Ma adesso giù le mani da Di Fra

8
665

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Non sparate sul pianista! Troppo facile adesso prendersela con il povero Di Francesco, alle prese con una prima stagione sulla panchina della Roma assolutamente al di sopra di ogni aspettativa. Non che la piazza romana non avesse fiducia e stima dell’ ex centrocampista, instancabile tanto sul campo da giocatore quanto da allenatore in panchina, ma nessuno avrebbe potuto immaginare che dopo nemmeno tre mesi avesse già centrato il primo obiettivo: far dimenticare Spalletti. Quando il tecnico toscano aveva ufficializzato il suo secondo addio dalla Capitale, fatto anche stavola di astio e ripicche, in molti erano rimasti appesi alla sua battuta conclusiva: «Non escludo il ritorno».

Erano è il tempo giusto, perché dopo questo primo spezzone di campionato Di Francesco ha già convinto tutti: soprattutto una piazza che non ha mai fatto sconti a nessuno, nemmeno agli amici degli amici. Qui se non sei quello giusto, se non ha personalità e capacità, duri da Natale a Santo Stefano: appunto. È chiaro che in questo percorso, inevitabilmente per tempistica ma anche un po’ per esperienza, qualcosa a Di Francesco non è andata per il verso giusto: era impensabile il contrario quando arrivi a Roma in corsa e vai a sostituire uno come Spalletti. Il problema è che le cose «storte» si sono concretizzate tutte in quattro giorni. Prima l’errore, probabilmente di valutazione, nella sfida di Coppa Italia contro il Torino per la quale in molti gli recriminano l’utilizzo massiccio di riserve (nove).

Probabilmente un allenatore con più pelo sullo stomaco, anche per mettersi al riparo dalle critiche, avrebbe rischiato meno mandando in campo qualche titolare in più: così nessuno avrebbe poi potuto contestargli nulla. Poi la scelta di Schick, giusta, legittima soprattutto in una gara che si era messa così contro la Juventus a Torino: scelta logica (forse avrebbe dovuto prepararla un po’ meglio, lavorare sul modulo perché è chiaro che il ceko non può fare l’esterno del 4-3-3) che però gli si è rivoltata contro, suo malgrado, a causa dell’errore decisivo dell’attaccante che avrebbe potuto cambiare una serata e forse una stagione: sicuramente la sua e il clima in casa giallorossa. Insomma, il tecnico paga anche colpe non sue, ma la strada è chiaramente quella giusta. Quindi: giù le mani da Di Francesco!

(Il Tempo, T. Carmellini)

Articolo precedenteSchick, Pellegrini e Defrel per ripartire
Articolo successivoSchick, esami cardiaci ok. Sabato titolare

8 Commenti

  1. Giusto giù le mani da difrancesco, da shick, da Dzeko etc ma giù le mani anche dai tifosi,a cui ogni anno mandano di traverso il panettone e a febbraio se non prima già pensano alla stagione successiva sperando in meglio. Pagano, soffrono, e nn riescono ad avere una sacrosanta soddisfazione tranne che contro squadre di media, bassa classifica. Forza Roma

  2. Ragazzi il problema e’ sempre lo stesso, basta un successo e ci si siede, il primo posto nel girone di c.l. e’ stato celebrato come chissa che traguardo e i giocatori si sono sentiti appagati….insomma la solita fenomenite che torna a colpire…

  3. Di Francesco per me è un grande allenatore, ma anche lui fa errori imperdonabili. Vorrei capire anche da lui perché quando gli allenatori vedono uno in difficoltà o non rende in una partita non lo sostituiscono dopo mezz’ora o prima, aspettano prima che subiscono il gol. Inoltre che senso ha fare una sostituzione a tre minuti dalla fine per ribaltare un risultato. Nessuno vuol fare il saputo, ma alcune cose sembrano insensate.

  4. BASTA IDOLATRARE QUESTI FANTOCCI DI CARTONE!!! Non lo capiremo mai…sono una manica di mancati tronisti ….DOVREMMO , io per primo, AMARE SOLO LA MAGLIA IL SIMBOLO I COLORI LA CITTÀ E LA CURVA SUD…invece no…
    FORZA LA ROMA NOSTRA

  5. Di Francesco, forse ancor più di Spalletti lo scorso anno, non va toccato. Per me, con una rosa probabilmente lunga ma incompleta e costituita da giocatori complessivamente modesti, ha fatto, come Spalletti pur con i suoi errori, almeno per ora miracoli. Gli contesto solo la sciagurata eliminazione in Coppa Italia. Mandzukic in Rube- Roma ha fatto sfracelli, bene, e cosa doveva fare Difra, far giocare Jesus a destra? non è mica un certo Rudiger ma, ah già, questo è una pippa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome