La Roma svela la sua strategia di sostenibilità. Souloukou: “Ci assumiamo la responsabilità di influenzare positivamente l’ecosistema calcistico”

54
1028

AS ROMA NOTIZIE – Tramite una nota sul sito ufficiale, la Roma pubblica il lancio della strategia di sostenibilità a lungo termine spiegando, anche attraverso le parole della CEO giallorossa Lina Souloukou, l’ambizioso progetto della società:

“L’AS Roma riafferma la propria posizione di leader nell’ambito della sostenibilità, con il lancio di un’ambiziosa strategia di sostenibilità a lungo termine. Questa strategia consente al club di definire un percorso di sviluppo chiaro e fattibile, partendo dalla propria ampia tradizione nell’ambito della responsabilità sociale d’impresa, e di accelerare i propri progressi in materia di sostenibilità per molti anni a venire.

L’AS Roma è il primo club che ha scelto di collaborare ufficialmente con la UEFA per costruire la strategia di sostenibilità calcistica 2030 Strength through Unity e, pertanto, sta assumendo una posizione di leader per definire le migliori pratiche nel calcio europeo tramite la creazione di questa strategia, ponendosi come un esempio da seguire per gli altri club.

Un filo conduttore dello sviluppo di questa strategia è stata la stretta e continuativa collaborazione con i tifosi dell’AS Roma. Oltre 27.000 romanisti hanno condiviso le proprie opinioni, spiegando in che modo la sostenibilità debba essere integrata nei programmi del club, e queste risposte hanno supportato l’ufficializzazione dei tre pilastri fondamentali della strategia: la comunità, l’ambiente e la generazione futura.

Sono stati definiti alcuni obiettivi SMART ambiziosi rispetto a ciascuno di questi pilastri, allo scopo di garantire il massimo impatto sulle aree più importanti per il club e per i soggetti d’interesse. Al fine di assicurare una piena trasparenza, nell’appendice alla Strategia di sostenibilità è disponibile un elenco completo di questi obiettivi e delle scadenze ad essi associate. Inoltre, il club eseguirà una valutazione del proprio impatto ambientale per garantire un processo decisionale basato sulle evidenze.

Sebbene siano stati fissati molti obiettivi intermedi, la strategia è già attiva tramite varie campagne, tra cui Amami e Basta, che ha lo scopo di contrastare la violenza contro le donne, Unstoppable – Superiamo gli Ostacoli, un’iniziativa per supportare i tifosi con disabilità e Outraged, una campagna educativa lanciata in collaborazione con la UEFA allo scopo di sensibilizzare in merito alle diverse forme di discriminazione e a come quest’ultime si manifestano in ambito calcistico.

Inoltre, la partnership del club con Roma Natura ha riaffermato l’impegno dell’AS Roma a proteggere e potenziare la biodiversità all’interno delle sue strutture e nella città di Roma. Tramite un programma continuativo di iniziative e lo sviluppo di politiche e pratiche interne, il club si assicurerà di integrare la sostenibilità a qualsiasi livello, a partire dalle varie squadre per arrivare alle proprie strutture ricettive e funzioni aziendali, ai tifosi e ai soci.

Lina Souloukou, Chief Executive Officer dell’AS Roma, ha espresso questa opinione in merito alla strategia: “Come club, abbiamo dimostrato la forza del nostro impegno a costruire un futuro maggiormente sostenibile, diverso e inclusivo per il nostro sport tramite le partnership con la UEFA, l’ECA, la UNFCCC e l’iniziativa Football for the Goals delle Nazioni Unite. Con la pubblicazione della nostra strategia di sostenibilità, rafforziamo ulteriormente questo impegno e ci assumiamo la responsabilità di influenzare positivamente l’ecosistema calcistico, tramite un’azione mirata e strategica a supporto delle nostre comunità, della generazione futura e dell’ambiente. Sono molto orgogliosa di quello che abbiamo già ottenuto e, in gruppo, continueremo a concentrare i nostri sforzi per generare un impatto sostenibile in tutto quello che facciamo”.

Fonte: asroma.com

Articolo precedenteGuti: “Ritorno di Mourinho al Real? Con lui mi annoiavo, e con la Roma sta accadendo lo stesso”
Articolo successivoULTIME DA TRIGORIA – Renato Sanches ancora out. Per l’Udinese ballottaggio Bove-Paredes

54 Commenti

  1. Linaaaaa, l’ambiziosa strategia dovrebbe essere quella di fare un Squadra di alto livello e, possibilmente, vince qualcosa !!!!

    • So d‘accordo, tutte iniziative nobili e ampiamente condivisibili. Ma sti progetti, fondamentalmente finanziati da una fede incondizionata, se devono integrà con un progetto de squadra competitiva. Sennò che risonanza c avrebbero?
      Me pare fuffa messa così

    • Sembra uno di quei programmi politici che vengono illustrati ai comizi pre-elettorali ed ai quali non credono manco gli oratori.
      Concetti alti, sostenibilità a 360 gradi, visioni futuribili e cura del presente!
      Sì, ma che vuol dire?
      Niente, tu fidati.

    • Inoltre il calcio non ha nulla di sostenibile, è solo veicolo di estremismi, nei costumi, nel tifo, nell’ostentazione ecc ecc.

    • quindi mi stai dicendo che Mou c’è riuscito a portarci in Champions League? addirittura come testa di serie del girone? pensare che c’è chi dice che in questi tre anni non ci sia riuscendo nemmeno una volta a portarci in Champions. quindi non è colpa di Mourinho se la Roma non è in Champions League quest’anno… strano a giudicare da tutti quelli che leggo sembra che sia lui il male assoluto e non porcate arbitrali…

    • So affetti daa sindrome de Stoccorma, sennò nun se spiega com’è che sti due stanno a pelle de leone sotto li piedi de Ceferin

  2. In parole povere la strategia è spendere poco(con la scusa della sostenibilità e dell’accordo sul fair play finanziario che volentieri hanno sottoscritto), e sostanzialmente stanno qui solo per fare lo stadio.
    Almeno Pallotta con Sabatini alla fine era più creativo, questi vogliono solo fare il matrimonio con i fichi secchi e sperare che con lo stadio si rivendono l’asset a 200 milioni in più di quanto hanno speso. Friedkin out subito!!!!

    • Hai ragione era più creativo, ed era più creativo perché rischiava di più: Luis Enrique, Garcia, Di Francesco, le giovani promesse di Sabatini erano tutte incognite, ti poteva dire male certo, ma se azzeccavi gli acquisti e le annate buone arrivavi dove arrivammo.
      Mourinho è un usato sicuro invece, con lui i Friedkin non devono fare niente, è tutto in mano ai portoghesi, vecchie glorie, qualche campione infortunato e le coppe di seconda fascia sono assicurate.
      La bacheca si è riempita, il tifoso di bocca buona è soddisfatto, i sold out si sprecano.
      Che vuoi di più? Il bel giogo è per i lazziesi.

    • Una finale di EL giocata con grande dignità non è robetta. Dopo una stagione drammaticamente fuori norma per numero e gravità degli infortuni.
      Forza Roma.

  3. Ammazza quante amenità in questa nota ufficiale. Inclusività, sostenibilità… Bene, bene. Saranno contenti quelli dell’ UEFA, che amano molto queste parole. Pensiamo però anche al progetto tecnico, per favore! FR

  4. La solita solfa!!! Dai Sensi in poi declino totale! Mi fa piacere la parola” sostenibile” ormai usata anche al wc…na cacata sostenibile se po fà dopo le parole della Sora Kukù?

  5. ma che caxxo sta a di..eh scusate ahahahahha, ma chissene de sta robba, della squadra non frega nulla a nessuno me pare..a parte incassare per comprare/prestare gli zombie del psg..

  6. Calcio sostenibile? Allora vendete lan Roma ad un romano e romanista! e che diavolo…! Ogni storia è buona a roma per non avere mai i fondi per fare una squadra tosta? Porco Demonio! C’avemo solo cavalli zoppi in rosa che debbono essere sostenuti e mantenuti e parlate di calcio sostenibile? ma cosa? se non sono legamenti che saltano sono muscoli di zucchero filato…mettete in campo una squadra testaccina mettetece un carletto alla guida almeno così sapremmo di qualcosa! Calcio sostenibile? Una barzelletta.

  7. Non è più AS Roma. È diventata ONLUS Roma. La Caritas già la fa, lasciando punti e vittorie a squadre derelitte come l’Alassio.

    • Compa’, Taylor non gli ha spostato un capello alla madama. I soldi dell’abbonamento se devo fare beneficienza, li regalerò a chi mi pare,non a Ceferin 👺.
      Lo dice pure😱 senza vergogna ahò.
      Forza Roma

  8. A ragione del plebiscito che leggo, a cui mi aggiungo mi pongo un quesito…
    Ci sarà in società chi ha il compito di seguire i social..?? penso sarebbe utile per capire cosa vogliono chi ti sostiene, chi sacrifica per seguire la squadra, chi chiede permessi al lavoro o ferie per andare ad accogliere i nuovi giocatori all’areoporto, chi fa gli abbonamenti allo stadio come in TV, chi prende tal prodotto perché è sponsor della sua squadra del cuore..
    Così magari la prossima volta non la si fa’ fuori dal vaso, noo..???
    Una società in questo caso di calcio ma, cmq sport è creata e sostenuta per competere, per le vittorie, per i trofei.
    Per la prosa c’è il teatro, ci sono le associazioni culturali…
    La sostenibilità si trova nelle vittorie, perché alimentata dalle competizioni..
    Per gli esperimenti c’è il Real che ha più trofei di tutti e ha tempo da perdere…!!!

    • a giudicare dai difensori della società che scrivono qui sopra la risposta alla tua prima domanda sembrerebbe sì

  9. ma di cosa parla? la roma dovrebbe essere una squadra di calcio e considerando che roma e’ la citta piu bella e famosa nel mondo , ci aspettiamo di avere una squadra competitiva x vincere scudetti e champion.. la sostenibilita’ la lascierei alle quaglie ..

  10. noi facciamo i primi della classe rispettiamo i paletti imposti dall’uefa ci facciamoci rubare una coppa ci facciamo massacrare dagli arbitri mentre gli altri vincono scudetti, coppe non rispettano nessun paletto gli arbitri gli sono favorevoli mentre l’uefa ci massacra grazie ma preferisco la Rometta di una volta perche’ avevamo dignita’ ma sempre a testa alta

  11. Più che un comunicato ufficiale sembra una lettera di scuse alla tifoseria: abbiamo interessi diversi dai vostri, perdonateci. Tanto x cominciare, una squadra può essere di esempio (di sostenibilità) quando riesce a primeggiare (se non a vincere) in maniera sostenibile. Altrimenti siamo solo un esempio di “poraccitudine”. Questi “esempi” hanno senso se vengono fatti dal Real, dalle squadre di Manchester, dal Bayern (che in parte lo fa)…non dalla Roma. Usare a sproposito la parola “leader” come fa la Solokou fa sorridere (gli altri) e incazzare (noi). Ovviamente tutta questa sostenibilità va a farsi friggere quando si tratta dei costi dei biglietti o del merchandising. Lì si punta al massimo. Che delusione…

  12. ma questo è politichese puro…
    una marea de parole per non dire e spiegare niente…
    la cosa più preoccupante è che in stò sermone non si nomina mai la squadra di calcio…
    verrebbe da domandarsi… ma questa sà che gestisce una società di calcio???

  13. Ma i difensori dell’azienda che scrivono qui, col loro fastidio verso chi pretende investimenti tecnici il loro suonare ostinatamente la fanfara del ferpleiiiiiiii e del settlement nonspendouneuroment l’hanno capito che senza costruire una squadra forte non torni in Champions e non accedi ai relativi lauti introiti ei prossimi anni rischiando a quel punto davvero di diventare una provinciale o addirittura di fallire e che a quel punto è piuttosto preferibile rischiare multe, riduzione della rosa o la partecipazione per un anno a una coppa?

  14. il calcio una volta era una cosa piacevole, si amava una squadra, perché la Magica non si tifa ma si ama. La domenica si andava allo stadio, non il giovedì il sabato il lunedì ecc. ecc., si tifava a volte si vinceva altre voltte si perdeva e il lunedì al bar a scuola o al posto di lavoro si discuteva della partita e poi si aspettava la domenica successiva. Ora il calcio non è più passione, amore e voglia di evadere. il business ha stravolto e rovinato il gioco più bello del mondo. conta solo il denaro . Non mi piace più questo calcio. Continuerò sempre ad amare la Magica Roma ma non esiste più la passione verace e spontanea dei bei tempi che furono. Sempre forza MAGICA Roma.

  15. Ci lamentiamo tutti degli assurdi costi del calcio dei calciatori strapagati, dei orocuratori parassiti e quando qualcuno cerca di riportare tutto a un livello più sostenibile gli date addosso

  16. Ragazzi ma perché non facciamo una community per far capire a questi che il popolo romanista non è un’ammucchiata di coj…i? Ma questi davvero pensano che dopo anni di delusioni post Sensi ancora crediamo agli asini che volano? Purtroppo loro lo credono, abituati ai sold out che noi tutti compresi soprattutto quelli che non arrivano a fine mese abbiamo realizzato, abituati ad una passione che non conosce limiti, la passione incondizionata popolo romanista, hanno confuso la nostra passione con l’ingenuità, e le nostre aspettative riguardo ad un Salvatore post Pallotta si sono infrante contro un nuovo pupazzo americano silenzioso ma doppiamente inutile che aspetta di costruire lo stadio, che fa mercati a zero e ha come direttore sportivo uno che faceva il contabile fino a ieri e ora si atteggia a conoscitore di talenti, direi finora conoscitore di flop che inutilmente ha speso nella prima campagna acquisti 80 miloni su giocatori di terza fascia.Non saprei davvero cosa fare se non far capire a questi Friedkin che l’aria sta cambiando e che noi tifosi abbiamo capito il giochino delle 3 carte! Basta!!! Friedkin Out!! Alziamo la voce!

  17. … sostenibilità…
    … sostenibilità…
    Questa parola, non so perché, mi evoca un luogo storico e amato al tempo stesso: Campo Testaccio.
    Lina, suggerisci ai Friedkins di investire sul recupero ambientale di quel luogo e di donarne la fruibilità ai Romani.
    Sarebbe un gesto di un’importanza estrema, quasi comparabile a una vittoria sportiva.
    Pensaci.

  18. Azz…. qui ogni giorno ce ne’ una, prima Pinto, poi Mourinho, adesso la Sololoku, come era la scenetta dei tre tre…
    A me me pare na strunzat’

    Ma che davero davero questi ce stanno a cojona un giorno si e l’artro pure.

    No rega’, a me questi non me ce pijano piu’, conta solo la maglia a sto punto, mi auguro che passi pure questa de proprieta’, non c’e’ so bastati 13 anni de cagate, ma quanto dura sto supplizio ecchecaxxo se pe sbajo vado in galera pe omicidio me danno 10 anni con la buona condotta, ma che caxxo avemo fatto de cosi sbajato e mo basta e daje e che caxxo, a sto punto era meglio porta i libri in tribunale e riparti da zero, mo basta ma che e’ sto stillicidio, ancora col progetto a lungo termine entro il 2030.
    C’avemo piu’ possibilita’ che Putin c’e’ lancia un missile in testa piuttosto che gioca la champions league.

  19. e meno male che ci sei tu anto l’esatto, ad alzare la media della comprensione e dei commenti…altrimenti come faremmo…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome