FLORENZI: «Tutto diventa magico quando giochi nella squadra per cui tifi»

0
651

florenzi

NOTIZIE AS ROMA – Il centrocampista giallorosso Alessandro Florenzi è ospite della presentazione del libro Numeri Giallorossi al centro commerciale I Granai, ecco le sue parole: “Sono onorato di essere qui quest’oggi, ringrazio Mario, sicuramente è un libro scritto bene. Io ci sono solo nelle ultime pagine, prima la storia l’hanno fatta i grandi giocatori e i campioni. Spero che questo sia un libro utile ai bambini. Da quando inizi a calciare a pallone il sogno è giocare in serie A, poi se riesci a giocare per la squadra per cui tifi tutto diventa magico. Ogni giocatore ha una propria storia,dopo tre anni di primavera sentivo la necessità di farmi le ossa al Crotone,dove sinceramente ho lasciato un pezzo di cuore. Spero che il futuro sia il più roseo possibile. Bisogna vivere giorno per giorno e dare il cento per cento”. 

Intervistato in esclusiva dai cronisti presenti, queste le parole rilasciate dal centrocampista:

Come si riparte dopo l’ennesimo pareggio?
Si riparte con il lavoro, come abbiamo iniziato in queste prime giornate. Non abbiamo fatto male, ultimamente c’è stata un pò di sfortuna e ci è mancato Totti.

Ora chi guardare in classifica?
Bisogna guardare la Roma, il nostro cammino e poi vedremo dove saremo.

Roma scarica, come state fisicamente?
Si parla dell’ultima mezz’ora che abbiamo fatto. Se eravamo scarichi non giocavamo così. Fisicamente stavamo bene, così come anche sul lato psicologico.

Ljajic e Pjanic fuori dal primo minuto.
Quelle sono scelte del mister, non decido io.

L’obiettivo della Roma?
L’obiettivo è entrare nelle coppe.

Poi il centrocampista giallorossi ha risposto ad alcune domande dei bambini presenti all’evento:

E’ bravo Gervinho?
Lui è grandissimo calciatore che ci sta aiutando quest’anno e speriamo continui così.

Come mai non riesci più a segnare?
Me lo sono chiesto anche io, speriamo di sfatare questo tabù

Da quanti anni giochi con la maglia della Roma?
Sono già undici anni.

Articolo precedenteON AIR – ROSSI: «A Garcia gli è presa la fenomenite», GALOPEIRA: «Ma il pari di Bergamo non è colpa sua», CORSI: «Temo qualche problema interno», VALDISERRI: «Preoccupa la gestione di Ljajic», RENGA: «Totti in campo contro il Milan? Non credo»
Articolo successivoI romanisti mancati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome