Modesto ds, manca l’ok dei Friedkin. E ora spunta l’idea Baccin

34
812

ULTIME NOTIZIE CALCIOMERCATO ROMA – Il nome di Francois Modesto, il candidato al ruolo di prossimo direttore sportivo della Roma caldeggiato da Lina Souloukou, non sembra accendere la fantasia di Dan Friedkin.

Nei giorni scorsi il Corriere dello Sport aveva indicato nell’attuale dt del Monza come l’uomo scelto dal club per la carica rimasta vacante dopo l’addio di Tiago Pinto. L’unica cosa che mancava era la firma, che sarebbe stata apposta solo dopo il via libera definitivo del presidente Dan. 

Ma a quanto riferisce oggi La Repubblica, per ora Friedkin ha detto no. O meglio, non ha ancora detto sì. Resta dunque aperta la corsa alla poltrona di ds. E l’elenco dei candidati fatti dai giornali torna a ingrossare le sue fila.

Le idee nuove sul tavolo del texano sono quelle che portano, un po’ a sorpresa, qui in Italia: ieri circolava il nome di Tony D’Amico, attuale ds dell’Atalanta, mentre oggi a farsi largo è Dario Baccin, 47 anni, vice direttore sportivo dell’Inter. Se fino a ieri la caccia al ds sembrava rivolgersi solo ed esclusivamente all’estero, ora la soluzione “interna” sembra essere la favorita.

Fonti: La Repubblica / Il Tempo / Corriere dello Sport

Articolo precedenteVento d’Arabia su Trigoria. E nel deserto decide Souloukou
Articolo successivoIl calcio pronto a cambiare: arriva il cartellino blu e l’espulsione a tempo

34 Commenti

    • Ma je dai pure retta? La repubblica da notizie e si smentisce a giorni alterni. Li stanno nominando tutti nella speranza di beccare quello giusto..

  1. mi sembra si navighi a ca@@o nel fornire notizie sui possibili DS, non sanno proprio nulla sti giornalai…
    La butto lí, ma Voeller come DG con DS il tedesco gajardo venuto via dal Bayern non vi piacerebbe?
    Per la nostra CEO ci sarebbero altri impieghi che sinceramente credo debbano essere riservati alle relazioni esterne di una Società.
    Forza Roma e rendiamo dura la vita all’Inda!
    Vecchio CUCS

    • Sarebbe uno degli scenari più auspicabili perché Voeller è stato anche un simbolo ed un calciatore importante nella Roma, lui ha sempre amato questa società e questa città, ed è stato per molti anni uno dei dirigenti migliori in Bundesliga a tutti i livelli (DT/DS/DG/AD) che ha costruito lui le fondamenta del Bayer Leverkusen e tenuto ad alti livelli. Lui poi conosce benissimo l’Italia ed anche tutto quello che qui non funziona e non avrebbe problemi di alcun tipo (viene spesso a Roma anche perché sua moglie, Sabrina è romana e supertifosa romanista). Lui incarna per la Roma il dirigente perfetto sia per i CV di alto profilo con risultati da TOP ma anche come testimonial stesso del club per via del suo passato da nostro calciatore. I Friedkin volevano lui fin dal principio e come primissima scelta ma essendo sotto contratto con il Bayer Leverkusen, e dovendo molta gratitudine al club tedesca, allora rifiuta (presenta Boldt ma i Friedkin scelgono infine Pinto). Potrebbe essere che i Friedkin possano averlo ricontattato per cercarlo nuovamente come DG/DS (lui ha le capacità per fare bene entrambi i ruoli) ma è sotto contratto con la Federcalcio Tedesca come dirigente quindi se lui ora volesse arrivare, deve trattare con la Federazione per la rescindere con loro in qualche modo. Non sarebbe nemmeno una ipotesi troppo azzardata perché fu considerata dai Friedkin quando hanno preso la Roma, la loro primissima scelta. È un nome che dovrebbe mettere un po’ tutti d’accordo se arrivasse uno come lui.

  2. nomi a caso, quanti ne sono usciti fuori? Pare il calciomercato estivo… prima o poi uno l’azzeccano e ci diranno “VELAVEVAMODETTOH”

    • E’ arivato er Fenomeno, sarcastico passivo-aggressivo, che ce impara a vive. So’ 7 giorni che Tiago c’ha lasciato, pure n’genio come te se farebbe più de na domanda. Che t’è successo, te se so’ grippate e’ sinapse…

    • I du neuroni te se saranno ingrippati a te…quale domanda me dovrei fare quando si sa di avere NEL FRATTEMPO un CEO che (e sicuramente è all’altezza sapendo già con chi a lavorato,basta informarsi) può ricoprire anche quella carica? Sei stato mai dipendente di una azienda multinazionale? Sai come funzionano alcune cariche e quando possono entrano in funzione SE serve? Per come la pensi dubito che lo sai

      Scrivete come se siete al corrente di tutto quello succede “dietro le quinte”

    • Ah stavo a interagì co l’amministratore delegato de IBM e nun me n’ero accorto, allora te chiedo scusa. Da come scrivi te, se percepisce che sei n’insider co n’cassone che nun finisce mai, che sa’ come se fa’ e come funziona. Eh ma se percepiva eh!? L’aria de stocasso sceso in tera era palpabile già daa prima risposta…

    • magna tranquillo, non so “stocasso sceso in tera”(sarà forse er contrario?) la colpa è mia che interloquito con un soggetto che non sà le basi e je piace a fà PIAZZATE QUA SOPRA 24h al giorno
      Te saluto MONNE’

    • Tutta sta tarantella, bastava er classico “lei non sa chi sono io” e facevi più bella figura…fidete

    • Io so dipendente di una multinazionale e ho visto un alto dirigente cacciato la mattina e quello nuovo nominato a pranzo (con suo enorme stupore) e seduto alla sua scrivania il pomeriggio.
      1400 dipendenti in 13 paesi, no na rosticceria.
      Finchè non spieghi qual è la ragione che può spingere un azionista a delegare ad interim le cariche del DS al CEO (se non il fatto che il DS non l’hai ancora trovato o scelto) c’ha ragione Nico.

  3. È ovvio che una scelta delicata e importante come quella di un nuovo DS non possa essere effettuata troppo alla leggera, richiede un’attenta riflessione. Ma spero che questi tempi, che forse stanno diventando un po’ troppo lunghi, non comportino in futuro qualche problema nell’attività della Roma.
    Il mio è un semplice dubbio, sia chiaro.

    • Si ma l’attenta riflessione, con pinto in scadenza (e lo sapevi) quando l’hai cominciata a fa?
      Quando te l’ha detto che se ne andava?
      E, se non te l’ha detto, te non gliel’hai chiesto?
      E, se non glielo hai voluto chiede, non glli sei nemmeno passato sopra e ti sei fatto lasciare col c*** a mollo?
      Io più che altro questo mi chiederei.
      E so domande che non mi piace farmi…
      Il ds doveva già essere individuato da mesi: pure avessi rivoluto Pinto, allora dovevi trattà il rinnovo.
      Perchè altrimenti significa o che hai navigato a vista, oppure che chi avevi individuato t’ha rifiutato.
      Purtroppo non vedo alternative.

    • Convinto anch’io, aspettano il momento giusto per annunciarlo. Questo potrebbe far pensare che si tratti di un soggetto ancora sotto contratto che deve liberarsi dalla società in cui è.

  4. Sembra che nel nuovo concorso del totocalcio ci sia la possibilità di indicare il prossimo D.S. della ROMA, chi dovesse indovinare vince una somma considerevole è chiaro che il grado di difficolta è quasi pari al tredici in schedina. A parte gli scherzi non ci resta che aspettare, speriamo solo che sia persona capace e competente. FORZA MAGICA.

  5. sarebbe bello l’entrata di qualche arabo super ricco, e quindi si spiegherebbe il contratto fino a Giugno di DeRossi senza opzione di rinnovo e la tanto attesa del Ds. oppure è solamente un attesa di studio per scegliere bene il dirigente. non lo possiamo sapere, ma l’entrata in società di un arabo sarebbe il massimo, magari prima si prende il 49% poi piano piano diventiamo il psg o il city in Italia… magari…..

  6. Visto che hanno chiesto a Pinto di chiudere il mercato di Gennaio, possibile che il nuovo DS sia al momento ingaggiato da un’altra squadra e si liberi a Giugno, ma che abbia già iniziato a lavorare dietro le quinte.

  7. 1- Il nuovo DS è stato già scelto ed è al lavoro per la prossima stagione, cosa perfettamente normale nonchè auspicabile.
    2- Non sarà questa proprietà a scegliere il nuovo DS.
    Tertium non datur.
    Significherebbe navigare a vista; di più, a tentoni.

  8. DS Modesto per un budget modesto.

    Certo uno che se chiamava “ZERO” non lo potevamo’ trovà.

    Il budget quello è : mettetevi l’anima in pace.

    L’ideale pero’ era uno che se chiamava

    “Debbo tirà su 60MIONI entro il 30Giugno per pagà l’interessi sul debito

    del fruttarolo maledetto che ci ha ROVINATO” ma vabbé e’ dura trovallo.

  9. Oggi però fanno molti passi indietro visto che prima sparavano tanti nomi TOP del settore a livello internazionale (e non affatto facili da prendere perché alcuni già contesi dai club BIG d’Europa), ed oggi si è passato ad i vice e braccio destri che hanno tutto da dimostrare a livelli di calcio in cui non si sono mai cimentati. XD
    D’Amico ha in passato fatto bene costruendo il Verona in Serie B, qualche acquisto azzeccato e qualche scommessa non riuscita ed ha fatto alcuni dei suoi migliori colpi pescando nell’Est Europa. È abbastanza un abile negoziatore e potrebbe voler lasciare i Bergamaschi perché li domina troppo fortemente il gallese Congerton (che però primeggia su tutti in Serie A per via dei suoi risultati fin troppo palesi in 2 stagioni) e quindi per l’Atalanta non sarebbe una partenza non rimpiazzabile (in questo momento I Bergamaschi stanno cercando di tenersi il gallese che è considerato un forte candidato per un ruolo tecnico per una BIG inglese per via dei suoi risultati). Qualche buona intuizione c’è l’ha pure ma non ha mai scovato il calciatore capace di diventare campione però qualche buon calciatore si però non ha mai operato a grandi livelli e sarebbe l’ennesima scommessa che qualche calciatore lo azzecca ma qualche giocatore lo sbaglia (fa affidamento ovviamente a chi li propone l’ennesimo intermediario ma fa anche un po’ di scouting però più video).
    Baccin potrebbe invece essere una specie di Petrachi-bis. Braccio destro di Ausilio, ha più agganci in Sud America ma francamente nell’Inda si sa che lavori e controlli tutto Marotta denominato “l’Orbo” (anche come l’occhio di Sauron che osserva tutto e tutti nell’Inda) che ha costruito lui l’Inda prendendo diversi nostri ex e qualche calciatore scartato. Baccin sarebbe francamente una scommessa ancora più grossa, ha un caratterino che lo portano a litigare un po’ con tutti quando messo sotto pressione (ricorda un po’ Petrachi per questo ma non ha l’esperienza di un Petrachi che prima di venire da noi, per i risultati con il Toro, Petrachi era considerato il migliore DS italiano).
    Francamente sono scommesse e se si vuole essere una squadra da Champions League, vanno presi se si vuole costruire una squadra basata su giovani talenti, prenderli quelli che hanno il potenziale di essere di livello mondiale e non solo buoni calciatori del livello di medio-bassa o media classifica in Serie A.
    Se vuoi prendere quelli che fanno la differenza all’Atalanta o Inda, prendi da loro Congerton o Marotta che sono artefici dei loro buoni risultati.

  10. Sbagliare ancora DS può essere pericoloso per la società, dopo Monchi, Petrachi e Pinto c’è solo un nome su cui puntare ed è Sartori, con i soldi si fa tutto contratto o non contratto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome