Feng – Roma, l’affare è a rischio: c’è di mezzo il governo cinese

0
436

chen-feng

AS ROMA NEWS (CORSERA, F. DE ROSA) – L’affaire Unicredit-Feng rischia di finire in una bolla di sapone, proprio come l’anno scorso con i cinesi che volevano l’Inter. L’operazione sfumò con i contratti già firmati per la mancata autorizzazione del governo cinese all’investimento della China Railway Construction nel club nerazzurro. La partita sulla Roma non sarebbe molto diversa. Per poter subentrare a Unicredit nella Neep Roma Holding e affiancare James Pallotta, a Chen Feng serve l’autorizzazione del governo. Anche se si tratta di imprese private, soprattutto quando sono di una certa dimensione, in Cina lo Stato resta sempre il «socio occulto» più importante. E per dare via libera (servono tre autorizzazioni) vuole sapere per filo e per segno tipo, scopo e soprattutto quanto rientrerà in Cina dell’investimento. Stando a fonti cinesi non è semplice ottenere il nulla osta per entrare in una società calcistica. Ma è anche vero che il «virus Lippi» ha contagiato e invogliato molti cinesi a interessarsi di calcio e dunque potrebbe esserci qualche possibilità.

Si tratta sempre e comunque di business e finora, almeno in Italia, gli investimenti sono andati esclusivamente all’industria manifatturiera. A quanto risulta l’interesse di Feng è concreto, ma il manager avrebbe chiesto che l’intera operazione gli venga finanziata. Più o meno quello che era successo all’inizio tra Unicredit e Pallotta. Dunque Feng non ci metterebbe del suo. Non è chiaro se questo aggirerebbe la richiesta di autorizzazione al Safe, l’Autorità valutaria cinese che deve autorizzare gli investimenti all’estero. È un dettaglio, ma sostanziale. Nel caso dell’Inter il Safe ha fatto saltare un accordo già firmato. Per la Roma siamo ancora ai contatti preliminari e anche se arrivasse un accordo il perfezionamento non sarebbe comunque automatico, come insegna Moratti. Gli advisor della Rothschild stanno cercando di sbrogliare la matassa e trovare la soluzione per portare Feng al tavolo. Al momento non si registrano particolari passi avanti. È probabile che in questa fase il lavoro sia più concentrato sull’asse Milano- Boston per far digerire a Pallotta l’idea di imbarcare un nuovo socio.

Articolo precedenteCalciomercato Roma: c’è l’offerta per Sanabria, ma l’Arsenal è in vantaggio
Articolo successivoON AIR – TRANI: «Feng, compraci Falcao», CORSI: «Attenzione a chi non vuole far entrare i cinesi», PETRUCCI: «Per Balzaretti incubo pubalgia», RIGHETTI: «A Bergamo partita tiratissima»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome