Mou in bilico, serve la Champions per convincere Friedkin

70
3086

AS ROMA NEWS – E’ ancora Special o no? Josè Mourinho finisce di nuovo sul banco degli imputati dopo questo avvio di campionato molto deludente della sua Roma, in penultima posizione dopo tre giornate.

Gli infortuni, gli arbitri, il mercato frenato pesantemente dalla scure del settlement agreement sono i soliti temi che vanno affrontati quando si parla dei risultati deludenti in campionato della Roma di questi ultimi anni targati Mou.

Il portoghese sperava in qualcosa di diverso quando ha firmato con i giallorossi: gli erano stati prospettati investimenti, di certo non ai livelli dei club a cui era abituato lavorare, quello che Mourinho non si aspettava era di poter contare solo su giocatori a parametro zero o prestiti di calciatori da rivitalizzare.

La mannaia della Uefa è stata improvvisa e più pesante del previsto. Ma il tema resta sempre il solito: Mourinho, da grande allenatore qual è, non dovrebbe riuscire a dare qualcosa in più alla sua squadra? Non dovrebbe essere lui il valore aggiunto di una Roma che non riesce ad arrivare più in Champions da troppi anni?

Tra i tecnici che hanno guidato la squadra in almeno venti partite di campionato, come media punti-partita lo Special One veleggia malinconicamente al tredicesimo posto (1,61). Davanti a sé Mourinho non ha soltanto totem come Luciano Spalletti o Fabio Capello, ma anche allenatori come Carniglia, Burgess o Kovacs che forse i tifosi più giovani farebbero fatica a ricordare.

I giornali si dividono, la piazza un po’ meno: per adesso il popolo romanista sembra essere ancora compatto al fianco dello Special One, abile comunicatore in campo e fuori. Chi invece non è forse così convinto di voler continuare con lui al termine di questi tre anni è la proprietà americana.

Arrivati a meno di un anno dalla scadenza di contratto, i Friedkin non hanno sciolto le riserve sul futuro di Mou. L’Arabia Saudita lo vuole ed è pronto a ricoprirlo d’oro, ma lui non è ancora così convinto. E la Roma cosa vuole fare con lui? L’obiettivo legato alla qualificazione alla prossima Champions League sembra essere la stella polare della società capitolina. Si aspetterà dunque la fine della stagione per decidere, anche se a quel punto i giochi potrebbero essere già fatti.

Fonti: Gazzetta dello Sport / Corriere dello Sport / Il Messaggero / La Repubblica

Articolo precedenteSerie A, anticipi e posticipi fino alla 19esima giornata: ecco quando la Roma giocherà contro Lazio, Juve, Atalanta e Napoli
Articolo successivoNdicka e Renato Sanches le incognite in cerca del riscatto

70 Commenti

    • Io di contraddizioni ne vedo poche. L’incertezza a Trigoria regna sempre sovrana. Tanti contratti non vengono rinnovati perché non si sa quale sia il futuro economico della società. E questa incertezza si ripercuote anche sulle scelte dei giocatori (Matic ad esempio magari è stato perso perché non gli è stato rinnovato il contratto).
      Arrivare al terzo anno senza rinnovare con Mou significa non avere idee chiare su cosa si vuole fare e questo crea i presupposti per un’annata piena di mal di pancia con conseguente scarso rendimento e risultati.
      Già si vede che il mister si allontana dall’ambiente giallorosso nel momento in cui non mette più la faccia dopo le sconfitte disertando le conferenze stampa.

    • Articolo con l’unico intento di inventare una contrapposizione interna alla ROMA. Da una parte friedkin dall’altra mourinho, oppure da una parte pinto e dall’altra mourinho. Dalle parole dei diretti interessati si capisce l’esatto contrario, però cosa conta la verità se il padrone chiede di scrivere il contrario? Comunque questo tecnico così scarso, e questa società così incompetente, ha portato la ROMA al posto n. 9 fra le società di calcio europee, ha fatto due finali consecutive vincendone una e taylor la seconda. Anche se più che taylor la ROMA ha pagato il rapporto con la propria lega nazionale. Unica Capitale odiata dalla propria nazione. Vabbè questo non diciamolo. Oggi chi viene intervistato per dire che era giusto il rigore contro milan?

    • dici che l’articolo non ha capo ne’ coda ?
      e’ invece chiarissimo : alla societa’ Roma serve e serviva come il pane la Champion che porta introiti superiori e ti permette di fare un mercato migliore
      A Mourinho serve la visibilita’ che danno le coppe europee

      Penso che l’anno passato i Friedkin chiedessero categoricamente il 4 posto e considerassero un azzardo puntare tutto sulla coppa UEFA
      Mourinho ha fatto di testa sua
      I Friedkin hanno valutato che mediaticamente non gli conveniva cacciarlo
      A meno di risultati clamorosi pero’ il rapporto Roma -Mourinho alla fine di quest’anno finisce ( e non e’ detto non finisca durante )
      Credo che i Friedkin abbiano comperato Lukaku proprio per togliere ogni alibi a Mourinho che abile parlatore avrebbe poi riversato le colpe sulla societa’
      Mourinho non ha mai avuto un atteggiamento aziendalista , ha sempre fatto solo quello che conveniva a se stesso
      Sono stati anni di polemiche e divisioni oltre che di calcio mediocre

    • Dico la mia e accetto spolliciate. Ai Friedkin al netto dei Colpi di teatro ovvi e dovuti per tenere la piazza per le palle a cominciare da Mourinho, proseguendo per Dybala e Lukaku quello che interessa è il business. Tutto quello che ce sta intorno e chi dice che hanno “buttato” fin ora centinaia di Milioni (900?) rispondo con voi pensate che sti soldi non gli ritorneranno con gli interessi?
      Qualcosa dovevano fare e con i colpi d’effetto tengono divisa e incollata la piazza ma i risultati del non progetto sono chiari e limpidi. Ovvio che ce stanno i ciechi, i muti e i sordi. Io la vedo cosi perché ci vedo, ci sento riesco anche a parlare. Se volevano realizzare un cammino sportivo parallelo al business si sarebbe potuto benissimo fare ma si è scelta la strada cinematografica e questo è il risultato. Mezza coppa vinta, non gioco, acquisti di giocatori inutili sfonnati o rotti, scuse continue con sto fair play, la verità Mourinho/Pinto che la sanno tutti ma nessuno la vuole dire e la classifica dopo 3 anni che alla terza è questa.

    • io credo che i Friedkin sappiano benissimo come entrare nelle stanze del potere
      odierna Assemblea dell’ECA
      nuovi Ordinary Members per il ciclo 2023-2027. 30 membri di cui 23 votati e 7 scelti
      per l’Italia
      Alessandro Antonello dell’Inter
      Dan Friedkin della Roma ( tra i 7 scelti dai vertici stessi di UEFA ed ECA.)( SCELTO )
      ovvero si prendono piu’ mosche col miele che con l’aceto ( aceto e polemiche di Mourinho )

  1. Non sarà mica sempre colpa dei giocatori ?
    parametri 0 ma giocatori di qualità senza dubbio e provare a cambiare modulo se col 3-5-2 prendiamo imbarcate da tutte le parti e non creiamo occasioni..?

    • Terzo anno tristissimo, senza gioco n’è prospettive, solo proteste e lamentele continue. Ma quanto dobbiamo aspettare ancora??? Che se ne vada presto e lasci il posto ad un allenatore vero.

  2. Chi parla di “popolo romanista compatto” al fianco di Mou…vive fuori dal mondo oppure è un Zazzaroni qualsiasi. Già mi aspetto commenti del tipo…”allo stadio viene inneggiato”. Lo stadio contiene 65.000 persone, la Roma conta all’incirca 1.500.000 tifosi. Bisognerebbe vedere quanti allo stadio non ci vanno più delusi da spettacoli spesso indecenti, quanti nello stesso stadio ci vanno per fede incrollabile pur sapendo che la Roma non gioca. Roma – Milan un caso emblematico: stadio pieno, festa all’americana con fuochi d’artificio per la presentazione di Lukaku, partita orrenda (con il solito ultimo quarto d’ora all’arma bianca…giusto per non uscire tra i fischi) e attenzione spostata sul contorno.
    Il calcio del risultato senza gioco vive un equilibrio delicatissimo: ti costringe a vincere visto che non è in grado di convincere.

    • Intanto i tifosi della Roma nel mondo sono 2.500.000 e quelli fuori d’Italia sono tutti con Mourinho.Non si possono allenare giocatori rotti e glieli hai dati così da due anni e più.Poi gli hai dato quelli che volevi tu e non tutti li voleva lui.Del gioco me ne frego perché si vince anche senza e il portoghese te l’ha dimostrato per una vita.Il provincialismo d’una piazza che riversa sempre le colpe sul tecnico e l’opportunismo della stampa e dei media che amano periodicamente il cambio di guardia è semplicemente esecrabile.Non c’è storia vincente in questa città che abbia dimostrato il contrario dell’equazione:’grande tecnico-grandi giocatori’.E la metà dei giocatori della Roma sono mezze seghe mascherate al momento dall’abilità del tecnico.Meno servilismo per questa società,grazie!

    • E il calcio del gioco senza risultato che equilibrio vive?
      Che ti costringe a convincere visto che non è in grado di vincere? Bello…
      Vincono le squadre FORTI, che giochino bene o male.
      L’unica funzione dello spettacolo è quella di dare la guazza manco ai tifosi, agli OSSERVATORI quando ti manca l’ambizione di VINCERE come primo obiettivo, non di giocare bene.
      L’obiettivo di giocare bene se lo pone solo chi già sa che non potrà vincere.
      Il tifoso è contento solo quando arrivano i punti, non le belle azioni.

    • Tu invece che vivi fuori da Roma e non frequenti l’Olimpico, puoi tramite chissà quale indagine doxa stabilire quanti Romanisti contestano Mourinho, vero Chico?
      😱nce se crede ahò, barbari sete e barbari rimanete, o vorresti sostenere che quei 4 del paesone dove vivi che ti danno ragione sono più dei 60 mila?😂😂😂
      Forza Roma

  3. Gli articoli sulla Roma assomigliano sempre di più ai Temi ‘a Fantasia’ (‘cosa farai da grande’ / ‘dove vorresti passare le tue vacanze’…) che ci davano alle elementari.

    Frasi come ‘i Friedkin(s) non hanno sciolto le riserve sul futuro di Mou’ sono tanto ridicole quanto inappropriate.

    E constatare che questo pettegolezzo sia ciò che degli adulti, professionisti e tutto, ci propinano quotidianamente, è un pensiero deprimente (e irritante…).

    Ciao a tutti 😊.

  4. Il coach non è mai rimasto oltre tre anni da nessuna parte.

    A fine carriera, perché lo è, anche se è un grande, immagino se ne andrà a 50 mio annui in Arabia e non sarà solo questione di soldi, ma di curiosità e sfida .

    Per rimanere a Roma servirebbe un ruolo alla Ferguson , motivato soprattutto da una scelta di vita…

    Il calcio , così come tutto il mondo, sta cambiando e L Arabia non sarà un fuoco di paglia come la Cina; la grande bolla del calcio europeo, per sopravvivere deve trovare soldi e in Europa stanno chiaramente calando …per non parlare dell’Italia …

    Comunque , un onore averlo avuto qua, anche se non a tutti piace

    Spero resti, se ci saranno le motivazioni da parte sua e della società

  5. Anche oggi, in assenza di notizie, ovviamente non si produce alcun approfondimento, solo banalità e ovvietà. Perché non fare un approfondimento sulle caratteristiche dei nuovi arrivi, per esempio? Sviscerarne le qualità tecniche individuali, le interconnessioni possibili, il modo di giocare nel contesto squadra, i limiti che possono avere, i contesti tattici in cui Mourinho potrebbe utilizzarli, la loro funzione all’ interno di un gioco che non prescinde le priorità tattiche del nostro portoghese, ecc ecc… Ce ne sarebbero tantissime di cose da analizzare! Se hanno la fortuna di scrivere di calcio devono pensare a chi questo sport lo ama veramente. E scrivendo sulla Roma, devono pensare a chi, amando il calcio, ama sommamente la magica Roma, cuore pulsante di un popolo di tifosi innamorati. Che articoli sono questi invece? Sembra come il rigirarsi nel proprio fango dei maiali. Si forniscono prospetti futuri senza conoscere il presente ricchissimo di contenuti. Articoli per la pancia dei depressi.
    Io amo la Roma, e chiunque spende il proprio tempo su questo sito la ama altrettanto (tranne pochi psicopatici pigiamati o strisciati, che godono di tutto questo): abbiamo diritto ad una corretta informazione, ad essere considerati persone intelligenti. FR

    • Francesco, ma questo Ndicka com’era in germania? Io l’avevo visto col napoli in champions e poi in finale di coppa di germania, non mi aveva fatto impazzire, non mi sembrava questa saracinesca insuperabile, sempre un po’ disattento, poco concentrato…leggo poi di statistiche imbarazzanti sui duelli aerei vinti e dribbling subiti…ma com’è possibile che era valutato 30 milioni allora? Ciao un saluto

    • Esatto, Maurizio: anche a me nun mi ha fatto mai impazzire, e l’avevo già scritto qui sul forum, quando ancora non era ufficiale il suo ingaggio e Ibáñez giocava tra le nostre file. Ibáñez io lo reputo un giocatore che può diventare molto più forte di lui, però anche Ndicka è un buon giocatore, molto dinamico, discretamente tecnico nella marcatura: insomma non è un fenomeno, ma contro squadre come la Salernitana o il Verona già ti può fare la differenza. Due anni fa ha fatto un’ottima stagione soprattutto come continuità; l’altr’anno invece è andato un po’ peggio; probabilmente però aveva già staccato mentalmente, avendo l’intento di cambiare squadra finendo a parametro zero. Il che è una cosa particolare, specialmente alla sua età. Più meno la stessa situazione l’ha vissuta Kamada. Probabilmente l’Eintracht aveva tagliato già questi due giocatori e l’ha lasciati andare a scadenza perché non ci credeva abbastanza. D’altra parte l’SGE non è nuovo a questo tipo di strategia. Tornando alle caratteristiche di Ndicka, da quello che ho potuto capire, m’è sembrato che anche lui qualche volta ha problemi di concentrazione, soprattutto per quanto riguarda il posizionamento, in base alle situazioni di gioco passivo. Qui dovrà lavorare parecchio Mourinho. Invece, come dicevo, mi sembra bravo nella marcatura, nel modo in cui utilizza il corpo per frapporsi tra attaccante avversario e propria porta. Insomma non è un giocatore facile da superare nell’uno contro uno. Dimenticavo di dirti che è un buon colpitore di testa, non bravo quanto Ibáñez, ma bravo: il che in area avversaria può essere molto utile, considerando l’importanza dell’efficacia sulle palle inattive per una squadra come la Roma, che è più portata a eliminare gli eventi possibili in una partita, piuttosto che creare lei stessa eventi a suo favore. Ti saluto e Forza Roma Sempre!!!

  6. Certo che le 2 sconfitte e il pareggio per queste testate o fonti come si chiamano, gia’ Mourinho via perche’ gli americani non credono in lui….E’ un paradosso ! Lo avrebbero gia’ mandato via senza problemi e’ preso Conte o chi altro. Sempre la solita tiretera un attimo che si calma l’ambiete e subito all’attacco… le testate nordiste poi e’ pure venuto Lukaku per i nordisti o strisciati come vengono chiamati… sono 2 traditori poi se c’e’ di mezzo la Roma e’ Daje ancora di piu’, troviamo punti deboli o inventiamoli liti interne casini nello spogliatoi invece loro tutte isole felici sono coperti dagli arbitri molto bene, hanno il far play “apposto”, le campagne acquisti faraoniche so finite per i signor cummenda. Ma per sti signori giornalisti il problema e’ Mourinho e il rapporto con i Fredkin, finita sta cosa ne inventeranno un’altra prepariamoci tt l’anno cosi !!

    • La Roma è sempre sotto scacco. Ora mettono a posto anche la Lazio (i soldi Champions servono tanto nella Padania), il Napoli il prossimo scudetto lo vedrà forse, se il calcio esisterà ancora….niente di nuovo. E non basta cambiare i presidenti, mettere fiumi di denaro, comprare giocatori. Il PSG insegna. le ruote dell’ingranaggio sono ben oliate. FRS. Tifiamo ed amiamo la Magica. Ma senza folli illusioni.

  7. Nun ce se crede… a Mourinho hanno fatto una campagna acquisti last minute ,oltre tutto a base di fraciconi per stessa ammissione di Pinto, e adesso sarebbe sua la colpa del deludente inizio di campionato della Roma?
    Secondo questi saputelli non conta niente fare una preparazione precampionato con i nuovi acquisti,cercare l’intesa tra i reparti,far conoscere i giocatori tra loro,no. Basta comprare le figurine e hai fatto l’album. Non ha detto Mourinho che se anche fosse arrivato Mbappè,sempre all’ultimo momento sarebbe arrivato?
    Svejjaaaaaa…le responsabilità sono ataviche e vanno cercate altrove.

    • C hai ragione, però anche l anno scorso sono arrivati in ritardo dei giocatori (Belotti), ma nelle prime 3 partite abbiamo fatto 7 punti, adesso solo uno. Secondo me non va bene il suo modo di giocare per questa squadra (troppa lentezza, lanci lunghi e sbagliati per gli attaccanti)…
      L’Inter usa il nostro stesso modulo, ma è prima e non ha subito e non ha subito nessun gol ( e non ha speso tantissimo: 9 milioni Frattesi, Thuram a zero, Klassen 10 milioni e Sommer 5 milioni) . La Roma poteva benissimo guadagnare soldi dai titolari ma ha ceduto solo giovani per l’accordo Uefa.
      Il primo anno (senza Dybala e Lukaku) fece 9 punti nelle prime 3 giornate. Quindi adesso starà sbagliando qualcosa nel modo di far giocare la squadra.
      Risultato: sia Pinto che Mou hanno le loro colpe

  8. …Bell’articolo.
    Grazie a tutti gli estensori per la quantità di info sensibili qui presenti.
    Devo dire il titolo azzeccatissimo, in linea con i contenuti,dai.

  9. LA MANNAIA DELLA UEFA È STATA IMPROVVISA con Taylor a dirigere

    gazzetta, corriere, messaggero e repubblica, mancano ALTRI ma ho detto tutto, cambiano musicanti ma dalle nostre parti la musica è sempre la stessa
    4,3,2,1 via all’abbocconi 🙀

  10. Ormai è tardi….. se la Roma vuole ancora Mourinho gli deve proporre un rinnovo al “buio” , se Mourinho vuole ancora la Roma firma il rinnovo, altrimenti si dimetta. Ho scritto ormai è tardi perché questo discorso doveva essere affrontato PRIMA di Roma -La Spezia, non ora.

  11. Se è “o champions o morte” usciamo subito dall’europa league, tanto si è capito che è praticamente impossibile vincerla e soprattutto è impossibile andare avanti senza danneggiare il campionato. Già è difficilissimo così arrivare quarti e non mi pare proprio che sia stata costruita una rosa di giocatori sani da poter alternare per affrontare tranquillamente le due competizioni. Facciamo come hanno fatto altri, che ora devi sentire dappertutto in maniera insopportabile dopo le figure di m. in europa

  12. In Inghilterra lo hanno subito sbattuto fuori…. ahhh vero noi siamo la Roma, la capitale, la città eterna, è colpa degli altri, vittime di un complotto, …… SVEGLIAAAAAAAA!!!!!!!!!

  13. La Champions è un obbiettivo da sempre non solo di adesso ed il motivo è molto banale, porta un sacco di soldi. Soldi che nelle casse della Roma servono come non mai!
    Che per il brutto avvio di campionato Mourinho abbia le sue colpe ci sta, certo due ne ha fatte da squalificato ma la terza non è andata meglio. Di certo quello che credeva potessero fare i giocatori in campo non si è sposato poi con il modulo utilizzato e anche qui qualche ispirazione poteva farsela venire invece di cementarsi sempre sullo stesso modulo.
    Parlando dei giocatori invece dobbiamo tenere presente che la Roma ha speso in questa sessione di mercato poco meno di 10M, un capolavoro si può pensare vedendo la rosa ma anche un grande interrogativo se si vedono le condizioni di alcuni giocatori.
    Quindi arrivare in Champions è chiaro come obbiettivo come lo sono i motivi, ma se Mourinho non avrà questi giocatori disponibili ed in forma inutile illudersi.
    Se vuoi raggiungere qualcosa che è in alto o prendi una solida scala oppure se metti cose traballanti sotto i piedi rischi di cadere.

    • Gladio, leggi i giornali, ascolta le trasmissioni radio e i programmi TV. la campagna è massiccia Inter Milan Juve Napoli, con qualche variante per la Juve (terza o prima a seconda della collocazione geografica del giornalista). Le “romane”, la fenomenale Atalanta alla stregua di Fiorentina e Sassuolo. Poi ci può stare che qualcosa vada storto, ma c’è chi farà di tutto perchè non succeda. Suonala ancora, Sam!

  14. Il concetto è chiaro: c’è Londra e la City, sede del capitalismo globale, dove ha casa quel’1% che possiede il resto della ricchezza mondiale, li si gioca la premier league, il campionato di calcio più ricco del pianeta. Premi, allenatori, giocatori, tutti percepiscono introiti inarrivabili.
    Poi una decina di altre squadre di altre nazioni ma la cui proprietà per qualche verso è riconducibile sempre a quell’1%. Queste vincono sistematicamente i campionati nazionali cui partecipano, rarissime le eccezioni, la conseguente partecipazione alla Champions consente il loro sostentamento economico e l’espansione dei profitti.
    Ovviamente anche questo gioco ha necessità di regole per credere in una giustizia cui tutti debbono sottostare. In osservazione a queste regole è consentita la partecipazione e il riconoscimento del ruolo che s’intende svolgere. Globalizzazione del capitalismo, libera circolazione dei capitali, organismi sovranazionali a dettare le regole e milioni e milioni di sottomessi ad ingrassare gli ingranaggi.
    Lo stadio non risolverà nulla, consentirà solo maggiori introiti e maggior controllo.
    Se non si pone fine alla deregolamentazione di cui sopra non la vedo bene, ma è anche vero che i recenti e numerosi sold out testimoniano l’esatto contrario, i criceti fanno girare la ruota veloce, veloce, è segno che sono contenti, io mi adeguerò, il più ormai è alle spalle…
    Forza Roma, sempre!

    • Fred,
      hai una visione distopica e statica del mondo che può far breccia fra i percettori del RDC e i fautori del pasto gratis ma non fa i conti con la realtà.
      Il capitalismo si rinnova continuamente, i ricchi e i potenti di oggi 20 anni fa non esistevano e tra 20 anni saranno soppiantati da altri, il globalismo ha fatto uscire dalla povertà miliardi di persone e impedito a oggi una guerra mondiale (in tempi di nazionalismo e autarchia ne abbiamo avute due).
      Ovviamente è pieno di difetti e combattere per migliorarlo è obbligo per chi fa politica.
      Comunque riguardo a quanto scrivi provo a confutare un paio di conclusioni.
      1. Londra è da almeno 500 anni una delle città più importanti del mondo ma dal dopoguerra ridimensionata da New York e oggi dai nuovi poli finanziari Asiatici ( Hong Kong, Shangai, Abu Dhabi, Singapore , Dheli) e non ultima dalla Brexit.
      2. La Premier League è diventata il campionato più importante del mondo dopo un processo trentennale che ha obbligato i club a rispettare determinati canoni ( stadi moderni belli sicuri e di proprietà, niente debiti, hooligans espulsi, suddivisione equa dei proventi ).
      Il successo lo garantiscono i diritti tv ( telespettatori mondiali che scelgono liberamente di pagare uno spettacolo che ritengono migliore).
      Chi ha fatto le cose seriamente in Europa, (Bayern, Barcellona (proprietà miste tifosi e sponsor) e Real compete e spesso le batte.

  15. Pure con la Champions mou non deve essere confermato allenatore senza gioco e idee è possibile che i tifosi non lo hanno ancora capito per aver vinto una conferenze che la stava vincendo la Fiorentina

    • Hai detto bene, poteva ma non l’ha vinta. Come noi potevamo vincere l’Europa League ma un coxxione di arbitro ce l’ha impedito facendo 150 minuti di stroxxate a catena sul campo.
      Intanto però tu la Coppa della 1a edizione della Conference c’è l’hai.
      Anche a me non sta entusiasmando Mourinho in questo inizio ma senza di lui la Coppa è la finale non le avresti portate a casa stanne certo e anche questo bisogna dirlo!

    • La stava vincendo… e noi l’abbiamo vinta. E stavamo vincendo anche l’Europa League…
      FORZA ROMA SEMPRE

  16. Il problema è che se Mou se ne va non hai vincenti come lui da prendere (Conte non è come lui, Ancelotti allenerà il Brasile e Guardiola il City), e poi bisogna vedere come va la stagione ( se continua male bisognerà mandarlo via già a gennaio). I Friedkin e Pinto si dovrebbero focalizzare più sull’allenatore che sui giocatori da comprare in questo momento. Prenderei Tuchel, ma sta bene in Germania e non se ne andrebbe per una squadra verso la crisi come la Roma. Speriamo che venga esonerato o che se ne vada così ce lo prendiamo. E’ uno da Champions lui. Svincolato c è Nagelsmann ma ha vinto poco però è ancora giovane (36 anni) quindi ha ancora una carriera davanti e Roma sarebbe il posto giusto per rilanciarsi

  17. giornali, radio, TV….
    Tutti “strisciati..”
    Senza vergogna e senza ritegno…!!!
    Auguro alle strisciate di trovare un Tylor sulla loro strada… sempre che rosetti concordi…😉
    💪🧡❤️

    • Ora il figliol prodigo è rientrato pentito all’ovile, si ucciderà il vitello grasso in una grande festa e la ruota riprenderà a girare nel verso giusto. Speriamo che il calcio arabo metta in ginocchio questa struttura imputridita. Ma il sentore è che possa soltanto impossessarsene.

  18. Campagna acquisti. N’Dicka, Aouar, Paredes acquistati. Khristensen, Llorente,Sanches, Azmun e Lukaku in prestito. Sono partiti Ibanez e Matic. Tenere presente che abbiamo giocato parecchie volte anche nel campionato scorso senza Ibanez, e senza Matic. La partenza di Matic ha spiazzato tutti, a mio avviso anche la dirigenza, e da come è stata trattata credo sempre che ci siano dietro delle questioni personali. Mi sembra che la falsa partenza sia dovuta al tentativo di giocare diversamente, senza averne le capacità e senza avere assimilato gli schemi. Inoltre con alcuni giocatori decisamente non adatti: Paredes; Rui Patricio cosa può fare con la difesa nella metà campo avversaria? . credersi di essere Konsel? Avevamo bollato per scarsone Olsen perchè non si schiodava dalla linea di porta. In quanto alle passeggiate sul terreno di gioco, bene i tifosi della Roma sanno bene di cosa si parla, ma da anni. anni ed anni…

  19. Formazione dopo mercato invernale: LLoris Dumfries Smalling Solet Tagliafico Cristante Zielinski Insigne Dybala Gomez Lukaku (4 2 3 1) all. Nagelsmann. Sarebbe da Champions e con delle cessioni si potrebbe fare ( Rui, Mancini, Kristensen,Karsorp, Zalewski, Paredes)…
    A zero: Zielinski (ci sta pensando pure la Lazio), LLoris, Gomez, Insigne.
    Da pagare: Tagliafico (9 milioni), Dumfries (28 milioni quindi quasi impossibile), Solet (17 milioni, forse fattibile)

  20. ok grazie non lo sapeva nessuno non ce lo riproponete quotidianamente abbiamo capito. I matrimoni si fanno in due e non ho l’impressione che entrambe le parti vogliano continuare.

  21. Il terzo monte ingaggi di Italia, perché i Friedkin dovrebbero accettare per il terzo anno di seguito con questo allenatore di non andare in Champions?

  22. La sempre attuale scoperta dell’acqua calda, il destino di un allenatore legato ai risultati.
    Mourinho è arrivato anche al suo terzo anno, limite oltre il quale non è mai andato nella sua lunga carriera.
    Non sarebbe quindi una sorpresa la fine del rapporto a giugno, tanto più in un’epoca in cui il calcio mastica i suoi interpreti ad un ritmo sempre più incalzante.
    E’ raro infatti vedere, ad ogni livello, tecnici, ma anche giocatori ormai, che oltrepassano tale fatidica soglia nello stesso club.
    I binomi Ferguson/United, Gasperini/Atalanta, Roux/Auxerre sono casi sempre più irripetibili.
    Senza contare che il rapporto tra Roma e Mourinho si fonda su un ibrido “vorrei ma non posso”, l’impossibile conciliazione tra le costrizioni economiche del club e l’avversione/desuetudine del tecnico a lavorare con un materiale umano da plasmare più o meno dalle fondamenta.
    La contraddizione si estrinseca nella proposizione di una squadra costruita su prestiti, occasioni last minute e campioni fragili nel fisico.
    L’identità della squadra è demandata ad un gruppo di giocatori sempre più preponderanti nello spogliatoio ma incapaci storicamente di innalzare il livello delle loro prestazioni oltre una certa soglia.
    Fossi nella posizione di chi deve decidere valuterei con attenzione questi aspetti prima ancora dei risultati che nel calcio sono legati ad aspetti troppo aleatori nel breve termine.

  23. come ripeterò allo sfinimento, il problema è la proprietà.
    Hai il monte ingaggi troppo alto e lo vuoi diminuire ? allora non prendi Mou, ma uno che sappia valorizzare i giovani e investi nello scouting con un DS esperto.
    Vuoi Mou ? allora gli devi prendere quello che ti chiede e non i parametri zero, i prestiti o l’occasione che capita.

    e non mandi il dg e l’allenatore in scadenza, i giocatori sanno che lui non sarà più l’allenatore della Roma e perde di autorità

  24. Società giovane e allenatore giovane 4 ragazzi di prospettiva e ci divertiamo di più. Questi non hanno un euro. Oppure un arabo squattrinato. Forza Roma e basta. Niente Champions nemmeno il prossimo anno. Grazie mourinho per averci rovinato.

    • Ha portato un trofeo internazionale dopo 60 anni e una finale RAPINATA, sennò sarebbero stati due.
      Dall’ “allenatore” che volete con 4 ragazzini di prospettiva dobbiamo aspettarci lo stesso oltre alla qualificazione puntuale in Champions?
      Voglio dire, mica siamo il Sassuolo che ci accontentiamo di divertirci come le scimmiette guardando qualche schema e un paio di verticalizzazioni e un po’ di “ber gioco”.
      La AS Roma è la squadra di una Capitale e deve puntare a vincere trofei.
      Tenendo presente questo, la Società ha e avrà diritto di scegliere il percorso che ritiene più appropriato, ma non la dimensione provinciale che invochi.
      Poi tireremo le somme.

  25. 8 luglio 2021, prima conferenza stampa di Mourinho: “Qua non si vince da tanti anni, serve capire perché la squadra è arrivata a 29 punti dalla vetta”. Primo anno a 23 punti dalla prima, secondo anno a 27 punti dalla prima. Ora bisognerebbe capire questo.

    • L’allenatore Garcia:
      – primo anno 2° posto in campionato;
      – secondo anno 2° posto in campionato;
      – terzo anno esonerato.
      E invece adesso ci teniamo ancora questo allenatore antico.

  26. il vero problema è uno solo: Jose Mourinho! Non è riuscito a creare un gioco alla squadra, ad istruire i giovani, è abituato coi top player già pronti…al suo posto con Spalletti la Roma come minimo si sarebbe trovata prima della metà classifica…mi dispiace per chi adorano il “santone”… spero in una “resurrezione” dopo la pausa con un filone di risultati positivi per recuperare tanto terreno dai primi… daje lupi mannaggia

  27. Onestà questa sconosciuta, la prima partita la Roma ha giocato molto bene, due tiri subiti e due gol presi per errori individuali. Nella seconda errore del portiere sulla prima respinta, gioco meno brillante ma abbiamo creato tanto. La terza male, ma con l’ingresso di Lukaku e Spinazzola (anche grazie all’espulsione) era cambiata l’inerzia. I punti raccolti sono molti meno di quelli seminati, potevamo essere a 6 o 4 punti senza aver rubato nulla.

  28. Diciamo che la Roma è da sempre che ha problemi: prima il mercato poi l allenatore poi la squadra.
    L anno scorso giocava male, quest’anno pure, il primo anno di Mou non c erano giocatori forti…
    Anche l anno prossimo avremo problemi, mi dispiace dirlo perché è la mia squadra del cuore ma c’è sempre qualcosa che non va in sta squadra. Se.si dovesse prendere Conte , per esempio , ancora problemi ( non è un vincente come Mou, è sopravvalutato).
    Comunque il problema principale è che i giocatori nostri stanno spesso in infermeria, oltre al fatto che la squadra non gioca bene ed è lenta. Che poi per vincere non devi avere per forza Haaland e Mbappe, l ha dimostrato il Napoli, vincendo un campionato con delle scommesse che si sono rivelate più che azzeccate, lo stesso l Inter e il Milan ( Thuram a zero, Reijnders giocatore forte, così come Loftus Cheek), anche il Lecce che facendo un ottimo gioco ha 7 punti

  29. Continuare su questa strada non ha alcun senso poiche’ e’ da oltre 2 anni che si vede sempre lo stesso, poco edificante spettacolo, e non si capisce come le stesse persone, che hanno la responsabilita’ di tutto cio’, possano cambiare la rotta. La verita’ e’ che questo tecnico e’ ampiamente superato in quanto ancorato al calcio di 20 anni fa. In quanto al DS, con l’accettazione delle conferme di calciatori mediocri (il blocco italiano, per intenderci) ha dimostrato poco peso e zero competenza. Credo che, dopo tanto entusiasmo, sia arrivata l’ora di un cambio di passo, che puo’ avvenire solo con una rivoluzione dei vertici e della rosa dei calciatori.

  30. Mourinho, 2 trofei internazionali in due anni.
    l’anno scorso le ultime 6 partite in campionato, 5 corrotte dopo la sparata di Rocchi.
    il primo anno, 11 arbitri fermati per porcate contro la Roma.
    ancora si vuole discutere Mourinho?
    o gli compri giocatori Veri e lui ci mette il veleno sopra, oppure si torna ai fonSEGA.
    dove prendi sveglie, non vinci una mazza e però EHHH, CHE BELLE LE USCITE DAL BASSO VELOCI.
    una Rometta insomma

  31. Dissi il giorno dopo Roma – Milan che queste non sarebbero state 2 settimane per i deboli di cuore. Con la pausa del campionato i giornali si sbizzarriscono ancora di più, ma non perché devono vendere, perché oramai sono pochi a comprare i giornali ma per i click. Ogni click ricevuto su internet sono soldi, quindi usano titoli altisonanti, tu sei invogliato a fare click e poi se ti va leggi l’articolo e li trovi tutto enfatizzato perché l’articolo deve avere tot parole e deve far si che chi ha cliccato non si stufi e legga.
    La verità su ciò che pensano la sanno solo i Friedkin, se non era per Taylor eravamo in Champions e con molti più introiti, ma comunque in campionato bisogna assolutamente fare meglio degli anni passati. A prescindere penso che sia proprietari, sia giocatori, sia allenatore e noi tifosi vogliamo riandare in Champions. Io personalmente ho voglia di rivivere le notti della coppa campioni. Quindi giocatori e Mou portateci in Champions, senza scuse.

  32. ma sempre congetture sono? sempre cospirazioni contro la roma? ma insomma con la politica del martire non si va da nessuna parte ..come possono tutti , fifa uefa, arbitri , giornalisti etc etc andare a dormire e svegliarsi pensando a distruggre la roma ..societa’ che ha vinto 3 scudetti e che non da fastidio a nessuno …insomma un po di sana autocritica non guasterebbe ..

  33. ma come in bilico ! aveva gia’ deciso che se ne andava a fine anno ..!
    e dateci uno straccio di notizia anziche’ il parere di un qualche giornale ..

  34. Media punti 1,61 a partita perché se da una parte ci sono stati limiti tecnici nei singoli giocatori tra panchinari e mezza squadra di titolari e la colpa in tal caso non era di Mourinho che anzi, quantomeno aveva sistemato bene la fase difensiva dando una certa solidità alla Roma, dall’altra parte ci sono state zozzate arbitrali che hanno avuto del clamoroso, ben peggiori rispetto alle altre volte con record di punti che ci sono stati rubati, 17 punti nel 1° anno di Mourinho e 18 punti la scorsa stagione. La media punti in un campionato pulito sarebbe stata da primi 2 posti e va per forza spezzata una lancia a favore di Mourinho in questo senso, non si può fare sempre finta di niente e tenere la testa sotto la sabbia come gli struzzi anche davanti a palese malafede del sistema e degli arbitraggi.
    Poi, per contro rispetto al campionato, Mourinho ha disputato 2 finali di coppe europee di cui una vinta ed una gli è stata rubata da un arbitraggio vergognoso, avrebbe vinto 2 coppe uefa di fila.
    Adesso è un’altra storia, in questa stagione invece Mourinho ha gran parte delle colpe riguardo a questa brutta partenza in campionato ma i conti si fanno alla fine e manca ancora un’intera stagione per poter dare sentenze definitive.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome