MOURINHO: “Partita da squadra, siamo uniti. Lukaku? Per fortuna non gli tolgo qualità. Nessun contatto con la proprietà, resto fino al 30 giugno”

64
5652

AS ROMA NEWS – Mister Josè Mourinho si presenta davanti ai microfoni dei giornalisti per commentare la prestazione dei suoi calciatori al termine di Roma-Frosinone.

Di seguito tutte le dichiarazioni del tecnico portoghese sulla gara di campionato giocata questa sera all’Olimpico contro i ciociari.

JOSE MOURINHO A DAZN

Sembra di aver rivisto la Roma dell’anno scorso.
“Nel primo tempo abbiamo concesso un paio di buone opportunità, abbiamo una linea difensiva con un ragazzo che gioca con noi da un paio di mesi, c’è stata compattezza difensiva dagli esterni, grande sforzo di Bove e Paredes, anche i due ragazzi offensivi ci hanno aiutato. La squadra è stata squadra, è una cosa che a me piace sempre contro una squadra che di Serie B non ha niente, è una squadra organizzata con giocatori di qualità, mi è piaciuto il Frosinone e anche giocarci”.

Vuole mettersi l’auricolare?
No, sono stanco e devo viaggiare”.

Quarto gol per Lukaku, ritorno al gol per Pellegrini.
“Pensavo fossi il responsabile dei non gol di Lukaku… come minimo nessuno può accusarmi di questo, perché Lukaku segna al Manchester, all’Inter. Romelu è Romelu e fortuna non sono un tecnico capace di togliere qualità a Romelu”.

Cosa l’ha infastidita questi giorni?
“Quello che ho spiegato ieri. Tre mesi fa ero amato, io ero voluto, io avrei causato il panico se fossi andato via. Tre mesi dopo, dopo un un inizio orribile a livello di risultati, ma multifattoriale, capite cosa intendo, qui mi sono infastidito. Oggi sapevo che i ragazzi avrebbero dato dimostrazione che siamo amici e uniti, sono contento che loro abbiano vinto, sono contento perché perdere 4-1 non è mai facile, bisogna essere equilibrati emozionalmente e la struttura mentale per entrare in campo. Non abbiamo mai sentito il mancato appoggio del pubblico, ci hanno sostenuto. Magari qualche ragazzo poteva sentire qualcosa di diverso, in realtà sembrava avessimo vinto a Genova e ringrazio loro (i tifosi, ndr). Dopo la partita non sono rimasto in campo per far godere la vittoria ai giocatori, nei momenti migliori lascio ai giocatori il palcoscenico e la foto”.

Era in campo nel riscaldamento…
“Ma non dopo la partita, io sono fatto così. Per questa gente sono stato sempre un porto sicuro nei momenti difficili, in quelli facili mi sono sempre messo da parte e ho lasciato fare le foto ai ragazzi”.

Oggi erano presente Dan e Ryan Friedkin. Le fa piacere questa vicinanza?
“Di futuro non devo parlare, il futuro è il contratto con la Roma fino al 30 giugno, questo è un compromesso serio come ho spiegato”.

Sente la società vicina?
“Non devo sentire e nemmeno parlare, la proprietà è la proprietà e l’allenatore la deve rispettare senza commentare. Sono contento per loro, anche loro vogliono vincere e sono delusi dal risultato di giovedì. Io lavoro per loro, per i romanisti e per i giocatori”.

Quando recupererà qualcuno?
“Oggi ho visto la Juve e quando Max ha fatto entrare Rugani ho pensato che è fortunato. Noi non abbiamo né Smalling né Llorente, e giovedì non ci saranno. Sarebbe un miracolo averne qualcuno a Cagliari, non voglio essere troppo ottimista. Anche Renato Sanches ci serve, soprattutto quando Bryan gioca dietro perché è uno di corsa. Dobbiamo lottare con quello che abbiamo come oggi”.

JOSE’ MOURINHO IN CONFERENZA STAMPA

Ieri ha parlato molto.
“Oggi poco”.

Ha parlato di “multifattorialità”. Cosa è mancato del fattore Mourinho per ora?
“La mia risposta è stata probabilmente dare ai giocatori uno stato dell’anima perfetto. Perché dopo la frustrazione, dopo la pressione, dopo le critiche, non puoi entrare in una partita come questa solo col cuore, perché se ci entri solo con il cuore non vinci. Per vincere questa partita devi alzare il livello di intensità, devi equilibrare dal punto di vista emozionale. Non devi entrare in campo e prendere un rosso, non devi perdere la testa sullo 0-0. Col punteggio 1-0 per tanto tempo non puoi perdere la testa pensando al cronometro, bisognava cercare di avere quell’equilibrio. Sono riuscito a trasmettere ai ragazzi questo stato dell’anima, poi automaticamente si vince e si fa bene e si perde e si fa male. Penso che l’esperienza del mio modo di sentire questo momento difficile mi abbia fatto entrare bene nella testa dei giocatori. Hanno dimostrato questo, cercare il primo gol quando loro hanno creato due opportunità, non siamo andati nel panico. Abbiamo cercato il raddoppio, sul 2-0 partita finita. Non era il giorno per fare una partita meravigliosa, era impossibile, non c’era freschezza né fisica, né mentale. L’avversario era molto molto bravo, l’ho analizzato prima della partita e mi è piaciuto tanto. Si sentiva la qualità, complimenti a loro”.

Bove può giocare con Cristante e Paredes? Cosa ha Ndicka?
“Evan viene dalla Bundesliga, che è un calcio completamente diverso. Giocava a 3, però è un 3 completamente diverso, con principi completamente diversi. Continuo a dire, e magari qualcuno non è d’accordo, che il calcio più tattico sia quello italiano. Vedo squadre in altri campionati con grandissimi giocatori e solo quei grandissimi giocatori fanno grandi le squadre, perché per il lavoro dal punto di vista tattico l’Italia è il paese più forte. Per un ragazzo come lui non è facile, poi è anche la sua natura. Ha grande qualità, una bellissima gamba sinistra, non è quello di oggi, è veloce, non è un giocatore fortissimo nei duelli individuali, deve migliorare, e dal punto di vista mentale è quello che dicevo ieri, è responsabilità nostra. Un altro che ha bisogno di tempo di adattamento è Aouar, deve conoscere le dinamiche difensive, sono cose per cui ha bisogno di tempo. Al di là di Lukaku che è un giocatore di un livello altissimo, che sa tutto. Quello che dal punto di vista tattico è il migliore è Renato. Gli altri hanno bisogno di lavoro, di tempo e risultati positivi. Questi giorni sono stati duri, sono contento per i ragazzi”.

Ha fatto giocare Dybala tre volte 90 minuti in 8 giorni.
“Giovedì non gioca, è arrivato al limite. Sai perfettamente che se non vinciamo oggi il Colosseo esplode, viene attaccato San Pietro. Non lo farei mai giocare se lui mi dicesse che non ce la fa, mi ha detto l’esatto opposto. Quando è uscito ho detto che decido io, e giovedì non gioca”.

Smalling e Renato Sanches tornano dopo la sosta?
“Spero di sì. Prima della sosta, Renato è no definitivo, per Smalling sarebbe un miracolino arrivare a Cagliari, magari in panchina per aiutarci come ha fatto la Juventus con Rugani gli ultimi minuti. Altrimenti aspettiamo la sosta”.

Articolo precedentePAREDES: “Avevamo un solo risultato, sono contento. Abbiamo la squadra per stare tra le prime del campionato”
Articolo successivoUnità anti-crisi: la Roma torna a respirare

64 Commenti

  1. Rui …uhm… momenti combina un pasticcio. Questo periodo non è un portiere che da sicurezza
    Karsdorp bene, deciso, aggressivo
    Mancini nello standard
    Cristante si vede che non è un centrale, ma fa del suo meglio
    Ndicka, per ora non riesco a cogliere sprazzi che mi facciano pensare che abbia qualche qualità
    Spinazzola, buona partita
    Bove, si a volte impreciso e confusionario, ma lotta e corre su ogni pallone e da sostanza al centrocampo
    Paredes, deve giocare con uno come Bove vicino che corra al posto suo
    Pellegrini, ci mette l’anima e passati i primi momenti fa una buona partita nel cucire il centrocampo nella zona sinistra, negli ultimi minuti recupera due palloni preziosi e segna
    Dybala, non troppo lucido, ma anche così riesce a incidere. Si capisce perché Mourinho lo tiene in campo anche quando diventa molto fermo.
    Lukaku, la porta la vede eccome.

    Ho rivisto la Roma di Mourinho, che a voi fini criptocultori del Maestro Boemo non piacerà, ma è combattiva e bada al sodo.
    Purtroppo si fa sentire l’assenza di Smalling e di Ibanez nell’economia della gara.
    Quello che mi fa incazz è la sufficienza con cui affrontano le partite come Torino e Genoa… oggi non ce la possiamo permettere. Se non corri e lotti, prendi schiaffi dappertutto. Spero sia diventato chiaro.

    • Mi domando come sia possibile che un DS in serie A prenda Ndicka e ceda Ibanez.
      Oggi mi prendo i 3 punti in attesa del rientro di Smalling e Llorente perché la nostra difesa fa acqua da tutte le parti..
      Spero che in queste condizioni Mou capisca che questa Roma deve giocare con Bove e Cristante titolari.
      I vari Auoar, Pellegrini e Sanches non ce li possiamo permettere con questa difesa a 3 e posto che Dyba e Lukaku titolari inamovibili.

    • l’importante è che abbiamo iniziato a fare la voce grossa con la lega…. l’entrata da dietro di Aouar sull’arbitro l’ha sicuramente sentita.

    • Beh, immagino che con le citazioni di Rugani e la “qualità del Frosinone” ti abbia mandato in brodo di giuggiole.
      Parole che se le avessimo ascoltate da Di Francesco e Fonseca saremmo andati ad aspettarli sotto casa.

    • Vero..si è rivista la Roma “pragmatica” di Mou,ma il valore degli interpreti non è una variabile indipendente. Nel primo tempo se al posto del ciociaro maldestro ci fosse stato Lautaro andavi sotto per due a zero,visto che ‘Ndicka si è perso l attaccante lasciandolo andare in porta. Spero che almeno a gennaio i due texani mettano mano al portafogli, sennò sono dolori….

    • Secondo me, ner girone de ritorno, ce sarà n’antro N’Dicka. Me pare de vedè li primi mesi in Italia de Rudiger

  2. Una delle partite più brutte che ricordi.
    Giocando in questo modo sarà difficile fare punti con squadre più qualitative.
    Veramente eroici quelli che vanno allo stadio per vedere uno spettacolo così osceno.
    Ma stasera era troppo importante invertire il trend negativo: intanto prendiamoci questi 3 punti e facciamo un passo alla volta.

    • vegemite, ma col Genoa l’hai vista?🤣
      perchè se stasera è una delle più brutte che ti ricordi …
      stasera un piccolo miglioramento s’è visto dai ….

      alla fine mancano ancora i vari

      smalling
      llorente
      renato sanches

      ❤️🧡💛

    • Il Genoa ha avuto semplicemente attaccanti più bravi e cattivi di quelli frusinati.
      I commentatori inglesi dello streaming nel quale ho seguito la partita, che non possono essere tacciati di complottismo anti-Roma, a un certo punto hanno chiaramente affermato “they would deserve to score a goal” e non si riferivano alla Roma.
      Dopo il gol di Lukaku si sono pian pianino spenti e bene per noi, ma se avessero sfruttato quelle due ghiotte occasioni capitategli (come hanno fatto tutti prima di loro) sarebbe stato tutto da vedere come avremmo reagito.

    • E c’avevano ragione i commentatori inglesi. La vittoria non può dirsi del tutto casuale solo perché Lukaku (almeno in questa fase della stagione) è veramente forte-forte, rispetto alla media tecnica del campionato italiano; ricco di tattica elevata, peraltro.
      Quindi, noi abbiamo Dybala e Lukaku, dal tasso tecnico di categoria superiore; e quindi possiamo sempre segnare (se sono in campo, ovviamente; altrimenti è buio pesto).
      Ma, per il resto, prendere goal o meno, con tutte le squadre della serie A, è praticamente un caso, dato che tatticamente siamo, e continuiamo a essere, a zero (avanti e indietro e pure a centrocampo).

  3. Mou ha ragione, dopo 2 finali europee in 2 anni non si merita la sfiducia nei suoi confronti, io sono dell’idea che quando trovi un allenatore bravo te lo dovresti tenere per anni, a costo di buttare qualche stagione.. Ha dimostrato che se la squadra lo segue ti fa vincere i trofei, il resto sono chiacchiere da bar che rovinano l’ambiente.. faccio un appello a tutti gli amanti del bel gioco e criticoni da bar, non bruciamoci un signor allenatore come abbiamo fatto con Spalletti che siete riusciti a cacciare nonostante le stagioni fatte.. purtroppo penso questa stagione non andrà benissimo perché ci sono troppi giocatori scarsi o fracichi ma quelli si cambiano facilmente, un allenatore che ti fa fare 2 finali in 2 anni la Roma lo ritrova tra 50 anni forse..

    • il bel gioco non lo nomina nessuno.gli automatismi ,quelli ci dovrebbero essere .oppure sono lazziese, sbiadito,infiltrato?

    • Sempre col nostro condottiero ,alla faccia dei papponi,dei gufi e degli ingrati che ce ne so tanti anche qui,per ultimo spalletti manco se allena 100 anni vincerà quello che ha vinto mou

    • @merendero, te sei fatto du bocce de vino a merenda, Spalletti infatti c’ha sta bachecona de trofei… due scudi in Russia con la squadra di regime e l’anno scorso a 60 anni finalmente… sto miracolato..

    • nessuno ha cacciato Spalletti è lui che è andato via sapendo cosa sarebbe accaduto. e come dargli torto.

    • Purtroppo qui c è gente ( che dice de frequentare gli stadi seguendo asroma ma nun è vero) che pensa de conosce tutto. Er mister er mondo del calcio ecc. sanno tutto.
      Ma se se guardano i numeri dei pollici giù o su, parlamo veramente de poca roba. Ieri qualche fischio c’è stato per qualche giocatore, ma 63 mila persone hanno tifato ASR e hanno urlato er nome de Mourinho come al solito.
      Qui scrive quello che se guarda lo streaming, che dice che er commentatore inglese ( forse di origini ciociare) tifava per Frosinone.
      Ma de che parlamo?
      Io in due anni ho raddoppiato er numero delle finali viste, una l’ho vinta.
      Fate voi
      Daje ASR

  4. Mourinho non andrà mai via a fine stagione.

    io da tifoso dico che finché allena la Roma va sostenuto il più possibile, perché le critiche come possono migliorare rischiano anche di distruggere.

    • Mourinho rimarrebbe a vita a Roma, dicendo sempre no all’Arabia che non gli interessa come a Cristiano Ronaldo. A lui interessa la popolarità, il successo, la competizione, l’essere riconosciuto vincente. E ciò a Roma si sente di più. E’ un connotato caratteriale, per lui vale più dei soldi, non gli interessano i tornei di calcetto. Purtroppo per lui il futuro dopo il 30 giugno glielo darà solo il quarto posto o vincere questa benedetta Europa League che ci è sfuggita anche con lui. Non lo dico io ma i Friedkin. Prima gli americani non faranno nulla.

    • Smalling comunque stava a Roma già con fonseca, solo per dire, nulla da togliere a José

    • Ah Ignazio! Così offendi la Roma! Giocatori così forti ce l’ha avuti in passato, senza Mourinho! Mica che la Roma è una squadretta! Non abbiamo forse vinto come meritavamo, ma su questo meglio stendere un velo pietoso, perché non è dipeso certo dal campo, ma dalla politica. Deve ritrovare la sua dimensione la Roma, con o senza Mourinho. Per ora c’è Mourinho, che è un grande allenatore, ma la Roma è ancora più grande. E scusa lo sfogo. FR

  5. “Bremer si è fatto male e ha messo Rugani ho pensato che Allegri fosse fortunato”

    Beh, Rugani ci mancava proprio dopo le perle su Bruno Peres e JJ. Immagino come debba sentirsi fortunato Allegri, dorme proprio tra due guanciali.
    Io non so più quanto ci sia di presa per il cuxo o di scollegamento con la realtà in Josè Mourinho.
    D’altronde sono tantissimi a bersela, la maggioranza assoluta credo, e allora fa benissimo ad andare avanti con questo clichet.
    Lukaku, quando sta bene, segnerebbe anche con Gennaro Rambone. Oggi gli è arrivata una palla e mezza e ha fatto un gol.
    Fate voi quanto ci sia di merito del giocatore e quello del tecnico.

    • Rugani se non e’ proprio il peggior difensore con un contratto in serie A, sicuramente e’ tra i peggiori 3.

  6. Le cose belle di stasera:
    – Il gran gol di Lukaku, la imbusta sempre, campione.
    – I 3 punti in ottica zona salvezza, ci fanno stare un po’ più tranquilli.
    – Dan Friedkin che scuote la testa rassegnato nel primo tempo.
    – Un giorno in meno al 30 Giugno 2024.
    – Gli streaming pirata che funzionano alla grande.

    • Dai ragazzi, non è possibile nel 2023 non sapere come cercare uno streaming. Non dico che lo sappia fare la mia vetusta mamma di 86 anni ma quasi.
      Prova a digitare su Google “acestream” e inizia da lì.

    • Io uso livetv, cerca livetv su google. Magari c’è di meglio, ma fino al 30 settembre pagavo dazn per cui sono poco aggiornato.

  7. Va sostenuto SE VINCE, se perde inopinatamente e ha difficoltà PURE con squadre di medio-basso cabotaggio no, non ci siamo…. senza dimenticare che la squadra CONTINUA SISTEMATICAMENTE a fornire prestazioni raccapriccianti…🥶

  8. mi pare che neanche le celebrazioni hanno migliorato mourinho. adesso si dira ‘:e ,ma neanche quando si vince ti sta bene!!!!!no,perché oggi c’era solo spirito di rivalsa.il resto è uguale .fatto estemporaneo.

  9. Resta un mistero come Karsdorp non riesca a trovare posto da titolare in questa squadra. Dybala finalmente ha qualcuno con cui giocare la palla e che riesce a sovrapporsi con lui, movimento sconosciuto nella Roma. Inoltre corre come un cavallo nei recuperi. Bove imprescindibile, Paredes sta crescendo velocemente. Lukaku mostruoso. Ndicka e Rui preoccupanti.

  10. Ottimo Pellegrini, al di là del gol ha corso tutta la partita e ha dato qualità, ottimo Karlsdrop, bove ha bisogno di giocare e infatti è cresciuto mentre passava il tempo…all inizio ha commesso qualche errore ma poi si e ripreso. Ndicka è preoccupante… Lento e impreciso.. Speriamo sia solo l inizio.. Perché così nn va! Non capisco perché mou non ha fatto prima le sostituzioni… Dybala camminava dal 70 e Pellegrini nn c e la faceva più. Detto questo la roma oggi non mi ha convinto… Troppo lenta poco aggressiva zero pressing e subisce troppo.. Se risolve Dybala e lukaku bene altrimenti Nada. La differenza con le altre è sostanziale… Se non si cresce come squadra, condizione automatismi… I difensori fanno solo lancioni in avanti… Bisogna imparare a giocare bene anche senza dyba e lukaku e quindi bisogna coinvolgere tutti anche dalla panchina… Ma ad oggi nn vedo una grande squadra

  11. Chi s aspettava i fischi oggi s’e attaccato al caxxo..La roma.si sostiene..Daje Roma daje mourinho..ripartiamo.

  12. Ovvio che non lascia altrimenti significherebbe lasciare i 7 mln. Con tutto rispetto per i ciociari ma stiamo parlando del Frosinone. L’annata secondo me viste le premesse sarà amara.

  13. Siamo ancora convalescenti, concediamo troppo all’avversario di turno.

    Comunque in transizione offensiva ho visto alcune cose interessanti e Karsdorp, molto bravo, non puo’ rimanere fuori al pari di Bove che anche se ha fatto troppi errori tecnici e’ uno che morde tutti e un cagnaccio e sa anche far ripartire la squadra.

    Molto bene Pellegrini ha fatto una partita da capitano.

    Molto bene Lucaku, quando sposta la palla diventa imprevedibile e letale.

    Meno bene Dybala nonostante i due assist e’ un calciatore che puo’ dare di piu’ e comunque nonostante tutto si impegna molto ma non sta bene e si vede, continuando a giocare puo’ trovare una condizione ottimale.

    Ndika ha bisogno di stare bene per rendere ed e’ uno che e’ molto indietro con la parte atletica.

    Molto bene Cristante e’ una sicurezza ovunque gioca.

    Mancini troppo nervosismo questo non fa bene alla squadra

    Paredes lentamente migliora ma ha bisogno di lavorare molto, questa sera con Bove e’ andato meglio anche lui.

    Rui Patricio non mi e’ mai piaciuto e continua a non piacermi e di piu’ non sa dare.

  14. Imbonitore da spettacolo cabarettistico, contenuti ridicoli ed offensivi per chi usa intelligenza, spettacolo indecente in campo, nessuna idea, squadra ferma e bloccata dai suoi tatticismi antistorici esasperati, avvilente la gestione dei calciatori, grande considerazione per chi è grande già di suo o tecnicamente di un certo livello (Dybala, Lukaku, Paredes). Chi sta in panchina inutilizzato e ridicolizzato nella considerazione. Gestione raccapricciante della rosa a disposizione, i migliori spremuti fino allo sfinimento, Belotti e Celik incomprensibilmente ignorati come reietti, Aouar poteva giocare per trovare confidenza almeno qualche minuto in più, Spinazzola tenuto in campo fino alla fine quando pure i sassi sanno che andrebbe gestito con più cautela, Rui P. ai limiti del masochismo tenuto in campo, Pagano ottimi segnali nel deserto delle prime giornate sparito nel nulla, Zalewski sedotto e abbandonato a se stesso e via discorrendo. Rimpianti su Ibanez da lui stesso parzialmente accantonato per Llorente (che era stato a sua volta ignorato perni primi due mesi), Bove finalmente in campo, chiaro a tutti fin dall’inizio di campionato per carenza di caratteristiche dinamiche nella rosa a disposizione e messo dentro solo di fronte all’inevitabilita’ di farlo, come peraltro scorso anno salvo poi riaffidarsi a quel cadavere di Gini, errore grave quanto il mancato rigore non concesso dal prezzo lato inglese. Siamo ostaggio di questo pseudo allenatore abilissimo portavoce di se stesso e incantatore di un popolo che ha evidentemente bisogno di essere ipnotizzato per evadere da altro. Inspiegabile il credito goduto. Speriamo si aprano gli occhi e si ricominci a parlare di calcio dal 1 luglio 2024.

    • Chissà Celik come è contento di sentire dire dal suo allenatore che invidia chi può far entrare Rugani e lui con la difesa in piena emergenza si fa 90 minuti di panca sia il giovedì che la domenica e senza manco mai usare le 5 sostituzioni.

  15. LA ROMA HA VINTO.

    PUNTO.

    Salvo i 3 punti, per il resto la solita roma degli scorsi anni nella media.

    Una roma che esprime un calcio da settimo, ottavo posto alla lunga.

    Mi potrò ricredere se fai un filotto di più di tre vittorie (praticamente mai fatte in 2 anni) consecutive, inclusa la vittoria con l’inter.

    Delle parole di mourinho ormai non ci faccio neanche più caso, non perde mai un secondo per inneggiare alle proprie doti e denigrare qualcun’altro.

    Concordo con chi mette tra le cose da salvare: un giorno in meno all’addio di mourinho.

  16. Mi tengo stretto questi 3 punti, la strada per recuperare è lunga ed in salita, quello che serve ed in cui spero è una continuità di vittorie.

  17. Voi siete tutti matti. La Roma gioca male punto. Non è una squadra. E mourinho è lo stesso di Genova. Una vittoria contro il Frosinone e ripeto il Frosinone in casa non può farvi cambiare idea. Cerchiamo di essere coerenti e stabili. Altrimenti non siamo credibili.

  18. La parola del mese è multifattorialità.
    Non ho capito che caxxo vor di’, il calcio è così semplice…o giochi bene o no!
    È evidente che a tratti sembriamo una squadra di subuteo. Ed è proprio contro le piccole che paghi dazio, perché solo correndo il doppio sopperiscono alla differenza di qualità.
    Mourinho lo adoro, ma mi sembra un vecchio leone ferito, e ogni tanto deraglia nei ragionamenti.
    Sembra poco lucido e incazzato con la proprietà perché non è stato rinnovato.
    Ovviamente parere mio, magari, e spero, di essere subito smentito

  19. Questa e’ una squadra che la definisci tale da qui a dicembre, non si puo’ pensare che in 2 mesi cambiando 6 titolari puoi essere sicuro di vincere tutte le partite. Ricordo a qualcuno che Ibanez e’ stato per i 2 errori nei derby vitupirato offeso e chi ne’ ha ne’ piu’ metta ma era 3 mesi fa’. E’ una squadra la Roma preparata per arrivare in fondo, vero che manca la brillantezza ci puo’ stare ad inizio stagione ma a Roma non si perdona niente. Spalletti per Roma e’ un ricordo non dimentico il giorno dell’addio di Totti aveva gia’ firmato per l’ Inter. Per me non mi leva dalla testa che non fece entrare Totti a Milano perche’ qualche dirigente gli aveva detto cosi….. naturalmente dell’ Inter. Stesso discorso per Sabatini tanto amato !!

    • Quelli che hanno fatto un punto con Salernitana e Verona erano i giocatori che sono stati con Mourinho uno o due anni, dici che due anni con lo stesso allenatore non bastano per definirsi squadra ? Poi che vuol dire che la squadra la costruisci da ora a dicembre ? A dicembre siamo già quasi a mezzo campionato, se ci arrivi quindicesimo la stagione è bella che andata.

  20. Vittoria che vale pochissimo, è chiaro che non retrocederemo, ma ci barcameneremo in mezzo alla classifica, e come l avversario è un po’ più del Frosinone pieno di assenze di oggi, ci sciogliamo come neve al sole. Incredibile la supponenza di Mou quando si scaglia contro l ambiente, reo di non osannarlo più come prima. Già inizia a mettere le mani avanti. Finiremo la stagione fuori dalla Champions. Mou se ne andrà coi suoi milioncini in tasca e dirà che la colpa per non essere andati in champions sarà dei tifosi, della proprietà, dei calciatori, ma non la sua

  21. Ok bravo però poi vattene…..squadra senza un gioco e grazie a un campione come lukaku….poi continua a far giocare pellegrini, indecente…..ah scusa tu eri quello che se ce ne avevi tre li facevi giocare tutti….poi ci facciamo le domande del perche la roma è inguardabile.

  22. Solita gente che si dispera dopo una sconfitta e si entusiasma dopo una vittoria contro una squadretta che lotta per la salvezza.
    Certo, meglio due finali che la noia e l’inconsistenza di fonseca e di di francesco.
    Ma se prendi un top allenatore (top per lo stipendio) e due top calciatori e non ti qualifichi nemmeno per la Champions (entrate per la società) per me hai fallito.
    Ora si rimpiange Ibanez, ma secondo voi il ds fa le cose senza consultare l’allenatore? Credete che senza la cessione di Ibanez sarebbe stato possibile l’arrivo di Lukaku?
    E vi ricordo che Lukaku ce l’abbiamo in prestito e Mourinho se ne andrà, e noi non resteranno che i cocci.
    Per una conference league dobbiamo giustificare a sto pagliaccio tutto?
    Una persona sana di mente che legge un’intervista simile capisce la natura narcista e egocentrica del personaggio.

  23. Ieri sera hanno fatto di necessità virtù.
    Non è la squadra che voglio vedere giocare.
    Speriamo che escano al più presto da questa situazione.

  24. buono solo il risultato e i 3 punti
    bel brodino, non facciamo voli pindarici, non illudiamoci….

  25. A me è sembrato che abbiamo avuto un gran cxxo. Se il Frosinone buttava dentro una palla delle belle occasioni che ha avuto e meritato per noi era notte fonda. La squadra gioca male. Molto male. Non lo fa da inizio campionato ma dalla fine di quello scorso. I problemi che ha non si curano con partite occasionali vinte con la dea bendata ma con tutte altre cose che la Roma non ha. Se rientrano Smalling e compagni non è che sono finiti i problemi perché assenze ce ne saranno sempre visto l’alto numero di partite e di giocatori fragili. Questa agonia durerà fino a fine campionato dopo il quale spero di avere un allenatore che sappia fare giocare a calcio questa squadra

  26. Non esiste un pressing da nessuna parte del campo…si lascia iniziativa agli avversari che troppo facilmente riescono a creare un azione pericolosa in avanti.. La squadra mi sembra ferma sulla gambe.. Gli attaccanti sono fortissimi nella fase di possesso ma inesistenti nel pressing e nel non possesso ma d d’altronde è comprensibile con Dybala che per lunghi tratti Della partita si dosa e cammina in campo. Non essendoci nessuno CH corre e si sovrappone non ci sono linee di passaggio per cui si passa la palla in orizzontale o indietro. È preoccupante vedere una squadra di giocatori fermi senza uno schema offensivo… Il Frosinone ci ha messo in seria difficoltà… Immaginatevi le squadre più forti cosa fanno! Dovevamo fare 3 punti e li abbiamo fatti… Ma se non si cresce non vedo futuro.. Per fortuna stiamo affrontando squadre mediocri anche in coppa.. C è il tempo per crescere.. Speriamo

  27. Questa vittoria non giustifica l’andamento penoso di questa squadra , ormai sono tre anni che ci propina un gioco che nemmeno in parrocchia si gioca. La squadra continua a camminare quando gli altri corrono , non pressa , non ci sono trame logiche , i gol vengono solo azioni personali , abbiamo un portiere patetico e una difesa di burro, dopo tre anni di chi e’ la colpa ?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome