MATIC: “Non vediamo l’ora di giocare, Mou può fare la differenza”, CRISTANTE: “Siamo carichi”, El SHAARAWY: “Manca il passo più importante”

17
1412

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Nel corso del Media Day organizzato dall’Uefa che ha permesso ai giornalisti di seguire la seduta d’allenamento in mattinata a Trigoria, diversi calciatori della Roma si sono fermati ai microfoni per raccontare le loro sensazioni a meno di una settimana dalla finale di Europa League contro il Siviglia. Di seguito le loro dichiarazioni sulla partita di Budapest.

NEMANJA MATIC A SKY SPORT

“Una finale è una finale, è una grande partita che non vediamo l’ora di giocare. Sappiamo che il Siviglia è una grande squadra ma anche noi abbiamo grandi qualità. “Non è facile arrivare in una finale, ci riescono solo le grandi squadre. Vediamo come finisce però andremo a giocarcela con fiducia. Mourinho è sempre Mourinho, ha grande esperienza di queste partite e trasmette la sua energia alla squadra. Questo può fare la differenza“.

Nella Roma è ancora in dubbio Dybala. “Se ce la farà? Non lo so, dovete chiederlo allo staff medico, vediamo, io spero che possa giocare, è molto importante per noi, ha grandi qualità“. Poi una battuta sul suo impatto con l’Italia: “La serie A è difficile, ha squadre con qualità, è diversa dalla Premier dove si attacca di più ma non è facile giocare qui”.

BRYAN CRISTANTE A SKY SPORT

Le sue sensazioni in vista della gara di Budapest?
“E’ bello arrivare a queste partite, siamo carichi”.

Sentite di rappresentare i valori della Roma?
“Penso di sì, sono un po’ di anni che siamo qui. Siamo cresciuti sotto tutti i punti di vista”

Come ti immagini la partita col Siviglia?
“Squadra di altissimo livello, che arriva dalla Champions League. Adesso abbiamo un’altra partita tra due giorni e dobbiamo fare quella al massimo”

STEPHAN EL SHAARAWY A SKY SPORT

“Abbiamo avuto tanti infortuni, tanti giocatori fuori ruolo, è stato un percorso difficile, non è stato semplice arrivare fin qua. Ma ce la siamo guadagnata e ora manca il passo più importante. Il Siviglia è una squadra forte, che ha storia, tantissima esperienza, non sarà semplice. Mourinho? E’ un vincente, ha una mentalità vincente e cerca di trasmetterla in ogni partita, specie in quelle più delicate. È in grado di tirarci fuori qualcosa in più e questo ha fatto la differenza nella sua carriera. Il mio futuro? Ne discuteremo dopo il finale di stagione”.

Articolo precedenteFIORENTINA-ROMA: arbitra Ayroldi, Maresca al VAR
Articolo successivoMOURINHO: “Non contano futuro o Champions, ma solo la finale. Dybala? Penso che non ci sarà a Budapest” (VIDEO)

17 Commenti

  1. una domanda.
    ho disdetto tim vision e non vorrei avere fatto una cavolata, sarà attivo solo per atri 4 giorni.
    la finale di budapest sarà trasmessa in chiaro ? non c’è nella programmazione settimanale dellaTV8 e nemmeno RAI 1

    • Beh, in genere si finisce il mese, e infatti ne restano quattro giorni. Mi sa che dovrai andare a vedertela a casa di amici o in un locale (o in streaming, ma è un’impresa), anche se mi sembra assurdo che la Rai non la trasmetta.

    • “La finale di Europa League tra Roma e Siviglia sarà trasmessa in diretta in chiaro in Italia sui canali Rai e su TV8, sarà inoltre possibile seguire il match via satellite su Sky oltre che in streaming sulle piattaforme Raiplay, Dazn e Now Tv”.

      Ma ambasciator non porta pena…

  2. Dalle parole di Matic ancora una volta si capisce che Mourinho è il dodicesimo uomo in campo. L’ho sempre pensato. La fascia di capitano della squadra la darei a lui, come atto di protesta verso la tirannia arbitrale.

  3. I maxi schermi per vedere la Roma hanno sempre portato iella alla nostra squadra.. Se verranno concessi io farò gli scongiuri. È strapieno di gatti neri che ci guferanno. La partita è difficile, gli spagnoli sono mestieranti. Abbiamo due grossi problemi da risolvere: il nostri attaccanti non segnano. In ogni partita è una fatica per noi vedere gonfiarsi la rete degli avversari. Non riusciamo a fare gol. L’altra nota negativa è il nostro portiere che non fa mai quelle due o tre parate fondamentali, degne di nota, che ti salvano il risultato. Quest’anno le sue papere ci ha fatto perdere alcune partite …
    Ci vorrebbe un miracolo con un cambio di rotta:
    Abraham che finalmente fa gol e Rui Patricio che para bene!
    La vedo dura …

  4. Senza Dibala serve la Forza e l’esperienza di Matic il cuore di Cristante la cattiveria di Mancini il Gini di Liverpool e l’Abram dell’anno scorso il Lui Patricio con l’Udinese e la giornata no del Siviglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome