due terzini dx e sx titolari e forti servono come il pane

    • il piede ce l’ha, pure molto educato. Sembra soffrire invece molto le partite ad alto ritmo, infatti nella partita con il Cagliari in cui la palla l’ abbiamo tenuta solo noi è stato uno dei migliori

    • Io credo che con DDR Spinazzola possa tornare a buoni livelli. Spero che resti.

    • infatti.
      lascia perdere che appena abbiamo beccato due squadre serie come inter e feye non abbiamo vinto.
      se non ai rigori con una.

    • Anche quando c’era Garcia molti se la prendevano coi giocatori. Poi venne Spalletti e fece un po’ d’ordine a livello tattico. Recuperò 9 punti al Napoli sfiorando il secondo posto.

    • Sono semplicemente modi di comunicazione diversi.. Mou optava per una comunicazione negativa.. Cercando di esaltare gli avversari e nello stesso tempo voleva una risposta dai suoi calciatori alle sue provocazioni verso di loro..

      De Rossi opta per una comunicazione positiva, esalta i suoi, cerca di farli sentire importanti.. Davanti alle telecamere si prende ogni colpa, difendendo il gruppo.. Ma negli spogliatoi probabilmente il discorso è diverso..

      Mou ci ha detto che il Sassuolo è più forte di noi.. E chiaramente non è vero.. Come non è vero che abbiamo una squadra di fenomeni..

      La storia che ha incontrato due squadre più forti e non ha vinto onestamente e ridicola.. Se all’andata avessimo ottenuto gli stessi punti che sta facendo De Rossi contro le piccole.. Oggi la Roma sarebbe quarta.. In pieno vantaggio per la Champions..

      L’Inter e una squadra superiore.. Eppure la Roma è stata una delle poche che veramente gli ha messi in difficoltà.. E se Lukaku per due volte di fila non spreca il 3 a 3 si parlerebbe di altro..

      Se vogliamo parlare di scontri diretti.. Negli ultimi due anni abbiamo il record negativo di punti fatti.. Peggiore di Fonseca.. Quindi non tocchiamo questo tasto e meglio..

      Per quanto riguarda la comunicazione.. Ognuno ha giustamente le sue preferenze.. Io preferisco il modo di Daniele.. Si comporta da Leader, protegge la squadra davanti alle telecamere, si prende le colpe, non cerca alibi.. Anche quando ci sono alibi.. Per me un leader si comporta così, specialmente nella protezione del gruppo..

      Ed era ciò che faceva anche Mou anni fa.. Qui è leggermente cambiato..

      Ma questo è una questione di preferenze.. Ognuno ha le sue..

      Forza Roma

    • caro Maxeem, la squadra di fenomeni, con Mou aveva una media di 13 tiri a partita, e 9,6 subiti, con la cura De Rossi la media tiri fatti e scesa a 10,43, quella dei tiri subiti a 14,90, in più in 20 partite col bollito (cosi almeno la chimavate) la Roma prese 10 pali, una media di 0,5 a partita con DE Rossi la media è di 0,33, e in ultimo ma non ultimo, magari il bollito avesse avuto questo Dybala…………………….

  8. Questa è una partita da giocatori veloci, forti e con buon piede. Ad occhio non credo sia la partita ideale per Lukaku (anche se lo farei giocare sempre) e spero che DDR non azzardi di giocare con Smalling. Spero tanto di sbagliare ma prevedo due partite difficili. Forza Roma!

  9. Plauso ad un uomo che si è messo a studiare e mettersi in gioco, ha parlato in inglese meglio del traduttore accanto a lui. Ostia ricordo che è una frazione di Roma, quindi possiamo dire che è romano? Per domani immagino sarà una partita dura e sarà solo la prima, a loro è rimasta solo l’ Europa League e daranno il fritto.

  10. Beh visto che lo sai che non beccheremmo mai palla, evita la difesa a 3 e soprattutto tieni in panchina Kardroop che è capace di farci prendere gol da qualcuno angolo e in qualunque momento. Una tragedia calcistica

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome