L’Aia “blocca” i romanisti che protestano con Irrati dopo Udinese-Roma: è polemica

43
5806

AIA TWITTER TIFOSI ROMA – Ancora strascichi polemici dopo Udinese-Roma e la direzione di gara di Irrati, che ha espulso Fazio a metà del primo tempo per un fallo inesistente e che avrebbe potuto condizionare la gara.

Il popolo giallorosso si è riversato su Twitter per manifestare il proprio malumore taggando l’account dell’associazione italiana arbitri sul popolare social. Che per tutta risposta ha cominciato a bloccare gli utenti in questione.

L’indignazione è quindi esplosa tra i tifosi romanisti, che si sono visti uno dopo l’altro oscurare dal profilo dell’Aia, scatenando nuove polemiche.

Redazione GR.net

Articolo precedenteÇetin, venti minuti in campo: prove generali con vista Napoli
Articolo successivoULTIME DA TRIGORIA – Mkhitaryan ancora a parte, nulla di grave per Juan Jesus

43 Commenti

    • Comunque la Roma sbaglia. Dovrebbe farsi sentire.
      Abbiamo stravinto, grande partita…ma la Roma va tutelata. Non puoi sempre vincere facendo di più di quello che devi, sopperendo ad errori arbitrali. Che poi oggi non esiste l’errore: l’arbitro può vedere o non vedere.
      In questo caso, l’arbitro al VAR ha deciso di non vedere.

      Io fossi un dirigente della Roma sarei sceso in sala stampa, e mi sarei fatto intervistare. E avrei sparato a zero sugli arbitri. La squadra va tutelata, i tifosi vanno tutelati. Ai dirigenti non interessa.

    • Contro il Cagliari, il Bologna, il Lecce e ora anche contro l’Udinese… arbitraggi orripilanti, Var nemmeno consultata. Fate pieta’, ma l’ufficio indagini dopo reiterati fatti potrebbe sempre attivarsi.

    • Tifoso…meno male che non sei un dirigente della Roma.
      Fosse per te e per chi la pensa come te, verremmo perculati dalla mattina alla sera da tutto il globo.
      L’intelligenza è padrona di chi capisce quando parlare e quando tacere.
      In questo caso, parli troppo ed anche a vanvera.

    • @sempreisolitiacommentare Parli di intelligenza. Infatti il silenzio della società, ha prodotto questo ennesimo torto arbitrale. Quindi, la “strategia” del tuo amato PALdini NON è stata affatto efficace. I fatti sono sotto gli occhi di tutti. E negare i fatti è da stolti.
      @sciabbolone io non sono dirigente, ma ciò non toglie che possa dire o pensare cose migliori degli attuali dirigenti della Roma. Non lamentarsi, vuol dire non tutelare la squadra ma soprattutto i tifosi. Tanto tu sei a casa, terga sul divano, e in trasferta nella calda e solare udine non ci vai. I tifosi vengono chiamati in causa da questa proprietà solo per l’abbonamento tv o stadio.

  1. Bè se siamo arrivati a questo punto… Mi sembra evidente che minimo minimo, “serpeggia” la malafede Ammetto che non pensavo arrivassero a sti’ livelli Addirittura “oscurare” gli utenti che protestavano Sarebbe ora che la Magistratura o chi di dovere iniziasse ad indagare Continuo a sostenere che c’è del marcio ed anche molto in alto!

    • Si chiama netiquette.
      C’è modo e modo di esporre il proprio dissenso.
      L’insulto ha a capo l’ignoranza ed il web ne è piena.

    • @sempreisolitiacommentare
      Una cosa è l’insulto (cosa che biasimo) un altra è la censura “programmata ad hoc”
      Ed in questi casi, il sottoscritto protende per la seconda Specialmente se si và a vedere quanti e quali “errori” arbitrali si sono susseguiti dall’inizio del Campionato ad oggi Caso strano “sviste” che vanno sempre e comunque a favorire un certo tipo di squadra e a “sfavorirne” un’altra!
      Ad es: Genoa che pareggiava Ridotto in 9 e calcio di rigore per la Rubens al 95′ Direi il piu’ eclatante…
      Questi sono fatti, non parole…
      Poi, se vogliamo dire che è tutto “regolare” Prego fate pure Per me non problem!

    • No El Flaco, non è censura programmata.
      Ho appena controllato l’account dell’ A. I. A. e ci sono commenti disgustati sugli arbitri. Ma sono lì, non cancellati, alla vista di tutti.
      Siccome non sono nata ieri, avranno bloccato, giustamente, chi ha insultato pesante.

      Perciò, come detto, c’è modo e modo di esporre il proprio dissenso.

      Bada bene, non ho detto che non hanno ragione., ma c’è modo e modo.

    • @sempreisoliti in linea di pensiero concordo, però sto ancora aspettando di capire cosa succede con ADL.
      Perché se un commentatore (rizzitelli) può dire ciò che vuole, altrettanto non si può dire di un tesserato.
      Ma se poi finisce a tarallucci e vino allora non vedo perchè un tifoso non possa sfogarsi quando un presidente insulta la classe arbitrale rimanendo impunito..

    • Ciao Divano’s.

      La differenza che passa tra, Rizzitelli, ADL e gli insulti su Twitter è una sola.

      I primi due hanno messo la loro faccia, quindi sono coscienti e responsabili delle loro azioni.
      Su Twitter sono/siamo solo dei nick.

      Faccio una piccola riflessione… tu credi che erano “solo” i romanisti a commentare offendendo?
      Anche io posso andare a commentare sulla pagina del Napoli e dire di tifarla.
      Chi mi viene a controllare?
      Nessuno.
      Quindi, per me, è vero che alcuni di noi non le hanno mandate a dire. Ma è anche vero che altri, giusto per trollare, hanno offeso rivendicando la loro fede romanista.
      Ed eccoti l’articolo che mette in cattiva luce la Roma.
      Tu, e gli altri, avete letto articoli sul fratello di Insigne? Sul Napoli? Su Ancelotti? Sugli sbiaditi?
      Eppure, ieri, è stata una giornata assurda per gli arbitri.

    • @sempreisoliti su questo non sono d’accordo.
      siamo solo nick fintanto che per qualcuno non vale la pena di sbattersi a cercarci. Ma la diffamazione a mezzo stampa/web esiste eccome. E a meno che non siamo abbastanza smaliziati da usare una vpn seria (quindi a pagamento) il nostro IP è riconoscibilissimo. Ma troverei singolare che qualcuno la usi per poi commentare su gr.net o twitter o dove sia.
      Poi sul fatto che ci sia un plotone di sedicenti romanisti sfondi una porta aperta, anche qui ne siamo pieni.
      Gente che sventolando la propria “fede giallorossa” sfonda la roma in ogni occasione…
      Stesso dicasi dei media. Hai perfettamente ragione, questo genere di articoli sempre e solo su di noi.

  2. Si devono tutti vergognare, da inizio anno una vergogna immensa sta colpendo la nostra squadra ed una società che rispetto agli arbitri ha sempre adottato un contegno “signorile” ma purtroppo sterile. Questa gente merita le picconate, sono patetici e vergognosi, la Roma merita rispetto, intanto già in emergenza siamo senza Fazio per il Napoli. Vergogna, siete inadeguati, siete impresentabili.

  3. E a quelli del NAPULE?
    Cosa gli faranno?
    Internati in SIBERIA. ?
    Ma rifacciamo l’appello
    Zi bah? Niente
    Ilario? Niente
    Virginia? Niente
    Sparlotto? Niente
    Tutta la sfilza dei seguaci di MARIONE antisocietari vari? Niente
    Ora pregate LA Madonna per sabato,perche se battiamo il napoli. …la Roma Mena.
    Fortissimamente Roma che ci rimbomba per tutta casa… (ANTONIO DE BARTOLO)

  4. L’arbitro di calcio è la figura giudiziaria col più ampio potere decisionale in assoluto in qualsiasi sistema del mondo occidentale. Solo la Corte Suprema americana ha quel potere. La sua decisione è immediata e insindacabile e non soggetta a ricorsi e cassazioni. Altro obbrobrio il fatto che il corpo giudiziario, la Federazione arbitri, dipenda direttamente dall’esecutivo, la FIGC, uno schema che solo nelle dittature è plausibile. Questo è il cancro del calcio italiano. Un corpo arbitrale indipendente, come quello dei magistrati nella cosa pubblica, potrebbe essere la soluzione di tutti i problemi. A quel punto non servirebbe nè la VAR nè la moviola. L’arbitro tornerebbe a essere un elemento accidentale come i pali e le traverse, il fango e la pioggia, e gli errori sarebbero equamente distribuiti fra grandi e piccole squadre. Un arbitro non dovrebbe mai avere il terrore di fischiare un rigore allo Juventus Stadium contro i gobbi. La sua carriera non ne sarebbe inficiata proprio perchè appartenente a un organismo economicamente autonomo, ossia capace di produrre sponsorizzazioni, e del tutto indipendente da ogni giudizio delle società.

    • A corollario di ciò aggiungo che il calcio non è affatto strutturato, organizzato e disciplinato secondo regole democratiche. Per questo gli abusi di potere sono la norma. Poco sopra ho parlato di dittature, ossia come in esse si possa riscontrare la completa dipendenza del potere giudiziario (che di fatto non esiste) a quello esecutivo. In effetti, cos’altro è il calcio se non un regime assoluto asservito alla Juventus?
      Il barone di Montesquieu inorridirebbe.

    • …hai fatto centro caro Amedeo…sta’ a vedè che hai pure tu qualche capello bianco e quindi posso dire insieme a te: “ne abbiamo viste tante che oramai sappiamo come va il mondo (marcio del calcio italiano, ovvio…)”…Che la giuve e l’inda “devono” fare la corsa a due era già stabilito a priori e questo losco obiettivo è perseguito in maniera scientifica (stampa e media leccaqulo, pseudo opinionisti asserviti, arbitraggi sempre favorevoli). Il business dell’intero sistema vive su questo e quindi è difficile (se non impossibile) contrastarlo. Chi in passato alzò la voce poi pagò amaramente (Viola, Sensi). Per questo dico che la società tutto sommato fa bene ad agire in maniera pacata. Fonseca che è un ottimo tecnico e una persona intelligente ha capito subito l’antifona e non ha ripetuto a udine l’atteggiamento tenuto contro il cagliari..bravo! Rispondiamo sul campo finchè ce lo consentiranno (mort@cciacci loro)….sempre forza Roma

  5. Sistema calcio italiano MARCIO da sempre, quest’anno la parola d’ordine è aiutare la solita juve, i cinesi che altrimenti scappano via ed abbattere le squadre del centro sud tranne la lazzie!

    • Comincio ad avere qualche dubbio sulla PRINCIPALE parola d’ordine in federazione… soprattutto dopo quello STRANO rigore concesso all’inter contro la juve.

      Quest’anno credo che la PRINCIPALE parola d’ordine in federazione sia “aiutare la SS (Schutz-Staffeln) Cazio” di Lo-trito e le milanesi di Salvini.

      Intendiamoci, anche se di minor rilievo, quella sulla juve è sempre valida di parola d’ordine, specialmente quando ci si avvicina a fine campionato…

      A proposito, che media di rigori hanno i mungi-vacche di Formello a partita?

  6. L’unico correttivo possibile è introdurre la chiamata alla Var a disposizione delle squadre.

    E sono per almeno un paio a disposizione.

    Il giocatore che sa di aver commesso fallo, o averla toccata con la mano, non starebbe certo a chiedere la Var.
    Le squadre la chiederebbero solo quando sono ragionevolmente certe. Come nel caso ad esempio del fallo di “faccia” di Smalling in E. League.

    E agli arbitri si toglierebbe una scusa.

    Perché poi certo, qualcuno deve decidere e l’ultima parola spetta all’arbitro.
    Ma un conto è poter dire “non c’era collegamento” “ero sicuro” “non c’era errore grave e quindi non siamo intervenuti”…
    e un conto è continuare a assumersi il peso della propria decisione (sbagliata) di fronte all’evidenza.

    Non che un arbitro non possa comunque influenzare una partita, anche sotto gli occhi di tutti, con “piccole” decisioni che però pesano, e molto.

    • Magari basterebbe ammettere che l’arbitro davanti alla TV vede più cose dell’arbitro in campo (il che tra l’altro è indubitabile) grazie alla possibilità di replay e di angoli di osservazione multipli.

      E quindi non è più più l’arbitro in campo ad avere l’ultima parola ma bensì il suo collega nella VAR room.

  7. Basta vedere la maschera di Dzeko e ti rendi conto che gli arbitri non fanno il loro dovere.
    Ornai anche in europa siamo stati truffati da arbitri in malafede e faziosi.
    Ci hanno tolto la finale Champions vi pare poco?
    E quatto punti da inizio campionato……
    Senza vergogna,davvero.
    Tre giorni fa lo scrissi dopo Roma Milan un fallo non segnalato che ci poteva costare caro e un arbitro parziale a favore milan.
    Ma addirittura uno mi ha scritto che ero laziese….
    Bisogna fare qualcosa e presto altrimenti è inutile tifare e vedere le partite.

  8. Campionato falsato fin dal principio per opera del criminoso atteggiamento di una classe arbitrale sempre più servile e alla paga degli ormai noti e squallidi dirigenti in federazione che perpetrano quotidianamente a danno dell’AS Roma da una sala dei bottoni più protetta di un bunker.

    E’ ora che la dirigenza dell’AS Roma si rivolga alla magistratura e faccia valere i propri diritti.

  9. Invece di parlare di queste ca@@ate che mi frega il giusto qui bisogna inca@@arsi e di brutto con questa gente che da inizio campionato ogni partita cercano in tutti i modi di fermarti e non e’ solo uno qui sono tutti chi capita capita poi la societa’ si sfoga e si arrabbia come successo dopo il cagliari e questa gente cosa fa peggio cercano di ammazzarti ancora di piu come successo ieri con irrati poi vedi quello che e’ successo ieri a torino al minuto 96 ma si puo’ andare avanti cosi poi dicono perche’ vincono sempre loro solo in Italia pero’. Forza Roma

  10. Non lo scopriamo certo oggi che il campionato italiano e’ truccato (come ogni cosa in Italia): io non c’ero per il gol di Turone ma uno dei primi ricordi che ho da tifoso e’ un guardalinee che spinge Aldair che batteva una rimessa laterale e la palla finisce a Ravanelli che fa gol.

    Passando per il tentato omicidio ai danni del povero Gautieri fino ad arrivare alla tripletta di Rocchi in rubbe-Roma del 2014 ne abbiamo viste di cotte e di crude eppure la gente continua a guardare sto schifo di campionato e a sorpendersi dell’ovvio.

    In Italia ormai ci vivono solo i pensionati e il calcio e’ fatto su misura per loro, il format e’ quello delle telenovelas : noiosa, inutile, scadente e ripetitiva.

    Ogni puntata uguale alla precedente perché il pensionato ha bisogno di certezze, non di sorprese: non sia mai ci sia una domenica dove la rubbe non vince !

    E infatti i giovani di oggi il calcio non lo seguono : si chiedessero perché al posto di censurare chi protesta questo schifo e fare campagne ridicole conto “la pirateria che uccide il calcio”.

    Buffoni ! Il calcio lo state uccidendo voi !!!!

  11. Perché non si fa come nel rugby, dove l’audio tra arbitro e var è pubblico ed in diretta?
    Questa volta la decisione arbitrale ha provocato una risposta di orgoglio, ma col Napoli chi gioca?

  12. Percentuali del tifo in Italia:
    Juventus 40%
    Milan 18%
    Inter 18%
    Napoli 12%
    Roma 8%
    Siccome gli arbitri per definizione vogliono vincere sempre, come quelli che alla PlayStation resettano tutto quando le cose vanno male diciamo che la metà degli arbitri sono juventini.
    La Juventus vince scudetti sul proprio (vedi espulsione inventata di Cassata) e sui campi altrui e decide comunque le sorti delle seconde terze e quarte grazie a una serie di arbitri tifosi finti neutrali.
    Ieri la Roma, dopo la vittoria sul Milan doveva essere frenata. Ma non ci sono riusciti e siccome non ci sono riusciti ci hanno dato pure il rigore più inutile della storia.

  13. Chi è che mi aiuta a capire la posizione del corriere dello sport, cioè mi chiede è sempre il giornale con sede a Roma o l’hanno spostata a Napoli? No perchè se vado sull’edizione online, in risalto c’è solo l’episodio di Llorente, che per me è fallo del napoletano, mentre sull’espulisone di Fazio bisogna andare in basso alla pagina, scritto in un trafiletto. No perchè con quello di ieri, siamo almeno al quarto episodio vergognoso contro la Roma, il napoli ieri protesta per un episodio dubbio, mentre sul rigore ridicolo che gli hanno dato a Firenze non dicono nulla, ma a parte questo credo che al napoli, si debbano interessare i giornali napoletani, come il mattino o il Roma, non il corsport. Vero pure che c’è un tifoso del bologna a dirigere quel giornale, però così è sfacciato.

  14. La cosa è seria, e tra l’altro non c’è una riga al riguardo.
    Eh Certo La ROMA ha vinto che gli frega, se Irrati ad un certo punto ha deciso che per indirizzare la partita doveva “assolutamente” giustiziare uno dei nostri. Così ha visto bene di espellere senza indugi Fazio, e secondo me stava lì con l’auricolare a dire “Ma sei sicuro che non era in area? ma nemmeno vicino la linea? guarda bene forse un capello di fazio era svolazzato nel cono d’ombra della linea, dai su che gli diamo rigore…” e niente il rigore no.
    Poi…d’altra parte ci dobbiamo rivedere Ronaldo che al 94mo si dimena come un salmone dopo che Sanabria gli ha fregato lo stinco (ma che doveva fare) l’ha puntato?
    e per dire, la Juventus come squadra non ne avrebbe bisogno..però tant’è, non sia mai che l’atalanta o la roma si permettono di avvicinarsi troppo, se la deve giocare con l’inter del lamentoso Conte.
    il Napoli per meno oggi ha organizzato class-action in tutta la città e ADL si sta andando ad incatenare sotto la FIGC, il figlio ha iniziato lo sciopero della fame, non sia mai che contro la roma non gli restituiscono il favore. Prepariamoci, che sull’1-0 già me lo vedo Mertens (che si sta rivedendoo centinaia di volte il frammento di Ronaldo) mentre fa il salto del “salmone”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome