Giudice sportivo: Acerbi assolto per mancanza di prove dopo le offese rivolte a Juan Jesus (COMUNICATO)

117
1541

NOTIZIE ROMA CALCIO – Il Giudice Sportivo ha reso nota la decisione riguardante il caso Acerbi-Juan Jesus: assolto il difensore centrale dell’Inter, il quale non ha ricevuto alcuna sanzione dopo l’accusa di insulti razzisti al calciatore brasiliano del Napoli.

Ecco la nota ufficiale: “Il Giudice Sportivo, Vista la decisione interlocutoria di cui al C.U. n. 192 del 19 marzo 2024, con cui, letto il referto del Direttore di gara, sono stati disposti approfondimenti istruttori, a cura della Procura federale, sentiti se del caso anche i diretti interessati, in ordine a quanto riportato nel referto stesso circa eventuali espressioni di discriminazione razziale proferite dal calciatore della Soc. Internazionale Francesco Acerbi nei confronti del calciatore della Soc. Napoli Juan Guilherme Nunes Jesus;

Vista la documentazione pervenuta dalla Procura Federale, in particolare i verbali di audizione dei diretti interessati, compreso il video dello scontro di gioco depositato dal calciatore Juan Jesus, nonché lo stralcio della registrazione dei pertinenti colloqui Arbitro/Sala VAR; Sentito il Direttore di gara sullo svolgersi dei fatti in campo; Ritenuto di dover premettere che l’odierno procedimento si è incardinato presso il Giudice sportivo nazionale a norma degli artt. 65, 66 e 68 CGS, sulla base dunque delle risultanze dei documenti ufficiali e in particolare di quanto riportato nel referto del Direttore di gara circa gli accadimenti in campo al minuto 13° del secondo tempo di gara, puntualmente rappresentati dall’Arbitro medesimo, che riferiva in particolare: quanto segnalatogli dal calciatore Juan Jesus circa le presunte espressioni offensive di discriminazione razziale da parte del calciatore Francesco Acerbi;

la piena disponibilità manifestata dall’Arbitro stesso per ogni eventuale e conseguente decisione; l’interruzione del gioco al fine di consentire un chiarimento tra i calciatori; la ripresa del gioco infine (dopo un’interruzione durata circa un minuto e trenta secondi) in seguito al confronto tra i calciatori e non avendo espresso il calciatore Juan Jesus alcun dissenso al riguardo; Rilevato che la sequenza dei fatti in campo, ricostruita in base ai documenti ufficiali, con l’ausilio del Direttore di gara e comunque visibile in video, muovendo necessariamente dallo scontro di gioco e dall’atto del proferimento di alcune parole da parte dell’Acerbi nei confronti di Juan Jesus è sicuramente compatibile con l’espressione di offese rivolte, peraltro non platealmente (con modalità tali cioè da non essere percepite dagli altri calciatori in campo, dagli Ufficiali di gara o dai rappresentanti della Procura a bordo del recinto di giuoco), dal calciatore interista, e non disconosciute nel loro tenore offensivo e minaccioso dal medesimo “offendente”, il cui contenuto discriminatorio però, senza che per questo venga messa in discussione la buona fede del calciatore della Soc. Napoli, risulta essere stato percepito dal solo calciatore “offeso” (Juan Jesus), senza dunque il supporto di alcun riscontro probatorio esterno, che sia audio, video e finanche testimoniale; Rilevato, altresì, che la condotta discriminatoria, per la sua intrinseca gravità e intollerabilità, perdipiù quando riferita alla razza, al colore della pelle o alla religione della persona, deve essere sanzionata con la massima severità a norma del Codice di giustizia sportiva e delle norme internazionali sportive, ma occorre nondimeno, e a fortiori, che l’irrogazione di sanzioni così gravose sia corrispondentemente assistita da un benché minimo corredo probatorio, o quanto meno da indizi gravi, precisi e concordanti in modo da raggiungere al riguardo una ragionevole certezza (cfr. per tutte Corte federale d’appello, SS.UU., 11 maggio 2021, n. 105);

Rilevato che nella fattispecie la sequenza degli avvenimenti e il contesto dei comportamenti è teoricamente compatibile anche con una diversa ricostruzione dei fatti, essendo raggiunta sicuramente la prova dell’offesa ma rimanendo il contenuto gravemente discriminatorio confinato alle parole del soggetto offeso, senza alcun ulteriore supporto probatorio e indiziario esterno, diretto e indiretto, anche di tipo testimoniale;

Ritenuto pertanto che non si raggiunge nella fattispecie il livello minimo di ragionevole certezza circa il contenuto sicuramente discriminatorio dell’offesa recata P.Q.M. di non applicare le sanzioni previste dall’art. 28 CGS nei confronti del calciatore Francesco Acerbi (Soc. Internazionale)”.

Fonte: legaseriea.it

Articolo precedenteMourinho: “Il giorno dopo l’addio alla Roma ero pronto per ripartire. Sono stato più di un semplice allenatore. I tifosi sono la parte migliore del calcio” (VIDEO)
Articolo successivoLukaku, assist nel 2 a 2 del Belgio in casa dell’Inghilterra: l’attaccante in campo 82 minuti

117 Commenti

    • io dico meglio così.quelle cose rimangono sull erba.non facciamo gli ipocriti dai.sono contento che sia finita così .Jesus andasse a fare le lotte per i bambini morti a gaza e in ucraina.

    • La vergogna è che non abbia ammesso le proprie colpe, in assenza di prove e’ giusto che una persona, calcio o non calcio, venga assolta altrimenti sai che baraonda.
      Comunque personaggio brutto brutto con una faccia tosta da far invidia anche a delinquenti abituali

    • Condivido in pieno Antonio51. Felice di essere andato via da questo paese malato e ipocrita chiamato Italia, e ogni giorno ne ho la conferma.

      Povere future generazioni!

    • mi sembra che quando bakayoko e kessie derisero acerbi sventolando la sua maglie della lazzie non ci fu tutto sto clamore quindi e ora di farla finita con la tolleranza verso sti negri

    • Spero che la redazione rimuova il commento idiota di Spezzuti, altrimenti ne è corresponsabile.

    • a Piero Spezzuti e Michele… siete la vergogna di questo mondo. Fuori dalla mia Roma gentaglia del genere.

  1. Una barzelletta , quando dico che devi comprare campioni spendere milioni e milioni ed allora forse vinci qualcosa , questa la dimostrazione , cosi come era la dimostrazione quando c’era l innominabile del trattamento che ci riservavo gli arbitri .
    Ad oggi siamo la Rometta e non facciamo paura a nessuno .
    tifiamo perchè siamo innamorati della Maglia , viviamo ogni estate con trepidazione il mercato , ma poi alla fine sappiamo perfettamente che non vinciamo nulla , salvo in europa dove pero da taluni la Conference è una coppetta alla stregua della coppa Italia

    • Nando, la Roma la trattavano cosi pure negli anni 80 quando avevamo la squadra piu’ forte d’Europa o giu di li.
      Bastassero i campioni…
      Bisognerebbe comprare altre figure che invece sono stabilmente nel taschino di certi altri. E costoro i soldi non si sporcano manco le mani a usarli.

      Ma a me, sinceramente, sta bene cosi. Vinciamo una volta ogni 30 anni, ma vinciamo contro e malgrado il “male” che aleggia attorno, non grazie ad esso.

    • E qui se la piano ancora co Mourinho…
      Er pallone è uno sport malato, in Italia è tipo na roba che manco la Germania dell’est. Dopo calciopoli è andata molto peggio.

  2. di fronte alla parola di uno di colore e un bianco ( gia’ noto peraltro alla federazione per il recente grave insulto al pubblico della squadra avversaria nell’incontro Roma Inter) la federazione ha scelto quella di un bianco riportandoci indietro di duecento anni. ma a parte questo, se fosse vero l’insulto, se fossi stato Acerbi , essendo ormai a fine carriera avrei pensato di chiuderla con onore riconoscendo la propria colpa e assumendomi le mie responsabilita’. ora rischia di essere ricordato non per i meriti sportivi ( peraltro modesti) ma solo per questo episodio.

    • Finchè non si farà piazza pulita tra AIA, FIGC e non si elimeneranno tutti quegl’intrecci politici che controllano il mondo del calcio in Italia (mafia compresa) si andrà sempre peggio.

  3. Se io fossi stato il giudice sportivo giudicante sul caso in questione, non avrei concluso la mia sentenza così, senza punire nessuno, dopo aver duramente lavorato e fatto lavorare un’intera procura sportiva per circa una settimana, io avrei detto in conclusione:
    “Ritenuto pertanto che non si raggiunge nella fattispecie il livello minimo di ragionevole certezza circa il contenuto sicuramente discriminatorio dell’offesa recata P.Q.M. di non applicare le sanzioni previste dall’art. 28 CGS nei confronti del calciatore Francesco Acerbi (Soc. Internazionale), ma di punire con 3 punti di penalizzazione in classifica da scontarsi su questo campionato, sul prossimo campionato e su quello ancora dopo (quindi fino al campionato di serie a 2025-26) la società sportiva As Roma, e per responsabilità oggettiva, un calciatore della stessa società sportiva As Roma, da estrarsi a sorte prima dell’inizio di ogni singola giornata di campionato sempre nei tre campionati di serie A suddetti (2023-24; 2024-25 e 2025-26), che non potrà scendere in campo, facendo disputare alla società sportiva As Roma, le partite che la stesa dovrà giocare, in dieci uomini.”

  4. Bravi! Continuate così. Ma poi non scandalizzatevi dei comportamenti razzisti che voi fomentate con queste caxxo di sentenze. In pratica siete dei cialtroni mi sembrate i patetici giudici raccontati da De André. Siete moralmente dei nani e quindi delle carogne di sicuro perché avete il cuore troppo vicino al buco del kulo

    • Non hanno scritto che è bugiardo, ma che lo ha percepito solo lui (e quindi potrebbe ragionevolmente essersi sbagliato).

    • Hai ragione Lup Man… Acerbi ha rivolto un complimento a Jesus e questi l’ha completamente frainteso. Il dito medio rivolto ai romanisti, era un gesto innocente. La realtà è che l’ex-laziale è vittima di una vera e propria campagna denigratoria E’ Juan Jesus che deve chiedere scusa per averlo infangato Altro che mistitficazione, qui siamo alla follia

    • La follia di cui vaneggi, Persival, si chiama semiotica del linguaggio. Capiterà anche a te decine di volte al giorno, puoi giurarci

  5. Che vile, un uomo con le palle avrebbe detto la verità e chiesto scusa pubblicamente assumendosi le proprie responsabilità. Ma la mafietta del calcio questo insegna, tutta la polvere sotto al tappeto sempre a copertura dei soliti noti.

  6. Se ammazzi uno scarafaggio fai bene è brutto, se ammazzi una farfalla che è bella sei uno stron…se offendi un bianco sei uno stron…se offendi un nero sei bravo. Paese ridicolo, il calcio è lo specchio della società in cui viviamo, una vera mer… Grande esempio dal calcio per i ragazzini di oggi.

  7. Vabbè aho abbiamo capito che aceboro può fare quel che cacchio vuole….

    Per come la vedo… Il cacio italico è finito da un bel pezzo……

    Solo la ROMA 💛❤️…..

    Per tutti l’altri… Solo m………

  8. Scusate ma cosa vi aspettavate?
    Huijsen in Frosinone Roma zittisce i tifosi avversari, viene ammonito e DDR per non rischiare è “costretto” a sostituirlo
    Acerbi in Roma Inter fa il gesto del dito medio ai tifosi della Roma e … niente
    Acerbi in Inter Napoli rivolge insulti razzisti a Juan Jesus e … niente
    E si è, il mondo è bello perché è … avariato
    Forza Roma, sempre

    • ricordo anche chivu in finale di coppa italia a fare reiterati gesti offensivi e volgari al pubblico e chi di dovere non ha visto nulla il giorno dopo niente articoli e niente reprimende poi usci su internet e si scusò…qua + o – lo stesso prima le scuse e poi visto che non sono uscite le prove si ritratta.

  9. finché l ingiustizia regnerà a tutti i livelli ed in ogni strato di questa società fallita, non ci sarà mai pace né fratellanza, anzi aumenterà sempre di più la violenza.
    Italia itaglia itaglietta

  10. In tutta sincerità non me ne stupisco. Cristante squalificato tramite prova televisiva. Buffon (stessa “accusa”) solamente differito, Acerbi (nonostante prove televisive e ammissioni di colpevolezza) assolto per ben due volte. Se questa non è discriminazione o accanimento verso i nostri colori non sò cos’altro dire. Se si vanno a sommare tutte quelle sentenze emanate dalla cosidetta procura sportiva (dallo scoppio della Pandemia sino ad oggi) la FIGC dovrebbe essere rasa al suolo e riformata da cima a fondo ma non lo faranno mai. Una cosa per me è sicura: Gridare al comoplottismo non è mi è mai piaciuto, però comincio anch’io a nutrire seri dubbi sull’onestà di certi “verdetti”. Troppi metri di giudizi diversi e di parte per non pensare a male. Rendiamoci conto di una cosa: Tra multe, punti di penalizzazione, giornate di squalifica, chiusura delle curve e via dicendo… Ad essere bastonata pesantemente è sempre stata solo la Roma. Aivoglia a dire che non è vero, vi sono fatti e sentenze che lo dimostrano. Basta confrontarle e la puzza di marcio sale fino al cielo!

    • Sono d’accordo con Basara.
      Tra l’altro, una volta questi “giochini” li facevano con un po’ meno sfacciataggine. Magari una volta su tre o quattro decidevano nell’altro senso, per far vedere che non erano di parte.
      Adesso non salvano manco le apparenze: c’e’ la certezza assoluta di vedere i soliti noti farla franca sempre e comunque.

    • “Il labiale del giocatore del Napoli nel dialogo con l’arbitro però ha fatto il giro di tv e social” Karl hai perfettamente ragione, non ci sono prove…

    • è nel labiale con l’arbitro che ha insultato JJ? Non credo, non sto dicendo che non l’ha detto, sto dicendo che non ci sono prove che lo abbia detto e lui lo ha negato, le prove sono l’arbitro che lo sente o le telecamere che lo inquadrano, non è che ci vuole un genio per capirlo eh sembra che uno vuole difendere acerbi se dice semplicemente che la giustizia funziona con le prove.

    • Karl, come già detto in altri commenti “non ci sono prove” quando non si vogliono considerare. Bastava visionare quei video che circolano in rete e il problema era risolto. Con Cristante e Buffon l’hanno fatto, con acerbi no. Mi spiace ma tale “sentenza” non mi convince.

    • tu eri lì? hai sentito con le tue orecchie la frase di acerbi? perché nelle prove video non c’è traccia di questa famosa frase. può aver detto ti faccio nero, e il napoletano ci ha ricamato per la visibilità che ti dà il fatto del razzismo. non può essere?

    • Il bello è che poi FIGC e AIA sono i primi a gridare “No all’anti sportività e al Razzismo” Alla faccia dell’ipocrisia, godono nell’infangarsi da soli🤣

    • Hai ragione JC, né io né nessuno di questo forum era tra i 22 in campo, grazie di cuore per avercelo ricordato…

      Allora facciamo cosi:

      1. JJ si è inventato tutto
      2. Acerbi ha detto in campo a JJ “scusa, non sono razzista”, perché così gli diceva la capa in quel momento
      3. Agli intervistatori che lo incalzavano mentre usciva dalla stazione, rispondeva frettoloso e imbarazzatissimo perché aveva un bisogno impellente ed è pure un gran timidone (vedi dito medio alzato con la Roma…)

      Ah e dimenticavo…e in Italia non c’è razzismo.

      Sogni d’oro amico mio!

    • Acerbi ha detto qualcosa a JJ.
      JK se ne è lamentato con l’arbitro.
      Acerbi ha chiesto scusa, aggiungendo che per lui “ne*ro è un insulto come un altro”.
      Poi ha ritrattato.
      Ed è stato scagionato perché “non ci sono prove” oggettive che abbia insultato JJ.
      La storia è tutta qui, traetene voi le conclusioni. Sul livello del giocatore e della “giustizia sportiva”.

  11. dico solamente una cosa, non è stato accusato di aver mandato al diavolo un giocatore ma di razzismo.
    il che comporta giornate di squalifica a palate più l’etichetta di razzista al giocatore.
    se non ci sono prove certe del fatto non puoi mettere addosso la croce del genere ad una persona
    questa è parola sua contro la parola dell’altro.
    se non c’è prova video o audio della frase incriminata non puoi dare una condanna del genere perché a livello penale in qualsiasi tribunale verrebbe soverchiata.

    • Solitamente evito ma stavolta non ne posso fare proprio a meno. Quindi rispondo in questo modo: (copio e incollo) Acerbi-Juan Jesus, cosa ha detto il difensore dell’Inter e la reazione di quello del Napoli: «Si è scusato, poi ha ritrattato e mentito Per me la questione si era chiusa ieri in campo con le scuse di Acerbi e sinceramente avrei preferito non tornare su una cosa così ignobile come quella che ho dovuto subire. Oggi però leggo dichiarazioni di Acerbi totalmente contrastanti con la realtà dei fatti, con quanto detto da lui stesso ieri sul terreno di gioco e con l’evidenza mostrata anche da filmati e labiali inequivocabili in cui mi domanda perdono. Così non ci sto. Il razzismo si combatte qui e ora. Acerbi mi ha detto ‘vai via nero, sei solo un negro’ Acerbi mi ha detto ‘vai via nero, sei solo un negro’. In seguito alla mia protesta con l’arbitro ha ammesso di aver sbagliato e mi ha chiesto scusa aggiungendo poi anche: ‘Per me negro è un insulto come un altro’. Oggi ha cambiato versione e sostiene che non c’è stato alcun insulto razzista. Non ho nulla da aggiungere» – Nel fine settimana dedicato dalla Lega calcio alla campagna contro il razzismo, “Il labiale del giocatore del Napoli nel dialogo con l’arbitro però ha fatto il giro di tv e social, mettendo pressione sullo stesso Acerbi” (Evidenzio e sottolineo) di conseguenza sulla Nazionale. Da qui la decisione di fare a meno del difensore dell’Inter per il doppio impegno americano contro Venezuela ed Ecuador. Al suo posto il romanista Mancini». Se poi (per tornaconto personale) vogliamo far credere che non sia successo nulla e non esistano prove allora è un altro discorso, però non mi troverete mai d’accordo. Non ce l’ho con nessuno ma la “mistificazione” non fa parte della mia indole Ps: Er dito medio rivolto alla nostra tifoseria l’hanno visto tutti con una differenza sostanziale: Husejn è stato ammonito per aver azzitito il pubblico che l’insultava Acerbi “assolto” per mancanza di prove Ma per favore😅

    • @basara
      ma che significa? non ci sono prove punto e basta. Ciò che riporti è la versioni di Juan Jesus, non è una prova. Per Husejn ci sono prove eccome per la sua espulsione

    • “Il labiale del giocatore del Napoli nel dialogo con l’arbitro però ha fatto il giro di tv e social” Queste non sono prove? O talune “testimonianze” valgono solo quando fà comodo? Meglio lasciar perdere, non ne vale la pena.

    • il labiale del giocatore del napoli…
      serve il labiale di acerbi non quello di juan jesus
      senza quello non c’è prova. Sennò chiunque si può lamentare con l’arbitro e poi pretendere una squalifica dell’avversario

    • I filmati di labiali inequivocabili non esistono, in nessun ambito: se si parla di mistificazione, bisognerebbe prima ammettere questo. E forse anche che, se ti cantano “devi morire”, un dito medio in risposta ci sta.

    • daje2, logicamente mi riferivo al labiale di entrambi i giocatori. Ma come già detto, penso sia inutile continuare a dialogare, con chi vuol avere ragione a tutti i costi o far passare il prossimo per scemo. Per voi Acerbi è innocente e il giocatore del Napoli si è inventato tutto a posto cosi’!

    • “I filmati di labiali inequivocabili non esistono, in nessun ambito!” Strano lup man perchè a me risulta che Cristante sia stato condannato tramite prova televisiva. Ma a parte questo: Huijsen che zittisce il pubblico che l’ha insultato a piu’ riprese, è giusto che venga ammonito, mentre Acerbi ha tutto il diritto di alzare il dito medio perchè interista (o ex-laziale) Mi sembra un giudizio alquanto distorto e di parte ma va bene cosi’!

    • Diritto e giustizia non coincidono, avere una sentenza giusta non può significare avere una sentenza che ci piace.
      Condivido la tua opinione sul parlare a chi non vuole ascoltare.

    • Lup man, dubito molto che tu sia un tifoso della Roma. Poi magari ci spiegherai perchè difendi cosi’ tanto un giocatore scorretto come l’ex-quaglia Qui parlamo romanista non lotirchiese

    • Quando si chiedono spiegazioni si deve ascoltare ed essere in grado di comprendere.
      Io parlo l’ opposto del lotirchiese semplicemente perché so quello che dico.

  12. Acerbi non è uno stinco di santo, il dito medio ne è dimostrazione sufficiente. E secondo me Juan Jesus non può essersi inventato tutto di sana pianta, quindi secondo me l’insulto razzista c’è stato.
    Questo però, purtroppo, è il MIO punto di vista. Se uno si mette un attimo super partes, bisogna riconoscere che a sostegno della denuncia di Juan Jesus a quanto pare non c’è nessun elemento concreto, perché nessuno tranne lui ha sentito ciò che ha detto Acerbi. E questo fatto per il giudice sportivo è una bruttissima grana, perché una squalifica senza niente di concreto e oggettivo in mano, a parte la denuncia della presunta vittima, creerebbe un precedente pericoloso, in quanto altri potrebbero in futuro andare dall’arbitro e dire che sono stati vittime di insulti razzisti per far squalificare l’avversario di turno.
    Tutti i tentennamenti, i cambiamenti di versione di Acerbi, le scuse immediate eccetera fanno pensare che effettivamente qualcosa di razzista ci sia stato, ma per l’appunto, “far pensare” è ben diverso da “dimostrare”. È lì il nocciolo della questione.

    • Sai bene che i tuoi amichetti indifendibili, privi di elementi concreti come li chiami tu, si sarebbero inventati la recidiva o altro pur di squalificare un nostro (intendo dell’A. S Roma) calciatore. Ti dico di più: anche soltanto a maglie invertite la cosa sarebbe andata diversamente.
      SEMPRE FORZA ROMA SEMPRE

    • Ma i miei amichetti chi? Ora vuoi dirmi che sono amico pure del giudice Mastrandrea? E dai, su, cerchiamo di essere seri…

  13. ma ragazzi, cosa poteva fare il giudice? non ci sono prove, mica puoi condannare una persona unicamente sulla base di accuse rivolte da un’altra. Sarebbe un precedente inquietante. Le cose sono chiare a tutti, il buon senso dice che JJ ha sentito benissimo, altrimenti non sarebbe ritornato inviperito sull’accaduto, con un dettagliato post su instagram. Acerbi e i suoi avvocati, dopo aver verificato che non ci fossero prove audio/video, né ulteriori testimoni, hanno coniato l’espressione “ti faccio nero” che fosse in qualche modo compatibile con lo scontro di gioco, e creasse il dubbio che qualcuno potesse aver udito male. Tutti sanno come è andata realmente, ma la giustizia ha bisogno di prove, ed è giusto che sia così. Detto questo, Acerbi ne esce malissimo: prima ha rivolto un insulto razzista, dopo ci ha messo una pezza con gli avvocati. Vergognoso. L’ha fatta franca, ma ha perso il rispetto di tutti. Di sicuro il mio.

    • Dai su non facciamo gli gnorri. Avrebbe dovuto scusarsi in quel modo se non lo avesse detto? Juan Jesús aveva anche accettato le scuse dicendo come fossero situazioni di campo. Però poi davanti al giudice non vai a mentire spudoratamente, Cristante era stato squalificato per una bestemmia attraverso il labiale. Qui il labiale non costituisce prova?

      Invece Acerbi è passato come quello a cui stavano per rovinare la carriera, per un insulto, che vuoi che sia, alla fine prima gli aveva dato una spallata, quasi che Juan se lo meritava.
      Non possiamo sempre giustificare sti compartimenti e assolvere i colpevoli. Guardate Vinicius ieri che scoppia in lacrime, un ragazzino di 23 anni che deve subire insulti di poveri trogloditi continuamente. Più rimangono impuniti, più la gente si sentirà autorizzata a insultare tanto poi in qualche modo ci laviamo la coscienza, si sa che gli italiani sono brava gente

  14. beh lo sapevamo che la Giustizia e’ un serio problema perche’ amministrata ad personam .. e tra i Giustizieri ci metto pure gli Arbitri ..
    ma ci sono anche Sanita’, Scuola ed educazione in generale, Stipendi bassi, Pensioni ridicole, ZTL, inquinamento, a monnezza a Roma e in altre citta’, il costo delle bollette e degli affitti, i motori diesel ma soprattutto di camion e bus e aerei e navi ..
    e anche il calcio e’ pieno di sporcizia che fa male al cuore piu’ che ai polmoni ..

  15. Dall’inizio questa era una vicenda su cui bisognava credere a uno o all’altro, perche’ “stranamente” nessuno ha visto o sentito niente…

    Allora il giudice decide di credere al bianco.
    Nihil novi sub sole, compresa la vergogna che si prova.
    Storia vecchia e ben nota.

    E oltre alla vergogna, volevo segnalare anche la stupidita’ della consorte del prode Acerbi, che oggi diceva a tutti fiera e spocchiosa di “sciacquarsi la bocca adesso”, dimostrando di ignorare la differenza tra “assolto per non aver commesso il fatto” e “assolto per insufficienza di prove”.

    • Non è un giudizio penale, questa roba di cui parli non esiste. Non a caso si parla di ragionevole certezza e non di certezza oltre ogni ragionevole dubbio.

    • Lup man: quindi secondo te era il caso di postare “Sciacquatevi la bocca, leoni da tastiera” come ha fatto la moglie? Non e’ una cosa stupida da farsi in questa circostanza?

      Mi sembra chiaro che il giudizio non sia “E’ innocente” ma “Non ho prove per dire che e’ colpevole”.

      C’e’ differenza, sia in un processo penale che in questo (che non si capisce che e’ e quali criteri segua, ma vabbe’)

      Ed e’ ancor piu’ di cattivo gusto, quando dall’altra parte c’e’ una persona che ti fa delle accuse molto precise che non avrebbe nessun motivo di fare, mi sembra, se non fossero vere.

    • Lup man, ammazza come difendi acerbi se continui cosi’ spedisci jesus direttamente in galera🤣

    • @dtf i criteri che segue sono piuttosto semplici (al punto di essere spesso discutibili) e sono esplicati in un esame complementare di giurisprudenza. Nessun mistero particolare.

    • Lup man e piantala di fare il professorino, avemo capito che sei un povero interista Tifa acerbi e non rompe le @@ A fanxulo il razzismo!

  16. Spero che almeno la paghi su tutti i campi che calcherà da oggi a fine carriera fischiato e insultato da tutti i tifosi. FRS ❤️🧡

  17. L’assurdità del caso mi fa riflettere: se non c’è stata offesa, perché non punire Juan Jesus perché a dichiarato il falso??
    Veramente vergognoso ormai può accadere di tutto e di più non sono giustificabili queste persone.

  18. Vergognosi in primis lui nei suoi ripetuti atteggiamenti provocatori e poi chi lo ha assolto al 100%. Cosí continuerá a provocare avversari e tifosi, tanto non succede nulla… Quest’ingiustizia sportiva funziona alla grande!!!

  19. Se non ci sono altre prove oltre alle parole di JJ (a cui comunque credo) sarei anche d’accordo sulla sentenza, se non fosse che esistono altre sentenze che hanno portato alla squalifica basandosi solo sulle dichiarazioni (ovviamente li era il signor nessuno della sconosciutese a essere squalificato). Il fatto che non siano plateali non è rilevante visto che Cristante quando fu squalificato non fece sceneggiate ma stava raccogliendo il pallone nella propria porta e gli hanno dovuto fare il labiale. Inoltre vista la fiducia che nutro verso la giustizia sportiva che anche nel caso serra aveva dichiarato che non c’erano prove salvo fare una vergognosa marcia indietro quando sono uscite sul web con tanto di sordi che hanno cominciato a sentire penso che sia il solito caso di “Per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano”.

    • “non disconosciute nel loro tenore offensivo e minaccioso dal medesimo “offendente”, il cui contenuto discriminatorio però, senza che per questo venga messa in discussione la buona fede del calciatore della Soc. Napoli, risulta essere stato percepito dal solo calciatore “offeso”

      Magari, per essere punito, Acerbi doveva mettersi a urlare vicino ai microfoni.

  20. è giusto così, se non ci sono prove cosa dovrebbero fargli e su quali basi? Si è pure rimangiato tutto, è stato fortunato che non sia stato inquadrato ma detto ciò non ne esce comunque pulito, tutti sappiamo cosa ha fatto (non ci si scusa se non si ha la coscienza sporca e chiunque altro, se innocente, avrebbe definito JJ un bugiardo) e spero che venga fischiato fino a fine carriera, ottimo giocatore, uomo minuscolo.

  21. il campionato italiano e’ una situazione mafiosa così vincono i campionati le squadre del nord mou aveva capito sta cosa appunto si era buttato sull’europa

  22. Lascia perplessi il comportamento di Acerbi. Alla sua età e con quello che ha passato mi sarei aspettato che riconoscesse le sue responsabilità e si scusasse. Di solito si fa così, se sei un uomo. Invece ha ammesso, minimizzando. Del calciatore sapevamo, dell’uomo ora abbiamo compreso.

    “non disconosciute nel loro tenore offensivo e minaccioso dal medesimo “offendente”, il cui contenuto discriminatorio però, senza che per questo venga messa in discussione la buona fede del calciatore della Soc. Napoli, risulta essere stato percepito dal solo calciatore “offeso”

  23. Pensar male non si fa mAi reato!e se non lo hanno squalificato per non fargli saltare l Europeo?,2 possibile che nessun giocatore ha sentito quella frase ,quindi sono omertosi ,3 fa prte delle strisciate e si sa se è e lampante si tende a insabbiare tutto.Sono 10 anni che vediamo campionati falsati e ora di dire basta e la colpa sono delle restanti squadre che fanno pippa .

  24. Michele perché queste cose non le racconti al tifoso di Udine che è stato daspato per 5 anni siamo proprio messi male la categoria dei calciatori purtroppo può dire e fare quello che vuole nei confronti della gente normale così come certi giornalisti omertosi visto che il Sig Acerbi apro ( é quello di Lazio Milan e al gol del Milan rideva é quello che in Roma inter ci fece il dito medio tanto per ricordare) se è innocente dovrebbe denunciare juan Jesus per calunnia e diffamazione così come il giudice avrebbe dovuto sanzionarlo sempre per lo stesso motivo come mai non è successo

  25. Solito pasticcio ipocrita all’italiana dettato anche (forse) dall’europeo alle porte. A chi vive all’estero e vede da lontano queste cose rimane un sorriso amaro …il tempo passa e non cambia mai niente…in Italia.

  26. Michele perché queste cose non le racconti al tifoso di Udine che è stato daspato per 5 anni siamo proprio messi male la categoria dei calciatori purtroppo può dire e fare quello che vuole nei confronti della gente normale così come certi giornalisti omertosi visto che il Sig Acerbi apro ( é quello di Lazio Milan e al gol del Milan rideva é quello che in Roma inter ci fece il dito medio tanto per ricordare) se è innocente dovrebbe denunciare juan Jesus per calunnia e diffamazione così come il giudice avrebbe dovuto sanzionarlo sempre per lo stesso motivo come mai non è successo era già tutto previsto

  27. l inter, come rubaggine ha preso il posto della yuve a tutti gli effetti .è forte come squadra ,ma quest anno ha avuto tutti gli episodi a suo favore ,dai rigori molto generosi se non dire regalati a gol viziati da fuori gioco ma convalidati dall arbitro .l inter è la nuova capo mafia calcistica

  28. Laureato sul dischetto…parte il tiro…..alto …fuori…
    Grazie Atletico Madrid godo ancora
    FUORIIIIIII AHHH .Il campionato delle banane Due Champions vinte in più di 30 anni , una dalla Juve drogata di Agricola e una da Mourinho.
    Poi il nulla mischiato col niente

  29. La sentenza è corretta, certo lascia l’amore in bocca che la si sfanghi per insufficienza di prove di un comportamento che l’intuito rende assolutamente probabile…

    Non resta che biasimarlo come uomo…

  30. allora dovrebbero condannare Juan Jesus per falsa testimonianza o qualcosa del genere! ma siccome sono dei pusillanimi preferiscono sotterrare tutto.

    • Francesca…Questa è la giustizia fatta da un Giudice incapace o peggio… Difatti per giungere alla prova di colpevolezza nel nostro ordinamento penale è sufficiente la testimonianza della vittima, a meno che non sia ritenuta inattendibile (situazione che nel caso non ricorre)

    • Pensa Marco che già nel procedimento civile non è così, non è uscito con la ricerca su Google?

  31. Lo schifo assoluto sono peggio della rubentus, simonetta che detta la strategia ed era squalificato….. tutto ok…..un goal in fuorigioco attivo sempre contro di noi…..tutto ok
    il laziale dice “negro” a Juan Jesus… tutto ok

    che dice la cazzetta?

  32. Che per caso si e’ capito che hanno scritto nella sentenza ? AHAHAH ! Ci fanno forse capire che in Italia e’ un paese razzista o i neri fanno le vittime per convenienza ? Quando giocavo io grande pippa si soleva dire a qualcuno di colore negro de m….per farlo incacchiare per indurre l’arbitro poi al primo fallo ammonirlo o addirittura cacciarlo ste cose vanno dette anche perche’ l’ ipocrisia di questi tempi e’ divenuta la normalita’. Poi se lo fa’ uno che gioca nell’Inter ed e’ nazionale qualche dubbio me lo lascia. Ritorno alla sentenza: se Jesus nome appropriato…ha “sentito” l’ offesa e badate bene puo’ averla sentita ma non ci sono le prove concrete che l’abbia detta Acerbi…si presuppone che nelle fasi di gioco si sentono cose che non corrispondono a fatti reali quindi hanno ragione tutt’ e’ due. Se questa e’ la giustizia sportiva italiana allora ridevono dare le 10 giornate di squalifica a Soldani del Cesena piu’ un congruo risarcimento alla societa’ e al giocatore per il danno subito nel 2021. Per legge dei numeri e’ cosi.

  33. Francesca…Questa è la giustizia fatta da un Giudice incapace o peggio… Difatti per giungere alla prova di colpevolezza nel nostro ordinamento penale è sufficiente la testimonianza della vittima, a meno che non sia ritenuta inattendibile (situazione che nel caso non ricorre)

  34. Forse il Mister MOURINHO aveva ragione nel portarsi un registratore perché così è vero tutto e il contrario di tutto la parola mia contro la tua.Acerbi dice di aver detto ti faccio nero ritrattando tutto quindi che senso aveva chiedere scusa di una frase non offensiva.Allora tutti quei BU che fanno dalla curva possono dire che non so BU ma BRU BRU BRU

  35. nella giustizia sportiva è l accusato che deve dimostrare di essere innocente credo…e già le dichiarazioni un po’ ballerine nn sono proprio l ideale x dimostrare qualcosa…….vabbè alla prossima partita pregherà verso il cielo anche per questo…..

  36. Juan Jesus è stato un signore, un vero UOMO, “coprendo” Acerbi come “cose da campo”.
    Poi, COSTRETTO a dire la sua, si è trovato un ominicchio come avversario!
    La sentenza è roba da ominicchi pure quella…..
    La prossima volta, perché un tonto tale rimane, ed Acerbi ce ricaschera’, spero “sia fatta giustizia in campo”!!!
    FORZA ROMA

  37. Spero solo che Spalletti non lo convoca per l’Europeo dopo questa sentenza vergognosa.
    Comunque a quest’individuo, a questa ca**gna, auguro un infortunio in queste partite di campionato più serio e grave di quelli avuti da calciatori che sono stati fermi da un minimo di 9-10 mesi ad oltre 1 anno.

  38. Per le prossime volte basterà mettersi la mano davanti alla bocca e pronunciare qualsiasi cosa passi per la testa. Magari anche all’arbitro: non ci sarà la prova quindi non vedo come ci potrà essere condanna.
    Che meraviglia l’Italia!

    • Attenzione però, qui si rischia di fare confusione. Un arbitro, sul campo, funge da giudice di gara e non ha bisogno di telecamere o altre prove: se sente, sente, e può prendere provvedimenti immediatamente, perché il suo compito è quello. SE l’arbitro non interviene, e SOLO SE non lo fa perché non ha sentito o visto l’accaduto, allora interviene la giustizia sportiva, che però ha bisogno di elementi più certi.
      Quindi, se un giocatore va a dire un insulto razzista a qualcuno con la mano davanti alla bocca, ma l’arbitro lo sente, lo può cacciare subito senza troppi complimenti. Questo per fortuna non cambierà.

  39. Il calcio italiano , per colpa dei servi plebei delle strisciate, stampa e TV, arbitri e Palazzo, è stato ridotto al niente assoluto.
    Lo ripeto , dal 1990 ad oggi, tranne Sampdoria, Roma, lazzie e Napoli, le tre strisciate hanno fatto i porci comodi nel campionato italiano , dividendosi scudetti e piazzamenti Champions. poi vanno in europa e fanno figure di merd a palla.
    E qui iniziano i loro piagnistei, supportati dai media nazionali, bidoni al posto del cuore, pianti , proteste e lamentele contro gli arbitri, gli infortuni, la sfortuna, tutte cose che a noi ci sono precluse, se no siamo dei provinciali piagnoni.
    Tranne il Milan di Berlusconi fine anni 80 inizio anni 90 che dettava legge anche in coppa campioni , dal 1994 ad oggi solo due volte è stata vinta la champions, di cui una quella della Juve, grazie al doping del dottore Agricola.
    Se Acerbi fosse stato un giocatore della Roma, sarebbe stato squalificato di sicuro, a prescindere della mancanza di prove.
    Quindi posso solo dire
    GRAZIE ATLETICO MADRID

    • Gaetà, ne hai messa una di troppo, i pigiamati formellesi perché quelli sono i compagni di merende delle strisciate, l’unica non strisciata e non del nord ad essere riuscita a rubare lo scudetto alla rubbe, l’unica a cui regalano una fetta di torta mandandola in Champions e facendogli vincere qualche Coppa Italia e Supercoppa Italiana pur avendo una squadra mediocre, dove il panzone formellese intrallazza ai vertici.
      E quando riuscirono a rubare lo scudetto alla malviventus, crackgnotti era alleato con l’inda, scelse loro invece di allearsi con Franco Sensi che insieme a Cecchi Gori combatteva il potere delle strisciate.
      Quindi meglio nominare solo Roma e Sampdoria, i napulegni forse perché qualche aiutino veniva dato anche a deignorantis facendogli guadagnare una posizione proprio a scapito nostro pur di poter mettere i bastoni tra le ruote alla Roma.
      Ed anche in questo campionato intanto ci sono stati rubati tra 7 e 9 punti.

  40. Che strano…
    ai giorni d’oggi di un video è più difficile leggerne il labiale che accedervi pur non conoscendone la password…
    Vacci a capire qualche cosa…

  41. Che farsa.
    Se penso che in una magica notte estiva del 2006 si riuscì a interpretare dettagliatamente dal labiale di Zidane e Materassi l’offerta provocatoria del primo e il rifiuto del secondo, che aggiunse di essere ben più interessato alla maglietta della sorella… tutto questo “nulla di ché” sul caso Acerbi-J.Jesus ci fa capire come il calcio sia governato da emeriti farabutti del nord.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome