DYBALA: “Ho chiamato Mourinho prima di mia madre dopo il Mondiale vinto. Paredes? Josè mi chiese: ‘Leo è disposto a tornare?'”

8
430

NOTIZIE AS ROMA – Torna a parlare Paulo Dybala, lo fa attraverso una lunga chiacchierata con il giornalista argentino Gaston Edul sulla sua pagina Youtube. Tanti gli argomenti trattati dalla Joya: dalla sfera privata alla sua avventura in nazionale, fino al rapporto con Mourinho. Ecco le sue parole:

Innanzitutto come stai?
“Per fortuna bene, ho lavorato tanto. Ho avuto una lesione al collaterale che mi ha causato un po’ di dolore. Però sono riuscito a recuperare rapidamente, in partita mi sono sentito molto bene. Ho avuto un problema simile quando stavo alla Juve, mi sono lesionato il collaterale e avevo lo stesso dolore. Dopo la partita (contro il Cagliari, ndr) c’erano anche le convocazioni della nazionale ed è la prima cosa a cui ho pensato. Poi con i trattamenti e il lavoro specifico ho recuperato in fretta, in 20 giorni come mi avevano detto i dottori”.

Cosa significa non poter giocare con la nazionale?
“Orribile, in passato ho dovuto saltare una Coppa America. Ho dovuto cambiare il tipo di lavoro e alcuni trattamenti per non soffrire con gli infortuni. Non essere presente per le ultime convocazioni è stato un dolore grande, ma non puoi farci nulla. La cosa più importante è recuparare in fretta ed essere a dispozione della nazionale e della Roma”.

Che gruppo è stato quello della nazionale?
“Un gruppo incredibile. C’erano tanti giocatori forti. Nessuno poteva rilassarsi perchè se lo facevi c’era qualcun altro pronto a giocare al posto tuo. Ci sono tanti meriti di mister Scaloni e di tutto il gruppo. Nelle qualificazioni siamo stata l’unica nazionale a non aver subito gol, la partita contro la Boliva è stata incredibile”.

Su Messi…
“Messi è il miglior giocatore della storia ma per molti aveva bisogno di vincere il Mondiale, ora che l’ha vinto dicono che non meritava il Pallone d’Oro. È molto contraddittorio. Prima ti chiedono una cosa e quando ce l’hai ti dicono che non basta. Per quello che Messi ha fatto in tutta la sua carriera è difficile non dargli il Pallone d’Oro, anche negli anni in cui non lo ha vinto. Gioca un altro calcio, e lo ha fatto per tanti anni. È chiaro che ci possono essere tante preferenze, ma nell’anno del mondiale era impossibile non darlo a Messi, è il torneo più importante del mondo ed è normale sia andata così”.

Sull’addio di Di Maria..
“Spero che il ‘Fideo’ cambi idea. Cercheremo di fargli cambiare idea e di aspettare ancora un po’. Lo vedo in buona forma fisicamente ed è un giocatore incredibile, molto importante per il gruppo sotto ogni aspetto”.

Sulla felicità di Josè Mourinho dopo la vittoria al mondiale dell’Argentina?
“Quando finì la partita con la Francia ero nella stanza per fare l’anti-doping, vado nello spogliatoio, prendo il telefono per parlare con la mia famiglia e vedo 5 chiamate perse da Mou. Credo di averlo chiamato prima di mia madre. Era molto felice perché ama gli argentini. Mi racconta sempre cose bellissime anche di Di María e di Messi, gli vuole molto bene. Ha un grande affetto per tutti gli argentini.”

Come hai preparato la richiesta di matrimonio per Oriana?
“C’è voluto tempo, ho dovuto organizzare tutto, aspettare l’arrivo di alcuni amici. Volevo sorprenderla e per fortuna ci sono riuscito. Il video che è uscito lo ha registrato un amico, c’era anche Alvaro Morata, che era complice di questa sorpresa. L’unica che non sapeva nulla era Oriana”.

Il video di Paredes?
“Appena l’ho visto l’ho pregato di passarmi il video, perchè nessuno aveva una ripresa di quel momento. Lui è stato il primo a pubblicare qualcosa, poi anche Oriana e un altro mio amico hanno pubblicato alcuni video”.

Ora ti sposerai quando il calendario lo permetterà?
“Si, è difficile per le tante partite. L’idea è quello di farlo in Argentina per stare vicino alle nostre famiglie e ai nostri amici”.

Ti emozioni se pensi al mondiale?
“È impossibile non farlo, tutti che ci chiedevano foto, video, un ricordo. È una cosa che resterà per sempre, per tutta la vita. In carriera puoi vincere tanti trofei ma nulla è come il mondiale”.

Hai influito sul ritorno di Paredes a Roma?
“Ho provato a convincerlo, quando ho parlato con lui la prima volta ancora non sapeva se tornare a Parigi o giocare per un’altra squadra. Ho parlato con Mourinho un paio di volte perché sapevo che voleva tornare a Roma. Un giorno, dal nulla, arriva Mou e mi dice: ‘Leandro è disposto a venire?’ L’ho chiamato e gli ho detto di tornare. Mi mancava parlare spagnolo nello spogliatoio, le nostre famiglie si conoscono. Gli piace molto la città, come a me. Questa è una città in cui la gente vive il calcio come in Argentina”.

Articolo precedenteLampard: “Io e Terry in lacrime il giorno dell’addio di Mourinho. E’ stato l’allenatore che mi ha fatto crescere di più”
Articolo successivoLazio, Sarri: “La Roma a Praga giocherà un’amichevole, la nostra è stata una guerra. Derby dopo le coppe scelta di gente estranea al calcio”

8 Commenti

  1. Se se ne andrà Mourinho a fine anno, scordiamoci i Dybala e i Lukaku.
    Al loro posto arriverà finalmente Stokà,con buona pace degli Abbocconi.
    😮

    • e a noi ce rimane solo ngulo , faglielo capire questi preferiscono i bonsai e gennaio essere gia fuori da tutto ma entrare in champion io invece ogni anno voglio arrivare a maggio ancora palpitante per qualcosa , nei tempi andati a gennaio mi dedicavo alle boccie nenahce le partite vedevo piu tanto eravamo fuori dalle coppe dalla coppa italia e a 12/15 punti dalla 1° , meglio il torneo di bocce .

    • esatto zenone sarà così, spero che il popolo romanista si unisca intorno al mister che ci ha ridato anche credibilità a livello internazionale!
      mentre quello italiano, parlo di credibilità, non ne ha al suo interno che vuoi recuperare…non si è capito che fanno di tutto per metterci i bastoni tra le ruote?
      io rinnoverei il mister per altri 10 anni…gridiamolo al pulciaro texano

  2. CdS:
    Dybala lascia la Roma. Il matrimonio in Argentina e’ la scusa per andarsene di soppiatto.
    😂😂😂😂😂😂😂😂

  3. dopo dite che i giocatori non chiamano Mourinho….
    quelli che valgono qualcosa come giocatori sono qui per lui, io lo ripeto io, gli farei un contratto da 10 anni al mister.
    e senza batter ciglio, peccato che la roma non sia mia ma di quei pulciari texani…unica cosa buona che hanno fatto (senza prevedere che sarebbe stata un arma a doppio taglio) è stato prendere il miglior allenatore al mondo!

    • Amico mio non sono pulciari….sono americani,li i reati finanziari ti portano in carcere subito non e come da noi che esiste ancora la Juventus ….devono essere in regola è il loro modo di vivere la finanza…..siccome hanno messo paletti,loro li rispettano e almeno non rischiano come altri di sentir suonare il citofono alle 4 del mattino…..hanno messo una montagna di soldi… quando possono lo fanno…..quando non possono….evitano di fare impicci .Questo per noi in Italia vuol dire essere fessi.Quelli sbagliati siamo noi….e chi governa il calcio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome