Karsdorp, parla il legale: “Non ci sono gli estremi per una permanenza a Roma. La società non l’ha tutelato”

61
2143

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Salvatore Civale, legale che rappresenta Rick Karsdorp, è intervenuto ai microfoni di Calciomercato.it in diretta sulla piattaforma. L’avvocato si è soffermato a lungo sulla situazione tra il suo assistito e la Roma, determinata dalle parole di José Mourinho al termine della sfida contro il Sassuolo.

Queste le sue parole:

“Senza andare troppo nei dettagli perché c’è un procedimento in corso e non posso, questa è una storia nata da un atteggiamento un po’ sbagliato di un tesserato molto famoso della AS Roma, non nuovo a queste azioni, ovvero José Mourinho. A seguito della penultima partita di campionato, ovvero Sassuolo-Roma, è intervenuto in conferenza stampa andando a incolpare il giocatore in qualche modo del rendimento negativo della sua squadra.

Quando queste esternazioni arrivano da un personaggio del suo calibro e della sua fama si genera purtroppo un’atmosfera ostile intorno al giocatore, come avete sentito ha subito un’aggressione da parte di tifosi della Roma, di cui la autorità giudiziarie sono state informate, ha subito un’aggressione in aeroporto e anche sui social. Definire traditore un giocatore è un qualcosa di pesante e la società non ha preso provvedimenti per rasserenare gli animi. La società ha ritenuto più conveniente mantenere il silenzio sulla vicenda. C’è stato anche un intervento del sindacato mondiale dei calciatori, la FIFPro, con la società che sarebbe venuta meno all’obbligo di tutelare il suo calciatore, di non ledere i suoi diritti e la sua reputazione. Vedendo da esterno la vicenda è molto grave, anche perché come sappiamo non ci sono più gli estremi per una permanenza del ragazzo in quel di Roma, con un valore del cartellino anche deprezzato.

È vero che Mourinho si è ben visto dal proferire il nome Karsdorp, ma le sue dichiarazioni sono state confermate dalle dichiarazioni dei giorni successivi di Tiago Pinto. Quando un calciatore si ritrova poi sotto casa 40-50 tifosi che lo spingono ad andare via poco importa se Mourinho ha indicato il nome del giocatore o meno, il punto è cosa ha fatto la società per tutelare il giocatore, questo è un punto che va chiarito. È stata poi la società a metterlo sul mercato, il ragazzo è un professionista, fin quando ci sono le condizioni di sicurezza fisica per lui e per la famiglia Karsdorp è pronto a dare il massimo impegno per rispettare il contratto. Poi il calcio non è una scienza esatta, non posso sapere se il trasferimento avverrà o meno.

La Roma non intende regalarlo, questo è chiaro, quindi si vedrà. Tutte le società si muovono all’interno di un sistema normativo che gli consente delle azioni nei confronti dei calciatori e dell’allenatore, la normativa italiana è più pro società che pro lavoratori, non lo dico io ma tutti i giuristi. L’accordo collettivo in particolare firmato dalla Lega Serie A e l’Associazione Calciatori non tutela appieno i calciatori e quindi le società si permettono dei comportamenti un pochettino rischiosi, in tutti gli ambiti.

Il ragazzo ora sta meglio, ha passato dei momenti non facili, noi vediamo i calciatori come star, ma possono anche essere ragazzi fragili. Si è sempre allenato con professionalità, ma l’obbligo della società di prendersi cura del proprio dipendente non sta solo nel permettergli di allenarsi. Ci sono varie forme di discriminazione, l’aspetto principale di questa vicenda è stata la sicurezza della persona e dei suoi familiari, poi parliamo di una cosa oggetto di procedimento e non posso approfondire. Non mi sono mai occupato di una vicenda simile a questi livelli, ho visto vicende come quella di Lanzafame in Turchia aggredito su premeditazione del presidente della società, giocatori fatti allenare individualmente alle quattro di mattina… a questi livelli però non era mai successo. Abbiamo analizzato i comportamenti di Mourinho e non è la prima volta che usa elementi della rosa per distogliere l’attenzione da altri problemi. L’allenatore può esprimere i propri giudizi sui giocatori, io direi all’interno dello spogliatoio, poi tutto ciò che è in pubblico andrebbe regolato sulla base dell’equilibrio.

In questo specifico caso non credo ci sia, alla situazione attuale, pericolo di rescissione del contratto. Chi ha offeso è Mourinho, vedo verosimile che se chi ha commesso un errore chiede scusa il calciatore sicuramente accetta. Il problema della società è che c’è un allenatore che non chiede scusa, non si sente in dovere di rispettare società e dirigenza, figuriamoci se può sentirsi in dovere di rispettare il calciatore.

Qui nessuno accusa la Roma di aver compiuto azioni lesive nei confronti del calciatore, la Roma viene criticata per un atteggiamento omissivo della tutela del calciatore, che non solo è un calciatore ma è anche un asset economico.

Il calciatore andava tutelato a mezzo stampa, ci sono diversi modi per impostare una comunicazione pubblica. La Roma avrebbe dovuto dire che Mourinho ha adottato un atteggiamento errato, ma c’erano anche altri modi, si poteva prendere le distanze dalle parole di Mourinho, rassicurare il calciatore. Su questa storia andava gettata acqua sul fuoco nell’interesse della Roma, perché tutti i club interessati al calciatori sanno che la Roma vorrebbe venderlo, che la Roma sta probabilmente cercando un sostituto e quindi è costretta a vendere il ragazzo a certe condizioni. Tutelando invece il ragazzo si sarebbe poi riusciti a venderlo ad altre condizioni. Dal punto di vista patrimoniale non cambia nulla, c’è ancora un contratto, dal punto di vista dell’asset quanto successo invece ne cambia il valore”.

Fonte: Calciomercato.it

Articolo precedenteCalciomercato Roma, il Torino forte su Shomurodov dopo il ko di Pellegri
Articolo successivoDybala è arrivato a Roma, tanti tifosi ad accoglierlo. La Joya: “Mi sono già sentito con Mourinho” (VIDEO)

61 Commenti

    • Sproloquio giuridico con inesattezze marchiane e vergognose in punto di diritto. La ROMA mi sembra faccia giustamente beneficienza a persone ed enti il cui onore non viene ovviamente messo in dubbio, qui ritengo si tratti di dover fare l’elemosina a questi soggetti. Non c’è più limite alla decenza.

    • cioè, se nessuno della società e tantomeno l’allenatore avevano mai fatto il nome di Karlsdorp, gli viene perdonata la ingiustificata assenza per la tournee giapponese, viene reinserito in squadra e fatto giocare e allenare insieme con gli altri, è per far rientrare il caso e provare a vendere il ragazzo a un prezzo congruo… poi quando arrivano le offerte e Pinto chiede il giusto, arriva sto fenomeno a fare nome e cognome, a parlare di procedimenti penali in corso e a dire che il ragazzo non può restare alla Roma, a questo punto io fossi nei legali dei Friedkin chiederei i danni a questo totale impiastro, e fossi in karlsdorp andrei a cercarmi un avvocato che beva meno sotto le feste…

    • Complimenti davvero a sto fenomeno. Non avevo mai letto tante cazz@te tutte insieme. ai giocatori non sono tutelati ancora sto a ride

  1. se ci fosse stato un riferimento documentato sul calciatore, a quest’ora avrebbe ottenuto la rescissione del contratto e una penale alla società, co ste cose non si scherza Mourinho…..se è roba tua si, ma qui paga la società

  2. Non fa una piega quanto affermato dal legale. Poi altro è la valutazione tecnica del calciatore. Non si può accusare un calciatore per aspetti indipendenti dal rendimento tecnico. Se ci sono dei problemi così gravi da parlare di tradimento, allora il giocatore non deve più rientrare in squadra e deve essere denunciato, con le prove, alle varie autorità competenti, sia calcistiche che penali

    • Si c’è da fare un teorema sul “mi sono sentito tradito da UN giocatore” senza peraltro aver fatto il nome … nome che peraltro è uscito fuori per intuizione dei tifosi e addetti ai lavori , visto il suo atteggiamento dèmmèrda in campo e con i compagni (vedi derby)e successivamente non presentarsi al ritiro e al tour giapponese … adesso era rientrato e sembrava aver capito la ramanzina (LECITA) , facendo il proprio dovere professionale … ora se il proprio agente ha raggiunto accordi con qualche società , si presentassero alla cassa a pagare il conto , perche la Roma non lo regala di certo alla juve o qualunque squadra essa sia.

    • aoo siete tutti fenomeni col cu–lo dell altri , a prescindere che il giocatore sia da cacciare e prenderne uno piu forte, voi sareste tutti felici se sotto casa sui socia se presentano 50 individui quando sei con tua moglie e tuo figlio piccolo , a parte cazz.o di persone vanno a minacciare uno che sta andando a casa con moglie e figlio sti fenomeni da baraccone li vorrei vedere uno per volta , quindi ripeto è facile dire ha ragione mou la società quando tu stai con sedere al caldo.

    • Nando Mericoni … se qualcuno viene sottocasa in maniera minacciosa , chiamo la polizia , che in men che si dica risolvono la situazione identificandoli e disperdendoli … come mai non l’ha fatto ? 50 persone sono TANTE .. o è stato il pretesto per fare per l’ennesima volta il bimbominkia strumentalizzando la situazione inventandosi di sana pianta l’aggressione ?
      Non esiste ne un verbale e nemmeno una denuncia in merito e nemmeno una testimonianza video … la finissero con sta pagliacciata , se vuole andare via , portasse soldi , altrimenti facesse il professionista come i suoi compagni di squadra.

  3. Bello questo comizio senza contraddittorio.
    “…non ci sono più gli estremi per una permanenza del ragazzo in quel di Roma, con un valore del cartellino anche deprezzato…” Cioè, ci stai dicendo che a te e al procuratore ve piacerebbe prendere la commissione per il trasferimento a quattro soldi.
    “…L’accordo collettivo in particolare firmato dalla Lega Serie A e l’Associazione Calciatori non tutela appieno i calciatori e quindi le società si permettono dei comportamenti un pochettino rischiosi, in tutti gli ambiti…” Scusa Ciccio, ma chi è che è scappato in Olanda? Comportamento regolare vero?
    “…non credo ci sia, alla situazione attuale, pericolo di rescissione del contratto…. tutti i club interessati al calciatori sanno che la Roma vorrebbe venderlo, che la Roma sta probabilmente cercando un sostituto e quindi è costretta a vendere il ragazzo a certe condizioni. Tutelando invece il ragazzo si sarebbe poi riusciti a venderlo ad altre condizioni…”
    Arieccolo…. nienete rescissione quindi lo dovete vendere come diciamo noi….siete tu e il procuratore che lo vorreste trasferire a due euro. Costretta? da chi? Se vuole la Roma lo manda in tribuna per i prossimi tre anni, poi vediamo se trovate qualcuno con i soldi (veri) in mano.

    • Non difendono Kardorp … è che devono solo trovare qualsiasi pretesto per càcàre il c*** a Mourinho , che ha tutte le ragioni del mondo a tirargli le orecchie.
      Insomma gente che vuole il male della Roma.

    • incredibile… ci siamo assuefatti ad una mediocrità generalizzata, non si sono altre spiegazioni.
      gente che nella Roma che vorrei potrebbe al massimo tagliare l’erba.

      ❤️🧡💛👊

  4. Sei bravissimo nella dialettica (in fondo è il tuo mestiere) ma perché non giudichi (come fai con il responsabile tecnico della società per cui il tuo assistito lavora) anche l’operato del tuo cliente nella partita specifica in cui succede il fatto, o anche magari nelle precedenti gare, dove, dopo una (sacrosanta) sostituzione si permette di andare dritto negli spogliatoi strafregandosene dei compagni seduti in panchina, che magari avrebbero meritato di giocare più di lui, e del pubblico sugli spalti? Sarà mica che il ragazzo si sente davvero un grande giocatore? No, fagli capire che non lo è assolutamente, qui ha giocato (e spero abbia finito) perché purtroppo non avevamo nessuno su quella fascia. Senza rancore a mai più rivederci

    • non solo..ma in quella circostanza fu proprio mourinho, su specifica domanda di un giornalista, a difenderlo..questo a
      legale giustamente fa il suo lavoro ma come si dice : i fatti della pentola li sa solo il coperchio.

    • Mourinho in quell’occasione ha detto la verità,un giocatore professionista che in campo fa il birichino x farci perdere un incontro causando un danno alla squadra questo no non ci sono giustificazioni.allora coccoliamoli tutti sti montati che de carote ne mangiano tante,ma ci vuole pure e dico “finalmente” uno che gli dà una frustata….ci sono stati allenatori che li hanno attaccati al muro sti fenomeni.zitto e pippa caro avvocato tu e il tuo assistito.

  5. quanto parli….e meno male che c’è un’istruttoria in corso….
    ma….forse…pensa quanto sono malfidato e cinico, io….forse…stai cercando di farti pubblicità gratis???
    FRS ❤ 💛❤ 💛 🐺🐺

  6. “Non ci sono gli estremi per una permanenza a Roma” 👏👏👏

    Io ancora devo capire quali furono “gli estremi” che ce lo fecero arriva’, a Roma… ‘sta pippa indecorosa.

    • Aggiungo, se permetti Kawa, venuto rotto e lo sapeva. Rimesso in sesto, e ha fatto sempre partite da schifo.
      Ma la verità fa male e solo gli ipocriti come lui lo possono difendere.
      Forza Roma

  7. ma quelli che spolliciano contro lavorano? se sul posto di lavoro dicono che non rendi è come se dicessero che rubi? ma dove vivete?

    • hai avuto problemi fin dalle elementari,la punteggiatura la metti a come viene ti capisci da solo 😅

    • certo perché lavorare in ufficio a 1.200 al mese è proprio come dare 2 calci al pallone per diversi milioni l’anno.

      un allenatore ha tutto il diritto di dire di sentirsi tradito da un giocatore (cosa che a Roma non sarebbe una novità),
      pinto non ha mai espressamente confermato nulla, l olandese si è assentato senza giustificazione mandando solo in seguito un certificato medico palesemente falso, prova a far questo sul tuo posto di lavoro

      GENIOO

  8. ma nun cacate er ca*** !!! questo sta facendo questa manfrina per far deprezzare il giocatore e guadagnarci di piu loro … portate i soldi che chiede la società e andate dove volete.

  9. in sintesi dice che c’è un procedimento in corso, ma su cosa sarebbe, e a cosa è finalizzato?
    Mentre chiarisce che “non si può chiedere la rescissione del contratto, non c’è nessuna azione lesiva della Roma o del mister” elenca le peggio offese.
    Quindi?
    Dopo una marea di OPINIONI offensive su Mou e sulla Roma, con consigli per “non deprezzare un giocatore”, pari a quelle raccolte su certa stampa o sui post di alcuni utenti qui, sul sindacato calciatori e sulla sofferenza psichica di Karsdorp, (che avrebbe rifiutato il controllo medico non lo dice?).
    Altresì non può parlare “per il procedimento in corso”, RICK fa il bravo si allena e gioca (vorrei vedere, intanto ha pagato la multa), però la ROMA dovrebbe richiamare il Mister e difendere il giocatore…
    Alla fine il procedimento sarebbe finalizzato ad ottenere per via giuridica le “scuse dell’allenatore e della società ? Questo bippone deve essere lo stesso avvocato a cui si é rivolto FAZIO per denunciare la ROMA e De Rossi per querelare Repubblica.
    Io fossi Friedkin (o Mou) metterei queste frasi nelle mani dei miei avvocati e lo citerei in giudizio stasera stesso.

  10. Ma se è poco professionale (e lo hanno visto tutti) è colpa di Mourinho? Della Roma? Io ricordo le dichiarazioni quando tornò in patria! Meglio il Silenzio! L’unica nota positiva è non vederlo più in squadra.

  11. L’unica cosa su cui gli do’ ragione è il fatto di aspettarlo sotto casa, manco fosse un criminale meritevole di minacce di sto tipo
    Per me è una persona schifosa e può andarsene subito, ma nemmeno al mio peggior nemico farei un “agguato” sotto casa. E si, lo so che non l’hanno randellato, solo intidimito… però sono comunque atteggiamenti che si addicono più alle quaglie. Non abbassiamoci a certi livelli…

  12. Comunque si vede lontana un miglio la rosicata… Probabilmente sperava di organizzare un trasferimento ad alte cifre per beccarsi una succosa commissione.
    Alla fine si torna sempre là, la moneta sonante è l’unica cosa di cui gli frega a lui ed al suo assistito.

  13. Basta mandare via allenatore e tutelare giocatori ampiamente retribuiti che non fanno il loro mestiere.
    In un gruppo c’è un leader i giocatori devono rispettare le decisioni del leader, in questo caso Mou ,e sempre in questo caso non è Mou a doverne fare le spese ma è il giocatore indicato.
    Hanno finito di venire a fare la bella vita a Roma! qua si lavora per vincere non per accontentarsi.

  14. Non si puo’ fare un’uscita in diretta tv come ha fatto Mourinho, se i piu’ si riconoscono in questo nuovo stile Roma io no. Poi a chi si sia riferito dandogli del traditore mi pare lo abbia chiarito 4 giorni dopo non convocandolo contro il Torino. E dico questo pur pensando che di Mourinho la Roma non puo’ fare a meno ma di Karsdorp si.

  15. Beh, a dire il vero, si è maledettamente contraddetto.
    Perché ne ha parlato più lui in un’intervista che tutto il mondo ROMA fuori!
    Quindi ha fatto più danni lui di quanti se ne potessero sospettare!
    Sembra poi più preoccupato del danno alla società, visto che fa continuo riferimento al deprezzamento del valore di mercato.
    Ma quello sarebbe un problema ad appannaggio della ROMA stessa.
    Che, se a quel punto, non si è posta più di tanto il problema, non vedo perché debba fottergliene all’avvocato!!!
    Resto scettico su queste dichiarazioni.
    Per il resto se Karsdorp se ne andasse dai piedi mi farebbe più che felice: sulla sua professionalità ho dubbi macroscopici…
    FORZA ROMA

  16. Vorrei capire se è sempre arrivato in perfette condizioni al campo, da professionista, perché il ragazzo è noto per darsi pesantemente all’alcool, basta andarsi a leggere la sua intervista dove praticamente si autodenuncia alcolizzato e dice che è solo grazie a Mou che ha smesso. Quindi mi chiedo prima il grande professionista dive fosse, magari il tradimento di cui parla Mou è questo? perché sulle questioni tecniche (vedi Ibanez al derby) mi pare che Mou si sia espresso in modo molto molto diverso, evidentemente qui si tratta di problemi comportamentali.

  17. … mi pare di ricordare che un certo Lippi disse cose gravissime sul conto di chi allenava, senza neanche andare per il sottile glissando sui nomi (in almeno un caso c’erano di mezzo topi delle condutture nel sottosuolo …) … Ma allenando una strisciata, certo, la stampa mica gli scatenò contro una tempesta. O ricordo male?

  18. Tra i tanti che oggi sparano ad alzo zero sull’olandese ce ne sono parecchi che l’anno scorso pregavano per la sua salute e che alle obiezioni di alcuni sul valore del giocatore rispondevano sdegnati che si trattava di uno “che in campo dava tutto” e che “usciva sempre con la maglia fradicia di sudore”.
    Così come ce ne sono tanti che invece a suo tempo giustificarono la vomitevole sceneggiata di Dzeko nei confronti di Fonseca a favore di microfoni e telecamere, quella sì invece molto professionale, e che oggi non hanno dubbi nel condannare Karsdorp di tale reato.
    Insomma, dipende sempre dal punto di vista e di chi deve avere ragione a prescindere.
    Mourinho deve averla sempre e comunque, esattamente il contrario valeva per il suo predecessore. In base a tale postulato si trovavano e si trovano le motivazioni per giungere allo scopo.
    E questo fermo restando che Karsdorp è un giocatore di livello medio a essere buoni, esattamente come lo era l’anno scorso. Quando però era un eroe che non si fermava mai.

  19. Onestamente non me la sento ne di prendermela con Mou ne di dare ragione all’allenatore..

    Per più di un motivo, che dovrebbe far riflettere..

    Quali sono sono i rapporti tra Mou – Squadra – Karsdorp… Ed inoltre.. Da quanto va avanti questa faccenda?

    Per dare un pensiero equilibrato bisogna riassumere un paio di cose..

    Lo scorso anno Karsdorp ha giocato tanto.. Non ha fatto nulla di fenomenale.. Ma diciamo che la sufficienza ci può stare..

    Quest’anno con l’arrivo di Celik vedo un calciatore totalmente diverso.. Un calciatore che sbaglia anche passaggi orizzontali semplici..

    Contro la Juventus Karsdorp regalò una prestazione veramente ridicola.. Me la ricordo bene perché pensai che se la squadra stava giocando male, lui stava giocando ancora peggio..

    Mou a fine partita disse.. “Ci sono calciatori che non reggono la competizione”… In quel momento pensai che si stava riferendo a Karsdorp.. Anche se non fece nomi..

    Poche partite dopo ancora Mou a fine partita disse.. Tutti devono fare di più.. Karsdorp lo scorso anno non aveva concorrenza.. Se non si sveglia allora ciao..

    Tutte queste frasi sono campanelli d’allarme..

    Questo problema esiste da inizio campionato?

    Ma cosa più importante.. Anche i compagni hanno iniziato ad attaccare l’olandese?… Perché in questo caso le parole di Mou contro il Sassuolo avrebbero un senso molto più importante..

    Karsdorp quest’anno sembra un giocatore svogliato, che pretende di avere un posto in squadra perché lo scorso anno c’era solamente lui.. Quando entra dalla panchina sembra quasi non aver voglia..

    E questo mi fa pensare..

    Davvero questo avvocato ci sta dicendo che Mou non ha il diritto di dire alla stampa.. Dopo una partita che un ragazzo della sua squadra ha tradito il gruppo?… Ed inoltre non ha fatto nomi.. Non è stato Pinto a parlare..

    Lo avevano già capito tutti.. E perché lo avevano capito tutti?… Forse perché da inizio anno si vede un calciatore senza voglia?

    Un grande calciatore risponde alle parole di Mourinho sul campo.. Con grandi prestazioni.. Dimostrando di essere il migliore in quel ruolo.. E poi in caso se ne va..

    Un piccolo giocatore sparisce, portando un problema medico che non esiste e fa parlare altri per sé..

    Quest’avvocato si è presentato solamente per dire che Karsdorp deve essere venduto a cifre basse.. Non ha aggiunto nulla..

    Come se la Roma fosse obbligata a venderlo.. Ma non è assolutamente così..

    Per finire.. Se il ragazzo ha subito delle aggressioni.. Reali.. Se è vero.. La colpa è di chi prende troppo seriamente certe parole.. Ed in questo caso il ragazzo ha ragione.. Ma la colpa è dei tifosi aggressivi ed eccessivi… Non di chi si permette di criticare l’atteggiamento di un calciatore..

    Non siamo sicuri di nulla.. Ma questa situazione va avanti da molti tempo (dalla terza giornata).. E probabilmente Mou aveva già parlato con Karsdorp in privato.. E forse più di una volta..

    Ma questo è solo un pensiero..

    Forza Roma..

  20. Il fatto che un avvocato sia così “ciarliero” a mezzo stampa e abbia tanta voglia di rilasciare profuse interviste è di solito un indicazione che, legalmente, non esiste un bel niente.

  21. Tentativo puerile dell’avvocato, d’accordo con l’agente, di vendere il giocatore alle loro condizioni. Con questa dichiarazione l’avvocato non ha tutelato per niente il suo assistito. La Roma non ha sbagliato nulla, Mourinho nemmeno. Se i tifosi hanno associato le dichiarazioni dell’allenatore al suo assistito non è un problema dell’allenatore. Il giocatore stesso si è messo sotto i riflettori scappando in Olanda. Il giocatore ha firmato un contratto e se vuole andare via, lo deve fare alle condizioni della società. Non ci si può ricordare del contratto solo quando ci si infortuna!

  22. giocatore mediocre, non professionale ( alcolici e serate da parole sue) pochi assist ,passaggi sempre indietro,non fa un dribbling.. Cassetti in confronto era Cafu.
    via da roma

  23. Ma era cosi difficile prenderlo metterlo fuori squadra e venderlo senza fare questo casino??come ho gia detto non giustifico kardsdrop ma in quel modo si è dato modo a gente da 4 soldi di andare a minacciare una persona che sta andando a casa con moglie e figlio piccolo e vorrei vedere voi quanto sareste contenti o perche prendo 2 milioni all anno devo giustificare che mi vengano a prendere sotto cosa , ma dove vivete nelle favelas brasiliane??

    • Aaahh …non esistono gli allenatori di una volta …uno come Carletto Mazzone lo prendeva direttamente a pizze in panchina come fece Delio Rossi con quel bimbomìnkia di Ljajic.
      E non è questione di Favelas .. ma di educazione e rispetto nei confronti del tifoso che fa sacrifici per pagare il biglietto per andare allo stadio , dei compagni che si impegnano ,della società che ti strapaga e di chi ti da fiducia e ti mette in campo.

    • paquino siccome paghi il biglietto ti da diritto di venire sotto casa mia e minacciarmi davanti a mio figlio., non vale neanche la pena perdere tempo a risponderti piu dettagliatamente , questa sarebbe educazione, favelas è questo il termine esatto ed evidentemente dalle tue parti si usa cosi , per me ci sono altri modi che minacciare una persona e la sua famiglia.

    • ripeto … esiste una denuncia in merito a questa presunta aggressione ? una testimonianza ? un video ? qualcosa ?? come mai non ha chiamato la pubblica sicurezza ? 50 persone … ma pure 10 sono tante … ho visto giocatori come Nzonzi o Fazio che giravano tranquillamente per Roma senza problema alcuno, eppure avevano attriti ben piu gravi di Karsdorp.
      o bisogna fidasse ciecamente sulla parola di uno che s’è dato per psicologicamente turbato, per non presentarsi al lavoro , e volere la RISOLUZIONE DEL CONTRATTO.
      Sai come … le tutele valgono per entrambe le parti.

  24. condivido con te, NANDO, la critica alle pressioni subite da Rick a Roma. Sono, così raccontate, INACCETTABILI.
    Detto questo, come fa Pasquino più su, mi chiedo quanto ci sia di vero nel racconto delle stesse. Erano 5 o 50? Nessuna denuncia, nessuna telefonata al 118? Perché fossero stati 50 (…ma pure 5, se molto agitati…) io mi sarei tutelato. Poi RICK (uno che ha tanti soldi e non vive in una favela immagino) non ha, non é pensabile di no, un paio di videocamere davanti a casa? Un filmato alla giustizia e stop.
    Ma forse è un racconto vagamente pompato?
    Detto questo non é neppure paragonabile KARSDORP a noi (che pure ha, sia chiaro, come tutti, il diritto di esser protetto e viver tranquillo), non fosse altro perché svolge una professione che ha indubbi vantaggi e relativi svantaggi. Tra i quali finire nel mirino di certe esagerazioni che attraversano tutto il mondo.
    Ne più ne meno dei paparazzi che vivon davanti casa delle star, e danno spesso meno fastidi di quanto faccian comodo.
    Sinceramente quanto successo nel post Sassuolo io lo leggo come un normale evento da spogliatoio di calcio come migliaia, e molto peggio, ci sono stati e ci saranno.
    Queste dichiarazioni del legale qui mi lasciano alla fine all’oscuro sulla natura del supposto procedimento (?!) in corso, lui stesso non denuncia reati, e sembran piuttosto fatte da un procuratore, tipo con la Juve nascosta alle spalle, che vuole spuntare le condizioni economiche migliori.

    • Io purtroppo devo rispondere e prendere atto a cio che leggo e quindi devo dare per buono che ci sia andato qualcuno sotto casa ,sui social è tranquillamente riscontrabile e cmq ripeto se la roma sa che non sono cose vere lo scrivesse , c’è un detto “chi tace acconsente” quindi le minacce ci sono state , poi lui sarà un coi-one che non voglio piu veder indossare la maglia della roma , ma io come persona non accetto che accadano queste cose altrimenti non siamo a Roma capitale del mondo ma in una favelas brasiliana

    • e io potrei NON darlo per buono visto che non esiste traccia di testimonianze , e visto che giocatori con attriti ben piu gravi non hanno avuto alcun problema , nemmeno con una sola persona.

    • p.s LA A.S.ROMA NON DEVE SCRIVERE NULLA riguardo la PRESUNTA aggressione fatta da IGNOTI ,e visto che non esiste prova.
      Detto questo tutta sta caciara nasce da un affermazione di un ” MI SENTO TRADITO DA UN GIOCATORE POCO PROFESSIONALE” senza fare nomi , il nome l’abbiamo fatto noi e l’addetti ai lavori visto il comportamento di mèrdà del giocatore … tutto il resto è strumentalizzazione per andare dove vuole lui al prezzo che vuole lui.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome