E nello spogliatioio la Roma canta: “La capolista se ne va”

0
547

esultanza-samp-roma

AS ROMA NEWS (IL TEMPO, E. MENGHI) – Espulso, ma felice. Garcia è stato cacciato dalla panchina non tanto per aver applaudito, perché in realtà stava incoraggiando la squadra ancora bloccata sullo 0-0 a Genova, ma per le proteste ascoltate dal quarto uomo e riferite all’arbitro dopo un fallo non dato su Marquinho al limite dell’area. Il francese non ha polemizzato, ha preso il suo taccuino rosso e la penna e si è diretto in tribuna. Al suo fianco il tattico Beccaccioli, che si è subito attrezzato per comunicare conFichaux in panchina. Prima con il telefono che aveva fatto scalpore alla prima uscita stagionale della Roma a Livorno, poi con il vecchio e amato walkie talkie, quello che Garcia usava a Lille per comunicare con i suoi collaboratori. Stavolta lui ha fatto il Bompard della situazione.

«L’espulsione non è importante, lo è la vittoria. Io non ho detto niente di scorretto», spiega il tecnico a fine gara. Poi da bravo comunicatore qual è sposta l’attenzione sul campo, appuntando un cambiamento in positivo:«Forse è stato il miglior primo tempo della stagione. Non dimentico che abbiamo giocato tre partite fuori casa e fare il pieno di punti era molto difficile. Il merito è dei miei giocatori, lo stato d’animo della rosa è fantastico. Lavorano bene, tutti insieme, hanno voglia di fare bene per i nostri tifosi. È stato facile entrare in questo spogliatoio, perché tutti i giocatori vogliono essere uguali, anche quelli importanti come Francesco». Totti conferma che «il gruppo è unito, con elementi validi tra i giocatori in campo e la panchina» e aggiunge: «Il successo contro la Sampdoria ha dato prova di quanto siamo tutti fondamentali ed è dedicato soprattutto a chi magari talvolta gioca meno, ma che si fa trovar pronto quando viene chiamato in causa. Domenica a Roma arriverà il Bologna e spero in un Olimpico pieno: il calore dei tifosi moltiplicherà il nostro entusiasmo e la nostra voglia di vincere».
Quella si è vista in campo e non solo. Negli spogliatoi di Marassi il clima era di quelli festosi ed è partito un coro che non si sentiva da molto tempo: «Se ne va, se ne va la capolista se ne va!». Garcia non vuole nemmeno sentir parlare di tricolore e se la cava con una battuta: «Scudetto? Scusa, non capisco». Ride, poi si fa più serio: «È presto per fare un bilancio, lo faremo dopo 10 partite. È un buon inizio, abbiamo fatto cose importanti per il futuro. Abbiamo vinto sempre con 2 reti di vantaggio. Vuol dire che possiamo segnare in ogni momento. Benatia ha fatto uno slalom e poteva chiedere il rigore, invece ha dato il massimo per fare gol. Questo è il simbolo della squadra». Lui, l’uomo-simbolo di questa vittoria, ricambia i complimenti:«Garcia ha portato tutto, tutto quello che stiamo facendo è una sua idea. Lui è uno che chiede alla squadra di giocare, è attento all’equilibrio della difesa. Non bisogna mollare, siamo solo all’inizio e noi vogliamo fare grandi cose», sottolinea Benatia. Primo gol in giallorosso anche per Gervinho:«Spero sia il primo di una lunga serie». Come nel Lille dello scudetto.
Articolo precedenteEuforia Roma: un centinaio di tifosi accoglie la squadra a Fiumicino
Articolo successivoON AIR – FERRETTI: “Adesso pensiamo al Bologna”, CORSI: “Grande Roma, ma via Marquinho”, ROSSI: “Non abbiamo fatto ancora nulla”, PRUZZO: “Quanto corre Gervinho”, FOCOLARI: “Per me il Bologna è già battuto”, RENGA: “Super Garcia”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome