Minacce e un proiettile a Conte. Decisa la vigilanza per l’allenatore

24
3350

ALTRE NOTIZIE – Le pattuglie in strada di polizia e carabinieri passeranno con più frequenza intorno al palazzo di Milano nel quale abita l’allenatore dell’Inter Antonio Conte. La stessa cosa avverrà nei dintorni degli uffici della società nerazzurra.

Tecnicamente si parla di una vigilanza, il livello più basso di tutela per una personalità pubblica, ed è stata stabilita dopo avere esaminato l’entità della «minaccia». L’ex allenatore della Juventus e della Nazionale, passato alla guida della squadra nerazzurra dalla scorsa estate, qualche giorno fa ha infatti ricevuto una lettera anonima che conteneva una serie di minacce e un proiettile.

È stato lo stesso allenatore a chiamare le forze dell’ordine e a firmare una denuncia contro ignoti, depositando la busta che aveva ricevuto. La società è stata avvertita dal tecnico e sta seguendo da vicino l’intera vicenda (…). Per il momento sembra niente altro che l’azione di un mitomane che per qualche strana deviazione abbia concentrato la propria ossessione su un personaggio pubblico molto popolare (…).

Da quanto il Corriere è riuscito ad accertare non esisterebbe alcun elemento, nello scritto indirizzato ad Antonio Conte, che possa collegare la matrice di quelle intimidazioni a un qualche ambiente di spessore criminale o a qualche frangia estrema del tifo organizzato (…).

(Corriere della Sera)

Articolo precedenteKean o Dani Olmo: la Roma studia colpi e soluzioni per il suo futuro
Articolo successivoRoma-Kean, Petrachi all’assalto

24 Commenti

  1. Può essere antipatico finchè si vuole Però mai come stavolta ritengo stia emergendo un dato allarmante: – Continuerò a ripeterlo all’infinito “Questo non è piu’ tifo!”
    Mi sembra evidente che la Digos ha pienamente ragione quando sostiene che all’interno della tiforia, qualcosa stà mutando e che vi sia una parte della “malavita organizzata” che cerca di espandere il suo territorio Oppure che “squallidi” personaggi dal passato torbido, trovino nel tifo la loro “notorietà” Perchè non è possibile
    Chi piu’ chi meno, quasi tutti i capi ultrà (e loro gregari) hanno il curriculum strapieno di reati che vanno dal traffico di droga al reciclaggio del denaro sporco Dino Mocciola (Capo dei Drughi rubentini) Piscitelli (sappiamo tutti che fine abbia fatto) Ettore Abramo, detto Pluto, e Aniello Marotta (Ultrà Scazziesi) Luca Castellini (Capo Ultrà Veronese) tutti pseudo-tifosi e tutti con Precedenti Penali… Tanto per citarne alcuni
    Non può essere una coincidenza Quando anni addietro frequentavo la Curva, (’70/80) non si era di certo a questi livelli Adesso tutto mi sembra cambiato Opinione Personale!

    • Caro *El Flaco*,
      è doveroso aggiungere però che i delinquenti sono sempre esistiti… dall’uomo delle caverne ad oggi.

      Il vero problema è CHI li lascia in libertà permettendogli di continuare a perpetrare impunitamente in cambio dei loro loschi “servizi”…

      (Vedi “mafia capitale”, etc…)

    • @Memore del Passato:
      Su questo son pienamente d’accordo Sembrerà ilare ma conosco soggetti (Se pur di vista) che del proprio “Curriculum Penale” se ne fanno un vanto Neanche fosse una medaglia, o un “Curriculum vitae” Cose da pazzi!!!

    • Grande! Qua il più pulito non c’è. Conte si ricorda dei suoi diritti solo quango ha bisogno come tanti altri fanno. O uno ci crede alla legalità o no! Bisogna essere coerenti.
      Forza Roma

  2. Sarà stato un animalista che vorrà riprendere la pelliccia di topo che ha in testa… 😂 😂
    A parte gli scherzi non dovrebbero esistere cose del genere.
    Solidarietà a Conte, questo è un episodio AgghiaGGiante…. 😂

  3. Con tutto il rispetto caro Flaco mi devi dire che curva frequentavi. Criminali o pseudotali, appartenenti a bande o gruppi organizzati hanno sempre imperato e vivacchiato nelle curve. Hanno sempre fatto comodo a tutto il sistema adesso, come allora. Chissà a Conte chi gli avrà fatto recapitare il messaggio chissà. Ciao

    • @Ivo il sodo io posso dirti solo una cosa, è vero la delinquenza ahimè nelle curve vi è sempre stata. Chissà forse il sottoscritto rispetto ad altri è stato piu’ fortunato, oppure il mio caratere “schivo” e alquanto diffidente (almeno all’inizio) mi ha sempre e comunque aiutato Però, debbo ammettere che il gruppo quale frequentavo allora per me era veramente come una famiglia Nel senso che se vi erano delle problematiche al di furi del tifo, posso assicurarti che erano sempre tutti li pronti a darti una mano. Ed allora si pensava solo ed unicamente a tifare
      Non sò se mi spiego…
      Certo vi erano i cori, gli sfottò ma poi tutto finiva li Non come adesso che per una divergenza d’opinioni o per un tornaconto personale, ci si affronta in mezzo alla strada con spranghe, pistole e coltelli Oppure addirittura che si arrivi a ricattare una Società o altre bazzesse simili
      Cioè mi sembra tutto cosi’… Assurdo!

  4. Il problema vero è che in Italia non c’è la certezza della pena: puoi rubare anche uccidere…il giorno dopo o stai a spasso o agli arresti domiciliari. Posso la sera stare passeggiare, andare allo stadio, lasciare tranquillamente l’auto, tornare a casa senza trovare sorprese ? Per i falsi buonisti e per i radicali chic, no. Per i delinquenti ci vuole la galera

  5. Tutta la mia solidarietà a Conte.
    Immagino che a giugno, comunque vada il campionato dell’Inter se ne tornerà, giustamente, all’estero.

  6. Non esiste.
    Proviamo ciascuno di noi ad immaginare di ricevere una lettera con delle minacce di morte e con dentro il proiettile di una P38.
    Si vive male, molto male.
    A me Conte fa venire l’orticaria…
    Però questo non esiste.
    E non ci gioco nemmeno a livello di battuta.

  7. Ragazzi a roma si dice li caxxi della pentola li sa il coperchio,, io penso non sia una cosa legata alla tifoseria non dimentichiamoci che conte e stato immischiato in fatti non al quanto legali ,,, riflettiamoci…

    • E già…
      Nel mio post sopra non l’ho scritto…
      …ma avendo fatto riferimento al reato da lui commesso per omessa denuncia nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse (con tanto di sentenza di condanna nell’agosto del 2012)… ho pensato anch’io come te che questa minaccia potesse provenire da qualcuno appartenente agli “ambienti” da lui frequentati in quel losco passato… piuttosto che dalle curve o dal mitomane di turno.

  8. Questo sta talmente sul caxxo a tutti dal portinaio di Cosenza a Mattarella che mò vallo a trová chi lo ha minacciato. Un ago in un pagliaio. Per tuo bene Antò, dall’Italia vattene… (a fare…)

  9. Speriamo sia un matto isolato, ma a vedere reporter gli ultras ora stanno in mano e sono manovrati da gente molto pericolosa che sarebbe capace di tutto,che sfruttano la passione di tanti poveri ingenui per una squadra di calcio, sarebbe da scioglierli tutti i gruppi ultras, se dietro c’è quello che abbiamo visto su reporter

    • Azz… Stavo cercando notizie a riguardo e:
      “Antonio Conte e la lettera intimidatoria. La moglie: “Una bufala”, a valanga contro il Corriere della Sera” Se fosse vero ho preso una bella toppa e ben mi stà Perchè:
      Ammetto che non avevo controllato Di conseguenza leggendo tale news su Gr.net ho pensato fosse veritiera Proprio vero – “Mai vendere la pelle dell’Orso prima di averlo scuoiato”
      In tutta questa vicenda un dato emerge frà tutti – L’Informazione stà “raggrenellando” il fondo
      Corriere della Sera di tutto di meno -.- Incredibile, sembra certo che si siano inventati tutto Persino la storia della scorta Ma come si fà… Senza parole!

    • In realtà la lettera è arrivata nella sede dell’Inter, che con una dichiarazione all’ANSA ha precisato di aver denunciato tutto alle autorità competenti.
      In ogni caso la stessa notizia errata è stata ripresa da parecchie testate, gazzetta, corriere di milano, youmedia forse altri. E non è certo la prima volta che i giornalisti mandano in stampa notizie senza verifica alcuna, specie se si tratta di ‘collaboratori’. Cosa pretendi da gente che viene pagata due spicci e “a cottimo”…

    • @Divano’s:
      Ed effettivamente tutto sembra confermare quanto appena detto
      La busta scritta in “italiano sgrammaticato” e con tanto di proiettile dentro sembra essere stata inviata direttamente alla Società la quale a sua volta ha provveduto ad avvisare le autorità competenti Si pensa al gesto di un “mitomane” isolato in cerca di notorietà Ma tale news non è ancora confermata Staremo a veder come finisce Di sicuro il Corriere della Sera non ci ha fatto una bella figura neppure stavolta Almeno credo!

  10. Ciao *El Flaco*,

    “italiano sgrammaticato”, dici?

    Mmmm… mi sorge un DUBBIO.

    E se fosse stato proprio Andonio Conde a recapitarla… in preda all’ennesima isteria vittimistica?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome