DE ROSSI: “Vittoria fondamentale decisa dal guizzo di un campione. Stupito dalla maturità di Pellegrini. Io fortunato ad avere questa opportunità”

40
959

AS ROMA NEWS – Mister Daniele De Rossi si presenta davanti ai microfoni dei giornalisti per parlare di Roma-Sassuolo, gara valida per la ventinovesima giornata di campionato.

Di seguito tutte le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso rilasciate alla stampa nel prepartita e poi al termine del match:

DANIELE DE ROSSI A DAZN

Quanto era importante vincere?
“Fondamentale. Ci credevamo a questa rimonta, e per farlo bisogna vincerle tutte. Quando ne vinci tante, a volte fai più fatica. Noi un po’ meno brillanti, ma non è la prima volta che si vince grazie al guizzo dei propri campioni”.

L’abbraccio con Pellegrini?
“Non mi posso lamentare, ha segnato sempre… Lui è il capitano, e a Roma non è facile, sei il primo a essere bersagliato quando le cose non vanno bene. Io lo so, anche io ho avuto dei momenti difficili e lo accettiamo. La sua maturità mi ha stupito, ho trovato un capitano e non è facile. E poi è veramente fortissimo, è una mezzala che hanno in pochi. Sono contento che vada in Nazionale, se lo merita”.

Si diceva che era impossibile arrivare in Champions con questa rosa…
“Io l’ho sempre detto dall’inizio, molti pensavano che fosse uno slogan, per me tolte Inter, Milan e Juve, con le altre ce la giochiamo. Ma anche con loro. Il calcio non è solo monte ingaggi, altrimenti il Bologna sarebbe decimo”.

La squadra ha margini di miglioramento?
“Ho fatto parte di Roma con gruppi fortissimi, siamo arrivati tante volte secondi, e c’erano anche queste partite, dove vincevi con la giocata dei singoli. Il Sassuolo è una squadra forte, la sua classifica è bugiarda. Noi potevamo chiuderla prima, e non vincerla sarebbe stata una mazzata prima della sosta. Bisognava vincerla, in una maniera o nell’altra”.

Si aspettava una situazione più difficile quando è arrivato?
“Era una situazione difficile, e invece sono stato fortunato a trovare questa opportunità di lavoro e sono stato fortunato a trovare una società e un gruppo di giocatore che credono in me e nello staff. Manca ancora tantissimo, possiamo fare meglio o a rovinare tutto”.

Il suo ricordo più bello?
“Non lo so. Oggi ho ricevuto un coro e uno striscione, me ne hanno riservati tanti in carriera, ma riceverlo in veste di allenatore è sempre emozionante. Ci sono stati momenti emozionanti, ma anche la quotidianità di Trigoria sono momenti importanti”.

DANIELE DE ROSSI IN CONFERENZA STAMPA

Pellegrini gioca a tutto campo. C’è una diversa gestione degli allenamenti?
“L’ultima volta qui mi avevi detto che Dybala ha una condizione atletica stratosferica, ho paura a rispondere (ride, ndr). Sembra un paragone con chi c’era prima, è un giocatore importante, quando non segna fa assist e fa tanta fase difensiva, non posso essere più contento per quello che fa in campo e nello spogliatoio, l’ho visto crescere e l’ho ritrovato come mio capitano, a oggi è perfetto”.

È la vittoria più importante della gestione?
“Era tanto importante, ne sono venute parecchie prima di questa, non è facile fare un filotto come questo. È importante perché nella mia carriera da calciatore ho fatto delle belle cavalcate, 11 vittorie consecutive, e non tutte le vinci giocando bene, ci stanno anche gli avversari. Il Sassuolo ha giocatori veramente forti, erano ben chiusi, ci aspettavano e sono ripartiti parecchie volte anche per colpa nostra. Una vittoria importante, meritata, che ci fa andare alla sosta con positività. Il pareggio sarebbe stata una mazzata”.

Infortunati?
“Spina ha sentito indurirsi il muscolo, non sembrava disperato ma la prima sensazione non è quella definitiva. Su Dybala c’è un bollettino, dovrebbe rientrare abbastanza velocemente. Facendo gli scongiuri, dopo la sosta”.

Il sostituto di Dybala sembrava Baldanzi, stanchezza o scelta tecnica? Nel secondo tempo i giocatori tagliavano di più e arrivavano più palloni, è stato un tema?
“Baldanzi è uno dei più simili a Paulo, è stata una scelta tecnica perché Aouar sta facendo grandi miglioramenti non solo fisicamente ma anche su quello che gli chiedo. Tommaso ha fatto 90’ due giorni fa ed è uscito con un alluce gonfio, aver fatto giocare Houssem non c’entrava col primo tempo moscio. A fine primo tempo abbiamo parlato, sapevamo che avrebbero aspettato. Ho chiesto pazienza, ma a volte ne abbiamo avuta troppa, diventa un possesso palla troppo sterile, il compagno di chi ha il pallone deve andare, altrimenti dai tempo agli altri di chiudersi. Nell’intervallo ho detto ai ragazzi di perderla, ma di giocare, dribblare, cambiare passo. Poi c’è stata una giocata di un giocatore incredibile”.

Su cosa può migliorare questa squadra?
“Su tutto, sul riconoscere la differenza tra le partite, tra possesso e costruzione, continuare a spingere sugli stessi tasti già toccati. Mi piace come i giocatori iniziano a riconoscersi, ma dobbiamo cercare di trasformare il possesso in qualcosa di fastidioso per gli avversari. Lavoreremo sull’aspetto atletico, recupereremo alcuni giocatori come Chris e Renato, quando fai buoni risultati dici che la sosta non ci voleva, ma stavolta ci dà una mano, ci fa rifiatare. Non ho un’esperienza decennale da allenatore, questo è un bel frullatore, un po’ perché la Serie A è di alto livello e un po’ perché per me questo è un posto diverso dagli altri. Ho una giocatori superdisponibili e una società che mi ha sempre spalleggiato”.

 

DANIELE DE ROSSI NEL PREPARTITA

L’approccio?
“Importantissimo, si crea un discorso sulla difesa a tre: non è un problema, ma una concausa. Entriamo in uno stadio pieno e dovremo dimostrare la nostra superiorità”.

Aouar al posto di Dybala?
“Come ci ha pressato la Fiorentina sarà diverso di quello che farà il Sassuolo, ma vedremo. Chi gioca in avanti deve sempre aiutare la squadra in costruzione e se si abbassa, qualcun altro dovrà prenderne il posto e ricoprire quella funzione lì”.

Che importanza ha avuto la gente?
“Vengo da una carriera di alti e bassi, con momenti in cui era difficile portare la gente allo stadio. Questo è sintomo di qualcosa che si sta ricreando in maniera molto forte, ci sostengono anche quando le cose vanno meno bene e riempiono tutto nei momenti migliori. La società anche è stata brava a riportali sugli spalti. I giocatori si stanno meritando queste presenze allo stadio”.

Abraham?
“Importantissimo che sia tra i convocati per lui che riassapora un’atmosfera che gli sarà mancata tanto. Sarà importante anche per i ragazzi dato che Tammy è stato un protagonista di questi ultimi due anni; è importante anche per i tifosi rivederlo. Abraham è un volto a cui i tifosi vogliono bene. Oggi non farà neanche un minuto ovviamente, ma è bello riportarlo al piano di sotto”.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteROMA-SASSUOLO 1-0: le pagelle
Articolo successivoRoma-Sassuolo 1-0, i voti dei quotidiani

40 Commenti

    • Danie’ non sbagli un commento una dichiarazione, una analisi.
      E lo sapete perché? Perché è intelligente, sincero e trasparente.
      E’ assolutamente uno di noi.

    • non sono daccordo

      ballardini non è dionisi e si vede, loro erano tutti chiusi e senza il guizzo personale queste partite non le apri.

      il secondo tempo è figlio del primo, dove però pensavo la chiudessero quanto prima, e invece il sassuolo ha retto botta, anzi è andato vicinissimo a pareggiarla.

      l’unica cosa avrei tolto molto prima lukaku per azmoun e messo bove bello fresco.

      per me oggi (dopo giovedi in europa) è ORO.

      ❤️🧡💛

    • angelino e llorente li prenderei. Non sono forti, ma non sono neanche scarsi. In tutto li paghi 10 milioni, e l’hanno prossimo dovrai comunque prendere un terzino sinistro e un centrale, visto che tra prestiti e scadenze se ne vanno 8 giocatori. A 10 milioni non penso si riesca a prendere un centrale ed un terzino migliori di loro, quindi secondo me li dovremmo riscattare

    • Llorente è quello di Firenze, una settimana fa.

      Azmoun come entra fa il suo e anche di più.

      Lukaku ha fatto 18 gol in 36 partite, e la stagione non è finita.

      ❤️🧡💛

    • Azmoun, Angelino, Kristansen, Sanchez sono giocatori da Europa league e 4-5posto.
      Se vuoi crescere veramente non puoi confermare nessuno di loro.

  1. E’ lodevole fare la rotazione dei giocatori per non sovraccaricare di fatica sempre gli stessi interpreti,però spero che stasera De Rossi abbia capito una volta per tutte che Karsdorp e Aouar sono due pesi morti,specie se poi vengono schierati sulla stessa fascia.
    Per 20 minuti del secondo tempo ogni volta che prendeva palla Laurentiè era il panico generale e non stiamo parlando di chissà quale fenomeno.
    Un pò tardiva la sostituzione dei due succitati giocatori con Celik e Baldanzi, anche se ho capito che De Rossi è uno che vuole imporre le sue scelte anche a dispetto della logica per referenziarsi presso chi lo giudica,tifosi e media.
    In ultimo,stasera la squadra era con le gomme a terra,cosa che già si era palesata a Firenze domenica scorsa.
    Per la ripresa del campionato, bisogna tonificare un pò tutti i giocatori per la volata finale,recuperando magari qualche assente tipo Kristensen e Dybala.
    A Lecce senza Pellegrini squalificato, non sarà una gara facile.

  2. partita cetriolo portata a casa meritatamente, il Sassuolo ha preso un palo su deviazione, ottimo andare alla sosta con questa vittoria, e ddr non sbaglia mai una dichiarazione

  3. Nonostante la vittoria , spero che DDR si renda conto che la squadra e’ in flessione sia di gioco che atletico. Speriamo che la sosta sia benefica per ritrovare brillantezza sia di gambe che di testa. FR

  4. Baldanzi mi ricorda il primissimo Cassano ma devono fargli mangiare tante bistecche per fargli mettere su fisico…scherzi a parte credo sia sulla buona strada e soprattutto non ha la testa di c…di Cassano. A lecce proverei a farlo giocare dal primo minuto

  5. Non una bella prestazione oggi, si può dire, e un benedetto pizzico di fortuna su quella sliding door della sciagurata deviazione di Llorente.
    Tra Firenze e oggi si poteva uscire con un solo misero punto e invece ne contiamo quattro.
    In entrambe le partite ci sono stati due “esperimenti” che non hanno dato i frutti sperati: quello francamente audace di Angelino a destra a Firenze e questo di stasera con Aouar al posto di Dybala che sembrava avere più fondamento ma che invece si è rivelato una grande delusione.
    Verrebbe da dire che sarebbe meglio piantarla qui fino a fine stagione coi tentativi perché ogni punto adesso pesa come un macigno.
    Deve giocare chi dà garanzie e nella posizione in cui è in grado di darle.

  6. Ha risegnato la pippa! Abbiamo grandi speranze visto che, come si diceva qualche tempo fa, c’avemo na squadra de pippe. Mo se segnano le pippe ci aspetta un fine campionato splendido 😁😁

    • Nel Frattempo il Napoli Perde Spero che finisca cosi’ Guardarsi le spalle, non è un male

  7. si vedeva un po’ di affaticamento generale…
    per una volta la sosta arriva nel momento giusto per riprendere fiato…

  8. Davvero non si capisce che questa era una partita trappola come poche?..

    Sono diversi i motivi..

    Il Sassuolo ha cambiato totalmente modo di fare calcio.. Non è più una squadra che lascia tanti spazi per attaccare.. Sono una squadra pronta a giocare in 10 dietro la linea del pallone

    La Roma veniva da un impegno che ha comunque portato via tante energie..

    Loro non avevano nulla da perdere ed è così che hanno giocato..

    Ci manca il maggior costruttore di gioco di tutta la squadra.. Ovviamente Dybala..

    E per finire se Lukaku a due metri dalla porta di testa continua a sbagliare, non aiuta..

    Abbiamo portato a casa tre punti di un importanza incredibile..

    Perché teniamo il quinto posto che ad oggi è valido per la Champions..

    Teniamo il passo del Bologna.. Ma rimaniamo davanti all’Atalanta..

    E lasciamo un distacco di 7/8 a Napoli, Fiorentina, Lazio (Napoli che in questo momento sta perdendo)..

    Fiorentina e Atalanta con una partita in meno.. Ma comunque una delle due o magari entrambe si toglieranno punti..

    Nelle ultime 9 partite probabilmente solamente l’Inter ha fatto meglio di questa Roma.. Lo stesso Milan nelle ultime 9 ha raccolto molto meno di noi..

    Chiaramente tra poco arriveranno gli scontri diretti.. E noi negli ultimi 4/5 anni negli scontri diretti abbiamo fatto veramente pochissimi punti.. Se si riuscisse a migliorare anche questa media, ci sarebbe un miglioramento totale..

    La pausa arriva secondo me nel momento giusto prima dello step finale.. Bisognerà ripartire forte..

    Forza Roma

  9. Cercare per forza difetti in questa Roma!
    Ma che vogliamo? ci sono anche gli avversari, stasera molto dignitosi, c’è la stanchezza per le partite di coppa, ecc
    Prima collo Special One non riuscivano a fare tre passaggi di fila, adesso tengono il pallino del gioco, sanno difendere meglio, un portiere vero. Giocatori rinati (Pellegrini su tutti) e risultati finora sempre positivi.
    A me, che non tifo Inter, Real Madrid e City sta molto bene così

  10. Lecce, derby e Udinese, se le vinciamo tutte e 3 andiamo molto vicini ai gobbi maledetti che hanno tre partite complicate (quaglie all’Olimpico, Fiorentina e derby). E se il 5 maggio giorno di Roma-Juve fosse la partita del sorpasso ?

    • Tre partite di vantaggio su nove da giocare, noi abbiamo derby, Bologna, Atalanta, Napoli e loro.
      Per me mission impossible, anche se a noi tifosi romanisti basta poco per volare di fantasia.
      Certo è che la Juve, dopo la sconfitta con l’Inter che ha decretato la fine dei sogni scudetto, ha perso la bussola, senza coppe e con troppi punti sulla quinta per doversi guardare dietro.
      Non avere obiettivi da perseguire è tremendo.

  11. Mi piacerebbe sapere il rullino di marcia di Ddr tra pareggi e vittorie Mi sembra che da quando è arrivato sino ad ora abbia tenuto un buon rullino di marcia. Rimanendo con i piedi per terra e superata (come mi auguro) la fase di stanchezza. Nonostante un Lukaku in affanno, recuperati sia Abraham che Dybala non la vedo cosi’ difficile. Angelino mi da l’impressione che sia un calciatore ancora tutto da scoprire. Nonostante quel che si dica, Baldanzi non mi pare cosi’ male. Diamogli il tempo di migliorare, son convinto che farà buone cose. Karsdorp fuori posto, spero che migliori ma la vedo molto dura. Sempre Forza Roma💛💖

  12. Quando si fanno commenti che abbiamo giocato male, che questo e quello hanno giocato male, ricordiamoci che abbiamo giocato giovedì sera alle 21.00 in casa del Brighton, mentre lo Scansiono era fresco e riposato.
    Quindi solo complimenti ai ragazzi che hanno portato a casa tre punti importanti

  13. ho contato otto azioni pulite contro una deviata sul palo da svilar, senza la partita del giovedì in condizioni normali finiva 7 a 1…..
    MISTER DDR SPAZIALE! 21 PUNTI IN 9 GARE!!!!
    7 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta.
    CHE SPETTACCOLO!!!!!💛❤

  14. Daje DDR !!! Avanti così senza mollare di un centimetro.
    Se consideriamo i punti di De Rossi contro le stesse avversarie affrontate dalle altre squadre per quanto riguarda le 9 partite in questione, la Roma sarebbe seconda da sola dietro l’inda contro la quale non meritava di perdere e nemmeno ci avrebbe perso se all’inda non avessero dato 2 gol che erano da annullare, anche quello con cui ci hanno ribaltato in quell’inizio di 2° tempo era una ripartenza viziata da un fallo non fischiato a centrocampo su Lukaku.
    Poi, probabilmente avremmo vinto anche a Firenze se fosse stato espulso Bonaventura e fosse stato fischiato fallo in attacco annullando il 2-1 di Mandragora.
    Grande Mister !!!

  15. Partita dominata, abbiamo fallito qualche palla gol di troppo e un paio di sbavature che potevano costarci caro, bene così. Unica cosa che mi chiedo ma Karsdrop giocherebbe titolare in qualche squadra di serie B? Mi pare in costante involuzione da anni oramai.

  16. DDR dovrà purtroppo fare una rinuncia difficile.
    La condizione fisica generale e il tasso tecnico non certo eccellente dei sostituiti sulle fasce (Karsdorp non sa spingere, Angelino non sa difendere e Zalewski è Zalewski…) potrebbero mettere a repentaglio sia gli obiettivi di campionato e sia quelli di EL se non si deciderà di scartarne uno.
    Se ci si concentrasse maggiormente sull’EL (5 partite di altissimo livello) per arrivare a dama (qualificazione CL solo con vittoria in finale), sarebbe un mini torneo con meno probabilità di riuscita considerata l’altissima competitività di quest’anno (Milan, Leverkusen, Liverpool, Atalanta, West Ham, Benfica…) rispetto a quella più modesta dello scorso anno e con 8 partite “obbligatorie” da disputare fino alla fine del campionato. Nella migliore delle ipotesi, parliamo di 13 partite in 2 mesi con una media micidiale di un match ogni 4 giorni e mezzo circa, un recupero forze ulteriormente sottratto dalle partite serali internazionali fuori casa (vedi l’arrivo dei nostri a Roma venerdì alle 3 del mattino da Brighton) e con una striscia di partite in serie A la cui volata finale sarà drammatica tra Pecoreccia, Bologna, Juventus, Napoli e Atalanta da affrontare…
    Se invece facessimo un “all in” in queste ultime 8 partite di serie A, avremmo, secondo me, più chance di qualificarci per la CL posizionandoci o quinti o anche quarti in campionato. Ed è questo quello che conta essenzialmente dal punto di vista finanziario al fine di poter mettere a disposizione di DDR una rosa altamente competitiva almeno in Serie A. Senza dubbio, giocandoci tutto in questo finale di campionato, è la scelta meno rischiosa e faticosa poiché sarà l’Atalanta alle nostre spalle in classifica a doversi giocare tutto in EL se vuole un posto in CL… come così il Milan, già “quasi” qualificato in CL, si dedicherà molto di più all’EL lasciando magari qualche punticino in campionato per gli inseguitori dei diretti concorrenti come Bologna, Napoli e Fiorentina che coppe non hanno… e noi, che coppe non avremo più.
    Lo so, è brutto da dirsi… ma è la realtà nuda e cruda.

    • Scusate, intendevo dire “Bologna, Napoli, Pecoreccia e Juventus che coppe non hanno…”. In effetti ci sarebbe la coppa Italia, ma i formaggiari specialmente, pur di fare uno sgarbo alla Roma, “possono anche non arrivare in finale”, come dicono loro.

    • Lo stesso discorso dell’Atalanta “più concentrata” in EL vale per la più distaccata Viola in classifica che, secondo me, proverà a tutti i costi di vincere la Conference (molto più abbordabile rispetto all’EL di quest’anno!) per cercare di conquistarsi l’automatica qualificazione in EL. D’altronde, la Viola avendo ancora Milan, Juventus, Atalanta e l’agguerrita Napoli come scontri diretti in campionato, credo che rinuncerà ad ogni velleità di qualificarsi in CL massacrandosi contro di queste e rischiando di rimanere a “mani vuote”. Le converrà dedicarsi maggiormente alla conquista della Conference Cup che le permetterà di accedere automaticamente in EL la prossima stagione.

  17. Dichiarazioni giuste ! tranne su pellegrini che avrei evitato che è un giocatore fortissimo e un giocatore maturo bastava un bravo. Lo so che anche il prossimo anno lo dobbiamo vedere titolare ma per me rimarrà sempre un giocatore limitato sia tecnicamente che di maturità dato che è scappato da Trigoria invece di parlare con i tifosi. A i giornali a favore e si vede e capisco tutto ma non paragonate a foden che è di un altro pianeta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome