DYBALA: “Ho detto no ad altre proposte, a Roma sto bene. Io e Mou ne abbiamo parlato, vogliamo dare qualcosa in più alla Roma”

26
2000

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Paulo Dybala ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di “AS” parlando tra le altre cose delle sue impressioni in vista della prossima stagione con la maglia della Roma e della sua esperienza nella Capitale. Ecco le sue parole:

Paulo, inizia una nuova stagione.
“Sono molto contento. Per anni non avevo svolto una preparazione dall’inizio. Mi farà bene”.

Stiamo vivendo l’estate dell’Arabia Saudita.
“Il calcio è uno sport globale, lo guardano in tutto il mondo e lì hanno lo stesso diritto che abbiamo noi di vedere da vicino i grandi personaggi. Poi spetta a ciascuno prendere questa decisione. A livello agonistico è molto presto, hanno iniziato a ingaggiare giocatori adesso, come faceva allora la MLS”.

Anche tu hai ricevuto delle proposte e hai deciso di restare a Roma.
“Perché mi sento bene qui. Mi hanno trattato in un modo unico. Durante le vacanze ho continuato a chiacchierare con Mou ed entrambi volevamo davvero dare qualcosa in più. Siamo stati vicini al raggiungimento di un obiettivo importante e ci è rimasto quel sapore agrodolce. Mi sono sentito molto a mio agio sotto tutti gli aspetti. Inoltre alla fine del percorso abbiamo una gara molto importante con la Nazionale, fare le cose bene qui mi aiuterà ad essere lì per vincere il trofeo che mi manca con l’Argentina”.

Vede una Serie A in crescita?
“L’anno scorso c’è stata molta concorrenza e lo stesso accadrà quest’anno. Difficile scegliere il miglior candidato per lo scudetto, diversi si sono rinforzati. Le italiane hanno fatto molto bene in tutte le competizioni: l’Inter era vicinissima alla Champions League e tutti pensavano che il City avrebbe segnato tanti gol contro di loro in finale. Purtroppo abbiamo perso ai rigori, anche la Fiorentina era a un passo dalla vittoria in Conference. Spero continui così, il calcio italiano se lo merita”.

Che ricordo hai della finale con il Siviglia?
“Molto triste. Sono arrivato in finale con quel tanto che basta a causa di una botta, ma per fortuna ho potuto esserci e dare una mano, anche se purtroppo non è bastato. Penso che ce lo siamo meritato, anche se il Siviglia ha preso una strada molto difficile per arrivarci. I rigori hanno deciso che erano loro i campioni e bisogna congratularsi con loro. Per noi è stato un grande dolore”.

In Supercoppa gli andalusi hanno fatto soffrire il City.
“L’ho visto, avevano la possibilità di vincere. A tratti sembrava che ogni contropiede potesse essere un gol e l’ultimo rigore è stato quasi fermato da Bono. Il calcio è così”.

Mou ha detto che sei d’oro e un “ragazzo di un’altra epoca”.
“Se lo pensa un allenatore che ha fatto numeri incredibili è un enorme piacere. Dico sempre che è il gruppo che mi fa stare bene e può dare il massimo. Sono grato a lui, al suo staff e ai colleghi”.

Ha concluso qui la sua prima stagione con 18 gol e otto assist. A volte sembra che Roma ruoti intorno alle sue idee.
“Confido molto in me stesso, in quello che posso dare. Se i compagni si appoggiano a me, è una bellissima responsabilità. A volte sembra che non abbiamo un gioco molto appariscente, ma è sempre molto efficace e questo fa risaltare i risultati individuali dei giocatori”.

Che Roma vedremo quest’anno?
“Cercheremo di migliorare in tutte le competizioni. Vogliamo regalare un titolo ai tifosi, se lo meritano. Con i rinforzi arrivati ​​e quelli che potrebbero arrivare, abbiamo un’ottima rosa. Cercheremo di essere più aggressivi, più profondi, con un gioco che ci dia più opzioni”.

Ha parlato di rinforzi, e il suo amico Morata ha fatto molto rumore…
“E io l’ho sempre chiamato (ride). Siamo molto amici, è quasi di famiglia, lo conosco da molto tempo. Ovviamente è un’opzione non praticabile, ma mi sarebbe piaciuto averlo qui a Roma con noi. Ci siamo conosciuti al nostro primo anno alla Juve, fin dall’inizio abbiamo avuto una grande amicizia che è cresciuta negli anni. Con la nascita di Bella, la loro ultima figlia, ci hanno sorpreso dicendo che io e la mia compagna saremmo stati i padrini. È stato bellissimo e ogni volta che è possibile viaggiamo per andare a trovarli, anche se ora vogliamo vedere la ragazza più che i suoi genitori (ride).

È appena arrivato un suo amico: Paredes.
“Quando ho saputo che poteva venire, l’ho chiamato tutti i giorni, chiedendogli notizie e se potevo aiutarlo in qualche modo. Sono stato molto contento, so che gli piacciono molto la città e il club. La qualità che ha ci aiuterà molto”.

Cosa hai imparato da Roma vivendola da dentro?
“La passione e il senso di appartenenza che hanno è molto simile a quello che si vive in Argentina. In Europa, per noi che veniamo da lì, tutto sembra più tranquillo, ma qui è diverso. La gente te lo fa sentire dal primo giorno, molti mettono il club come la cosa più importante della vita, anche prima delle loro famiglie. Lo dimostrano in ogni partita: l’anno scorso l’Olimpico era sempre pieno. Combattere in ogni partita con loro è stato molto bello. Quando sono arrivato come rivale ho visto l’atmosfera, ma non l’ho vissuta come ora”.

Totti l’elogia sempre e ne ha chiesto l’acquisto. Hai parlato con lui?
“L’ho visto prima di venire alla partita di beneficenza di Eto’o a Milano. Non abbiamo parlato molto, perché c’erano le telecamere, ma sono molto grato per le parole che ha detto su di me. Qui è un dio, è un mito per il popolo e ha tutta la mia ammirazione”.

Come hai vissuto il giorno della tua storica presentazione?
“Non sapevo niente. Dopo la conferenza, il direttore Tiago mi ha detto che ci sarebbe stata una presentazione, ma io ho solo immaginato una foto e qualche video. Non avrei mai immaginato tutto questo. Stavamo andando in centro, siamo passati davanti al Colosseo quadrato e ho iniziato a vedere gente con le bandiere… È stato un momento molto folle. A volte giochi davanti a 70.000 persone e sei calmo, lì ero nervoso. Tutte quelle persone erano lì per me, che non avevo mai giocato per loro e venivo da un rivale. Una volta uscito, ho cercato di godermelo e di vivere il momento. Venivo da un momento difficile e questo mi ha dato una grande gioia”.

La ‘rivale’ era la Juve. 12 titoli, 293 partite, 115 gol come Baggio e il costante elogio di un’altra leggenda come Del Piero. È stato difficile cambiare?
“Non è stato facile ed è stato inaspettato. Qualche mese prima ho scoperto che non sarei stato preso in considerazione dal club, ma fino a pochi giorni prima la realtà era diversa. È stato un duro colpo, sono passati tanti anni ed era come casa mia. Conoscevo tutti, lo stadio, i tifosi, ero il secondo capitano… La mia idea era di continuare lì, ma il calcio porta a queste cose, non sono stato il primo e non sarò l’ultimo. Sono e sarò grato alla società, che mi ha fatto crescere come persona e come calciatore. Sono stati sette anni molto belli”.

Lì ha giocato con Cristiano, in Argentina, con Messi.
“Stando accanto a loro impari solo. Se sei intelligente, solo osservandoli ti rendi conto di molte cose: di come si muovono, di come si prendono cura di se stessi, di ogni dettaglio. Devi cercare di assorbire, poi è difficile fare quello che fanno, perché nessuno l’ha fatto. Sono un privilegiato: ho giocato e vinto con entrambi”.

Ha assorbito tanto: con il portoghese è stato MVP della Serie A, con l’argentino ha raggiunto il tetto del mondo.
“Con Cristiano ci sono stati tre anni in cui abbiamo vinto tanto e avevamo una squadra incredibile. Ho condiviso una squadra con Leo per molti anni e gli ultimi anni sono stati incredibili. Dopo tanto combattere, se lo meritava e ha finito per essere incoronato il migliore”.

Lo segui in MLS?
“Sì, non sono sorpreso dai loro numeri. Sarà in un’altra finale, ha l’opportunità di essere il giocatore con più titoli nella storia… E Cristiano ha vinto un altro titolo in Arabia. Non è normale quello che fanno”.

Negli Stati Uniti segue anche la NBA.
“Mi piace molto. Purtroppo abbiamo finito la stagione in ritardo e non sono potuto andare a vedere le finali, ma a volte ho l’opportunità di andare a vedere una partita dei playoff”.

Jalen Brunson, durante i playoff, ha festeggiato con un gesto simile alla sua ‘ Maschera ‘.
“Sì! Non stavo guardando la partita, con la preparazione è difficile, ma mi hanno mandato subito la foto”.

Sappiamo che sei un appassionato di tennis. E un amico molto intimo di Alcaraz.
“È un fenomeno. Ci siamo incontrati in un colloquio ATP e siamo rimasti in contatto. Non mi piace disturbare, ma gli ho detto che sarei stato a Wimbledon quest’anno, l’ho aspettato dopo una partita e siamo rimasti a chiacchierare. Mi ha detto che mi avrebbe mandato un regalo e io ho risposto: “Non ancora. So che vincerai Wimbledon e quando accadrà, è lì che voglio il regalo. Non prima”. È andata così. Carlos è incredibile, segnerà i prossimi 15 anni. Quello che hanno fatto Nadal, Federer e Djokovic non è facile, ma ci sono tutti i presupposti. Rafa è per te come Messi o Maradona per noi: non voglio ancora paragonarlo, ma Alcaraz ha tutto per essere come lui”.

Lo abbiamo visto anche a Silverstone.
“La Formula 1 ci ha invitato, non ero mai stato a una gara e mi è piaciuto molto. È un evento che non immaginavo così, ho visto le macchine da vicino, ho chiacchierato con i piloti. Era conoscere un’altra realtà: i piloti, come nel tennis, sono soli. C’è molta psicologia e ho chiesto molto sulla sua preparazione. Vanno a una velocità incredibile in spazi così piccoli…”

Tornando al calcio, gli ricordo che è un campione del mondo.
“Più passa il tempo e più me ne rendo conto. L’adrenalina dei festeggiamenti non lascia il tempo di pensare. Adesso cammini e incontri degli argentini che ti ringraziano in modo unico. La situazione nel nostro paese non è così facile, aver dato alle persone tanta gioia è una ricompensa. Sono tanti i momenti che mi porto dentro, ma uno dei più belli è quando ti danno la medaglia, cammini e in mezzo c’è la Coppa, con nessun altro. Vederla brillare lì, poterla toccare, baciare… È l’unico momento in cui vivi da solo con lei. È allora che dici: “L’abbiamo fatto, è nostro”.

Ha vinto due titoli. Gli resta la Copa América.
“Chiaro. È uno dei miei obiettivi. Abbiamo vinto il Mondiale, la Finalissima e quando è stata vinta la Copa América non potevo esserci. Darò tutto per essere lì e lottare per il trofeo che mi manca”.

È nella sua maturità calcistica. Che obiettivo hai ora?
“Sono in un momento ideale, di maturità e di forma fisica. Dopo aver realizzato tante cose, vedo le gare in modo diverso e sento di poter aiutare i miei compagni di squadra. Il mio primo obiettivo è essere sempre al 100% e il secondo è vincere. Quando vinci, vuoi sempre di più. Oggi nello spogliatoio abbiamo giocatori e un allenatore con tanti trofei, quindi si crea una mentalità vincente e che, nei dettagli, può essere decisiva”.

Una maturità che vive anche fuori dal campo. Sui social è seguito da 100 milioni di persone.
“Cerco di essere il più naturale possibile, me stesso. Questo mi ha aiutato, forse è quello che gli piace di me, non ho mai mostrato qualcosa che non sono. Non lo vivo come un peso o una responsabilità, cerco di fare le cose bene, senza mancare di rispetto a nessuno. So che molti bambini mi guardano e io cerco di essere il miglior esempio con naturalezza, senza vendere fumo, dimostrando che essendo un lavoratore puoi realizzare i tuoi sogni”.

Hai trascorso quasi tutta la tua carriera in Italia, pensi di tornare a giocare a calcio in Argentina?
“Spero un giorno di poter tornare. Oggi sono felice in Italia, che sento anche come casa mia. Il paese mi tratta bene e anche i tifosi, qualunque sia il club. Non ho mai avuto problemi con i tifosi di altri club, quindi ti senti come se ti fossi guadagnato il rispetto delle persone in campo e fuori. Ed è molto carino”.

Fonte: AS.com

Articolo precedenteRoma, suggestione Lukaku: Pinto ora aspetta la fine del mercato per cogliere l’occasione
Articolo successivoPAULO SOUSA: “Roma da scudetto con un grande attaccante. Impossibile ripetere la gara dell’anno scorso”

26 Commenti

  1. Sono arrivato fino alla domanda sulla finale di Coppa, mi sono sentito male con bruciori di stomaco, dovuti al nervoso che mi viene ripensando a tutto quello che ci hanno fatto prima e durante la gara.
    Si era già complicato tutto quando a Bergamo, in Atalanta – ROMA, , a 4/5 muniti dalla fine , con la partita ormai finita visto il risultato di 3-1, Un dopato di merd*, ( checché ne dicano i SAGGI, il Nandrolone e’ doping) Palomino va a fare un intervento da criminale pezzo di merd*, su Dybala, che solo grazie a Dio non gli ha causato guai peggiori, ma che comunque ci ha impedito di poter avere Dybala in piena forma per la finale, con un solo piede li aveva purgati figurati se stava bene.
    In quei giorni , i soliti noti ( pochi per fortuna) invece di inveire contro Palomino il Dopatino e contro la federazione di pagliacci che lo aveva graziato, se ne uscivano con il solito mantra :
    Dybala e’fraccicco se no quando lo prendevamo noi.
    Questo prima della gara , poi durante la gara , l’arbitraggio di un altro zozzone ci ha impedito di vincere una coppa strameritata.
    Inoltre Dybala lancia un messaggio a Matic : io sono rimasto io, nonostante le offerte…

    • La cosa più triste è che cesaroni filo lazziesi come i vari Zenone, Zi Bah, Asterix, Marcello, festuzio, Mauro, Franco65, Tonto73, Fra74, Maruzio Anima Triste, Testaccino (per finta), romano (per finta), slimer, Ric, Rod, Max, Vox populi, francesca e simili diranno che è tutto falsato e che il problema sono i giocatori, Mourinho, Pinto e i Friedkin..

    • Mi sono dimenticato pure dei vari Tottijo, Di Bruno ce n’è solo uno (che è Bruno Giordano), fred, Flop Hunter, Gladio, Massimo, stefano65

    • Bravi tutt’e due, Gaetano e Romolo.
      Lupe’, te sei scordato er Commissario. 😎😎😎😎😎😎😎😎😎😎

    • Giraldi lo trovo un po’ ambiguo.. delle volte dice cose condivisibili e delle altre sembra peggio de questi

  2. Fa impressione vedere cotanta intelligenza in un calciatore!!!
    Ho la netta sensazione che Dybala sia mato per essere un numero uno!
    Ovunque si fosse cimentato, avrebbe avuto grande successo!
    Mi resta inspiegabile come sia potuto crescere nell’ambiente bianconero!
    Sarà per quel detto: ” ciò che NON AMMAZZA RAFFORZA…”.
    Grande Paulo.
    FORZA ROMA

  3. Credo che meriti la fascia… così avremmo un capitano con la C maiuscola rispettato da tutti sia giocatori che arbitri specialmente in campo internazionale .. il buon lollo seppur apprezzo non ha il carisma le stigmate del capitano.. è questo credo sia sotto gli occhi di tutti

  4. È il più forte e il giocatore più rappresentativo di questa squadra ….Fascia di capitano e maglia numero 10….SUBITOOOOO😍

    • Sulla maglia numero 10 non sono d’accordo. Dopo Totti andrebbe ritirata, così come ha fatto il Napoli con Maradona.
      I tesori vanno preservati, e non dare la numero 10 a nessun altro calciatore è il ringraziamento ad un fuoriclasse e ad un uomo che non ci ha mai abbandonati, nonostante offerte allettanti.

  5. Ragazzo serio, intelligente e grande professionista.
    Mi sorprende l’entusiasmo dimostrato per Paredes, eppure gli esperti del forum già a luglio l’avevano bollato come pippa indesiderata.
    Mah…

    • Perché e’venuto alla Roma, se non veniva alla Roma, allora gli esperti del sito,( che sono gli antisocietari seriali) avrebbero detto : manco quella pippa di Paredes siamo capaci di prendere.
      Che poi sono gli stessi che lo insultavano uomo senza @@ quando giocava a Roma, per poi osannarlo al suo passaggio al PSG, e poi l’anno scorso quando fu preso dalla Juve con :
      Ehhhh ahhhh la Juve prende Paredes , Pinto svegliaaaa il regista quando lo pigliamo..??

  6. ogni scusa è buona per attaccare il nostro capitano romano e romanista
    quanta burinita nelle vostre frasi ma chi se frega di chi fa il capitano
    forza roma a burini

    • Pelle e’ romano (cosi’ dice l’Anagrafe) e (forse) romanista, ma non ha la “Pasta del Capitano”. Leaders ci si nasce, non ci si diventa. E lui non ci nacque. Punto e basta!

  7. Che ti frega chi fa il capitano???? Probabilmente il tuo massimo sport sono state le bocce altrimenti capire sti che un capitano come si deve e tanta robba… ma da uno che se fa chiama tre Pellegrini che te voi aspetta’…stai bene cosi….

  8. e chi le avrebbe fatte queste offerte?Dicci i nomi
    …. Squadre di prima fascia non investono su ingaggi di 6 milioni annui per un giocatore che al massimo può farti 18/20 partite. Ma sia ben chiaro che per noi resta insostituibile essendo l’unico campione vero della squadra

  9. l’articolo parla di diba che centra pellegrini il mio nik è una frase di mou x azzittire i capiscione come te caro zagor da formello

  10. @Roma=Amor
    Ciao, non riesci a spiegarti come Dybala sia cresciuto in quell’ambiente rubbentino che io definisco malsano come ambiente. Ciò accadde perché Sabatini prese Iturbe che costava 10 milioni in meno ma approfittando del fatto che i gobbi interruppero la trattativa col Verona appena appresa la notizia delle dimissioni di Conte dovendosi quindi concentrare sulla ricerca dell’allenatore in sostituzione.
    Sabatini aveva monitorato per la Roma sia Iturbe che Dybala, il primo aveva già il biglietto del treno per Torino e poi è andata come è andata con quello stop al suo acquisto ed è subito finito da noi, Dybala voleva venire alla Roma, disse di essere innamorato di Roma per quella sua passione che ha sempre avuto pur non conoscendo la città, gli piaceva la Roma ed i tifosi, desiderava vivere a Roma.
    C’era anche un’ipotesi che la Joya arrivasse a gennaio col mercato invernale ma quanto accaduto alla rubbentus ha stravolto le cose, preso mister acciuga al posto di Conte, con la Roma che aveva già preso Iturbe, i gobbi sono andati a prendere Dybala che a quel punto non aveva più possibilità di venire alla Roma e dovendo guardare alla carriera professionale a 21 anni, ovviamente ha accettato rimanendo lì dai lestofanti 7 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome