ON AIR – FERRETTI: “Adesso pensiamo al Bologna”, CORSI: “Grande Roma, ma via Marquinho”, ROSSI: “Non abbiamo fatto ancora nulla”, PRUZZO: “Quanto corre Gervinho”, FOCOLARI: “Per me il Bologna è già battuto”, RENGA: “Super Garcia”

2
493

onair2

GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!
Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Adesso bisogna pensare al Bologna. Adesso arriva il difficile ma anche il bello. Mi raccomando però, niente tabelle, bisogna pensare partita per partita. Questa è una squadra che ha molto del suo allenatore: è molto serena, tranquilla, con una grandissima fase difensiva, ma che poi sa anche attaccare al momento giusto, e lo sa fare bene. Onore a Rudi e ai suoi giocatori. Ora però basta, dobbiamo pensare al Bologna”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “E’ una grande Roma. E’ una Roma serena, consapevole, forte. Ieri Gervinho ha fatto una buona partita, è indubbiamente un giocatore generoso. Totti è riuscito nell’impresa di far segnare pure lui. La Roma batte le squadre con una facilità irrisoria. La Roma se lo può giocare per lo scudetto, io l’ho detto fin dall’inizio, qui se va male arriviamo secondo e terzi se succede una catastrofe. Io spero che Marquinho lo caccino, mi fa schifo, spero che lo vendano alla Lazio. “

David Rossi (Tele Radio Stereo): “E’ un giorno importantissimo, perchè il tifoso della Roma si sveglia e sa di tifare per una squadra di calcio. Non so come finirà questa stagione, ma so che tutti quelli in malafede che aspettavano l’undici di Garcia alla prova del nove, convinti che la sbornia del derby potesse essere fatale. E invece niente, la Roma è stata letale. Il gol di Benatia è la fotografia dello spirito di questa squadra. Ho visto Pjanic combattere su ogni contrasto con una tigna mai vista. Adesso non partiamo con i voli pindarici: dice bene Benatia, la Roma non ha ancora fatto nulla. “

Roberto Renga (Radio Radio):Ieri Garcia si è superato: ha tenuto fuori Totti, Florenzi e Ljajic, e si è messa ad aspettare gli eventi. E l’evento è arrivato con quello slalom incredibile di Benatia. Quella coppia di difensore non erano ben assoriti? E’ vero, ma… Delio Rossi l’aveva studiata bene la partita, si era messa ad aspettare. C’è sempre l’episiodio che favorisce la Roma, perchè è forte tecnicamente. GLi vanno fare i complimenti per Gervinho. Cosa consiglierei a Garcia? Di non accettare consigli..”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Gervinho è un giocatore che comincia a correre al primo minuto e non si ferma più. Lui non sa dove sia la porta, ma alla lunga ti massacra. E’ stato molto importante per la squadra. Molto meno quello di Marquinho che si è pure incazzato alla fine: secondo me anzi doveva toglierlo prima”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “La Roma si conferma in una serata non semplice, perchè l’infortunio di Maicon poteva rappresentare una grossa falla. Dodò ieri non ha fatto una partita da campione, ma merita un sei e mezzo. Ormai se Garcia ci dicesse che bisogna bere a testa in giu, noi lo faremmo. La Roma vince meritatamente, prendendo solo un tiro in porta, fra l’altro quando la squadra era in dieci.”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Il fatto che la Gazzetta dedichi la prima pagina alla Roma titolando “Roma Capoccia” è straordinario, non capita spesso , significa che la Roma sta facendo cose straordinarie.”

Furio Focolari (Radio Radio): “La vittoria della Roma era stata pronosticata, è fantastica, ripete il suo copione: primo tempo morbido, poi quel quarto d’ora che ti fa male davvero. Benatia? L’avevo detto in tempi non sospetti quando i nostalgici piangevano per Marquinhos. In questo momento è il più in forma della Roma. Ma la notizia di ieri non è la Roma: sapevamo tutti che avrebbe vinto. La notizia vera è il pareggio del Napoli a Sassuolo. Secondo me la Roma va guardata e temuta. Anche perchè col Bologna domenica vince di nuovo e fa 18 punti in sei gare. Sei su sei è un’impresa, io il Bologna lo do già battuto, non esiste al mondo”

(Continua…)

Articolo precedenteE nello spogliatioio la Roma canta: “La capolista se ne va”
Articolo successivoCedric-Roma, accordo triennale

2 Commenti

  1. A mio modesto avviso, dopo due anni, diciamo così…di rodaggio. E’ iniziato un bel cambiamento sia sportivo che societario. Arrivano i primi successi sportivi della nuova società Americana, Qualche errore negli ultimi due anni sono stati fatti, ma chi non li fa ?Ora l’importante è che è stata avviata una fase positiva, abbiamo una buona squadra, un bravo allenatore, i nuovi giocatori hanno “cattiveria agonistica”, e ce ne era veramente bisogno. Sabatini quest’anno ha fatto un grande capolavoro, scegliendo Garcia e giocatori di personalità. Ma la strada è lunga e piena di insidie. Che cosa sentiremo alle radio al primo pareggio o sconfitta, il più tardi possibile !! E che cosa leggeremo sui quotidiani sportivi ? A Roma ci esaltiamo e deprimiamo facilmente, in base ai risultati della squadra, sarebbe ora di cambiare mentalità, il calcio non è una guerra, gli avversari non sono nemici da uccidere. Ci vuole equilibrio e buon senso, sia nei comportamenti che nei giudizi. Le radio e i giornali dovrebbero fare campagne di promozione stimolando il cambiamento di questa mentalità, contro la violenza, soprattutto dialettica, il becero razzismo, suggerendo comportamenti di rispetto sportivo dell’avversario, che è un essere umano. Un sano tifo e gustoso sfotto’ è il sale delle “battaglie sportive”, ma tutto deve essere confinato in normali rapporti umani, una festa sportiva caratterizzata da accoglienza, tolleranza e divertimento. E penso agli stadi Inglesi, Spagnoli, Olandesi, Francesi, e al comportamento di quei tifosi…. ci arriveremo ? Nel frattempo auspico che gli Americani riescano a costruirlo il nuovo stadio, che a mio avviso dovrebbe contribuire a eliminare i comportamenti sbagliati…..dei tifosi sbagliati. Forza Roma !!!!

  2. Caro Focolari certo non sei proprio l’emblema della coerenza, anzi l’ipocrisia che avvolge le tue parole è quasi sconcertante!!!
    Ho seguito tutti i commenti di voi “GIORNALISTI” (o presunti tali!!! – preferirei semplicemente chiamarvi commentatori stile Bar dello Sport!!!) in attesa che tu esprimessi pareri inevitabilmente positivi (in questo momento sarebbe paradossale il contrario!!!) ed eccoti qua…
    Fino a poco tempo fa hai gettato tanto di quel fango sulla dirigenza, direttore sportivo, presidente, nuovi acquisti (a parer tuo scarsi), cessioni eccellenti assolutamente sbagliate, ecc… ed ora che fai??? Sali sul carro dei vincenti (non vincitori!!!)…. FACILE EHHH!!!
    Rimango in attesa di altri tuoi esimi “colleghi” i quali anch’essi hanno sputato fango fino a qualche settimana fa….
    Complimenti e prima di parlare della Roma e di tutto ciò che la riguarda bisognerebbe semplicemente ragionare!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome