Gualtieri e la Roma, pace dopo Riad. Il sindaco: “Progetto stadio importante anche per la città”

22
616

AS ROMA NOTIZIE – Ricordate la Roma che sponsorizza il festival di Riad quando la capitale saudita concorre con la città eterna per l’Expo 2030? La buona notizia è che il malumore è archiviato, scrive oggi la Gazzetta dello Sport.

Fianco a fianco, il sindaco della Capitale, Roberto Gualtieri, e la ceo del club, Lina Souloukou, hanno approfittato della IX edizione del Premio Colalucci, per conversare a lungo e parlare anche dello Stadio di Pietralata.

Il sindaco ha detto la sua, spargendo nuovo ottimismo sulla realizzazione dell’impianto dopo le tensioni dei giorni scorsi: “Durante il dibattito pubblico è emersa la forza del progetto, la validità d’impostazione, che vede un investimento di un privato per un grande impianto sportivo ma anche per la rigenerazione di un quadrante quello di Pietralata, che adesso è un deserto. È una operazione non solo per la Roma, ma anche per la città“.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteGiannini: “Il gol di Vavra fu casuale. Credevamo di essere arrivati al traguardo, finì nel peggiore dei modi”
Articolo successivoTrpišovský: “La Roma? Al sorteggio esultammo ma non per presunzione. Temo lo stadio, non siamo abituati a 70mila tifosi”

22 Commenti

  1. Qualcuno avvisi il presidente-senatore-tuttofare Lotito che tra la AS Roma e Comune di “Roma” non ci sono attriti a causa dei 25 mln biennali ricevuti grazie lo sponsor arabo Riyadh Season.
    Dajeeeee Presidente Dan Friedkin, fa che la storia ti ricordi “anche” come il Presidente che ha fatto costruire lo Stadio di proprietà della AS Roma!!
    Sempre Forza Roma!!

    • le votazioni per l expo ci saranno tra il 22 e il 29 novembre e l’unico che ne trarrà vantaggio sarà solo lui grazie al bailamme mediatico orchestrato ad arte, anche perché sta famosa scritta sulle loro maglie dove sta ? non vuole cacciare qualche cento euro per stamparle o le parole SPQR e Roma si rifiutano di essere impresse sui loro pigiami?

  2. Intanto hanno presentato giorni fa il progetto Roma Technopole che dovrebbe comprendere palazzi per fondazioni ed enti pubblici più privati in ambito high-tech, sede di ricerca tecnologica di 7 università tra cui la nuova facoltà di ingegneria della Sapienza e la nuova sede dell’Istat con tante palazzine costruite in modo innovativo. Dovrebbe sorgere anche il nuovo stadio e già ci sono fondi stanziati da parte di regione per questo Technopole. Il Comune però nella presentazione ha accennato poco allo stadio che dovrebbe farsi “forse”, e fatto intendere che questo Technopole però si farà.
    Quindi sarà con lo stadio o senza alla fin fine con il Comune se ne esce in piedi ma in un area che se costruiamo li lo stadio, ci speculeranno tanta altra gente e di sicuro alcune opere di quell’area. Penso che il Comune cercherà di accollare ai Friedkin alcuni costi di questo Technopole pure, dove sembra che lo stadio ora è un progetto di contorno perché a Pietralata conterrà questo Technopole che sarà una grossa mangiatoia e verranno versati tanti fondi e gonfiati i costi. E questa gente remava contro Torre di Valle definito un eco-mostro, mentre allora cosa sarebbe questo Technopole ora che prevede tante costruzioni e sembra una speculazione edilizia ancora più grossa???

    • Io invece penso che usare questo tipo di progetti finanziati da privati per portare vantaggi alla città sia una cosa intelligente , a tor di valle solo lo svicolo sul GRA poi cassato era funzionale principalmente allo stadio, tutto il resto esiste su carta da decenni (e cosi rimarrà per quelli a venire) si è persa un occasione per sistemare un quadrante strategico per la città. La rimozione dello svicolo ha avuto sicuramente un peso nella decisione nel abbandonare quell’area e ancora di + il processo a parnasi e vari politici di giunta e regione ancora in corso che potrebbero influire sui tempi di fruizione di quel terreno. imho

    • Intanto fondi regionali sono già stati stanziati per €31M che sono soldi pubblici per il Technopole e questo è solo l’inizio. Questi poli tecnologici li hanno già provato a realizzarli due volte nel Nord Italia ed alla fine non è venuto il nulla, sono stati ritenuti obsoleti per la visione di una visione passata e non attuale alla realtà tecnologica di altre realtà internazionali. Per renderli più funzionali serve anche una banda larga soprattutto di ultima generazione e non si parla nemmeno di questo fattore per rendere un polo tecnologico funzionale agli standard internazionali, e l’Italia è forse il paese con una delle peggiori interconnettivita in questo senso. Come scrive qualcuno, se ne parlerà da mesi ma questo progetto è stato già presentato dopo mesi, mentre questa cantilena dello stadio da quanto va avanti? Perché dovrebbero anche dei privati perdipiu stranieri come ad esempio i Friedkin investire su un progetto che ha poco a che fare con l’AS Roma tranne lo stadio? La Roma società calcistica che benefici ne trae da tutto questo? Visto che fanno cinema ha più senso che investono su Cinecittà a questo punto.

    • la banda larga visto che è vicina a tiburtina dovrebbe esserci e anche in caso di inevitabili up grade dovrebbe avere la priorità rispetto ad altre zone. Perché dovrebbero? perché ovunque lo farebbero a Roma troverebbero problemi infrastrutturali e quindi il problema comunque si ripresenterebbe qui almeno posso sperare che ci siano + appoggi politici e priorità di investimenti/progetti per dove non possono arrivare, essendo imprenditori di un certo livello penso che abbiano fatto tutte le opportune riflessioni. Di contro c’è il rischio di rimanere impantanati nelle italiche storture tanto care alla nostra classe politica . Di sicuro non è il comune che fa un favore alla Roma come ha blaterato qualcuno ma la Roma a loro, che poi è come è sempre stato. Per l’aspetti tecnici poi non commento non essendo urbanista e non potendo neanche accedere ai progetti che contengono le risposte alle criticità

  3. Vado a dire che secondo me questa gente è capace infine di fare intendere che il progetto Technopole in totale costo anche oltre €500M di euro, chiederanno ai Friedkin di investirci €100M, i fondi regionali se li mangiano tra di loro e faranno in modo che queste strutture siano costati in effetti i €100M finanziati dai Friedkin ed altri €400M scompariranno chissà dove. Se i presupposti sono questi, meglio abbandonare quella che a me sembra l’ennesima grossa speculazione ed andare a Fiumicino dove su quel terreno potremmo costruire non solo uno stadio nostro ma anche una vera Football City seguendo il modello del Manchester City.

    • Non si tratta di AS Fiumicino. Per favore, è un non luogo. Per chi vive a Roma est e nordest fuori o dentro il raccordo o a Primavalle percesemoio ci vorrebbero le ore per arrivarci. Già Trigoria quasi Pomezia ha portato la squadra fuori dalla città, dalla gente. Io avrei fatto lo stadio addirittura dentro i mercati generali. Roma è piena di aree da riqualificare e integrare.

    • Io sarei d’accordo nel volerlo dentro la città ma se ogni volta il Comune promette ed alla fine ci boicotta sempre, come per stessa ammissione della sindaca che non avrebbe mai fatto fare lo stadio nonostante le sue promesse di facciata, che in invece si faceva, e qui si parla dai tempi di Dino Viola addirittura. Si capisce che almeno che non facciamo mangiare tanta gente qui, ed uno stadio tipo del costo di €150M per realizzarlo, dobbiamo forse aumentare i costi anche a €600M per fare magna tutti bene, altrimenti lo stadio dentro Roma non te lo faranno mai costruire. Francamente con un Comune come Fiumicino, che invece lo hanno fatto capire che con loro è una questione di mesi e ti danno tutti i permessi e approverebbero di tutto, proprio perché non c’entra nulla il Comune di Roma, i presupposti anche di una Football City di ultima generazione con Stadio, stadio secondaria per partite squadre femminili e Primavera, nuovo centro sportivo da 12 campi da gioco, nuovi uffici aziendali direzionali del club, sede scuole ed università ma incentrate sul brand AS Roma, centro nutrizione, centro medico sportivo, megastore (sponsorizzato Adidas) ed aree commerciali tematizzate AS Roma come bar, ristoranti ed aree gioco varie (alcuni campi da calcetto, calciotto), residenze per calciatori, ed altro per fare una Roma Football City (modello Manchester City che hanno tutto fatto così), questo lo potremmo realizzare su quel terreno di Fiumicino spendendo forse anche tra i €300-400M, ma qui crei la tua città roccaforte, ravvivi un area commerciale che come scritto in passato possono diventare potenziali piccoli sponsor, la linea ferroviaria già c’è ed è la prima fermata collegata all’aeroporto e c’è anche un albergo grande utile per chi gioca in trasferta da noi, ecc… Io oramai dopo il totale fallimento di Tor di Valle, ennesimo fallimento dopo quello dello Stadio Franco Sensi (con video narrato dalla voce di Luca Ward, doppiatore di Massimo Decimo Meridio nel Gladiatore) ed a quello di Viola precedente, alla favola dello stadio che il Comune di Roma ce lo fa fare non ci credo più, e non pensate che questi politici non abbiano preso in tutti questi progetti le loro laute mazzette per giungere al nulla di fatto. È brutto che uno stadio non sia fatto a Roma, concordo ma sono stufo di essere preso in giro da questi ennesimi pagliacci di vari commissioni e comitati del Comune di Roma che hanno sempre solo speculato e boicottato noi.

    • A Save’ lo stadio a Tolfa è pure mejo.
      C’è l’autostrada, deserto intorno pe’ fa’ i parcheggi…
      C’è solo un problema: io so’ de Roma.

  4. A quando i fatti? Cioè le trivelle, i mattoni, il cemento e la piazzola per le mongolfiere?
    Mi pare che fra tante chiacchiere, anche la Roma si sta trastullando per conto suo.
    In soldoni: dove sta il progetto dello stadio firmato da un architetto,come fu a suo tempo per Libeskind ?

    • dopo il dibattito pubblico cioe a fine ottobre, e prima dela nuovo anno presentaranno il progetto ufficiale, poi ci sarà laconferenza dei servizi…prima del 2026 serve avere la prima pietra perche allafine di quell’ anno avremo:
      l’ anno prima del centenario
      la scelta da parte della FIFA degli stadi per l’ Euro 2032(non oltre la fine del2026)

      I tempi sono quelli

    • @Nando ,penso che non saremo solo noi due a non vedere questo Stadio,ma anche tanti Abbocconi che credono sarà pronto nel 2027 (tipo 7 de Coppe)

  5. Quando a Roma c è un progetto importante, subito si parla di speculazione, qualsiasi esso sia….
    Il Tecno polo riguarda l’Universita’ e già se ne parlava appena è uscita la possibilità di Pietralata come spazio anche per lo Stadio…. Informatevi…. Sono parecchi mesi che se ne parla….

    • Non è solo università se poi ci sono imprese varie, enti pubblici e privati vari, nuovo istituto ISTAT, e tanti palazzi che non definiscono l’utilizzo ma che dicono saranno strutture moderne ed ecologiche. Stanno come ammassando tante entità tutte assieme in un’area unica e quando si fa così diventa un magna e magna. Capirei se dicessero polo tecnologico per le università e basta ma qui si parla di più progetti edilizi e che con lo stadio non vedo veramente il nesso. Come detto quando presentano opere pubbliche di così grandi dimensioni, ci sono sempre stati fondi stanziati che sono misteriosamente scomparsi e le opere mai finite. Un tratto lungo del GRA ci sono voluti 18 anni per terminarlo, un progetto che sarebbe dovuto essere fatto in 3 anni e che è stato rifinanziato 8 volte e costato quasi oltre 10 volte i costi preventivati. Il progetto di Calatrava a Tor Vergata è stato rifinanziato 3 volte, soldi scomparsi e mai portato a termine. Questo qui su Pietralata se contiamo anche lo stadio da come lo presentano è un progetto ancora più grosso ed ambizioso. Cosa dovrei pensarne a riguardo pensando alle opere magna magna (come basta pensare che avremmo dovuto avere già negli anni 80-90 le fantomatiche Metro C, D e E).

    • Annarita, per carità ben vengano i progetti importanti che possano portare la capitale d’Italia ad avere la stessa importanza e considerazioni delle capitali Europee, cosa che da noi non è mai successa, vedi viabilità – immondizia e pulizia delle strade e manutenzione delle stesse.
      Però proprio parlando di viabilità , uno dei punti principali che era stato sollevato dai famosi comitati no stadio, era stata data la collasso con la costruzione dello stadio…. mi ricordo ancora che la gente rompeva le scatole dicendo che poi sarebbe diventato impossibile poi poter fare quel tratto di strada , che avrebbe messo anche in discussione la possibilità delle autoambulanze di poter raggiungere il Pertini, hanno tirato dentro anche l’impatto acustico… come se adesso quando percorriamo quel tratto fosse privo di ingorghi e si sentissero cantare solo gli uccellini……..Però adesso se si dovesse costruire anche il Technopole improvvisamente non ci sarebbero più tutte quelle criticità accollate al progetto della Roma ?
      Magicamente la viabilità sarebbe scorrevole e non ci sarebbe più l’inquinamento acustico e atmosferico prodotto da un notevole aumento del flusso automobilistico e non solo per i giorni in cui la Roma giocherebbe in casa, ma anche per il resto della settimana.

      Quindi riassumendo , quel quadrante è da sempre problematico per come è stata progettata la viabilità soprattutto da quando hanno rifatto lo svincolo che porta alla tangenziale in entrambe le direzioni, Nomentana- Salaria ecc, o verso la stazione Tiburtina, ma anche che da sotto cioè Pietralata risale sopra per andare sulla tangenziale nei due sensi di marcia….. la faccio da anni e il problema c’è sempre stato, era meglio prima degli interventi sul ponte…..se rimettessero mano in quel tratto sicuramente con valutazioni intelligenti la viabilità riuscirebbe ad essere più fluida e no ci sarebbero ingorghi tutte le mattine.
      Ma l’enorme problema al quale si sono aggrappati con i denti e con le unghie tutti gli oppositori dello Stadio adesso se fanno il Technopole non esistono , allora era una mera perculata solo per contrastare la costruzione della casa della Roma……avrebbero preferito lasciare tutto il quadrante in stato di abbandono cosi com’è da almeno 35 anni, come precedentemente hanno fatto con Tor di Valle…… li si attaccarono alle esondazioni, solo per curiosità negli ultimi 20 anni quante ce ne sono state?? qualcuno lo sa?? poi alla famosa tribuna… di eternit….. e poi alle Rane….. morale è rimasta abbandonata al degrado e frequentate da gnotte e tossici. volevano fare la stessa cosa a Pietralata….. ma adesso però si fa il Technopole.

      Infatti Annarita sono parecchi anni che si parla di questo quadrante, ma prima di tutto ci dovevano fare il famoso SDO….. tutto pronto…. mai fatto e questo è datato a circa 40 anni fà.

      Io spero che alla fine questo Technopole lo facciano , almeno non hanno nemmeno scuse per la costruzione dello stadio, perchè se fai quello decadono anche tutte le storie che hanno fatto fino ad oggi tutti quelli che si opponevano

  6. E TOR DI BALLOTTA?? 🙀😂😂😂😂

    Se i Friedkin si stanno trastullando questo puoi dirlo solo dopo gli stessi anni (undici) che il tuo badrone palazzinaro inconcludente (quindi broccolaro) ha presidiato (DA BOSTONNE, a Roma ce lo ricordiamo per il tuffo nella fontana 🐟🦢 dopo di che…) la presidenza, nun ce se crede aho

  7. Scusate lo sfogo ma stanno presentando un progetto con troppe parti coinvolte che veramente qui fanno paventare troppe entità. Se fosse solo AS Roma per stadio e Università per polo tecnologico è un conto. Ma il Technopole non è solo università e ricerca ma si parla di tanti enti pubbliche, anche l’Istat, un polo tech che annovera anche vari comuni come fossero nuove province che oggi sono ufficialmente abolite, non è chiarissimo perché pare che parlino da una parte anche di palazzi ministeriali nuovi, sedi per aziende non specificate ed altro. Qui con tutto questo servirebbero spazi parcheggi enormi se valutiamo lo stadio pure… e vedo ancora più collate di cemento per un area che per come la presentano sarà super affollata e che cosa c’è di ecologico in tutto questo?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome