Europa amara, Roma al palo

96
2569

AS ROMA NEWS – La Roma sbatte sui pali della Red Bull Arena e viene punita nel finale dal gol di Capaldo, una doccia gelata per Smalling e compagni, che fino a quel momento avevano dato la netta sensazione di controllare la partita ed essere superiori al Salisburgo.

Gli austriaci non tengono quel ritmo infernale che tutti si aspettavano alla viglia, complice però la partita accorta dei giallorossi, che Mou manda in campo nella solita versione delle ultime settimane. E nonostante Dybala (che si farà male prima dell’intervallo) e Pellegrini abbiano le polveri bagnate, la squadra riesce a imbrigliare bene i ragazzotti del Salisburgo, giocatori discreti ma che ieri non hanno palesato grandi individualità. 

La Roma, più solida ed esperta, ha prima fatto sfogare la verve dei padroni di casa, capaci di tirare solo dal limite dell’area senza di fatto inquadrare mai la porta, e poi ha provato a colpirla con Abraham, autore di una partita dai due volti: generoso e sempre nel vivo del gioco, preziosissimo riferimento di tutta la squadra, ma incapace di realizzare quel gol che avrebbe forse cambiato la partita nel finale di primo tempo.

Uno sbaglio che pesa, così come quello di Belotti che arriva al termine di un secondo tempo che ha avuto gli stessi crismi del primo: Salisburgo che parte determinato, ma poi subisce il ritorno concreto e determinato dei capitolini, a un passo dal gol prima con Cristante (ieri il migliore in campo) e poi con il Gallo, subentrato a un quarto d’ora dalla fine a Abraham. Ma i legni si mettono ancora una volta di mezzo.

E così la Roma deve pagare pegno alla più dolorosa delle leggi del calcio. E all’88esimo Pavlovic, il migliore dei suoi, scende sulla sinistra e mette un bel cross tagliato a centro area, Capaldo si inserisce bene in area tagliando fuori Matic e apparendo alle spalle dei difensori giallorosso, ed è perfetto nell’impattare di testa sul pallone, che si spegne all’angolino, non dando scampo a Rui Patricio.

L’uno a zero ha il sapore della beffa per una Roma a cui stava addirittura stretto il pari. Ma la qualificazione resta apertissima: all’Olimpico tra una settimana i giallorossi avranno la possibilità di ribaltare un risultato profondamente ingiusto. Servirà più precisione sotto porta e un pizzico di fortuna in più, quella che ieri ha abbanondato ancora una volta i giallorossi.

Andrea Fiorini – Giallorossi.net

Articolo precedenteSMALLING: “Prendere gol nel finale è sempre dura. Giovedì dovremo spingere, ma potremo contare sui nostri tifosi”
Articolo successivoSalisburgo-Roma 1-0, i voti dei quotidiani

96 Commenti

  1. Tammy oltre che generoso devi pure tornare al gol di piede….ma come c…zo si fa a non segnare lanciato a rete da solo! Svejaaaaaaaa pische’!

    • Ma ve li immaginate Totti, Batistuta o Montella soli davanti al portiere? Quante volte gli sarà capitato di sbagliare, in tutta la loro carriera, due? Tre? Qua è uno a partita.
      Poi dice, amo perso. Certo che abbiamo perso, è colpa di Abraham. Io ho finito la pazienza con lui.
      La Roma ha giocato bene. Non meritava di perdere. La situazione di Belotti è diversa, perché lì il portiere fa una cosa assurda, recuperare quel pallone è una parata da oscar. Ma su Tammy il portiere fa quel poco che può, cerca di coprire la porta, ma in genere quello è goal. Punto.
      Celik è inguardabile, è peggio di Karsdorp.

    • Scusa eh,
      d’accordo su Abrahma,
      ma Belotti da 1 metro la ciabatta, tira un pannicello bagnato,
      se avesse tirato non dico forte, ma prendendola almeno bene,
      la palla sarebbe entrata anche la deviazioni di pollice del portiere.
      Per me è l’errore peggiore della serata. Non che gli altri siano poco gravi eh…

      Celik male ma proprio come Karsdorp, uguale uguale uguale…
      solo che Zalevski IERI è riuscito a fare quasi peggio.

    • Dopo 2 anni se po di che pippone? in confronto osimeh è un’altro pianeta, ecco questi sono i veri milioni buttati da pinto.

    • tammy si è trovatoo solo d’avanti al portiere , perchè è stato bravo lui a liberarsi dell’avversario e proteggere il pallone col corpo cambiando piede.
      poi ha sparato in porta come poteva, bravo il portiere e fortunato.
      di meglio non poteva fare .
      ieri abrham è uno dei pochi , assieme a cristante che mi è piaciuto.
      datemi pollici giù, tanto non mi interessa, forse di calcio ne capisco un pochino più di voi , che giudicate a prescindere ,magari guardando la partita dal telefonino in streaming

  2. Uno buono avevamo e lo abbiamo venduto. E ci hanno pure fatto credere che era per il bene della squadra. Si è visto. Giravano medie punti della Roma con Zaniolo e Dybala. Strano ora non si vedono più queste medie. anche perchè sarebbero 4 punti (3 con Empoli e 1 col Lecce) in 5 partite da quando se ne’è andato. Bellissima media.

    • Quello che se n’è andato, perché ha voluto andarsene lui, nun segnava manco dal fornaro, figurete se segnava in campo. Se c’era giocavamo con uno in meno dall’inizio. E basta co sti piagnistei per bimbominkia.

    • @Nico (no Zaniolo) e me sa che l pollo parla proprio del 17 del Galeratesara. C’avemo la prima vedovella

  3. Estremizzo la mia opinione: difendiamo bene e attacchiamo male.
    La difficoltà a segnare su azione manovrata sta cronicizzando, anche a causa della scarsa verve di quelli che dovrebbero essere i nostri principali assist-men (Pellegrini e Dybala), e alla poca freddezza del nostro finalizzatore (Abraham).
    In compenso, subiamo pochi gol; ma in partite giocate sempre sul filo di lana, i gol (sia a favore, sia contro) sono pesantissimi.
    Morale della favola? Giovedì sera non basterà il filo di lana all’Olimpico, serviranno anche lo zuccotto e i calzerotti pesanti… Forse pure il sacco a pelo.
    Daje ROMA

    • per me non estremizzi, è dall’altro anno che dico che mi sembra che Mou, magari tastato la qualità della squadra, abbia puntato soprattutto a creare un difesa solida e compatta, dove anche ieri prendiamo gol per una cappellata di un difensore…
      morale della favola, se i nostri attaccanti Abraham e Belotti e magari saltuariamente anche i nostri esterni segnassero almeno 1 delle 2 palle gol che si creano abbiamo la possibilità ancora di fare un buon finale di stagione, altrimenti temo, visto che nel calcio vince chi segna, rischiamo di finire una stagione classica da romanista, con tanto rammarico e rosicamento per quel che si poteva fare con un pò più di impegno dei professionisti milionari..
      ps curioso che fino a qualche anno fà la fase offensiva è sempre stato un nostro punto di forza…

  4. Risultato immeritato si può dire, sfortuna meno. Sfortuna è quando prendi palo interno, traversa, e la palla esce. Sfortuna è quando l’avversario tira e prendi una deviazione del tuo difensore che spiazza il portiere.
    Non si può parlare di sfortuna quando i tuoi centravanti (7,5 mln complessivi di stipendio netto) si mangiano due gol a 5 e 1 metro dalla porta.
    Non è sfortuna quando con tre centrali che stanno sempre dietro, ti fai fare gol di testa da uno che colpisce indisturbato a difesa schierata.
    Quella è semplicemente la legge spietata del calcio, che da sempre punisce al primo errore chi troppo spreca.
    Ricordo tante partite della “Rometta” anni 70 in cui si costruiva pure tanto, ma poi davanti avevi Musiello o Petrini e le partite alla fine le pareggiavi quando ti andava bene.
    A questo aggiungiamo che uno di quelli che dovrebbe garantire maggiore qualità davanti, cioè Pellegrini, non fa un assist o un tiro in porta dall’inizio della stagione, tranne su calcio piazzato. E che il tuo fuoriclasse vero, l’unico, si ferma ogni tre partite.
    Che il gioco oltremodo sparagnino del tuo allenatore non consente praticamente a nessun altro di arrivare a tirare in porta, tranne che sui soliti calci piazzati.
    Non è sfortuna, si chiamano limiti purtroppo…

    • Non è stata sfortuna? Due pali, clamorose occasioni salvate col culo (letteralmente…) dal portiere avversario, puniti al PRIMO tiro in porta…e questa non sarebbe sfortuna? Ma dai… E poi quello di Abraham secondo me non è un gol mangiato. Lui fa tutto bene, il portiere la salva per miracolo col…sedere. Poteva fare qualcosa di più Belotti, ma anche lì, una sfiga unica, con la palla che sbatte sul portiere, poi sul palo…no, hai ragione, pensandoci bene siamo stati fortunati…

    • Dove sta José onestamente ieri abbiamo avuto sfiga ed il loro portiere ha fatto due miracoli..
      Poi si hsi rsgione alla fine Mourinho non ha avuto il coraggio di mettere sia Abraham che Belotti con Elsharawy dietro ma forse ha voluto risparmiare Tammy ed aveva paura che dietro non reggessimo (come avvenuto).. ma eravamo in controllo onestamente tranne i primi 10 di ogni tempo.

    • buongiorno Dsj, concordo ed aggiungo anche un particolare: La squadra al 60° s affloscia. È successo anche a Lecce. Gli unici che tengono botta fino alla fine sono Cristante Mancini ed Ibanez.

    • È il contrario: poteva fare qualcosa in più Abraham. Lì sei freddo e hai esperienza la Piazzi rasoterra dove il portiere non arriva. Il gallo stava davanti alla palla quindi non poteva imprimergli potenza, ma solo agganciarla. Per me la sfortuna si vede nel fatto che difensivamente sei stato ineccepibile, hai concesso loro un tiro a due minuti dalla fine, e hanno sfruttato l’unica occasione

    • Tutto VERO Vale’, però non possiamo sempre imputare la generosità salariale a questo e a quello… semmai la “colpa” e di chi li ha accordati gli stipendi…purtroppo, di profondamente ingiusto, ci sono ANCHE queste disuguaglianze, non solo i risultati conseguiti sul campo…

    • Caro Silente, potrei dirti che Mourinho ci ha costruito una carriera con la partita che ieri ha fatto il Salisburgo e potrei anche chiuderla qui.
      Ma poiché sono generoso, ti consiglio la visione degli highlights di Parma-Roma stagione 2000/01. Una partita che sembrava stregata, molto peggio di questa, con un rigore sbagliato dal capitano, Delvecchio che scivola a un metro dalla porta dopo aver superato Buffon, tante occasioni sprecate (molte più di ieri), e il Parma che capitalizza l’unica palla gol creata con Di Vaio.
      Poi arrivano due palloni non semplici su lanci di Samuel e Aldair sul destro di Batistuta, entrambi colpiti al volo: indovina dove sono finiti quei due palloni?
      Adesso chiudi gli occhi e prova a pensare cosa ne avrebbero fatto Abraham e Belotti…

    • SSSSSSSSSSSSSHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Se te legge chi so io so guai seriiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!😂😂😂😂😂

    • Scusa Dove sta José ma stai veramente paragonando Batistuta, che è stato il giocatore più importante per lo scudetto con Abraham??
      Paragone ingeneroso per un ragazzo come Tammy.
      Certo anche Lewandosky l’avrebbe messa dentro, ma gli paghi tu lo stipendio?
      L’ingaggio di Batistuta ha inciso sulla crisi finanziaria della Presidenza Sensi..
      Io vedo miglioramenti nel gioco della Roma legati alla crescita di Elsharawy e Matic.

  5. Purtroppo nella storia della Roma partite come questa ce ne sono state molte: una volta è colpa dei pali, un’altra volta dipende dall’arbitro… Io ritengo che se hai una squadra molto competitiva riesci a essere quasi sempre più forte di tutto (e di tutti). L’allenatore è importantissimo, chi lo nega, ma in campo scendono i calciatori, c’è poco da fare.

  6. Ottima disamina. La Roma ieri ha giocato bene ma chi sbaglia paga è una delle regole più rispettate nel calcio.
    Nulla è perduto perché il Salisburgo visto ieri non è sembrato insuperabile ed all’Olimpico possiamo recuperare.
    Abraham sta migliorando, il Faraone è in ottima forma serve più peso in attacco.
    Dybala dietro Belotti ed Abraham (pelle in panchina) oppure elsharawy in avanti con Zalewsky e Kasdrop sulle fasce.
    Avrei preferito risparmiare i titolari ma uscire con questi proprio no..
    Prendiamo a pallonate!!

  7. Mamma mia che titolone! Al palo addirittura…

    La Roma ha giocato bene, perso ingiustamente di misura, c’è la partita di ritorno all’Olimpico, abbiamo sfatato anche il mito della squadra giovane, tecnica che corre a mille dappertutto passandoci tra le gambe…ma un minimo di ottimismo, nooo?

    In campionato siamo a tre punti dal secondo posto con tutte le chance intatte per arrivare nei primi quattro…

    Aiutoooooo 🙂

  8. SalisBucio

    Al ritorno pretendo minimo 3 gol contro sti dopolavoristi

  9. L’ho scritto ieri sera, mi ripeto: la Roma su azione segna pochissimo. Escluso il gol in pieno recupero ed inutile ai fini della qualificazione contro la Cremonese, l’ultimo gol su azione l’ha fatto a Napoli.
    D’altronde 29 gol in 22 giornate la dicono lunga sulla qualità offensiva della squadra.
    Servirebbe una punta che sappia sfruttare le poche occasioni create, purtroppo né Abraham né Belotti sono quel tipo di attaccante.

    Una considerazione su Dybala: quello che stiamo vedendo a Roma è un lontano parente del grande giocatore che ha dimostrato di essere altrove.
    È tornato dal mondiale in uno stato di forma penoso, dovrebbe rifare da capo la preparazione. Chi capisce un po’ di calcio si rende conto che non ha forza nelle gambe, non ha spinta, non ha scatto, non ha velocità, non ha potenza. Qualsiasi altro giocatore, in queste condizioni, non la prenderebbe mai. Lui ogni tanto la prende e fa cose buone perché sfrutta la classe naturale che si porta in dote, ma riduce al minimo quelle giocate perché viene spesso anticipato o fermato da avversari atleticamente più preparati.
    Mi auguro che prima o poi, tra un infortunio e l’altro, torneremo a vedere il vero Dybala perché nelle condizioni attuali, in un calcio sempre più atletico, serve a poco. Come Pellegrini, lontano parente del calciatore visto lo scorso anno.

    • Eccoli … critiche al Mister ed a Dybala dopo le dichiarazioni di qualche giorno fa in polemica con la società con sigle improbabili TRS4 CRS7 GS34 AB22. ..
      Escono come i topi quando richiesto.. non siete tifosi ma dipendenti..
      Potete scrivere a milioni, ma non riuscirete a demolire un campione del mondo e l’allenatore più vincente della storia..

    • purtroppo non è il mondiale bensì la sua storia recente, del resto un Dybala al massimo del fulgore non ce lo saremmo potuti permettere, non avrebbe scelto la Roma e soprattutto non si sarebbe mai svincolato.

  10. Bimbominkia sta bene dove sta. Le vedove restano sempre vedove , o del broccolaro vincitore della coppa bonsai e due carciofi, o di ingrati ed ingordi.
    Si guarda avanti, tenendo pinto sotto doppio controllo segreto come in animal house

    • Iniziamo ad avere rispetto di chi ti ha fatto fare una semifinale di champion che con il tuo totti non se mai manco provato.

    • PERÒ, con Totti, c hai vinto no scudetto… e il BRAND ROMA, fori dal raccordo, è stato sdoganato alla GRANDISSIMA… al bernabeu, al nou camp e all emirates, gli occhi erano SOPRATTUTTO pe’ LUI, no pe l a.s. Roma che si presenta da SEMPRE al cospetto dell EUROPA con una bacheca desolatamente vuota….

    • Paolo B la bacheca europea è vuota?? ahahahahah forse per l’altra sponda del Tevere
      che vi piaccia o no una competizione fresca fresca l’abbiamo portata a casa!!

    • pier, famo a capisse… non è che tutte le volte dovemo menziona’ tirana… ce lo so pure io che l avemo rinfrescata a bacheca… ma quanto ce’ voluto pe’ sto vernissage? 60 anni o me ce sbajo? Io so uno di quelli nel suo piccolo ha festeggiato alla grandissima, ma nun me scordo manco li NOMI di chi ho affrontato…😏 e siccome sono ONESTO SEMPRE, nun me pare che fossero così altisonanti sti nomi… E finimola sempre co sta storia dell esse cazziale si sse dice na cosa distorta dal “sentimentnazionalpopolare”… se poi vogliamo fare per forza i LECCHINI POPULISTI per ingraziarci le simpatie del blog, allora gettamo ‘a mascherina che tanto sto giochetto nun regge più…

    • Paolo non ho dato del lazziale a te, ho detto che loro non hanno niente!e siccome molti “ignorano” la Conference vinta e messa in bacheca, che piaccia o no è un titolo europeo, allora l’ho ricordata o ribadita. per il resto su TOTTI son d’accordissimo con te!!!

  11. La TV arriva anche in Austria e il Salisburgo ha evidentemente studiato la Roma. Si sono un po’ snaturati lasciando 3 fissi dietro, sapendo che così segnamo col contagocce e quasi esclusivamente da calcio d’angolo. Al ritorno copriranno ancora di più e patiremo non poco a segnare due gol, ma tutto sommato ne basta 1 per pareggiare, non abbiamo tutta questa urgenza. Non sarebbe male passare perché alcune squadre forti rischiano già di uscire a questo turno, tipo juve o ajax, oltre a una tra Barca e ManU.

  12. La sfortuna va accettata cos’ come abbiamo accettato di buon grado la fortuna a Tirana (vi siete dimenticati i 2 pali in 5 minuti con le superparate di Rui e il braccio non visto di Cristante?). L’attacco asettico invece è una realtà cronicizzata, anzi acutizzata dagli scarsi fondamentali delle nostre punte centrali Abraham e Belotti. Nonostante ciò, al ritorno è fattibilissima. Questo Salisburgo non vale il Leicester

  13. Quando le cose si mettevano male avevo speranza che almeno zaniolo facesse uscire il coniglio dal cilindro, mo aspettiamo a Pellegrini. Stiamo proprio freschi. Dybala è immenso ma ti basta, bene che vada, per un terzo delle parite. E lo si è sempre saputo. Ora devo sperare che entri solbakken, Se entra. Così va il mondo.

    • piu che il coniglio bimbomix giocava da solo pensando a futuri da strisciato. e’ un bene che sia stato ceduto fara la fine di balotelli

  14. Questa Roma ha un problema enorme di qualità. Nell ordine , togliendo il reparto difensivo che il suo dovere lo fa eccome, a centrocampo manca , Pellegrini ha degli enormi limiti, è una riserva non un top Player, a DX , Dybala è un TOP ma poi alla fine ce l hai con il contagocce, a Sx Elsha ha caratteristiche giuste ma troppo impegnato nella fase difensiva. Mourinho dovrebbe provare a inserire qualità e cambio di passo in mezzo al campo. Giocherei con Camara e Matic , metterei Spinazzola e sposterei Zalesky in regia. Rimane il problema più grande : Abraham, veramente scarso a mio parere ma lo scorso anno i gol li ha fatto è una seconda prova gli va data, purtroppo direi. Adoro Volpato , un predestinato a mio parere.

  15. una squadra di calciatori giovani, max 25 anni, solo al pensiero di incontrare murino e dibala se la dovrebbero fare sotto…. con un olimpico pieno questi si sciolgono.
    daje ROMA!!!!!

  16. Il problema è che ora dopo aver schierato i titolarissimi e perso, ora hai una partita da vincere ad ogni costo col Verona e dopo, a questo punto, fare la partita della vita giovedì tirando fuori tutte le energie per fare due gol al Salisburgo e chiudere a Cremona!
    L’avevo scritto giorni fa, la partita di ieri era da giocare con i rincalzi, magari perdevi uguale magari no, ma cmq volendo la potevi sempre ribaltare al ritorno, adesso ci troveremo con la squadra che contro la Cremonese sarà con la lingua di fuori.

  17. Il livello di molte squadre che la Roma sta affrontando in campionato e coppa non sono di livello superiore alla Roma, quindi non diamo sempre la colpa a Pinto, arbitri, giocatori e giornalai, una bella fetta di responsabilità è anche di Mourinho.
    Se squadre inferiori con le quali abbiamo perso hanno dato esempio di organizzazione e idee in campo, hanno dimostrato che si può giocare a calcio anche senza campionissimi.
    Forza Roma

  18. Comunque sfortuna o meno non diamo mai la sensazione di essere una squadra che domina e ha in pugno le partite, sempre azione molto faticate, il gioco non scorre mai come dovrebbe essere.
    E poi ora sono terrorizzato, perché Mourinho quando cambia si perde sempre, non riesce mai a indovinare i cambi giusti, la stagione si sta avviando ad essere mediocre.
    Forse concluderla con Alberto De Rossi in panchina, che sta ancora a libro paga e non si sa che fa, sarebbe la cosa migliore.
    Serve un allenatore, capace adesso di insegnare almeno i principi tattici poi vediamo se c’è un miglioramento o meno, se è colpa dei giocatori o della tattica che non esiste.
    Se Belotti da capitano del Torino improvvisamente è diventato un calciatore di serie C per colpe sue o perché magari è vittima di un gioco inconcludente e gira a vuoto
    Bisognerebbe capire tutte queste cose, per non sbagliare poi il prossimo allenatore.
    Mourinho dovrebbe avere il buon senso di dimettersi, visto che oltretutto sembra depresso e scoraggiato e non riesce a dare più niente come allenatore

    • Guarda se c’è una cosa in cui mourinho eccelle è proprio la tattica. Basta che ripensi alle due partite col napoli schiacciasassi: 5 tiri in porta subiti .Il problema è che la Roma non segna da agosto, salernitana- Roma del 14 agosto doveva finire 0-5 . E mourinho, che non mi fa impazzire, che colpa ne ha se davanti la porta non la buttano dentro?

    • Dimenticavo: Il fatto che non si dominano le partite te l ha detto lo stesso mou nella conferenza stampa pre salisburgo ” non siamo una squadra che chiude le partite al 25°”.

    • Aldo la fase difensiva è migliorata molto e non ci piove, ma poi vai a vedere e col Napoli schiacciasassi sono stati comunque 0 punti su 6. Perchè ? Perchè non facciamo quasi mai gol. Dybala, El Sharaawi, Abraham, Belotti, Pellegrini e per metà campionato pure Zaniolo, tutte pippe involute ? Di chi sarà mai la colpa se sti giocatori non segnano mai ? Sarà mica che da mesi non riusciamo quasi mai a fare un’azione che ci porti a tiri con buone probabilità di riuscita ?

    • Sop se rileggi il mio commento parla proprio di questo: non si segna ed è un paradosso se ripensi alle potenzialità del pronti-via del campionato. Lo dissi a ottobre : chi avrebbe mai immaginato che con Dybala, pellegrini, abraham, zaniolo ( cci sua) El sha e belotti il problema della Roma sarebbe stato il gol ? io no. La fase difensiva della Roma è una delle migliori ( credo 3/4) del campionato.

    • Sop io ieri ricordo chiaramente 2 palle gol a qualche metro dalla porta, prima Abrahm e poi Belotti (e considera che mi piacciono entrambi)…
      in partite che non si sbloccano la differenza è fra un Osimeh (che vale 100ml) e ti fa un fantagol su cappellata di Smalling e Abrahm (che gl’ieri ha fatto una discreta partita ma sempre 40ml max vale) che gl’ieri sullo 0-0 mentre stai dominando non segna… non è che se un giocatore valle 100 e l’altro 40 solo perchè il primo gioca col Napoli…
      per me invece dovrebbe esse Pinto a dimettersi che gl’ieri ci dice che invidia il modello Saliburgo invece di quello del Barcellona, cioè sono queste le ambizioni dei Friedkin??? una squadra che dalla CL passa in EL???

  19. io così impazzisco! Riesci a bloccare gli avversari, tecnicamente sei superiore, tatticamente in campo se disposto più che bene ma porca mignxxta nu riesci a fa un caxxo de tiro preciso nello specchio della porta? Allora vor di che Abrham tira a casaccio quando sta lì davanti.
    A sto punto in allenamento fateje fa na seduta continua de azioni e tiri in porta perché sta storia nin è possibile. Buttamo via partite già vinte!
    PS. Zaniolo non avrebbe cambiato un caxxo visto quanto rendeva ultimamente, si sarebbe fatto espellere prima dei 45 min.

    • Mourinho eccelle sulla tattica?

      Mourinho è solo un motivatore gioca solamente sulle posizioni dei giocatori di tattica è completamente digiuno

      Ma questo era evidente anche ai tempi di Spalletti Roma, dove nonostante Mourinho avesse una squadra almeno quattro volte più forte della Roma, Spalletti gli teneva testa con il gioco e con la tattica a volte gli faceva pure sei gol e sicuramente avrebbe meritato uno scudetto che la squadra di Mourinho con furto di abilità di consumata destrezza gli ha scippato

    • a Luca ma che stai a dì?
      a Spalletti lo scudo gli è stato scippato da Mancini nel 2008…furto vero a mano armata!
      con Mou lo perse Ranieri, grazie anche in quel caso a furtarelli vari e lo schifo di lazio-inter, subentrato al pelato a ottobre 2009
      se volete parlare della Roma almeno le basi…

    • A Luca, con lo scudetto scippato a Spalletti nell’anno del centenario interista Mourinho non c’entra nulla, perché in panchina ci stava Mancini.
      L’anno successivo, con Mourinho all’Inter la Roma arrivò sesta, e quindi parlare di scippo mi sembra improbabile.
      Semmai fu con Ranieri alla Roma nella stagione 2009/10 che rubacchiò qualcosa, ma cmq poco rispetto a quella 2007/08.
      Lì fu purtroppo la Roma a compiere il solito suicidio nella gara interna con la Samp.

    • Luchetto, che figurella…😱
      Te l’ho detto mille volte: non parlare di cose che non conosci, tipo la ASRoma o il gioco del calcio…

    • Bene meglio così voi avete la memoria di ferro vi ricordate tutto, io invece cancello tutto guardo sempre avanti.
      Comunque addirittura Ranieri, che fa un calcio basilare liniare si dimostro’ di esser più capace e migliore di Mourinho come allenatore All’atto pratico quello scudetto lo ha vinto lui.
      Ma difatti lo scudetto che ha vinto in Inghilterra Ranieri, con una squadra che può essere considerata il Lecce italiano, vale tanto quanto e forse più dei 26 trofei vinti Mourinho.
      Vi ricordate Trapattoni con la Juve scudetti in catena di Montaggio, va ad un Inter della Milano da bere fortissima, vince anche lì uno scudetto, allor quando prende il modesto Cagliari a dicembre torna a casa lessy.
      Mourinho = Trapattoni di quella epoca bluff con la nomea di grandissimi allenatori.
      I grandissimi allenatori sono quelli che dal nulla ti fanno nascere il Foggia dei miracoli

    • Il “Foggia dei miracoli” aveva Signori, Baiano, Rambaudi, Di Biagio, Chamot, Kolivanov, tutta gente o quasi che sarebbe titolare nella Roma di oggi…

  20. Fai giocare Belotti con continuità , dagli fiducia e vedrai che la porta la vede e i goal arriveranno è normale che giocando con il contagocce un attaccante soprattutto commetta degli errori , non è normale invece non vedere la porta da troppo tempo giocando titolare

    • E chi l’ha scoperti, chi l’ha valorizzati quei giocatori ,chi gli dava quelle trame di gioco offensivo meraviglioso, dove una squadra diventava una macchinetta da gol a ripetizione, lui il Maestro Zdeněk Zeman

  21. Bisogna essere realisti. La squadra e’ quella che e’ ed il suo allenatore non ríesce ad essere il valore aggiunto che tutti speravamo. Ieri non meritava di perdere, ma sólo perche’ il Salisburgo non e’ gran cosa. Mi irritano molto gli attegiamenti di Mou dopo le sconfitte. In tutti I casi la mentalita’ della squadra non e’ vincente. Quando vedi un avversario in palese difficolta’, come lo e’ stato il Salisburgo per lunghi tratti della gara, non mi cambi Dybala per un difensore, in piu’ técnicamente inguardabile. Si puo’ perdere con una squadra obbiettivamente piu’ forte ma se dovessimo uscire con il Salisburgo sarebbe l’ennesima vergogna. Questa propieta’ dovra’, presto, tiraré le somme dei risultati ottenuti. Come tifoso ho ingoiato, per un anno e mezzo, il peggior calcio fatto dalla Roma negli últimi venti anni attaccandomi a speranze di risultati che, uno dopo l’ altro, stanno svanendo. La vera tristezza che ogni partita, indipendentemente dal nome e valore dell’ avversario, e’ un agonía. Personalmente sono convinto che allá lunga per ottenere risultati e’ inprescindible daré un gioco ed una identita’ a una squadra. Questa Roma, purtroppo, non li ha. Bisogna, come tifosi, appoggiare la squadra sempre la maglia prima di tutto, ma molti, dopo anni senza un gioia sono disposti ad accettare di tutto senza essere mínimente obbiettivi. Chi cerca di esserlo viene addebitato, spesso, come laziale. A volte, e’ triste dirlo, pensó che siamo un popolo che e’ stato plagiato, io per primo. Común que non siamo ancora fuori la speranza e’ l’ última a morire. Sempre con te AS Roma.

    • Si uno degli aspetti più deludenti di Mourinho è proprio il non aver trasmesso la mentalità vincente, si vede che non è abituato a allenare squadre di seconda fascia. Non puoi dichiarare costantemente che per noi sarà quasi impossibile vincere coppe e campionati perchè ci sono squadre molto più forti di noi, sembra quasi mettere le mani avanti, così cosa trasmetti alla squadra ? Non puoi dire “proviamo a fare del nostro meglio in EL, ma onestamente ci sono il Manchester, la Juve, l’Arsenal, che dobbiamo fare ?”. Boh.

    • Sop, sulla mentalità puoi concentrarti quando hai una squadra di individualità dalla qualità alta, allora puoi focalizzarti su quell’aspetto, altrimenti devi trasmettere altro, devi inventarti qualcosa che supplisca alle carenze di base, devi tirare fuori da ognuno il massimo che possono dare nel limite delle loro possibilità.
      Come accennavo ieri, Trapattoni a Cagliari fece ridere dopo i trionfi a Torino e Milano: hai voglia a trasmettere mentalità vincente a Firicano, Pusceddu e Bisoli, oppure a Karsdorp, Celik, Cristante.
      Ancelotti con Napoli e Everton ha fallito miseramente, a Madrid non sa più dove mettere le Champions vinte.
      Io sospetto da un paio d’anni, e ne sono sempre più convinto, che la Roma attuale e Mourinho non facciano un matrimonio ben riuscito.
      I Friedkin hanno fatto una mossa certamente in buona fede, con l’intenzione di ravvivare un entusiasmo sopito da troppo tempo, e probabilmente per cercare di supplire a evidenti carenze del club nell’area tecnica, nella quale, quando sono arrivati, hanno trovato il solo povero Fonseca…e Fienga.
      Hanno provato col “santone” che gli coprisse contemporaneamente più ruoli, e che magari gli desse il tempo necessario a capire meglio un business nuovo in cui avevano tutto da imparare.
      Ma è difficile che uno abituato al caviale da 20 anni poi si trovi a suo agio con le lenticchie…

  22. Pali e non pali non contano niente. A calcio conta solo come giochi e i goal che fai. La Roma in questo momento non è completa, in attacco e non solo, bisogna avere giocatori veloci che spingano sulle fasce che crossano in area per gli attaccanti e no palle lunghe preda solo dei difensori che la vedono arrivare. Dai, diamo fiducia ad un giovane attaccante del vivaio, che essendo giovane deve dare il massimo con la corsa e tiri in porta. 🇮🇹

  23. Abbiamo anticipato venerdi 17, l’uomo da tempi atavici prega e maledice le sue divinità, ecco questo è un caso in cui si verifica ciò. Il tifoso saggio dirà “se avessimo avuto la freddezza di segnare non dovevamo maledire nessuno” ok ,però ieri veramente il commento tecnico passa in secondo piano. Abbiamo giocato, tenuto la partita, ma è andata cosi, al ritorno avremo una misura del nostro valore.

  24. Sfortuna è quando tra pali parate e traverse esci che hai preso a pallonate l’avversario e non hai raccolto niente. L’errore di Tammy ci può stare in 90 minuti così come il quasi gol di Belotti (secondo me dovrebbero giocare insieme)ma il problema rimani tu che come squadra costruisci pericoli col contagocce e sei sempre sotto lo schiaffo dell’episodio. Avere la gara in controllo come stiamo vedendo vuol dire poco,non si vince ai punti in questo sport.Semplicemente non siamo forti

  25. Che dire, ieri è andata in scena la solita mediocre, noiosa, inconcludente, Roma dei Friedkin.
    Embè ma la Conference! Appunto, ieri non giocava in Conference.

  26. Voglio vedere il bicchiere comunque mezzo pieno, 0-0 o 1-0 dobbiamo comunque sempre vincere all’Olimpico, certo se vinciamo con solo un gol di scarto si vai ai supplementari, però del resto per passare il turno una partita devi vincerla e in casa abbiamo il dovere di farlo. Devo dire che da non estimatore di Pellegrini, ieri secondo me fa una buona partita con ottime giocate, peccato che abbiamo fatto in stagione pochissimi gol, se Dybala sarà out proverei l’attacco con Belotti e Abraham, con l’inglese che sembra sempre più una seconda punta che un bomber.

  27. La Roma ha giocato non male, partita un po’ sfortunata. Il Salisburgo è scarsissimo, all’ Olimpico si scioglierà. Ma ho paura che gente come Kluivert, Under e Veretout in questa Roma mouriniana di falegnami, giocherebbe con le infradito.
    Solbakken fuori lista, Camara e Bove in panca..
    Josè lo vedo in confusione

  28. quante partite e punti abbiamo già perso x i goal mangiati dai nostri attaccanti? sempre e solo sfortuna? mi sembra di essere ritornati ai tempi dello Dzeko degli ultimi anni!la sfortuna non c’entra niente.. gli avversari esistono. non è che esisti solo te.. e ci sta seppur inferiori che ti facciano un goal! ma se tu hai fatto prima il tuo dovere quel goal è insignificante ai fini del risultato! vedrai che se avevi Batistuta o lewandowski quelle occasioni erano goal ed adesso te ne infischiavi altamente della rete del Salisburgo!poi non abbiamo terzini. giochiamo con 2 adattati. kardorsp e celik insieme non fanno una stringa di uno scarpino di Cafu! e abbiamo dei difensori che non sanno impostare manco un azione da dietro! a Roma speriamo nella rimonta ma a me questa rosa proprio non mi convince!

  29. La roma ha giocato una buona partita accorta. Il fatto è che non abbiamo una punta. Tammy non serve assolutamente a niente. E’ simpatico, un bravo ragazzo, ma a noi serve altro, uno che la butta dentro. Non puoi sbagliare ogni partita dalle 2 alle 3 chiare occasioni da gol. Poi è ovvio che perdi. Gli altri un’occasione la mettono dentro. Belotti è un ex giocatore.
    Quindi al netto di Dybala che fisicamente stà come mio nonno, siamo senza attacco. Pellegrini no comment.
    Stagione amara.

  30. Abbiamo i centravanti da 0-0. Prima me la prendevo con la sfiga, adesso ho capito questo (sembra facciano del tutto per tirare addosso ai portieri). Ma mentre ieri sull’occasione di Abraham è evidente anche la bravura del loro portiere, sull’altra Belotti fa una roba inguardabile. Puoi anche aver segnato 100 gol in serie A ma ad un metro dalla porta non si può vedere una conclusione del genere. Come non si può vedere che Zalewski in un contropiede a campo aperto 2 vs 2 non la passa e tenta un dribbling a cui non avrebbe abboccato manco mio nonno. Sta squadra continua a segnare col contagocce e non ha gente che salta l’uomo.

  31. al ritorno glie mancherà proprio Pavlovic per squalifica, facciamo subito gol, non come con la Cremonese, e il resto lo farà
    il pubblico

  32. ecco alla carica , i critici da tastiera !
    ma andate tutti a ……
    anche io preferivo giocare male e vincere, purtroppo abbiamo giocato molto meglio di altre volte ,ma abbiamo perso

  33. Ormai chi guarda le partite ha capito perfettamente che la Roma è una squadra votata alla difesa, non all’attacco e che il primo pensiero di Mourinho (e anche il secondo) è “non prenderle”. Questo ha portato ad allenare bene tutti i movimenti di difesa, che è diventata piuttosto solida. Peccato che tutto questo è stato fatto a scapito della proposta offensiva di centrocampisti e attaccanti. Questo significa che se non trovi un equilibrio la coperta è sempre corta. Chi punta tutto sull’attacco, viene bucato in difesa, chi pensa soprattutto a difendersi ci sta che poi venga beffato nel finale da un golletto di passaggio perché il calcio dovrebbe essere proposta e non distruzione del gioco avversario e basta, a meno che tu non ti chiami Nereo Rocco (o José). E non basta avere avuto due occasioni davanti al portiere per dire di aver fatto una gara offensiva, per favore..

  34. secondo me non è giusto dire che siamo stati sfortunati, ma che non abbiamo avuto un pizzico di fortuna, si.

    sono due cose diverse. perché come con il Lecce, il loro portiere fa il portiere… se gli tiri addosso

    e, sempre secondo me, scrivevo ieri, magari qualcuno ci ridesse i soldi che abbiamo pagato per Abraham.
    non è che sia una pippa,ma 40 milioni?

    fatto dta che segna col contagocce quando è in forma.

    ma Llorente? mi chiedo, ma possibile che Pinto non immaginasse come sarebbe finita con karsdorp?
    gli paghiamo sta mezza stagione e la vacanza a Roma?

    perché ovvio che celik è un altro in bambola che per come sta messo non lo vendi. al massimo lo presti, quindi devi recuperarlo un po’, come l’olandese del resto.

    quindi abbiamo un giocatore in prestito e due da rivalorizzare per poter sperare di darne via almeno uno.

    a questo punto visto che fortuna non ne abbiamo, (mi è sembrato di rivedere le due partite col betis) vi dirò che se usciamo subito dall EL
    e’ meglio

    con questa rosa meglio concentrarci sul campionato

  35. deluso dal risultato ma non dalla squadra .. la Roma m’e’ piaciuta con le eccezioni di Pellegrini e Dybala che li ho visti stanchi, fiacchi.. i tanto decantati Austriaci non hanno fatto un tiro in porta .. peccato che la Dea Bendata si sia dimenticata di noi .. ci rifaremo al ritorno ..

  36. Abraham ha giocato molto bene .. si vede che e’ un bel giocatore .. nei movimenti, nei dribbling, nella corsa, nelle idee e nelle intenzioni .. ma non ha segnato .. se poi per sfiga o per la mancanza di un pizzico di fortuna .. poco cambia .. ha tirato un po’ basso anziche’ fare uno scavetto piu’ appropriato .. ma, secondo me, un errore cosi’, ci puo’ stare ..
    Cristante, che critichiamo sempre, e’ stato il migliore in campo ..
    tutti bravi, forti e audaci .. ma il gol non e’ venuto ..
    comunque manca una punta veloce e che segni ..
    Forza Roma sempre .. Daje Mourinho .. credo che passeremo il turno e ce la giocheremo per un posto in Champions ..
    poi, mi chiedo e chiedo a chi ne sa senz’altro molto piu’ di me, che possibilita’ economiche in piu’ potrebbe avere la Roma con Toyota sponsor ? incide solo sulle maglie o sara’ il Main Sponsor ? grazie a chi sara’ cosi’ gentile da spiegarmelo ..

    • anche per me sul tiro gli ha detto un pò male li vero errore casomai è stato non farla arrivare a ElSha che era tutto solo

  37. La partita di ieri è lo specchio fedele della differenza tra il nostro calcio e quello di un certo tipo di Europa , tra la nostra città e le città di quel tipo di Europa. Noi siamo decadenti, pigri, senza slanci. Loro energici, ottimisti, moderni. Rimanendo alle squadre, la Roma ha le solite debolezze. È piena di vecchie glorie che non corrono più o ragionano troppo e cadono vittime dei soliti problemi mentali. A parte un trentasettenne loro avevano solo giovani. Bove da noi, alla stessa età, ha fatto tre partite intere. Poi ti chiedi perché dopo settanta minuti sei finito da ogni punto di vista. E meno male che non era il Lipsia…

  38. Purtroppo non ho visto la partita, quindi non è che possa dire chissà cosa.
    Prendere i pali è sfiga su, non è incapacità. Siamo un pochino sfigati ma lo siamo sempre stati.
    A quanto pare la squadra ha giocato ed ha rischiato poco, ha fatto tre/quattro conclusioni da rete…. infinitamente meglio di tre mesi fa.
    Continuo, sommessamente, a pensare che con questo allenatore non faremo molto di più perchè non ha voglia di fare di più. Speravo quantomeno portasse un cambio di mentalità ma nemmeno di quello se ne vede l’ombra (mi pare che a scontri diretti stiamo messi comunque male). Spero si riesca a terminare la stagione con la qualificazione in Champions e poi si vedrà.

  39. modesto parere, Dyba nn può dover partire dalla nostra “più ” che metà campo, Gini non puoi metterlo in quel momento dopo soli 5 minuti giocati con il Lecce e 6 mesi di stop.

  40. Leggo troppe persone convinte che al ritorno passiamo facile.Praticamente bisogna fare 2 a 0 e vista la nostra Roma io mi gratto le paxxe,Forza Roma

  41. Mi prenderò’ una bordata di pollice versi ma io credo proprio che la Roma si trovi dove si trova in campionato per pura fortuna, lo stesso Mou si dichiara sorpreso di avere gli stessi punti del Milan. E credo che la partita di ieri sia invece una fotocopia esatta della Roma di oggi. Una squadra mal organizzata, con giocatori forse sopravalutati o sicuramente fuori forma, senza alcuna idea di gioco se non difensivo. Segnamo con il contagocce in quanto con il contagocce creiamo azioni degne di chiamarsi tali e quindi spesso risolviamo gli incontro con i calci piazzati o con qualche giocata dell’unico giocatore in grado di fare qualcosa (Dybala), che pero’ sappiamo bene abbia una tenuta atletica molto altalenante e ormai tutte le squadre sanno che marcando lui per bene poi c’è il buio. Diciamolo su, siamo una squadra mediocre solo che siamo la ROMA quindi la sensazione di essere uno squadrone ce l’abbiamo nell’animo. Ma la realtà è che stiamo giocando con squadre altrettanto mediocri che al contrario nostro sono atleticamente e psicologicamente più attrezzate di noi, e di conseguenza spesso ci perdiamo o pareggiamo. E non e’ che queste squadre siano condite di campioni, al contrario. Ma almeno hanno una organizzazione di gioco più fluida e meno pressioni mediatiche. Per quanto riconosca a Mao un gran carisma ed è sicuramente un ottimo motivatore, La Rosa a sua disposizione al momento non gli consente di poter mostrare queste sue doti e tenderle un punto a favore. Con questa rosa, purtroppo, servirebbe qualcuno in grado di tirare fuori il meglio da quello che abbiamo, che non è gran che.
    Riuscire ad arrivare quarti sarebbe un risultato eccezionale, non tanto per la qualificazione in CL ma perché ci darebbe una altra possibilità di provare a fare 2/3 innesti in questa rosa che necessita come dell’acqua di qualche giocatore di spessore, qualcuno in grado di salare un uomo e di fare un passaggio filtrante o una apertura sulle fasce per creare una azione.
    Speriamo bene ma per il momento ogni volta che mi guardo un match della Roma provo tanta noia e resto 90 minuti in apnea

  42. oltre che come sempre si ricade nell errore, ormai credo sia una patologia del tifo romanista di dare x scontato tutto.la roma sono anni che e’ cosi ogni.partita va giocata e sudata!!! mettiamocelo.in testa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  43. Io invece ho fatto una constatazione riguardo la fatica a segnare :
    Ho statisticamente notato che la Roma è vero sia una delle squadre con più palle gol nitide all’attivo ma pur potendo fare 4-5 gol in una partita come grandi occasioni ha paradossalmente maggiori possibilità di non segnare, di mangiarsi anche gol clamorosi perché tra un’occasione e l’altra passano la bellezza di almeno 15 minuti se non anche 20, come costruzione di palle-gol è troppo poco. Se le opportunità fossero cadenzate a distanza di 6-7 minuti, averne almeno una decina in tutta la partita, pur mangiandosi 3 gol clamorosamente davanti la porta, centrare 2 pali e mettiamoci un paio di miracoli del portiere avversario, la partita si vincerebbe comunque segnando 3 gol.
    Faccio un esempio banale, il Napoli di Spalletti quante palle-gol nitide crea nella prima mezz’ora di gioco ? Suppongo sia arrembante e veemente prendendo a pallonate l’avversario, magari Osihmen prima di segnare non centra la porta ma viene costantemente rifornito e dopo una ventina di minuti il più delle volte il risultato è sbloccato perché il Napoli avrà segnato alla quarta palla-gol nell’arco di 20 minuti.
    La Roma, se ha un’occasione anche dopo 5 minuti di gara e non la sfrutta, l’occasione successiva rischia di averla verso la fine del 1° tempo, troppo riduttiva come possibilità per sbloccare il match oppure un contropiede, una disattenzione, un tiro in porta dell’avversario ci manda pure in svantaggio, un esempio lampante è il 1° tempo di Roma – Cremonese di Coppa Italia.
    Mi sono concentrato su questo aspetto perché siamo una squadra paziente che gioca quasi a scacchi con l’avversario, più di studio che di veemenza ed allora per la filosofia calcistica di Mourinho ci vorrebbe un attaccante di quelli che segnano non appena tirano in porta, non basta un centravanti da 20 gol in campionato, ce ne vuole uno da 30 -35 cecchino implacabile, uno che resta lì piantato in area a fare solo quello, più o meno come era Milito nell’Inter di Mourinho mentre a segnare meno era Eto’O che faceva invece il tornante come Del Vecchio con Capello, un centravanti come era Icardi prima di diventare una sorta di rottame.
    Per centravanti come Abraham, Dzeko ed altri attaccanti moderni abituati a giocare in più zone del campo, a rientrare spesso in fase difensiva con maggiore dispendio di energie e possibilità di appannamento sotto porta, quindi soggetti a sbagliare gol di frequente, ci vogliono rifornimenti più costanti e su 4-5 occasionissime anche soli davanti la porta fanno anche una doppietta, un pò come era Toni che segnava tantissimo ma faceva gol dopo essersene mangiati 2 grossi come una casa.
    Se il centravanti è dunque Abraham e se anche alla prima punta viene chiesto di essere il 1° difensore, pure di rientrare frequentemente, allora Mourinho con tale tipo di punta dovrebbe schiacciare l’avversario nella sua area di rigore prendendolo costantemente a pallonate, attaccando all’arrembaggio e con veemenza senza fare l’attendista, usare troppa pazienza e ragionamento in mezzo al campo, senza tronare indietro e ricominciare da principio.
    Questo a mio modesto parere è forse il motivo principale per cui arriva una sconfitta beffa come questa col Salisburgo pur meritando di vincere con 3 gol di scarto ed anche il motivo per il quale siamo rimasti inchiodati sull’1-1 a Lecce senza riuscire a fare almeno un altro gol se non altri 2 gol perché le 3 paratone di Falcone sono 3 grandi parate in 90 minuti più recupero, cioè Falcone è stato messo in apprensione praticamente soltanto una volta ogni mezz’ora invece di essere “bombardato” di tiri in porta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome