Ha pagato Zeman. E perché non Baldini e Sabatini?

0
17

baldini-sabatini1

(Gazzetta dello Sport – R.Beccantini) Nella mia griglia estiva la Roma figurava al quarto posto. Oggi, dopo 23 giornate, è ottava. Succede di sbagliare pronostico, succede che te lo facciano sbagliare (alibi). Ciò premesso, non licenzierei mai un allenatore in corso d’opera. NemmenoZdenek Zeman. Scusate: perché Zeman sì e i dirigenti che lo reclutarono no? Franco Baldini eWalter Sabatini l’hanno sfangata anche stavolta. Sabatini è quel genio che, dopo il 3-3 di Bologna, convocò i giornalisti e spiegò loro che «stiamo valutando l’esonero ». Non l’annuncio di un fatto; l’ipotesi di un annuncio. Da lunedì 28 gennaio a venerdì 1˚ febbraio, sera di Roma-Cagliari sappiamo tutti com’è finita (e dov’è finito il «progetto»). Con Zemanè difficile restare sereni. Il calcio, gli eccessi, le crociate: al diavolo lemezze misure e le mezze stagioni. Quando a Firenze, in Coppa Italia, sfoderò una pudìca difesa a tre, ci demmo dei pizzicotti: possibile? La Roma vinse 1-0, ai supplementari, e si qualificò per le semifinali. Zeman Usa e getta, dunque. Come se Baldini e Sabatini ne potessero ignorare il catechismo. Dall’utopia orizzontale di Luis Enrique, che non seppe resistere alle pressioni ambientali, all’eresìa verticale del boemo, che non ha saputo domarle, sfamarle. Urge l’ennesima svolta, serve un’altra rifondazione. L’allenatore è pagato per pagare. Ne sono già saltati dieci, in questo campionato: nove esonerati, uno dimissionario (Giovanni Stroppa). Enrico Preziosi, il padre-padrone-padrino che ogni tanto parla di etica, proprio lui, ne ha scaricati due, addirittura: Gigi De Canio e Gigi Delneri. Davide Ballardini potrebbe essere quello giusto. Geloso e non meno cannibale, Maurizio Zamparini, a Palermo, ha replicato colpo su colpo: da Giuseppe Sannino a Gian Piero Gasperini, ad Alberto Malesani (auguri). Tutti i tecnici hanno un proprio stile, ci mancherebbe: più o meno coerente, più omeno versatile. Non Zeman. O meglio: con Zemannon si può sbagliare, Zeman allena da sempre allo stesso modo, 4-3-3 e «più non dimandare », il miglior attacco corrisponde spesso alla peggior difesa, o a una delle più bucate. Ha preso il Pescara, in serie B, e l’ha portato di peso in serie A. Aveva Lorenzo Insigne, Ciro Immobile e Marco Verratti: li ha plasmati e valorizzati. Chi non scrisse «ha riaperto Zemanlandia » alzi la mano. Ha fatto il suo tempo, e potrà ritrovarlo solo in periferia, lontano da piazze troppo isteriche, troppo invasive. Per questo, non giustifico le attenuanti generiche concesse a Baldini e Sabatini. Gli errori di Zeman — dai compromessi di mercato al caso De Rossi, alla scelta del portiere—sono fuori discussione: in discussione sono coloro che, a inizio stagione, fissarono il futuro societario a un’operazione così spericolata, salvo poi smarcarsi vigliaccamente non appena la classifica si èmessa a piangere, e la curva a strillare. Zeman è un dogma scolpito: «Non avrai altro schema all’infuori dime». Soltanto nella lotta al marcio è sceso a patti: Antonio Giraudo e Luciano Moggi sì; tutti gli altri «santi dipinti», da Franco Carraro in giù, no (o molto meno). Baldini e Sabatini sono ancora lì, al loro posto. ComeseZeman avesse fatto cose dell’altro mondo, e non, semplicemente, del «suo» mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome