Roma, il fondo del Kuwait contatta Malagò e Totti. Ma Friedkin può chiudere entro Ferragosto

89
8146

AS ROMA NEWS – James Pallotta si prepara a cedere la Roma, e per i tifosi giallorossi sarà un agosto bollente, scrive oggi Leggo (F. Balzani). Il presidente ha fretta di vendere: i conti del club fanno paura, i soci non vogliono partecipare all’aumento di capitale, e tutto questo sta portando a un’accelerata sul fronte cessione.

Al momento sono quattro i soggetti interessati all’acquisto della Roma: oltre a Dan Friedkin, sono in corsa un fondo sudamericano, uno russo, e uno del Kuwait. Quest’ultimo sembra quello più intenzionato a fare sul serio dato che, scrive Leggo, avrebbe già preso contatti con Giovanni Malagò e con Francesco Totti per un coinvolgimento nella trattativa.

Anche il fondo sudamericano non avrebbe problemi ad accontentare Pallotta, che per cedere la Roma potrebbe accontentarsi di ricevere 520 milioni, ma ci sono enormi dubbi sulle figure di riferimento del gruppo. Per questo le mani sicure di Friedkin sembrano davvero quelle destinate a raccogliere il testimone di Pallotta: il texano spinge e la distanza con le richieste del bostoniano potrebbe essere colmata a breve, già entro Ferragosto.

Fonte: Leggo

89 Commenti

  1. E che dovevano chiedere a Malagò e Totti???
    Ndo se magna bene a Roma?????
    Considerando i rapporti con la proprietà attuale, non mi sembra siano gli ambasciatori migliori…..
    Balzani Balzani, il vinello di prima mattina….

    • Semplicemente vogliono far credere ai Boccalones che il fondo del caffè del Kuwait compra e poi mette alla guida della Roma Totti e malago.

      Che per il Boccalone è il non plus ultra della gestione.

      Perché tanto nel mondo è pieno di gente che spende mezzo miliardo per poi darlo in gestione ad altri.

      Totti ha recentemente detto che lui ci si vedeva in questa Roma, ma ancora come calciatore però, alla veneranda età di 44 anni. Questo per farvi capire che se non l’avessero fatto smettere lui stava ancora qui a pretendere rispetto, cioè un posto da titolare. Totti sa solo giocare.

      Quindi inutile prenderci in giro, nessuno sa niente, scrivono di friedkin da ben 10 mesi.

    • Giusto per stare al gioco… Intanto se inserisci “Totti” nel titolo, ricevi subito un bonus di visibilità. Ma poi, posso immaginare che il nostro Mister X abbia contattato Totti per proporgli un ruolo dirigenziale (magari presidente?) così da sfruttare, per l’appunto, il nome. Malagò, invece… boh, magari perché è qualcuno che conosce i tramacci e saprebbe come muoversi, quindi un altro ruolo dirigenziale?
      Ma tanto, tutti questi articoli hanno la stessa utilità del “quesito con la Susi”, passare 10 minuti di svago sotto l’ombrellone

    • Praticamente 10 anni di PRESA IN GIRO, con proclami tipo” FAREMO, DIVENTEREMO,VINCEREMO” che non hanno portato nemmeno alla Coppa del Nonno, non sono bastati…
      Del resto con una STRATEGIA che non poteva ( e non voleva, il Businnes era diverso, altro che vincere…) arrivare da nessuna parte, visto che OGNI ANNO, si vendevano i migliori.
      Un Proprietario(?!) che sono DUE ANNI ( dico 2 anni!) che non viene a Roma e fa il presidente in contumacia.
      E l’ oggetto del vostro livori sono i giornali Totti e Malagò?
      Se metteste il 10% dell’impeto che mettete nel dare addosso agli altri, contro il VERO responsabile di questi ultimi 10 anni di presa per i fondelli di Roma e dei Romani, forse potremmo sperare in un futuro migliore. Preferibilmente SENZA BUGIE…
      Anche se verranno King Kong o Jack lo Squartatore, per me sarà sempre meglio di questo presunto furbetto.
      Come tifoso della Roma a perdere, ormai, mi ci sono abituato.
      Ad essere preso in giro, ancora no.

    • Ma dalla presunte vendite (per lui sicure) di Zaniolo alla Rubens e Dzeko all’Inda sino al rigore concessoci in Roma – Fiorentina, ci rendiamo conto delle Fake e dell’odio che stà emanando Balzani contro i nostri colori. Capisco che scirvere su Leggo (ricordiamocelo, 4 fogli distribuiti gratuitamente nei capolinea della Metro a Roma diano la possibilità di scrivere ciò che si vuole) ma qui mi sembra che si vadi ben oltre il diritto alla libera informazione L’impressione che si ha, è che essendoci in atto un passaggio trà i vertici serpeggi l’indifferenza assoluta A meno che questo giochino non faccia comodo, sarebbe ora che qualcuno intervenisse Siamo pur sempre una Società quotata in borsa. Queste insinuazionil creano solo danni

    • nessunobis, ma è il caldo? 😀 😀 😀

      “E l’ oggetto del vostro livori sono i giornali Totti e Malagò?”
      1. Il mio livore, quando c’è, è destinato ad argomenti ben più seri degli articoli di LEGGO.
      2. Di Malagò mi interessa quanto delle tecniche di coltivazione delle patate in Texas.
      3. Non potrei mai dire nulla di male verso il più grande giocatore italiano di tutti i tempi. Mi sfugge dove vedi nelle mie parole un attacco a Totti.
      4. Il mio “impeto (wow) è riferito proprio alla costante presa in giro dei lettori da parte di questi cialtroni alla Balzani. Che poi, almeno se le inventassero bene le cose… Ma si scherza eh,
      5. Anche io spero qualcuno ci compri. Pallotta s’è stufato e il suo progetto è andato male, per cui non mi aspetto niente altro dall’attuale proprietà, Però non è che se sto tutti i giorni qua a scrivere PALLOTTA GO HOME, straccions, pallottaboys, etc etc etc. allora arriva lo sceicco.
      6. Io quando dissero “regina di europa”, “vinceremo in 5 anni”, “qui non c’è scritto si vende, c’è scritto si vince” me so’ fatto una risata (visto che non parlava uno sceicco appunto) e ho pensato : “ma senti ‘sti cazzari!”. Forse per quello non mi sento troppo preso in giro…

    • Chi parla male del più forte calciatore della Roma, non è della Roma. I laziali ancora non lo possono vedere, sebbene si sia ritirato da un bel po’. E’ clamorosa questa cosa del criticare il calciatore più forte della storia della Roma. A Cagliari, se scrivono robe del genere su Gigi Riva, ti vengono a cercare.

      Ma analizziamo i fatti, che sono più forti e lungimiranti dei sentimenti.

      Un ex calciatore come Totti, in 25 anni di calcio, ha avuto modo di conoscere bene questo sport, i calciatori. E dato che ha avuto in squadra, campioni e giovani promettenti, ha l’occhio smaliziato di chi sà del mestiere.
      Pallotta è uno speculatore, in quanto gestisce Hedge Fund, e non ha l’esperienza, nonostante sia al comando della Roma da 10 anni. Ad esempio, sconsigliò l’acquisto di Pastore, caldeggiato da Ds e società. Quel Pastore che voi tutti avete accolto come se fosse il Messia e che oggi maledite ogni volta che ne leggete il nome. Lui preferiva Ziyech, che è stato un rimpianto per la Roma.

      Eppure Totti ci aveva visto lungo, più di Pallotta, più di Monchi.

      E poi conosce bene l’ambiente. Il che non è poco. Chiedete a Spalletti quanto è stato importante il supporto di Bruno Conti nel suo primo anno.

      Le grandi squadre vanno capite.

      Il vostro odio per Totti vi rende ciechi e laziali agli occhi di chi vi legge.

      Essere della Roma non vuol dire essere tifoso di Totti. Ma se sei tifoso della Roma, i grandi calciatori ti rimangono nel cuore. Il “divino” è rimasto tale nonostante il rigore non tirato contro il Liverpool, perché era l’immagine di quello scudetto. Bati è rimasto nei nostri cuori, nonostante abbia giocato solo una stagione ai suoi livelli (pardon, sei mesi): se si fosse ripetuto, probabilmente, avremmo vinto altri due scudetti.

      Il tifo è irrazionale e che certi calciatori suscitino passione e amore senza razionalità…fa parte dello sport e di questo sport.

    • Tifoso:
      “Chi parla male del più forte calciatore della Roma, ”
      Già qui sbagli.
      il più forte calciatore ITALIANO della storia.. Non solo della Roma.

    • No TG, ti sbagli. Anche i laziesi hanno riconosciuto la grandezza di Totti. In modalità postuma, ma l’hanno fatto. Perché non farlo è un insulto alla propria intelligenza e competenza.
      Fuori dal coro ci sono ormai solo i fanboy ballottisti.

    • Io mi tengo stretto, Anto. Perché per me Totti è, con Gigi Riva, il più grande calciatore italiano di tutti i tempi.
      Gigi Riva e Francesco Totti si somigliano parecchio, ma Francesco, gli è superiore. Però siamo li.

      Ma il problema di questo forum, sta qui: nell’odio verso Francesco Totti.

      Qualsiasi cosa si dice, crea hype, ha ragione salmacis. Beckenbauer, ex calciatore del B.Monaco, è rimasto li. Nedved pure (te credo, con quel passato…). Butragueño al Real.

      Perdere Totti e De Rossi è stato un danno d’immagine, economico (la maglia di Francesco era la più venduta nonostante l’addio) e aziendale.

      Metteteve l’anima in pace

    • “Perdere Totti e De Rossi è stato un danno d’immagine, economico (la maglia di Francesco era la più venduta nonostante l’addio) e aziendale.”
      Ma io sono d’accordo.
      Però uno voleva giocare ancora a 41 anni e non ha mai perdonato alla società di non averglielo permesso.
      E l’altro voleva giocare con una gamba sola (come si è visto a Baires) e poi fare l’allenatore.
      Desideri comprensibili, come comprensibile anche il non poterli accontentare.
      Poi spero di rivederli entrambi nella AS Roma.

      Ma questa notizia è una fregnaccia comunque.

    • @@@ Tifoso Giallorosso, “il divino”, subito dopo lo scudetto
      aveva firmato per l’inter di Fraizzoli.

      @@ fù l’intervento di Andreotti che bloccò il passaggio
      ai milanesi.

      @ non paragoniamolo con Totti e DDR che Amavano sì
      quella Maglia!💛💗

      *** comunque un sito Romanista così anti-Tottiano
      è Vergognoso!

      FRS💛💗

    • Anto, meglio schick a 22 o totti a 41? Mo voglio vedere che rispondi.
      Totti doveva decidere lui quando smettere. Spalletti è stato preso appositamente per metterlo da parte. Totti nella sua biografia, mai smentita dagli altri dirigenti suoi colleghi (quando è uscita lui era ancora nella Roma), ha affermato che appena arrivati, gli americani hanno cercato di venderlo.
      Un calciatore di 40 anni, ma qualsiasi atleta, se gli fai giocare gli ultimi 5 minuti, lo rovini. Gli fai finire la carriera. Ricordati che l’anno prima siamo andati ai preliminari proprio grazie ai goal last-minute di Francesco, e soprattutto la dirigenza si è trovata costretta a rinnovargli il contratto per un anno, per come si erano messe le cose.
      De Rossi ha deciso lui quando smettere, capendo che non poteva andare avanti – anche se ti ricordo che formalmente lui è rientrato a Roma per motivi personali. E ti ribadisco, a mio avviso, l’esperienza di De Rossi e il suo spessore lo rendono migliore di alcuni che sono rimasti, come Cristante.

      @ub40 sono d’accordo con te (come quasi sempre). La mia era una forzatura.

      @ave appunto, ma tu come lo ricordi? Come lo ricorda il tifo della Roma?

  2. “C’erano un russo, un americano, un sudamericano e un arabo… ”

    e poi… Balzani si è scordato il finale della barzelletta.

  3. Se l’Accademia della Crusca abolisse l’uso del condizionale la maggioranza di questi “giornalisti” non saprebbe più che scrivere.

  4. Purtroppo non c’è nessun italiano che abbia voglia e soldi per la nostra Roma. I tempi di Viola e Sensi padre sono davvero lontani……

    • Malago’ (ottimo referente per la Roma insieme a Totti) se vuole, pallotta gli sbatte i tappeti fuori dalla finestra

    • I soldi qualcuno ce li avrebbe pure… Il problema è farli tornare dai paradisi fiscali. Ammesso che uno sia così coglione da voler buttare un miliardo di euro per comprare una squadra e vedere poi vincere come al solito una strisciata

    • per redlion ……sono le dimensioni raggiunte dalla ASROMA negli anni a renderla fuori portata da imprenditori nostrani. il grandissimo franco sensi disse : dopo di me solo la coca cola . aveva capito che solo soggetti stranieri potevano acquistare la ASROMA . presidenti come viola o sensi non li avremo più , purtroppo i presidenti tifosi sono scomparsi .

  5. Il trofeo kuwaitiano Che sia stato solo uno scopo per il Capitano?

    Totti glorificato in terra Kuwait è un buon indizio…

  6. Balzani ma proprio non sai che scrivere?
    Il Leggo poi… Giornale iper critico sulla Roma che non vede l’ora di sparare a zero sulla Magggica. Ma per favore. Questi pseudo giornalai da novella 2000 andrebbero querelati.

  7. Sembra che il primo che passa vada bene pur di togliersi da Pallotta.
    Questa gestione avrà fatto sicuramente molti errori, finanziari in primis, di comunicazione verso i propri tifosi, di alleanze politiche in lega, di scelte in sede di calciomercato e di dirigenti nelle proprie fila, ma credere che chiunque venga dopo, sia meglio a prescindere, mi inquieta.

  8. Eh se vuoi sembrare credibile nel calcio in Italia chiami Malagò, certamente più titolato di un frankino o del bel baldy.
    E se vuoi credibilità a Roma. C’è solo un nome.
    Che dobbiamo fare è comunicazione.
    Come sfruttare le mancanze di una società a proprio tornaconto di immagine.
    So le basi.

    • Concordo Fede, però un conto è se chiami Pippo Baudo a condurre e gli lasci quindi, giustamente, anche le chiavi del giocattolo, altro è se chiami Belen. In quel caso ti aspetti solo la coscia di fuori e due primi piani sul culo, ma non credo proprio che le lasci guidare il giocattolino da 600 milioni di euro. Bisogna capire quindi la differenza che c’è tra dirigente e ragazzo immagine, e, come tu ben dici, in questo caso si punta sull’immagine, perchè altro non c’è, purtroppo. Basterebbe essere chiari, ma anche che si evitasse di “pompare” il ragazzo facendogli credere che può essere lui quello che guida. Di sicuro, se ben congegnata, è la miglior manovra di marketing possibile

  9. @@@ in Italia gruppi industriali o singoli mecenati intenti a sborsare tali cifre, non ce ne sono.

    @@ ovvero intenzionati ad entrare nel calcio.

    @ tempo fa ‘si parlava di Angelini (per altro tifoso della Roma), ma sembra che la famiglia non abbia voluto.

    *** Il proprietario di Luxottica (uno degli uomini più ricchi d’Italia.

    ** Ferrero (industria dolciaria).

    * Barilla.

    @@@ ma tutti soggetti che si tengono alla larga.

    @@ siamo costretti ad aspettare un benefattore/i dall’estero.

    @ il rosso fa’ paura.

    *** è chiaro che si cerchi di tirare il più possibile.

    ** comunque di questa storia, non se ne può più.

    * sfinimento totale.🤕

    FRS 💛🧡

    • Mecenati non esistono,nè sono mai esistiti nè in Italia nè all’estero,gruppi industriali Italiani si tengono alla larga dal calcio come hai ben detto e quelli da te nominati sono gli unici che potrebbero permettersi un grande club,dobbiamo sperare in qualche gruppo industriale estero che voglia espandere il proprio marchio in Italia/Europa e pensi di sfruttare il brand Roma per farlo,ma,sembra,che i soggetti che più si avvicinino alla Roma siano cordate di investitori e fondi di private equity con questo soggetti è difficile pensare ad un progetto di medio-lungo periodo,perchè investono per valorizzare e rivendere e,per la Roma,l’unico modo per far lievitare il prezzo è lo stadio,perciò ci aspetterebbero altri anni di transizione in attesa di un vero progetto sportivo! Per quanto riguarda Friedkin,lui,sì,è un imprenditore,ma non possiede aziende che possano sfruttare il brand Roma,non conosco il motivo del suo interesse a rilevare un club di calcio,capito il motivo di interesse si potrà capire,in caso sia lui a rilevare la Roma ,che tipo di proprietà sarà.Meglio,comunque uno che segua una logica imprenditoriale che soggetti legati a puri interessi speculativi!

    • Monika, per curiosità, mi dici in cosa differisce la logica imprenditoriale dai fini speculativi?

      Intanto definiamo cosa intendi per speculare, perché se confondi il profitto con la speculazione allora confondi la logica imprenditoriale con le onlus.

    • Ma soprattutto, vista la supercazzola che hanno fatto a Pallotta co lo stadio, possiamo immaginare che un grande gruppo industriale voglia espandersi in Italia?. Un paese dove, per ottenere qualcosa, devi ungere a destra e a manca, se non sei amico dell’amico…
      In un paese normale staremmo giocando nel nuovo impianto da anni, però si pretende che qualcuno venga qui ad investire.
      Ci vantiamo di essere quelli puliti ma ammiriamo le gestioni papponesche dei vicini (e lontani)
      Schifiamo i nostri piazzamenti ed esaltiamo gli stessi piazzamenti quando li ottengono gli altri
      Quando siamo noi a vendere è in nome della maledetta plusvalenza, quando vendono gli altri sono grandi operazioni di calciomercato.
      Siamo pieni di contraddizioni ma pretendiamo che il pallotta di turno venga a buttare i suoi soldi…

    • @PauloF: attento però che “speculare” non vuol dire quello che intendi tu, che è “speculativo”. E la differenza per me tra ” imprenditoriale ” e “speculativo” è semplice, e sta scritta nei manuali d’economia: l’imprenditore crea profitto per sé ma anche e soprattutto lavoro, quindi innesca un meccanismo virtuoso sul piano dei consumi, delle tasse (che, anche se non tutte magari, specie in Italia,, paga nel paese in cui opera), ecc., ovvero la sua iniziativa genera indirettamente dei benefici all’intera economia. Lo “speculatore” invece fa i soldi coi soldi, con le operazioni (o, appunto, “speculazioni”) finanziarie, borsistiche, immobiliari, ecc. e non genera (se non in forme infinitesimali) lavoro, le tasse spesso le evade tutte e i benefici quindi sono per lui solo, non per il paese in cui opera. Attenzione, non c’è nulla di ” disonesto ” o di “illegale” in ciò, cioè nella “speculazione”: semplicemente è un’altra cosa dall'” impresa”. Decidi poi tu cosa più ti piace e cosa è più utile, oggi, per l’Italia.

    • @Monika “ma non possiede aziende che possano sfruttare il brand Roma”, in realtà non è proprio così, nel senso che la “cassaforte” di Friedkin è la società di vendita delle Toyota, MA gli altri suoi interessi sono tutti nel mondo del turismo e dello spettacolo… Visto che in quegli affari è molto presente il figlio, si può abbastanza supporre che il motivo dell’interesse sia “entrare ne businnes spettacolo del Calcio” che negli USA è in crescita e per far questo la strada ovvia è passare per l’Europa e un club che ti dia “nome” e possa portare il figlio nell’ambiente. La Roma ha anche il vantaggio di poter essere sfruttata anche sul lato “turistico” dato che la specializzazione delle società turistiche di Friedkin è il renumerativo turismo d’Elite, non quello di massa.

    • @@@ Monica hai ragione,
      volevo scrivere “magnate”, insomma uno con i ” soldi veri ” 😄.

      @@ mare, sole, T9, è uscito fuori mecenate!!!😊

      @ un saluto👋

      FRS 💛🧡

    • @Erik971 io non sottovaluterei nemmeno i possibili interessi cinematografici.
      E’ vero che tra i film che ha prodotto solo The Mule ha avuto un ritorno economico (anche Tutti i soldi del mondo è stato un flop al botteghino) gli altri saranno costati poco ma hanno incassato niente, quindi…
      Però come ritorno di immagine ti può dare tanto, e Cinecittà non è certo l’ultima ruota del carro.

    • @@@ anche Pallotta all’inizio parlò di sfruttare
      il “brand” Roma, ma personalmente non ho mai capito come.

      @@ legare il nome della città a quello della squadra?

      @ per farlo devi avere visibilità e siccome si parla di calcio,
      la visibilità te la da’ la vittoria in una competizione.

      *** ci si ricorda di chi vince, non di chi arriva secondo.

      ** la juve ha vinto nove scudetti di seguito.

      * pensate che all’esterno i tifosi parlino o si ricordino di
      chi sia arrivato dietro?

      @@@ negli almanacchi, resta un solo nome.

      FRS💛💗

    • @@@ può darsi che Friedkin sia veramente interessato alla Roma.

      @@ il covid ha rallentato le operazioni e va bene.

      @ ma se non ricordo male, la cessione doveva avvenire
      alla fine del 2019.

      *** cifre già pattuite.

      ** poi sono cominciati i ripensamenti (prima della pandemia)
      con un tira a molla continuo.

      * puà darsi che Friedkin sia veramente interessato alla Roma…

      @@@ siamo sicuri?

      @@ per ora solo parole e scambi di vedute tra le parti.

      @ sarò certo solo quando il tutto, (vendita-acquisto)
      sarà effettivo con comprovata firma del passaggio di proprietà.

      FRS💛💗

    • Pallotta non è un imprenditore,è uno speculatore [email protected],ho spiegato la differenza tra logica imprenditoriale e speculativa quando ho spiegato il motivo per cui non auspicherei di finire nelle mani di un fondo di private equity Uno speculatore ragiona a breve-medio termine per ottenere il massimo guadagno con un minimo investimento,valorizzando e rivendendo,un imprenditore”costruisce” qualcosa e ragiona a medio-lungo termine

  10. L’unica persona ,a Roma e non solo ,che potrebbe rilevare la ROMA acquisendo nel vero significato della parola il titolo di PRESIDENTE ,è Francesco Gaetano Caltagirone.
    Gli altri sono tutti prestanome o finanzieri di basso cabotaggio, che non farebbero di certo il bene della Società.
    E’ per questo che io continuo a inalberare sul pennone del mio account quel PALLOTTA FOREVER,a scanso di guai e di cocenti delusioni.
    Meglio non vivere di sogni e d’illusioni,come fanno gli Abbocconi.🙀

    • dove giri le radio senti di caltariccone che deve vende le case te regala pure un anno o anche prima te l affitta poi te la compri e te scala l affito il che significa che non vende case guarda se non ie tocca ridimensionasse pure a lui 🙂

  11. Non ho capito a cosa servirebbero Malagò e Totti…, anzi forse ho capito……., ad aprire i cancelli a giornalai e papponi lasciati fuori qualche anno fa……

    • Purtroppo Roma è sempre stata “affaracci” personali della romanità, naturalmente parlo di alcuni calciatori che a Roma stavano comodi, altro che scelta di vita e amore.

    • Sai quanti bombaroli e radiolai giornalai stanno sperando che i romani tornino a comandare dentro Trigoria!!!!!

  12. Faccio la mia ipotesi: la Roma verrá ceduta a breve, e chi arriverá avrá i suoi uomini. Se cosí non fosse, é arrivato il momento che Baldini faccia il suo lavoro per intero se proprio deve farlo, Perché apparentemente neanche De Santis é rimasto a fargli da burattino. Se vuole fare il plenipotenziario, che venisse a Roma a fare il suo lavoro, o se ne vada per sempre.che sta figura da codardo nn serve.

  13. Ho visto coi miei occhi tracce imperiali ovunque in Europa – dai Pirenei ai Carpazi, dalle contee britanniche passando per la pianura pannonica, il bacino danubiano fino alle coste egee.
    E’ spassoso pensare all’immortalità del lascito di Roma, di cui i monumenti sono solo una minima parte, e rapportarlo a certo provincialismo di chi con quel nome si riempie tutti i giorni la bocca, già occupata da robuste razioni di salsiccia e cicoria.

  14. Ultimissime del mattino, fonti “Leggo” e Radio Radio. Lo sceicco interessato alla Roma sarebbe il famosissimo Rigah Toni Al Sugo, magnate della pasta (nel senso che je piace) in Kuwait. C’è però un problema. La faida familiare col fratello, l’altrettanto famoso fratello Bucah Tini Al Sugo, che appena ha saputo del probabile acquisto della Roma, s’è messo di traverso e per far saltare l’affare ha contattato Cristiano Malgioglio, Malago’, Barbara D’Urso, Nino D’Angelo, De Rossi, la moje de De Rossi, Pastore, Bruno Peres e Nuno Romano.

  15. Meglio il fondo arabo! Almeno economicamente non rischiano nessun fallimento. Con l’altro americano ora e’ rischioso con sta crisi, le macchine non si vendono😀😀

  16. Monika e meno male che la famiglia non ha voluto che Angelini comprasse la Roma. Xche non sono più i tempi di certi imprenditori. Angelini poteva andare bene nell era di sensi o viola. Adesso visti i costi mostruosi del calcio fallirebbe dopo poco. Ovviamente se vuoi fare una Roma competitiva. Sennò X mantenerla stile lazie o Fiorentina va bene anche Angelini.

  17. Come si fa a credere ad una notizia del genere! Per rilevare una società come la Roma ballano non meno di 550 milioni. È un anno e mezzo che ci si barcamena tra due diligence, covid, Stasio si Stadio no, offerte, controfferte, rilanci, ripensamenti e quant’altro. Ora, in 15 gg dovrebbe inserirsi una concorrenza che, qualora fosse vero, porterebbe, per legge di mercato, ad una rivisitazione del valore di vendita. E questi scribacchini ce la raccontano così: in 15 gg tutto si deciderà!!! Svegliaaaa: solo qualora fosse Friedkin, che sa già tutto delle trattative, potrebbe accadere ciò. Sennò si ricominciancia punto ed a capo. È un po’ come la storia che se si cambiasse sito lo Stadio lo vedremo in 3 mesi! Ma quando mai!!!!! C’è sempre un iter lungo da rispettare. Non fatevi prendere in giro. Basta abboccare come dei pesci. Ve lo dico per favore. Mi secca vedere che ci caschiate regolarmente. Un po’ di AMOR proprio. Forza Roma

  18. Ma tutta questa solfa surreale (il fondo sudamericano, quello russo, ecc.: tutti rigorosamente ignoti) per poi arrivare alla conclusione, nell’articolo, che l’unico acquirente “vero” è Friedkin… Ma dite piuttosto che, ad oggi, l’unica vera trattativa che c’è stata, appunto con Friedkin , è saltata, perché Pallotta ha considerato (a torto o a ragione lo sa lui, e lo vedremo) l’offerta di Friedkin bassa. E ha deciso (rischiando di far salire l’indebitamento della società e di ridimensionare ulteriormente la squadra) di rimanere alla guida della Roma. Attendendo quindi che Friedkin si faccia avanti con una nuova proposta o che emergano nuovi acquirenti. Né l’una né l’altra cosa sono però sinora avvenute (a meno di voler credere davvero alle “notizie” di questi giorni, tipo questa qui sopra) e, dunque, l’unica vera notizia è che la Roma farà il mercato estivo e il prossimo campionato con l’attuale proprietà.

    • Hai ragione Frikden ha dimostrato di essere una persona reale è un anno che tratta la Roma, venendo qui con il suo stuolo di avvocati a fare trattative reali e concrete, se c’è uno che la meriterebbe la Roma è lui per come sta dimostrando di volerla.
      Che adesso escono il fondo arabo il fondo russo il fondo sud americano, tra un po’ uscirà pure un fondo che sta su Marte, saranno veri non saranno veri questi interessamenti non lo so, l’unico però che è andato a mettere il muso sui bilanci è stato Friedkin e chi è interessato veramente deve guardare i conti è tanto semplice, non chiamo quello che chiama quell’altro, che gli presenta quest ‘altro

  19. Uno dei problemi non menzionati sulla ritrosia di investimento dei capitalisti veri nel calcio, sono le regole e come sono applicate qui in Italia. A nessuno piace allestire una squadra milionaria e trovarsi di traverso la categoria arbitrale che per sviste caxxi e maxxi ahahahh favorisce a seconda del vento politico che tira in Lega questa o quella squadra avversaria. Le regole stesse sono facinorose: vedi la rivisitazione del fallo di mano in area, sembra diventato il gioco della palla avvelenata, se la tiri addosso ad un braccio ahahhah ti danno il rigore,,, ma siamo seri,,, no? Nel basket investi e hai regole ferree, vince chi fa più canestri,, guadagni meno perché il business è quello che è ma rischi pure meno. Tutto ciò al netto delle condizioni economiche di base attuali della società che impongono a chi investe una maggiore cautela. Forza ROMA

    • Non capisco così tante spolliciate.
      Il discorso di Herbert è tutt’altro che banale.
      Proviamo a porci questa domanda: che consigli mi sentirei da dare al prossimo proprietario?
      Per me, uno di essi sarebbe, stai attento al palazzo, sulla cui sommità sventola saldamente una bandiera a strisce (e ultimamente anche un’altra color mutanda).
      Un altro sarebbe: Totti e De Rossi testimonials sarebbero perfetti, però attento a non dar loro troppo spazio, devi sfruttare loro nell’interesse della Roma, non consentire che la Roma sia sfruttata nel loro interesse.
      Ancora: prenditi un DS capace e d’esperienza, ma controllalo da vicino ché poi quello rischia di appesantirti con nomi di peso nel senso che si rivelano zavorre costose e inutili.
      Per gestire lo spogliatoio metti un tizio che si faccia rispettare e finalmente si occupi anche della comunicazione.
      Infine: parla pure con la stampa, ma il meno possibile… E tieniti pronto a metterla in riga.

    • Tutto vero, però quando hai avuto la squadra davvero davvero forte…. Beh si è vinto. Poi sarebbe da studiare il fenomeno per cui se vinciamo noi max 2 anni e la squadra non c’è più, la Juventus vince da 9 anni e non hanno appagamento, non battono cassa e hanno sempre motivazioni a mille

  20. E chi je lo dice a Totti che non può fare le vacanze dopo?
    A balza ma de Rossi Ferrero e rosella dove li mettemo?

  21. articolo destabilizzatore buttato a caso là per i boccaloni.
    In realtà non ci sono arabi all’orizzonte
    Solo Friedkin si è fatto avanti

  22. Mi sembra una barzelletta…
    Totti, Malagò e il fondo del Kuwait si buttano da un aereo…Chi tocca terra per primo? Il fondo del Kuwait…perchè è na bufala

  23. Al del bar dello sport si chiacchiera che i giochi siano praticamente tutti fatti.
    La congiuntura astrale si verificherà nei cieli di agosto, quando il pianeta Stadio della Roma diventerà visibile a occhio nudo e i suoi riflessi illumineranno i progetti di una nuova proprietà, che pure se fosse nel segno della continuità sarebbe comunque nuova.

    Comunque, pur senza sogni faranoici, i soldi per tenere i buoni giocatori non saranno un problema.

  24. leggendo spesso la frase “non sanno niente” la domanda che sorge spontanea è “ma allora voi sapete???” sennò come fate ad insinuare che non c’è niente di vero, cioè un interesse per l acquisto di un bene non è detto che si concretizzi…
    … a Pinocchione c hai cambiato nick per continuare ad insultare una persona che da più di un anno non lavora più per la ASRoma??? com’è che lo chiamavi sulla altro forum… sorcio, sanguisuga attaccato alle mammelle della lupa, sultano…

  25. Ma sto giornaletto non è lo stesso che ha pubblicato l’articolo in cui si affermava che Zaniolo era stato bullizzato dai suoi compagni di squadra negli spogliatoi?? Sempre lo stesso giornaletto scriveva di metà dei nostri giocatori già venduti a Juve Inter ecc?

  26. Vanno bene tutti , pure mi cognato nando che fa l’ arrotino…che ha vinto ballotta er perdente laziese de focene? 10 coppefocene.
    Quindi va bene pure mi cognato, tanto pe’ non vincere nulla va bene pure lui che e’ tifoso da maggica ,. Mentre invece il laziese pollotto no….
    Quindi forza roma

    • Ciao prohaska a te!! Forza roma!!!
      Ab40 certo che si!!! Nando e’ romanista come noi….quindi ha gia’ vinto, ballotta imvece perde sempre,ha sempre perso….e se non se ne va ….ci fara’ perdere all’ infinito come ha gia’ fatto da 10 anni
      Forza romaaaaa

  27. a Ballo’ ,ma chi so st’Orobici che se permettono pe la seconda volta de fregatte er posto tuo?
    Non sarà che so più bravi der grande manager mericano?
    E Nun da a corpa alli dirigenti,al Mister,ai giocatori,l’hai scerti tutti tu.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome