ON AIR – CORSI: “Sogno il ‘duplete'”, ROSSI: “Roma-Napoli? Che incompetenti”, RENGA: “Sarà Garcia contro Mazzarri”, MELLI: “Esame decisivo”, VALDISSERI: “Marquinhos-gol, che coltellata”

1
478

onair2

GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Quest’anno prevedo il duplete: la Roma vince lo scudetto e Lazio torna in Serie B. Vedo le altre squadre giocare male e avere molta meno continuità. Alcuni dicono che la Roma è un illusione, per me è una certezza. Vincere lo scudetto quest’anno sarebbe bello oltre che per noi tifosi, anche per il fatto che lo vincerebbero tre romani come Totti, De Rossi e Florenzi, sarebbe un altro record di questa Roma di Garcia”.

David Rossi (Tele Radio Stereo): “Ma brutti deficienti incompetenti, ma non potevate mettere la manifestazione dei No Tav una settimana prima, quando c’è la pausa per la nazionale? Già si sapeva che quel fine settimana era tranquillo, che non c’erano manifestazioni sportive di nessun genere. Adesso l’unica certezza è che quel fine settimana a Roma non ci saranno partite. Questa Roma non mi fa preoccupare se gioca in casa o fuori casa, anche perchè se ora ne dovesse giocare tre partite di seguito fuori casa, poi al ritorno ne giocherà tre in casa. Ma è una questione di principio”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “La cosa che mi piace di più dell’ambiente romanista è che non vedo un entusiasmo smodato”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “De Sanctis è ancora un grande campione. Se dovessimo giudicarlo in queste prime partite…boh, gli darei 6 di base, perchè è stato da senza voto quasi sempre. A Roma non sappiamo ancora nulla di lui, a parte che ha una bella voce e strilla parecchio. L’idea di De Laurentiis di giocare a mezzanotte? Sai quante tv saranno contente di una proposta del genere, senza parlare dei giornali… Si giocherà a Napoli e basta, non capisco il perchè di questo continuo rinviare la decisione. Ieri mi sono ripreso l’ennesima coltellata a vedere Marquinhos fare gol in Champions…”

Franco Melli (Radio Radio): “Quello con l’Inter e’ un esame decisivo per i sogni della Roma. I meriti di Mazzarri vengono da lontano, mentre Garcia è una sorpresa: nessuno pensava potesse avere questo impatto sui risultati della Roma. Mazzarri ha una squadra più fisica, Garcia ha invece dei giocatori più tecnici e fa un calcio offensivo migliore”

Furio Focolari (Radio Radio): “Se la Roma esce da questa partita bene, quindi o un pari o una vittoria, allora la Roma è la Roma, ed è vero quello che si sta dicendo di lei. Una grande squadra si vede nelle criticità, la Roma ad oggi non ne ha mai avute”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio):La Roma incontrerà una squadra tosta che è stata in grado di fermare la Juventus, sarà un bel test. Anche se i giallorossi dovesse perdere non verranno assolutamente ridimensionati. Io penso che sia stato Sabatini a fare il mercato della Roma, a parte Gervinho. Non credo che Benatia, Strootman, Maicon, De Sanctis li abbia chiesti Garcia.”

Roberto Renga (Radio Radio)“La partita di sabato non è decisiva per la Roma, ma per l’Inter. E’ Mazzarri contro Garcia, Walter poteva essere l’allenatore dei giallorossi. Entrambi sembrano fare un calcio più d’attesa che non offensivo. Il mercato lo ha fatto Garcia, è stato Sabatini a dire che fosse stato per lui avrebbe preso Rafael e Wallace”

(Continua…)

Articolo precedenteDE ROSSI: “Ho pensato di andar via, ma non potevo chiudere con quel derby perso”
Articolo successivoRudi spaventa Mazzarri

1 commento

  1. David Rossi, spostare una Manifestazione Nazionale importante come la No-Tav per far giocare una partita di pallone? Incompetente sarai tu!
    Mille volte più importante la manifestazione ad una partita fra 22 ragazzini in mutande..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome