La Roma green si “allena” al Franchi

12
1297

AS ROMA NEWS Largo ai giovani. La Roma oggi di scena a Firenze per dare un aspetto migliore alla sua classifica, per restare davanti alla Juventus e provare a ritornare sopra l’Atalanta, e preparare al meglio la finalissima di Budapest.

“Sarà un allenamento serio in vista del Siviglia”, aveva detto Mourinho, che ha dovuto mollare la corsa al quarto posto dopo il pareggio interno contro la Salernitana di qualche giorno fa.

Oggi dunque spazio alle seconde linee: i giocatori indispensabili in rosa sono rimasti a casa, da Rui Patricio a Pellegrini, passando per Matic e Dybala. Ci sono invece Smalling e Llorente, ma in difesa oggi potrebbe toccare al giovanissimo Keramitsis.

A destra scontata la presenza di Missori, a centrocampo nuova chance per Tahirovic, in attacco Volpato chiede spazio. Ma anche l’ultimo arrivato, Riccardo Pagano, “dieci” della Primavera giallorossa, spera di avere la possibilità di esordire oggi al Franchi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT (3-4-2-1)
Svilar; Llorente, Smalling, Ibanez; Missori, Bove, Camara, Zalewski; Solbakken, El Shaarawy; Belotti.

CORRIERE DELLO SPORT (3-4-2-1)
Svilar; Keramitsis, Smalling, Ibanez; Missori, Tahirovic, Camara, Zalewski; Solbakken, Volpato; Belotti.

IL TEMPO (3-4-2-1)
Svilar; Keramitsis, Llorente, Ibanez; Missori, Bove, Camara, Zalewski; Solbakken, Volpato; Belotti.

IL MESSAGGERO (3-4-2-1)
Svilar; Llorente, Smalling, Ibanez; Missori, Bove, Camara, Zalewski; Solbakken, El Shaarawy; Belotti.

TUTTOSPORT (3-4-2-1)
Svilar; Keramitsis, Llorente, Ibanez; Missori, Bove, Camara, Zalewski; Solbakken, El Shaarawy; Belotti.

Articolo precedenteSiviglia-Roma, al via la vendita dei biglietti per assistere al match allo Stadio Olimpico: prezzi e modalità
Articolo successivoMonchi: “A Roma ho fatto degli errori, tra cui Pastore. Ma non mi hanno dato tempo di rimediare”

12 Commenti

    • dentro tutti i pischelli che è mercoledì che servono i giocatori veri!
      Oggi nuovo contratto a Mou per altri tre anni, la base di giocatori c’è, non buttiamo a mare questi due anni, daje americani che cosa altro aspettate?
      Forza Roma, sempre!

  1. buttate questi giovani dentro come fa l’ajax (che forse ha l’under 23)
    e famo l’under 23!!!

    basta stare sotto schiaffo degli scansuolo di turno…

    • In Olanda sono 30 anni avanti.
      Vabbè che in tutta la nazione hanno si e no 30 squadre, ma Le U21 fanno la serie B.
      Da noi se fai la U23 vai a giocare in terza serie contro scarpari di province mai sentite prima.
      Basta vedere la Juve, la loro U23 è una raccolta indifferenziata di bidoni senza futuro.

    • Julian, il fatto che in Olanda siano più avanti che in Italia sulla questione giovani è fuor di dubbio. Però la Juve U23 per regolamento (se ne dovesse essere in grado) può salire fino alla Serie B. E inoltre, per quanto ci possono stare antipatici, quest’anno hanno lanciato Fagioli, Miretti e Iling Jr. che sono diventati dei titolari. Tutti e tre vengono dalla Juve U23.
      Prima di scrivere, quanto meno informarsi sarebbe cosa buona e giusta.

    • Frango
      visto che non sono informato, Iling è cresciuto nel Chelsea ha fatto manco 10 partite con l’U23 e poi è passato in prima squadra.
      Miretti ha fatto tutte le giovanili e con la U23 ci ha giocato solo l’anno scorso.
      Fagioli, l’unico davvero forte, ha fatto tutta la stagione scorsa alla Cremonese dove è esploso, e con la U23 ci ha fatto si e no 25 partite in 3 anni.
      Per il resto in cinque anni di esistenza, non mi pare abbiano sfornato chissà quanti campioni.
      Concludendo, ripeto, se una ‘U23 gioca in serie c, serve a ben poco.

  2. Se malauguratamente non dovessimo vincere mercoledì, l’anno prossimo meglio fare l’Europa League che la Conference, giusto? Allora perché rinunciare oggi a giocarsela? Occhio che se alla Juve non danno altri punti di penalizzazione per il filone stipendi rischiamo di arrivare settimi.
    Mancano i rincalzi? Gravissimo che la Società non sia riuscita ad allestire una rosa adeguata.

    • La Giuve sarà senz’altro esclusa dalla Uefa, e molto probabilmente non solo per un anno.
      Il tonfo fragoroso del Castellani dà già un’idea che i giocatori sappiano cosa li attende.
      Probabile che perdano pure stasera da un Milan che invece deve ancora guardarsi alle spalle dall’Atalanta.
      Noi sicuramente, male che vada, saremo in EL l’anno prossimo e la partita di oggi non conta proprio nulla, premesso sempre che chiunque vada in campo deve onorare la professione e la maglia che indossa.

  3. È ovvio che LA vera partita è quella di mercoledì, ma io Spero che la Roma si faccia valere anche a Firenze per vari motivi: 1) vincere abitua a vincere (questione di mentalità); 2) come ha giustamente scritto un altro utente, è comunque importante cercare di andare almeno in Europa League anche la prossima stagione; 3) la maglia deve essere sempre onorata. E poi non mi piace perdere, come tifoso, neanche le amichevoli estive, figuriamoci una partita di campionato (con la Fiorentina, poi…).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome