DE ROSSI: “Ho pensato di andar via, ma non potevo chiudere con quel derby perso”

0
363

derossi

AS ROMA NOTIZIE  (SKY SPORT) – Ai microfoni dell’emittente satellitare Sport parla Daniele De Rossi, il centrocampista giallorosso rigenerato dalla ‘cura Garcia’. Queste le parole del vice-capitano romanista:

Con Garcia ho parlato la prima volta al telefono mentre ero in vacanza, per gestire bene i miei giorni. L’ho visto molto disponibile, mi vedeva e credeva un giocatore suo mentre tutto il mondo diceva il contrario. Cosa non vera.
Però se leggevi i giornali, i siti in quei giorni, mi davano per fatto, in qualche città esotica a firmare chissà quale contratto. Invece Garcia mi ha trattato come un suo giocatore, come un giocatore che, cosa poi successa, sarebbe rimasto con lui. Quindi oltre alla grande disponibilità mi è piaciuto subito il senso di appartenenza, il parlare del lavoro e della prospettiva di fare una grande annata insieme
“.

”Per la prima volta ho ascoltato altre offerte. Daniele De Rossi ha valutato in estate l’ipotesi di lasciare la Roma. Il centrocampista e’ rimasto e si e’ ripreso un ruolo da protagonista nella formazione guidata dal tecnico Rudi Garcia. ”Si e’ parlato molto questa estate. Quando ho parlato con il mister e con la societa’, dato che mi piace essere sempre chiaro, per la prima volta ho detto che avrei voluto ascoltare eventuali offerte, vederle, valutarle. Negli anni addietro avevo sempre respinto ogni offerta ancor prima di ascoltarla, molto decisamente”, dice De Rossi in un’intervista aSky Sport24”Quest’anno sentivo che poteva essere l’anno giusto nel quale cambiare o nel quale provare a sentire quello che veniva fuori altrove. L’altro anno le cose, lo sapete meglio di me, non sono andate bene e io le cose voglio che vadano bene per me e, quasi soprattutto, per la Roma. Essere un giocatore della Roma e non fare felici i tifosi, non fare felice la Roma, non mettere tutti d’accordo, come quasi sempre e’ stato, per me era un peso abbastanza schiacciante, prosegue De Rossi.”C’erano tante cose che non andavano ma, forse, ce n’era una ancora piu’ grande, che non andava bene a me: non potevo pensare che la mia ultima partita con la maglia della Roma fosse quella”, dice riferendosi alla finale di Coppa Italia persa il 26 maggio contro la Lazio. ”Quella era la cosa che non riuscivo a mandare giu’, mi potevo immaginare in qualsiasi squadra del mondo, ad alzare qualsiasi trofeo, ma pensare che io avevo giocato l’ultima partita con la maglia della Roma in un derby perso in finale era la fine di una delle storie d’amore tra un calciatore e una squadra piu’ grandi che io conosca. Ed era la fine sbagliata, insomma”.

Articolo precedenteR. SENSI: «Questa Roma mi ricorda quella di Spalletti. Totti sarebbe un ottimo dt»
Articolo successivoON AIR – CORSI: “Sogno il ‘duplete'”, ROSSI: “Roma-Napoli? Che incompetenti”, RENGA: “Sarà Garcia contro Mazzarri”, MELLI: “Esame decisivo”, VALDISSERI: “Marquinhos-gol, che coltellata”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome