Conferenza KLOPP: “Dobbiamo rispettare la Roma. Occasione speciale per Salah, è diventato quello che è grazie ai giallorossi”

19
771

L’ALLENATORE DEL LIVERPOOL PARLA ALLA VIGILIA DELLA SFIDA CONTRO LA ROMA – Jurgen Klopp, tecnico degli inglesi, interviene in conferenza stampa per parlare della gara di andata della semifinale di Champions che vedrà opposte il Liverpool padrone di casa e la Roma di Di Francesco. Ecco le sue dichiarazioni:

Salah è stato premiato come miglior giocatore dell’anno dai giocatori e dagli allenatori qui in Inghilterra…
Innanzitutto sono molto contento, possiamo essere tutti molto fieri e deve essere fiero anche lui di quello che è riuscito a fare. E’ veramente una cosa fantastica soprattutto perché è stato votato dai colleghi, dai giocatori. Ieri sera purtroppo non ci ho potuto parlare ma quando torna oggi pomeriggio gli parlerò e gli farò i miei auguri. L’hanno però non è ancora finito, per lui è una cosa fantastica soprattutto perché vincerlo quando ci sono anche calciatori come De Bruyne è ancora più speciale. Lui è stato votato dai giocatori che sanno quanto sia difficile segnare e per lui è una cosa incredibile.

La partita di domani è importantissima, cosa ti aspetti dai tifosi sia dentro sia fuori dallo stadio?
Dentro lo stadio dobbiamo continuare come abbiamo sempre fatto. Dobbiamo rispettare i nostri avversari. Questo è un club fantastico siamo una famiglia calcistica conosciutissima a livello mondiale. Tutto il resto, quello che succede fuori, lo dobbiamo evitare perché non è necessario. Dobbiamo creare un ottimo ambiente e rispettare gli avversari perché siamo avversari solo in campo. Tutti sanno che Roma è una bellissima città, magari non tutti conoscono Liverpool, quindi noi siamo la faccia di Liverpool che possiamo far vedere in quei venti minuti dove si guarda lo stadio quanto siamo belli come città. Il Liverpool si merita questo e ci dobbiamo comportare in questa maniera.

Quanto sarà surreale per Salah giocare contro la sua ex squadra e con calciatori che conosce molto bene?
Dovete sapere che nel calcio questo succede sempre. I giocatori cambiano squadra, anche gli allenatori e anche io un paio di anni fa ho cambiato squadra, ero al Dortmund. Sarà un’occasione speciale per lui, che conosce molto bene la Roma e segue tutte le partite della Roma. Conosce bene i giocatori. Grazie anche alla Roma e al loro staff è il giocatore che abbiamo qui adesso ad Anfield. Sappiamo che domani giocherà da professionista, lo siamo tutti, i difensori italiani non giocano in maniera molto amichevole. Gli daranno una bella accoglienza domani e lui capirà subito che non sono compagni di squadra. Poi anche lui cercherà di far vedere di cosa è capace in campo giocando con la maglia del Liverpool.

Un giorno verrà ad allenare in Italia? Vede somiglianze con Di Francesco?
Non saprei, veniamo tutti e due dalla working class (ride, ndr). Lasciamo perdere la forma fisica, abbiamo avuto un percorso simile, iniziando in piccole squadre avendo poi successo. Lo stile di gioco non so se è molto simile, come me ama il calcio e questo mi piace molto. Questo non rende la vita più facile a nessuno dei due, sapevo dall’inizio che saranno due partite molto difficili. Non so se è il caso che venga ad allenare in Italia perché al ristorante italiano so chiedere solo un piatto di spaghetti, non penso al mio futuro. Penso che sarò qui almeno per altri 4 anni.

C’è chi dice che è una semifinale tra due che non ci dovevano essere… 
Il discorso che non dovevamo esserci non mi interessa più di tanto anche perché noi e la Roma ce lo siamo ampiamente meritati. Non è impossibile arrivare qui, quando mi hanno detto che il Barcellona aveva perso 3-0 non ci credevo. In Italia c’è la Juve, qui il City, squadre che dominano i campionato. L’importante è fare del nostro meglio per lo scudetto e per l’Europa. Il nostro percorso è stato difficile, non chiedi niente altro che giocare queste partite. E’ già la seconda volta che gioco una semifinale. Ammiro molto la Roma, hanno un nuovo ds, hanno cambiato allenatore e hanno perso giocatori importanti. Rispetto molto Di Francesco, non vedo l’ora di giocare.

E’ cambiata la percezione che aveva della Roma dopo la partita col Barcellona? 
No, ho visto parecchio calcio italiano. Lo considero interessante. Conosco Dzeko dalla Germania, non sono sorpreso. Mi piace seguirlo. Sono sorpreso che abbiano battuto 3-0 il Barcellona dopo aver perso l’andata. Il fatto che sia stato possibile è fantastico. Sono un gruppo e una rosa forte, hanno cambiato tanto nell’ultima partita e vinto ugualmente. Hanno tutti i giocatori in forma, hanno ottimi giocatori come Dzeko, Under, Schick, El Shaarawy, tutta gente con esperienza. Per loro come per noi è un’occasione fantastica, non siamo abituati a giocare partite di questo tipo. Sarà una bella partita.

—————–

Queste invece le parole di Jordan Henderson, centrocampista del Liverpool, protagonista della conferenza stampa accanto all’allenatore Klopp:

Salah miglior giocatore, tu per chi hai votato? 
Ho votato De Bruyne perché non potevo votare chi gioca nella mia stessa squadra. Sono contento per Salah, se lo meritava. Ha avuto una stagione fantastica, basta guardare le statistiche. Speriamo possa continuare così a lungo.

Gerrard ha detto che per essere considerato una leggenda bisogna restare a lungo. Salah resterà qui tanti anni? 
Sì, è tra i migliori giocatori al mondo adesso. Ci saranno altre squadre che proveranno ad avvicinarsi a lui e portarcelo via, ma adesso è un ottimo giocatore e fa parte di quello che stiamo facendo tutti insieme. Vogliamo scrivere la nostra pagina di storia del Liverpool. Sono sicuro che anche lui vorrà scrivere la sua.

Quanto è importante per te e il Liverpool questo momento? 
E’ un momento storico e molto importante per noi, speriamo sia l’inizio di qualcosa di speciale. Da quando è arrivato Klopp ci ha aiutato a migliorare, sarà solo l’inizio e sarà bello in futuro pensare a queste due partite, speriamo anche per il risultato.

Con Salah la squadra gioca in maniera diversa? 
Quando c’era Coutinho giocavamo ugualmente in maniera collettiva, abbiamo reagito bene alla sua perdita. I tre davanti continuano a segnare, la squadra funziona bene così e noi dobbiamo continuare così e migliorare. Domani sera giochiamo contro un ottimo avversario come la Roma. Siamo pronti e se riusciremo a ripetere la prestazione contro il City dovrebbe essere sufficiente arrivare in finale.

Quanto sarà difficile applicare il vostro piano di gioco rispetto alle partite col City? 
Sarà tutto diverso, hanno giocatori diversi, è una squadra diversa e ci sfideranno in maniera diversa. Abbiamo giocato contro ottime squadre, abbiamo saputo rispondere a queste sfide. Siamo pronti, dobbiamo continuare a fare un po’ di lavoro e continuare a giocare come fatto fino adesso.

Che cosa ne pensi di De Rossi? 
Giocatore e leader fantastico, è nella Roma da tanto tempo. Ha molta esperienza, è abituato a giocare queste partite. Secondo me non vede l’ora di giocare. Ma anche noi siamo contenti e abbiamo giocatori di esperienza, magari non tanta come ne ha lui. Siamo pronti e dobbiamo essere ben preparati ad affrontare la Roma domani.

Più di 15 giocatori andranno al Mondiale, come troverete equilibrio? 
Non ci penso, questo è un momento importantissimo per le due squadre e pensiamo solo a queste partite. Al Mondiale ci si penserà dopo. Contiamo sulla nostra capacità di resistere e lottare. Nessuno pensa al Mondiale adesso.

Ad Anfield giocate partite fantastiche… 
L’ambiente creato dai tifosi del Liverpool ci aiuta molto. Anche domani lo creeranno e noi giocatori dobbiamo fare una prestazione all’altezza di questo ambiente. Ma anche a Roma ci sarà un gran ambiente. Noi giocatori dovremo essere all’altezza per far piacere ai nostri tifosi.

Klopp sembra diverso rispetto agli altri allenatori… 
E’ uno dei migliori al mondo adesso, tatticamente è molto bravo, conosce molto bene il gioco del calcio. Si vede da come ci fa giocare e dal suo stile. Anche lontano dal campo è un ottimo essere umano: genuino e sincero. Ha questa passione per il calcio che riesce a comunicare a tutti noi, chiede sempre di più e di alzare l’asticella. Vuole il livello più alto possibile a prescindere dalla partita. Un uomo incredibile, io sono migliorato molto da quando sono arrivato e spero di migliorarmi in futuro.

E’ passato molto tempo da quando sei arrivato, domani sera sarà la partita più bella da quando sei qui?
Sì, giocare una semifinale di Champions ad Anfield è importante per me e per tutti i miei compagni di squadra. Noi sogniamo partite come queste contro grandi squadre come la Roma. Dobbiamo concentrarci su questa partita facendo il nostro lavoro e il nostro dovere per avere tra qualche anno un ottimo ricordo di queste due serate. Non solo il ricordo dello stadio e dell’ambiente ma anche del risultato ottenuto.

Articolo precedenteUFFICIALE: QATAR AIRWAYS E’ IL NUOVO MAIN SPONSOR DELLA ROMA. Pallotta: “Partnership storica tra due grandi brand”
Articolo successivoIl triplo salto in alto della Roma

19 Commenti

  1. Grande allenatore che ha saputo trasformare il perdente e mediocre Liverpool degli ultimi anni, riportandolo quasi ai fasti di Rafa Benitez.

    Domani si ritroverà di fronte un tecnico più inesperto, ma dal grande futuro e talento

  2. Io non voglio essere offensivo caro Idiot1.0 ma per dire “testa al Chievo” prima di una semifinale di Champions verrebbe da dirti “testa di ….”
    senza offesa
    sempre forza roma

  3. Domani concentrazione massima, qualche calcio duro all’inizio per i loro 3 attaccanti, tanto per mettere le cose in chiaro.
    Che sia difesa a 3 o a 4 bisogna giocare molto di squadra, se presseranno tutti possiamo fare il nostro gioco, visto che in difesa non hanno questa tecnica sopraffina, sarà indispensabile non perdere alcun pallone quando usciamo in palleggio, così come per noi è la loro arma migliore.
    Forza Roma.

  4. E dopo il Pallottiano, il Monchiano, l’affettato ottimista, il criticautenti a prescindere, l’offensivo, …abbiamo il pessimista illogico. Venghino siori…personaggi in cerca d’autore

    • Non crede nemmeno lui a quello che scrive.
      Io penso siano solo frasi dettate da un atteggiamento scaramantico estremo.

  5. Fantastico uomo di calcio e persona correttissima.
    Non capisco l’astio che gli si è riversato contro negli ultimi tempi. Non ci credeva del 3-0 al Barcellona perché era oggettivamente un evento eccezionale, mica per deridere la Roma.
    Io stesso c’ho messo una settimana a convincermi 😀

  6. Dobbiamo rispettare la Roma?! A Kloppe, quando i tuoi antenati con le corna in testa vivevano sugli alberi i nostri avevano le SPA con l’aria condizionata e quando quelli degli inglesi si dipingevano la faccia di blu i nostri erano già froxi.

  7. Purtroppo Amedeo mi ha anticipato, ma volevo dire a tutti quelli che si offenderanno del titolo che “dobbiamo rispettare alla Roma” è riferito ai tifosi del Liverpool che dovranno rispettare i tifosi avversari per dare una bella immagine della città, visto che a differenza di Roma non è conosciuta da chiunque. Ancora una volta leggere poco più del titolo costa troppa fatica e qualcuno casca nelle solite gaffe

  8. Speriamo di non prendere un imbarcata. Sembra che stiamo andando a giocare con lo Shakttar.
    Testa sulle spalle e concentrazione. Questi sulla carta e di testa sono meglio di noi, non facciamoci illusioni.
    Comunque la vedo quasi impossibile. La Roma non può vincere, lo dice la tradizione.

    • perchè secondo te lo shaktar era facile da battere ?? .. e perché la Roma ha eliminato solo lo shaktar ?? e il barca ?? , e inoltre ha rifilato tre pere anche al chelsea …. ma non hai capito che la Roma ormai ha esperienza europea da vendere come giocatori ?? … e che le cose (comunque vada questa partita) sono cambiate anche in prospettiva futura in champion dopo aver fatto un cammino strepitoso ?? . Pensi che il liverpool si farà una passeggiata ?? …

    • Il rischio di subire la pressione ambientale e la velocità dei primi venti minuti è sinceramente alto. A mio parere, Eusebio potrà adottare la strategia di gioco usata contro il Napoli alternando densità difensiva per limitare le folate di Salah che soffre contro le difese chiuse, a pressione sui difensori e ripartenze ( contro la Spal, seppur contro un avversario modesto, si è visto quanto il Ninja in campo aperto possa far male). Prima di Napoli, non ci sarebbe stata partita, ora possiamo giocarcela.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome