Kolarov verso il rinnovo, entro Natale il nuovo contratto

18
2468

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Non ci sono dubbi: Aleksander Kolarov vuole chiudere la carriera a Roma. Il serbo è diventato sin da subito un punto di riferimento per Fonseca, che questa estate ha chiesto da subito la sua conferma.

Lo stesso presidente Pallotta nutre molta stima nei confronti del giocatore, al punto che prima di Natale verrà discusso il rinnovo del contratto, con la possibilità di rimanere all’interno della società una volta ritiratosi.

Kolarov sembra intenzionato ad accettare, visto che avrebbe scartato la possibilità di tornare in Serbia o chiudere la carriera in Cina o in Arabia Saudita.

(Corriere dello Sport)

Articolo precedenteFermate il calcio. Allarme di Fonseca: «Troppe partite, squadre stanche e poco spettacolo»
Articolo successivoParma-Roma, l’arbitro è Fabbri. C’è Banti al Var

18 Commenti

    • Buongiorno Giovanni.
      Beh, non posso che allinearmi con il tuo pensiero, però anche solo un anno ma gestito bene ci può stare, che ne dici? Poi è un evidente e importante “uomo-spogliatoio”.
      Diciamo che tutto sommato ancora un anno (ribadisco… gestito bene) agonistico e poi il resto come figura manageriale interna alla società, non la vedo poi così male. E’ una persona con tanto di attributi e molto seria professionalmente parlando. Molto più di mister querela alias “ve faccio arrivà decimi” (ancora non riesco a mandarla giù sta cosa…).

  1. È un grande campione che può servire ancora un anno in campo, poi siccome è una persona molto seria potrebbe diventare un vero e proprio dirigente di quelli di grande personalità

  2. Collega Giovanni, kolarov avrà anche quasi 34 anni ma non salta una partita. Sto con te che anagraficamente non puoi scappare e che talvolta qualche prestazione è umanamente un filo sottotono ma la serietà di quest’uomo è ammirabile. Può continuare se si gestisce in modo corretto in virtù della sua integrità fisica.

  3. Magari,un rinnovo e poi di corsa in società questo ha le cosiddette palle e uno così come manager ci vuole, purtroppo secondo me già quest’anno la Roma lo voleva gestire visto che sono stati presi Spinazzola direi ottimo,e zappacosta ,ma questi maledetti infortuni non ci lasciano.nonostante questi due acquisti la Roma l’anno prossimo è costretta a comprare due terzini incredibile.forza Roma

  4. Ok, l’età è quella.
    Ma uno che viene a fare il terzino a Roma e non si spezza manco un’unghia in 2 anni e mezzo per me è un incrocio tra Robocop e Highlander, e poi è uno che stende solo con lo sguardo.

    Certo, poi bisogna trovare qualcuno che gli vada a dire che dovrà sedere più spesso in panchina… Mike Tyson è ancora libero?

  5. Acquisto azzeccatissimo, alla faccia di quel gruppuscolo di beceri pseudo-tifosi che spero spariscano al più presto dallo stadio….le scelte sul futuro le lascio molto volentieri al tecnico, al DS e alla società verso i quali nutro una fiducia che mai come quest’anno mi sembra (ed era ora!!) ben riposta. Sarà pure l’aria nuova che si respira a Trigoria, finalmente senza “privilegiati” e “capipopolo”?…forse si…sempre forza Roma

  6. Ricordo che Totti a 34 anni ha iniziato la sua “seconda vita” e l’ha retta da Titolare fisso e decisivo fino ai 37/38… Il resto è stato comunque egregio e decisivo quando stava in campo… Ora mi domando… Diversi tifosi della Roma avrebbero voluto ancora De Rossi (35 l’anno scorso) che gli ultimi 5 anni (tranne quello in cui gli stava scadendo il contratto – furbo -) li ha passati tra tribuna e infermeria; e quando giocava faceva più danni che altro (ricordo i vari cartellini rossi in diverse partite importanti)… E a quale prezzo poi… Kolarov ha 33 anni e sta facendo i suoi campionati più belli della sua carriera! E’ sempre presente e per fortuna (e mi auguro continui a lungo) sembra di ferro… Quando gioca male strappa almeno la sufficenza… Corre, difende, fa assist, SEGNA!!! Già quest’anno 4 gol e tutti importanti! E’ il miglior terzino Sx d’Europa attuale e mi dispiace per chi la pensa all’incontrario… l’anno scorso ha fatto, in campionato 8 gol, ovvero uno in meno di Dzeko… A Natale il rinnovo? SUBITO!!! E non di un anno… Questo giocatore può giocare altri 2/3 anni + 1 opzione se ancora regge, ovviamente con le dovute precauzioni e sostituzioni all’altezza… Al momento lo farei quasi Capitano… Ma c’è anche un grandissimo Dzeko che potrebbe meritare di più quella fascia… Quindi… Dzeko Capitano e Kolarov Vice. Altro che Florenzi e Pellegrini… Per me li possono vendere tutti e due e in cambio un altro Difensore Centrale centrale, un bel Terzino Dx di livello e un’altra punta da 30 gol all’anno! Allora si che si inizia a ragionare! A centrocampo abbiamo Cristante, Veretout, Diawara e la “nuova” scoperta Mancini… E se ne vuoi un altro promuovi il fortissimo Riccardi dalla primavera alla Squadra A! Vi ricordate Bertolacci? Ecco… Per me è paragonabile a Pellegrini… Buono, ma non indispensabile… Poi se vogliamo la realtà in faccia… I risultati parlano da soli…Daje Mister e Forza Roma!

  7. Assolutamente da rinnovare, fisicamente ha due anni di meno e può giocare altri due. Ovviamente dovrà essere tenuto come prima riserva, portando Spinazzola titolare e comprando un terzino destro affidabile. Però sarebbe stupido non rinnovarlo e poi andare a prendere un terzino sinistro incognita panchinaro di Spinazzola.

  8. Non ci dimentichiamo che Kolarov nel City ha giocato anche da centrale, ruolo un po’ meno dispendioso rispetto al farsi tutta la fascia svariate volte a partita, quindi volendo preservarlo si può anche pensare a un eventuale cambio di ruolo in alcune partite. Di certo è uno che ha personalità e tigna e che serve nello spogliatoio e in campo, e un domani potrebbe anche servire come dirigente. Tra i tanti errori di Monchi, si può dire che questo è stato un acquisto davvero azzeccato come rapporto qualità/prezzo/rendimento

  9. Poiché non ci sono soldi da investire a Roma e visto i precedenti, a coloro che non hanno più mercato la società rinnova fino a quando non hanno diritto al l’accompagnamento.. In Inghilterra esordiscono in prima squadra a 19 anni e non hanno paura di lanciarlo nella mischia. I nostri giovani vanno in prestito gratuito a girare l’Italia e a perdersi nei meandri delle categorie inferiori…

  10. Il criterio dell’età non è uguale per tutti i giocatori. C’è chi a 28 anni è già bello e spompato -senza voler fare nomi – a causa di bevute e bagordi vari…e chi a 34-35 anni e oltre ne dimostra sul campo 10 di meno. E Kolarov rientra in questa seconda categoria. La serietà professionale e il rispetto per il datore di lavoro meritano i giusti riconoscimenti economici e contrattuali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome